Indovina?

Scritto da , il 2019-03-28, genere trio

Ultimamente penso spesso alla morte.

In famiglia aleggia da sempre, anche quando niente faceva pensare che le cose sarebbero finite per forza in questo modo.
Quand'ero piccola, l'ora di andare a dormire era sempre un dramma: la sera piangevo fino ad addormentarmi e temevo che, al risveglio, avrei scoperto che la notte mi aveva portato via le persone più care che avevo.
Non avevo paura per me.
Mai, per me.
Sempre per gli altri.
Crescendo ho finalmente smesso.
Col tempo mi sono interessata allo studio della mente umana, la cosa per me più affascinante che esista. Andavo estraendo i miei vecchi fantasmi e mettendoli tutti in fila insieme a quelli degli altri.
"Elaboravo" in questo modo ciò che mi era successo: era più facile parlare di "pazienti", guardarmi allo specchio e pensare che quella persona, con tutto il suo vissuto, non fosse davvero collegata a me.

L'altra sera, appena uscita dalla doccia, sulla specchiera del bagno ho trovato un piccolo cuore, disegnato con contorni leggeri nella condensa.
Il mio ragazzo aveva il turno di notte al lavoro, io ero sola in casa e non riuscivo a ricordare se fosse stato lui a dedicarmelo una delle sere prima o se fossi stata io a disegnarlo per lui.
Non ci diedi troppo peso, facevamo spesso di queste cose: un bigliettino sul cuscino vuoto ancora stropicciato di sonno, un cioccolatino nella borsa del pranzo; piccole tenerezze da nulla che ci facevano sempre sorridere.

Mi asciugai per bene i capelli, riposizionai al loro posto gli asciugamani e mi diressi in camera per recuperare biancheria intima e pigiama: era un tragitto breve, ma nonostante ciò avevo molto freddo.
Il letto, ancora in disordine dal mattino, aveva un grumo di coperte tutte avvolte su se stesse al centro del materasso: per un attimo pensai alla sagoma di una persona rannicchiata su se stessa, che faceva fatica a scaldarsi nonostante tutti quei panni addosso. E come darle torto? Quella stanza era proprio una ghiacciaia!
Mi affrettai a prendere dal cassetto quello che mi serviva: dare le spalle al letto e alle porte delle stanze mi metteva sempre a disagio, così m'infilai senza tante cerimonie la maglia del pigiama, presi un paio di mutandine e mi chinai leggermente in avanti per indossarle.
Non successe niente. Non che mi aspettassi che dovesse accadere qualcosa di particolare: stare a casa da sola la notte mi metteva ansia.
Riassettai in qualche modo le coperte e mi stesi finalmente a letto.

Le lenzuola, freddissime contro le gambe nude, mi fecero pentire di non aver indossato i pantaloni del pigiama, ma sapevo che se lo avessi fatto avrei sudato durante la notte e non volevo scoprirmi nemmeno un ditino.
C'è un grande spazio silenzioso dentro la mia mente sul quale, al calare del buio, si spalanca il sipario: tutte le piccole paure ancestrali escono a sgranchirsi le zampette, rendendomi molto vigile, quasi al limite del sopportabile.

Un bussare ritmico, che proveniva da qualche parte nell'appartamento, attirò la mia immaginazione già sovraeccitata.
Ho pensato ai vicini prima, all'assestamento delle tubature poi, ai rumori normali di un palazzo che si stiracchia e sbuffa.
Ma il ritmo "toc toc toc - toc toc toc" nella mia mente assunse il significato di qualcuno che bussa per entrare: mi alzai, quasi sentendomi costretta, all'inseguimento di questo tarlo.

Accendevo le luci in ogni stanza man mano che entravo e me le spegnevo dietro all'uscita.
Click.
La finestra della camera da letto era a posto, niente da segnalare.
Click.

Click.
Quella in salotto era regolarmente chiusa: sul terrazzino c'erano le lanterne, con i vetri anneriti dalla fuliggine delle candele, che mi guardavano come a dire "Che ti aspettavi di trovare?".
Click.

Click.
Anche la porta-finestra della cucina era chiusa e tutto era come lo ricordavo: le tazze nel lavello, sul tavolo la ciotola con la frutta da cui veniva un buon profumo di arance.
Click.

La finestra del bagno, una specie di quadratino piccolissimo, chiamato finestra per modo di dire, era troppo piccola perché destasse in me qualche pensiero: archiviato il rumore come uno scherzo della mente, ritornai sui miei passi senza esaminarlo.

"Toc toc toc - toc toc toc"
Mi bloccai.
Guardai all'interno del bagno: la luce era spenta, tutto era immobile, ma il rumore proveniva da lì.

Click.
Il cuore mi batteva a mille, ma era tutto ok: la condensa sullo specchio si era asciugata, il box doccia era ancora bagnato, era tutto a posto.
Sbirciai al di là del vetro, ma con la luce accesa non riuscivo a distinguere niente nell'oscurità fuori dalla finestra.
Decisi di spegnere la luce per vedere meglio.
Click.
Sullo stretto davanzale c'era un corvo. Normale per questa zona, davvero.
"Mi hai fatto morire di paura!" Scoppiai a ridere con sollievo, il premio per quella lunga ricerca.
"Torna a casa tua, su su!" Bussai anch'io sul vetro della finestra e lui volò via.
Sorridendo al mio riflesso nella finestra mi girai di nuovo verso il corridoio, illuminato di luce calda, pronta a tornare a dormire sonni tranquilli.

"Toc toc toc"
"No vabbè… Adesso però basta! - mi voltai di nuovo verso la finestra - Non ho niente da darti, non è posto per te questo!"
Ma il davanzale era vuoto.
"Oddio… Forse sto sognando."
"Toc toc toc"
Il mio riflesso nello specchio stava bussando appena sotto la superficie.

"Posso entrare?"






Indovina?
Continua...

Questo racconto di è stato letto 1 9 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.