Indovinello

Scritto da , il 2019-03-29, genere trio

"Oddio, sei proprio uguale a me..."
"Non è che io sia UGUALE a te. Io SONO te."
Il formicolio freddo della tensione si stava impossessando del mio corpo. Da dentro il petto, all'altezza del cuore, si stava diffondendo ovunque come una paralisi: le gambe stavano diventando un tutt'uno con il pavimento, ero incapace di muovermi.
"A me sembri molto sveglia... Cioè, non troppo come persona, in effetti..." Mi squadrò velocemente e ridacchiò appena.
Aprii il rubinetto e mi bagnai il viso con abbondante acqua fredda, ma non mi provocò alcuna reazione. Provai a pizzicarmi forte un braccio, ma anche questo non sortì gli effetti sperati.
"Ahi! Quello deve far male! Senti, piccola, se mi permetti di entrare ti spiego come stanno le cose..."
Entrare? No, no e ancora no! Anche se era solo un sogno non mi pareva proprio una gran cosa.
La figura nello specchio assunse la MIA espressione da finto capriccio, quella che amavo tanto fare al mio ragazzo per essere accontentata: labbra imbronciate, "occhioni da cerbiatto", una cosa che nell'insieme risultava più buffa che tenera.
Solo che su di lei era migliore: il suo sguardo era più intenso, magnetico, come se una luce, ridotta a un piccolo puntino lontano, brillasse in fondo alle sue pupille.
"Allora... Posso?" La voce era la mia, ma persino quella risultava in qualche modo più vellutata e suadente.
"No, non puoi." Stingevo il bordo del lavandino talmente forte da sentire male alle dita: sapevo dentro di me che mantenere chiusa quella porta era la cosa migliore, ma avevo anche tanta paura delle conseguenze.
"Sappi che te lo chiederò molte volte questa notte, finché mi dirai di sì... Ti piacerà avermi attorno, vedrai... Ti farò felice..." Non suonava come una minaccia, ma come una realtà in cui aveva grandissima fiducia.
"Adesso chiamerò il mio ragazzo e lui mi sveglierà."
"Ma tesoro, come te lo devo dire? Non stai dormendo..."
Nei suoi/miei occhi riconobbi l'espressione che sapevo di assumere quando volevo assolutamente qualcosa al punto da non farmi alcuno scrupolo (non ho mai detto di essere perfetta).
"E poi credi che non sappia che sei sola in casa? Io so tutto di te... Qui è tutto uguale a lì, solo, al contrario."
"E questo cosa dovrebbe significare?!
Che cazzo... Mi sto mettendo a discutere col mio doppio in sogno... Sono a posto...
Svegliati! Svegliati, su!"
In quel momento la me stessa nello specchio chiuse gli occhi e ignorandomi continuò il suo monologo.
"Per esempio...
So che prima di domani mattina il tuo ragazzo non tornerà, perché anche il mio è fuori per lavoro.
(Abbiamo tutta la notte per noi, ci pensi?)
E poi so anche un'altra cosa: so che non indossi i pantaloni del pigiama la notte per non avere troppo caldo, e lo fai perché non vuoi scoprirti... Hai paura delle cose che si annidano nel buio... Come la sottoscritta!"

Era stranissimo vederla/vedermi con gli occhi chiusi riflessa, il volto rilassato, le labbra socchiuse. Lo specchio m'incorniciava fino al seno, perciò come poteva sapere che non indossavo niente sotto?
Dentro di me iniziai a percepire un senso di calore crescere dalle zone intime.
La me nello specchio riaprì gli occhi e li puntò dritti nei miei: quei due lumini in fondo alle sue pupille sembravano a volte farsi più grandi a volte allontanarsi.
"So che senti quello che sto facendo qui dietro..."
"È il sogno più strano di sempre... Dopotutto, non mi sta succedendo niente di male..."
Decisi di godermi il momento come un qualsiasi sogno erotico: mi sentivo eccitata, le mie zone più sensibili si stavano bagnando, avevo voglia di toccarmi.
Archiviai tutto come il desiderio inappagato di avere il mio ragazzo, magari proprio contro il lavandino del bagno, perciò mi lasciai andare: ero di nuovo padrona dei miei movimenti! Divaricai appena le gambe e mi passai una mano nelle mutandine.
Nel momento in cui, sorpresa da tanta eccitazione, mi avvicinai le dita luccicanti di umori al viso, esse si riflessero nello specchio.
"Appoggiale sulle mie labbra..."
"Cosa?"
"Voglio sentire che sapore hai..."
Rimasi quasi delusa quando i miei polpastrelli toccarono la dura superficie di vetro: mi aspettavo di trovarlo inconsistente, di vedere la mia mano uscire dall'altra parte come se attraversasse una finestra, di infilare le dita in bocca a quella me stessa che rappresentava dei conflitti molto, MOLTO, irrisolti del mio inconscio.
La lastra tra di noi fungeva da barriera, ma io riuscivo comunque ad avere la percezione della sua lingua ruvida sulla pelle: la consistenza ricordava più quella di un gatto che di una lingua umana.
"Mmm... Sei proprio sicura di non volermi lasciare entrare? Potrei assaggiarti dal vivo..."
Io non risposi: ero troppo eccitata perché, ormai avevo capito o forse avevo sempre saputo, che lei si stava toccando al di là dello specchio.
Ma, soprattutto, ogni cosa che faceva si rifletteva su di me.
Girava attorno al clitoride con i polpastrelli scivolosi e veloci: piccoli movimenti circolari alla ricerca del punto giusto, uno strisciare su e giù contro di esso, un affondare penetrandosi con un paio di falangi e di nuovo daccapo.
Mi abbassai le mutandine, le appallottolai e me le infilai tra le grandi labbra: mi serviva la sensazione di una cosa solida, che mi riempisse. In camera avevo dei giochini, ma non sapevo se il distacco dallo specchio avrebbe segnato un cambiamento nel sogno: non volevo rischiare che si trasformasse in altro e così mi arrangiai.
"Mi piace quello che hai fatto..."
Iniziai a stringere e a rilassare le cosce, a muovermi ondeggiando come se stessi scopando: mi masturbavo con la sensazione della stoffa che mi premeva sul clitoride e sfiorava l'interno della mia intimità bagnata.
"Continua... Togliti la felpa..." Allora gli effetti erano a doppio senso!
Mi spogliai completamente e rimasi con i seni nudi.
"Fammi entrare... Fammi entrare..."
Iniziai a pizzicarmi un capezzolo, leggermente, poi un po' più forte fino a provocarmi un leggero dolore.
"Anche a te piacciono queste cose, vedo..."
Si liberò in fretta della felpa e iniziò a pizzicarsi più forte, molto più forte di quanto facessi io: più gemevo e sussultavo, più lei stringeva, si toccava e sussurrava "Sì... così..."
La nostra espressione diceva tutto: era bellissimo, piacere e dolore sullo stesso filo, a metà tra la volontà di smettere e il bisogno di andare avanti.
Sentii le mutandine cadere a terra: anche se non mi sembrava di aver allargato le gambe evidentemente mi dovevano esser sfuggite.
"Hai proprio una fica stretta e calda... Dammi il permesso di entrare... Voglio prenderti..."
Le sue dita si stavano facendo spazio nella mia carne bagnata e le sentii scorrere lentamente: dentro e fuori... era uno dei più realistici sogni erotici che avessi mai fatto!
"Quando il mio ragazzo tornerà domani mattina - riuscii a dire chiudendo gli occhi - voglio scoparlo fino a che mi dirà basta..."
"Penso che lo farò anch'io, sai?"
Disse la me nello specchio: per un brevissimo istante, una fiammata di quelle sue strane luci in fondo alle pupille, s'irradiò su di me.
Percepii un piccolo sbalzo di corrente tra le palpebre chiuse, ma continuai a godere di quello strano fenomeno.
Quando riaprii gli occhi, mi sembrò d'intravedere un'ombra dietro la me nello specchio: eccitatissima e curiosa, mi girai per guardare alle mie spalle, ma non c'era niente, così come dietro di lei, quando tornai a fissarla.

Questo racconto di è stato letto 1 7 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.