La risposta a ogni domanda - fine?

Scritto da , il 2019-03-26, genere esibizionismo

Sugli schermi di sicurezza, le videocamere a circuito chiuso trasmettevano questa scena: Sara si era spostata dalla faccia di Federico. Lui si era sistemato con la schiena contro uno scaffale e la ragazza gli si era concessa, con movimenti fluidi, baciandolo, mordendogli le labbra, cingendogli il collo in un abbraccio.
La maglietta alzata a scoprire il seno, tutti i vestiti ancora al loro posto.
Se qualcuno fosse stato seduto a guardare, non avrebbe potuto sentire i loro gemiti, non avrebbe potuto vedere granché dei loro corpi, congiunti in un modo che solo loro due conoscevano davvero ma che era facilmente immaginabile.
Se ci fosse stato qualcuno gli sarebbe bastato vedere come si guardavano e si muovevano, come ignoravano i libri caduti attorno a loro, le pagine stropicciate e le copertine sgualcite, per farsi un sacco di domande.

Lo sguardo dell'uomo era quasi disperato: voleva prendere il controllo, ma gli risultava difficile, quasi doloroso, ribaltare i ruoli.
Federico le prese un capezzolo tra le labbra, lo succhiò e morse appena la carne chiara attorno ad esso.
"Alzati..." Le chiese mordendole una spalla.
"Non voglio..."
"Se lo fai, ti faccio provare una cosa..." Disse quindi, tentando di ammansirla.
"E se non lo faccio?"
"Allora mi tocca diventare cattivo..." La voce abbassata di qualche tono non lasciava spazio a fraintendimenti, ma lei non lo prese sul serio.
"Tu... cattivo? - Sara ridacchiò debolmente, gli accarezzò una guancia e gli bloccò il mento tra le dita - secondo me sei troppo tenero per essere cattivo..."
Lo lasciò in malo modo, gli afferrò i capelli alla base della treccia e la tenne stretta costringendolo ad alzare di nuovo il mento verso di lei "Guarda che faccino..."
Continuava a muoversi su di lui, ignorando la sua espressione corrucciata che, effettivamente, gli dava un'aria tenera.
Le emozioni scorrevano sul suo viso come la luce si spezza nei colori dello spettro: era bellissimo guardarlo, Sara avrebbe voluto rimanere così per sempre, immortalare ogni singolo dettaglio per riviverlo all'infinito.
Federico l'afferrò per i polsi, la costrinse ad alzarsi e la raggiunse in poche mosse.
"Ehi... Mi stava piacendo!"
"Adesso ti piacerà ancora di più..."
Le cinse i fianchi con entrambe le mani, la fece girare di spalle.
Sara si sostenne con le mani contro la vetrina e dovette trattenere un gemito quando lui le infilò due dita bagnate dietro.
"Ti avevo detto che sarei diventato cattivo..."
La ragazza non rispose, troppo preda del piacere misto a dolore che lui le stava procurando con le dita.
"Sei strettina qui dietro, non sarà semplice..."

La gonna alzata, le gambe divaricate, la resistenza dei muscoli mentre lui le entrava piano dentro con il sesso bagnato: nessun testimone, ma lei non poteva fare a meno di preoccuparsi delle videocamere o che qualcuno passasse in quel momento e notasse le sagome delle sue mani premute contro la vetrina.
Il pensiero la eccitava terribilmente, sentiva gli umori colarle lungo le cosce, ma voleva di più: quel procedimento lento ed estenuante la stava facendo impazzire.
"Ti prego... Entrami dentro normalmente... È una tortura così lento..."
"Avresti dovuto ascoltarmi subito... E poi non voglio farti male..."
La ragazza sbuffò, esasperata dalla sua presa di posizione.
Si girò leggermente verso di lui: dalla treccia gli erano sfuggiti alcuni ciuffi di capelli, era sudato quanto lei, le guance arrossate di piacere.
Gli sorrise, l'espressione di chi sta per combinarne una grossa.
"Lo sapevo che eri un tipo tenero..."
A quelle parole Federico diede una spinta decisa, la ragazza si girò di scatto, tornando a guardare fuori e mordendosi le labbra.
I fari di una macchina scorsero sulla strada davanti a loro, appena al di là del marciapiede, illuminando la tempesta che iniziava a scemare.

"Cazzo, c'è una macchina! - disse Sara sottovoce - Spostiamoci di qui! Dai!"
"Se ne sono già andati... Non ci hanno visti... E poi, non lo trovi eccitante?"
"Eccitante un cazzo! Se ci scoprono sono guai grossi!"
Ma Federico non era intenzionato a mollare la presa ed esternò tutti i suoi pensieri più segreti.
Chi non aveva mai sognato, almeno una volta, di farlo in quel modo, andando contro tutte le regole del buon senso, con il rischio concreto di essere beccati...
"Non ti piace forse? - le stringeva i fianchi, spingendo appena il sesso dentro di lei.
Non ti piace avermi così, circondata dal buio e da tutti questi preziosi libri? - il controllo, concentrato nella congiunzione dei loro corpi: non poteva ancora finire.
Non ti eccita l'idea di rivederti la scena ogni giorno, ogni ora di lavoro che farai qui? Proprio come potresti rileggere un libro all'infinito... - ansimava, schizzandole saliva sulla maglia.
Vuoi forse dirmi che se ora allungassi una mano a toccarti non saresti una cascata di meraviglie tra le cosce?" E così dicendo uscì, strappandole un gemito di dolore.
Il dito della sua mano scivolò dentro e fuori di lei.
"Ecco... Come pensavo..." era troppo da sopportare, Sara cercò con la mano il suo sesso.
"Scopami, cazzo..."
Federico la prese liberando il suo istinto: la carne collideva, accompagnata dai loro respiri pesanti, calda, scivolosa, irrorata al punto da rendere impossibile qualsiasi attrito. Il ragazzo gemeva, muovendosi sempre più velocemente, le spite erano sempre più brevi, più frequenti, convulse.
"Di più... Ti prego... Non ti fermare..."
Di nuovo i fari di una macchina illuminarono, scorrendo lenti, la strada davanti a loro: la pioggia si stava calmando e stava esaurendo la sua protezione sui due amanti.
"No... Ti prego... Non adesso...
C'è qualcuno... Fede...
Fede... fermati..."
Ma il ragazzo non ne voleva sapere: la tirò indietro, le mise una mano sulla bocca, la costrinse ad abbassarsi dietro lo scaffale e si lasciò andare all'orgasmo più intenso che avesse mai provato.
Degli scatti elettrici, assolutamente involontari, gli pervasero il corpo e placarono a poco a poco la rabbiosa fame di piacere, cresciuta a dismisura dentro di lui.
Inginocchiato su di lei, la mano ancora a tapparle la bocca, si rese appena conto che anche Sara stava venendo: tremando e gemendo sotto di lui, tutto il suo corpo era attraversato dalle stesse scariche incontrollabili.
Quando il ragazzo percepì che l'unione tra loro si stava dissolvendo, uscì lentamente dalle sue labbra bagnate, le abbassò la gonna e le baciò la schiena.
Si ricompose e l'accarezzò, sentendo che lei rabbrividiva al suo tocco.
"Tutto ok?"
Sara si alzò, bellissima, piacevolmente sconvolta e disordinata.
Lo baciò posandogli la mano s'una guancia: fu un bacio privo di brama, uno di quelli che si danno come sigillo a un momento meraviglioso, che non tornerà mai più uguale a se stesso. Un regalo di addio.



La tempesta era finita.
Sul marciapiede c'era qualche rametto. Molte foglie strappate dal vento si erano accumulate nel tombino, ristagnante d'acqua.
La vetrina era cosparsa di miliardi di piccole gocce luccicanti: alcune scivolavano giù, impossibili da fermare, scomparse ma mai perdute davvero.
Un velo di buio ammantava il caos della giornata. Il vecchio libraio avrebbe pensato al riordino lunedì, e tanti saluti: visto il tempaccio, era uscito 15' minuti prima, nessuno ne avrebbe risentito.
"E poi, che diamine, ci lavoro solo io. Nessuno potrebbe lamentarsi!" Aveva detto ridendo, mentre sfilava le chiavi dalla serratura chiusa a più mandate.
Dirigendosi verso l'auto aggiunse "Uno dei pochi vantaggi di essere l'unico gestore... Hehehe..."

All'interno era quasi tutto in ordine.
Salvo per uno sparuto gruppetto libri, con le pagine e le copertine sgualcite, a terra nell'angolo in fondo, verso la vetrina, probabili vittime di qualche bambino scalmanato passato nel tardo pomeriggio.
E di un paio di bottigliette d'acqua, vicine a una copia di Guida galattica per autostoppisti che qualcuno aveva dimenticato, aperta sul tavolo di consultazione.
Tutti gli altri volumi riposavano silenziosi sui loro scaffali.
La fantasia tesse avventure incredibili ogni volta che qualcuno sfoglia le pagine di un libro: compone paesaggi, costruisce palazzi, presenta personaggi quasi fossero reali.
E qualche volta, proprio quando nessuno ci pensa, nelle notti di brutta tempesta, la fantasia crea storie nuove che nessuno ha mai letto, perché ancora devono essere scritte...

Questo racconto di è stato letto 1 7 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.