Erotici Racconti

Il segreto della biblioteca. Il nuovo Maestro. Victor trova la chiave.

Scritto da , il 2018-05-31, genere pulp

"Davvero"?
Me le mette in bocca le dita che sanno forte del suo afrore, immagino che la sua figa sia un vulcano e il suo miele… lava infuocata!
Le dico… basta. Basta Anita… non ce la faccio proprio più. Lei ride. Mi chiede se voglio sapere una cosa… certo che si. Suo marito, Giuseppe… assiste a tutto. Mi da fastidio questo? No… no… preso ormai al laccio da questa strana casa e dai loro abitanti non mi meraviglio più di nulla. Ora la scoperà lui, Giuseppe, ha un cazzo grossissimo, dice. Mi interessa? Perché no? Ma non ora Anita… non ora. Nonostante la stanchezza ho una ultima curiosità. 
Il Maestro non ha mai imposto rapporti fra le varie donne? 
Lei e Rula? Lei e Anais? O addirittura fra le sorelle? O la madre e figlie? 
Eccome…! Risponde. Eccome… 
Non ce la faccio proprio più, il cervello vorrebbe ancora scopare e scopare, godere ancora. Faccio le scale a fatica e mi butto sul letto, così senza lavarmi e cado in un sonno pesantissimo.
L’indomani torno a Roma e in una atmosfera assurda, con gli scuri chiusi per non rivelare la mia presenza, faccio i bagagli per la lunga assenza che mi aspetta. Giuseppe mi attende al portone.
Roma, Talamone e poi la maremma. 
Il viaggio è lungo e inizia nell'imbarazzo. Pensiamo ambedue alla notte precedente. A sua moglie, ad Anita.
Gli chiedo infine del Maestro… 
E lui si lascia andare. Ormai sa che faccio parte della loro vita. 
Il Maestro… racconta, era una persona unica, davvero particolare e senza confronti. Ispirato in tutto ciò che faceva, ma in particolare nella pittura e nel sesso… il sesso praticato in tutte le sue espressioni. Era lo scopo della sua esistenza. Davvero un genio.
Con circospezione mi inoltro nel discorso. 
Le orge… chiedo! 
E lui si infiamma proprio. Gli mancano quei momenti di assoluta pazzia erotica. Dalla morte del Maestro non se ne fa più e mi guarda speranzoso come se spettasse a me rimetterle in funzione. 
Racconta dico…
Si riunivano nell’atelier del maestro. Di volta in volta potevano essere già inizialmente nudi oppure il tema prevalente era diverso. Mascherati da vari personaggi o ancora in tenuta specifica come le serate sado-maso.
Il Maestro prendeva tutti. E voleva che tutti prendessero tutti! 
Il Maestro? 
Chiedo stupito, ma non era lui che possedeva tutti? Lui non si negava nulla, è la risposta. Voleva conoscere tutto, anche il piacere di essere preso, inculato. 
Anche da te, Giuseppe? Si. 
Ormai il ghiaccio è rotto e il discorso ora è fluido, confidenziale, senza remora alcuna.
La sofferenza fa parte del piacere, asserisce, era una delle massima del Maestro. 
E le serate speciali? Chi interveniva? 
C’era di volta in volta di tutto, donne per lo più. Anche celebri, gente famosa. 
Godevano ad essere seviziate, torturate fino all'estremo. 
E poi… davvero di tutto. 
Ragazzi, ragazze. Coppie. Uomini che portavano la propria donna e godevano nel vederla in preda alla libidine. Intuisco che c’è ancora qualcosa ma si ritrae Giuseppe. Non entra nei particolari.
Sono eccitato, fremo tutto a partire dal cervello.
Perché mi viene in mente Eliogabalo? Il più pervertito imperatore romano? E i suoi riti orgiastici e religiosi?
Il cervello funziona a mille, sta andando in corto circuito e intuisco il mio potere e quello che si aspettano da me.
Giuseppe sarà la prova.
La cartina di tornasole.
Fermati, dico. 
Siamo in maremma ora. Lui blocca la macchina.
Se ho ragione ubbidirà alle mie richieste senza fiatare, come faceva con il Maestro.
-Esci dalla macchina! Lascia cadere a terra i calzoni e appoggia il busto al cofano della macchina!-
-Si, Maestro! -
Maestro? Maestroooo?
Mi ha chiamato Maestro? Ma che dice?
-Perché mi chiami Maestro...? -.
Si china sulla macchina, spiega che hanno deciso che prenderò il posto del Maestro Mistral.
Hanno deciso? 
E la mia volontà l’hanno dimenticata? 
Ecco perché mi hanno cercato!
-E Sole... la vedova... com'è?-
-Il suo nome completo è Solange... è bellissima, una vera signora. Molto puttana, è più puttana lei delle figlie e Anita messe assieme. E come sa scopare...! Molto sadica, è lei che dirige i festini sado-maso.
-Racconta ancora... dimmi di Anais... di Rula...-
-E' la più giovane e la più perversa. Sempre pronta per cose strane, adora essere penetrata da...-
Da...?
Non risponde, la sua attenzione è concentrata sul mio cazzo che sto menando.
Con gli occhi chiusi racconta che a notte fonda, spesso Anais viene con Milo nel loro letto, è davvero molto porca la ragazza. Milo scopa con Anita e Anais adora impalarsi sul suo cazzo, sentirsi rompere, le piacciono i cazzi grossi, spropositati...
Rula? Gode enormemente di essere presa nel culo, ha degli orgasmi davvero squassanti mentre viene montata come una cagna. 
Puttana... puttana tantissimo!
-Sai nulla della stanza segreta? Giuseppe... devo poter entrare per prendere il posto del Maestro, dove è la chiave? Lo sai? -
Non lo sa, nessuno lo sa, neanche Sole la vedova. Sicuro è che non la tenesse addosso.
So che devo entrare in quella stanza. Devo.
Chiedo come venivano organizzate le orge, come avvenivano contattati gli ospiti, non lo sa. Forse Sole o Rula lo sanno?
Lo faccio nuovamente appoggiare con i gomiti sul cofano, gli cerco il culo con un dito e poi appoggio il cazzo.
Non è neanche libidine.
E' la volontà di possedere una persona.
Usare la penetrazione come segno di comando.

Io sono il maschio Alfa. 
Io sono il nuovo Maestro.

Lo scopo forte, sbatto contro le sue natiche pelose, lo sbatto fino a godere di lui e lo riempio del mio sperma. 
Risaliamo.
All'arrivo sistemo velocemente le mie cose e raggiungo la biblioteca. 
Penso a ogni posto che potrebbe servire da nascondiglio per la chiave. Sposto ancora libri. Nulla. 
Forse devo usare altri sistemi.
Raggiungo la sala da pranzo e mi unisco a loro nella cena. Prima che finisca esigo la loro attenzione. Ci sono tutti meno Giuseppe che e' andato all'aeroporto a ricevere Sole. Ma lui non mi serve.
-Voglio la chiave... voglio entrare in quella stanza. Voi dovete sapere qualcosa!-
Li guardo in faccia mentre negano, mentre ripetono che non ne sanno nulla, spiegano che mai sono entrati, mai il Maestro Mistral lo ha permesso.
-Tu Anita...?-
-Nooo... no, Victor... non lo so...-
So che mente. Lo intuisco.
-Forse dovrò aiutare la tua memoria...-
Se e' come credo devo darle una scusa per farle dire quello che sa. Una scusa davvero buona. 
Libero un tavolino, faccio a strisce dei canovacci e la tiro sopra. Le lego caviglie e polsi. 
E' chinata, appoggiata sul busto.
Le denudo il grosso culo e levo la cinghia dai pantaloni. 
Impugno bene la cinghia e inizio. Forti colpi che segnano la carne bianca delle natiche di Anita. 
Strisce rosse profonde. 
Lei grida, urla che non sa nulla, che le fa male. Mi maledice.
Mi fermo e mi accosto al viso ricoperto di lacrime.
-Dimmelo... dimmi quanto sai...-
-Non posso... non posso... ho promesso...-
Promesso? Questa è una conferma.
Riprendiamo.
Ormai il culo di Anita è devastato. Rosso fiamma e con dei segni profondi. 
Accosto la mia bocca al suo orecchio. 
-Dimmelo… dimmelo... la tua promessa non ha più alcun valore, il Maestro Mistral è morto. Ora tu devi fedeltà a me...- 
Urla ancora sotto i colpi ma riesce a sussurrare... 
-Basta... basta... lo dico... vi faccio vedere cosa ho visto, cosa ho dovuto promettere di non dire mai, in nessun caso... slegami!- 
Poi barcollante ci guida in biblioteca, qui... racconta... 
-Una volta sono entrata senza bussare e ho visto il Maestro Mistral che riponeva la chiave in un volume, non so quale. Forse qui... in queste ante centrali. Aveva vicino a se la scaletta come se dovesse salirci... Davvero non so altro... il Maestro mi ha fatto promettere di non dire mai quello che avevo visto... mai... e io ho mantenuto la promessa. Mi dispiace Victor...- 
-Va bene... va bene. Ora fuori... lasciatemi solo, fuori tutti!- 
Li spingo fuori e accosto la scaletta alla libreria.
Frenesia pura quella che mi spinge a cercare la maledetta chiave. Come se fosse in gioco il destino del mondo! 
Il mondo? Ma chi se ne frega del mondo. 
So che in ballo c'è la mia vita. 
Mi impongo di essere razionale, calmo. 
Di usare metodo. 
Anita ha detto che secondo lei il Maestro Mistral era davanti alle ante centrali e quindi di queste sono solo i ripiani più alti ad essere interessanti, quelli raggiungibili con la scaletta.
Non so certo come sia celata la chiave nei libri, forse nel costone della rilegatura o fra le pagine? Devo esaminarli con cura uno ad uno. 
E così faccio, prendo un volume e lo sfoglio. 
Esamino la rilegatura e lo ripongo. 
Così facendo trovo delle vere rarità. 
Come questo "Hermaphroditus" di Antonio Beccadelli, una edizione del tardo 800 dell'opera del poeta vissuto a cavallo del 1500, splendidamente corredato da incisioni in acquaforte, la curiosità dello studioso vince l'ansia della ricerca e lo esamino. 
Scorro i suoi sonetti e penso che la traduzione dal latino non renda loro merito.

CORVINO, ZELANTE CUSTODE DEL VINO E NON DELLA MOGLIE.
Corvino la cantina la difende con serratura e chiave, ma non usa la stessa serratura per la fica della consorte. Lui della cantina è custode geloso, è generoso invece della fica, infatti se la botte la bevi, si consuma, la fica no.

LODE DI ALDA
Venere con le Grazie hanno scelto per casa gli occhi di Alda, e Cupido in persona ride nelle sue labbra. 
Alda non piscia: oppure, se piscia, lei piscia profumi. Alda non caca: oppure, se caca, lei caca viole.

Rimetto il libro al suo posto e continuo. Poi mi incuriosisce un altro volume.
I personaggi, il tempo, l'epoca che descrive. Quanto vorrei, con le mie caratteristiche, quanto vorrei aver vissuto nell'ottocento.
Ai tempi di Alfred De Musset, di George Sand. George Sand, scrittrice e poetessa, era una donna lo sapete senz'altro, femminista primo tempo, uno spirito libero, trasgressiva, si vestiva da uomo e avrà una sfilza di amanti che non termina più, uomini e donne. 
Il libro in questione? 
Gamiani... scritto da loro assieme, delirante testo di sesso.
Tragico, torrido, esagitato romanzo lesbico. I tratti più scottanti? La seduzione di Fanny, innocente creatura e poi via via una caduta verticale verso il piacere, verso il bisogno assoluto di godere senza darsi limiti. Gamiani è la ninfomane storica. Una donna che non può aver sollievo, mai. 
E fra le due donne un uomo... Alcide, eccolo all'opera...
^^^^^^
Tu, bionda dagli occhi azzurri, tocca a te. Sarai la mia regina! Vieni a metterti a cavallo del trono. Prendi con una mano lo scettro in fiamme, nascondilo tutto nel tuo impero... Ouf! Non cosi' svelta! Aspetta... sii lenta, cadenzata, come un cavaliere al piccolo trotto. Prolunga il piacere. E tu, cosi' grande, cosi' bella, dalle forme stupende, mettiti di traverso sopra la mia testa... A meraviglia! Tu mi sai capire. Divarica per bene le cosce... ancora! Che i miei occhi possano guardarti bene, la mia bocca divorarti, la mia lingua penetrarti a piacere! Cosa fai, dunque, tutta dritta? Chinati, offri i tuoi seni ai miei baci! "A me! A me!" disse la bruna mostrandole la lingua sottile, acuta come un pugnale veneziano. "Vieni! Che io ti possa mangiare gli occhi e la bocca! Mi piaci in questo modo. Oh! Metti la mano qui...su! Adagio, adagio! Ed ecco che ognuna si muove, si agita, si eccita al piacere. E poi... la frenesia della libidine... Medoro... GAMIANI: Medoro! Medoro! Prendimi! Prendi! A quel grido un cane enorme esce da un nascondiglio, si slancia sulla contessa e comincia a leccare un clitoride la cui punta sporgeva rossa e infiammata. La contessa gridò ad alta voce: "Ahi! Ahi! Ahi!" aumentando sempre il tono a seconda dell'intensità del piacere. Si sarebbero potute calcolare le gradazioni dell'eccitamento che provava quella sfrenata calimantide. 
GAMIANI: Latte, il latte! Oh, del latte! Non ebbi la possibilità di capire quella esclamazione, vero grido di disperazione e di angoscia, fintanto che Julie non riapparve, armata di un enorme fallo riempito di un latte caldo, che a piacere una molla faceva sprizzare a dieci passi di distanza. Servendosi di alcune cinghie, ella sistemò l'ingegnoso strumento nel posto voluto. Il più generoso degli stalloni non si sarebbe rivelato, almeno in grossezza, più favorito. Non potevo credere che ci sarebbe stata penetrazione, fino a che, con mia grande sorpresa, cinque o sei attacchi forsennati, tra grida acute e deliranti, bastarono per far sparire e inghiottire quell'enorme marchingegno: la si sarebbe detta la Cassandra di Casani. Il va-e-vieni veniva eseguito con consumata esperienza, quando Medoro, spodestato ma sempre docile agli insegnamenti, si slancia sulla maschia Julie, le cui cosce, semi divaricate e in movimento mettevano in vista l'offerta più deliziosa. Medoro fece tanto e cosi' bene che Julie rapidamente si fermò e svenne, sopraffatta dal piacere. Un godimento di quel tipo deve essere molto intenso, poiché niente e' simile all'espressione che esso da' ad una donna. Irritata dal ritardo che prolungava il suo dolore e differiva il piacere, la sventurata contessa bestemmiava, imprecando come una dannata.
^^^^^^
Ora stavo leggendo sui gradini della scaletta, quasi dimentico del mio compito... quello di ricercare la maledetta chiave. Leggo ancora cosa racconta la contessa della sua vita in convento...
^^^^^^ 
FANNY: Un asino, misericordia! GAMIANI: Sì, cara mia, un asino! Ne avevamo due, ben ammaestrati, molto docili. In niente volevamo essere da meno delle matrone romane, che ne facevano uso nei loro saturnali. La prima volta che fui messa alla prova, ero nel delirio del vino. Mi precipitai con violenza sullo sgabello, sfidando tutte le monache. Subito l'asino fu rizzato davanti a me con l'aiuto di una correggia. La sua terribile daga, infocata dalle mani delle monache, mi colpiva pesantemente sul deretano. Lo presi con due mani, lo appoggiai all'orifizio, e dopo averlo strofinato per alcuni secondi, cercai di introdurlo. Aiutandomi con i movimenti, con le dita e con una pomata rilassante, ben presto ne fui padrona per almeno cinque pollici. Volli spingere ancora, ma le forze mi vennero meno. Ricaddi. Mi sembrava che la pelle mi si lacerasse, di essere squarciata, squartata! Era un dolore sordo, massacrante, misto tuttavia a una irritazione che mi riscaldava, stimolante e sensuale. La bestia, continuamente in movimento, produceva uno sfregamento cosi' vigoroso da scrollarmi per intero la colonna vertebrale. I canali spermatici mi si aprirono e straboccarono. La mia ciprina bruciante per un istante mi sobbollì nelle reni. Oh, che godimento! La sentivo correre a getti infiammati e scendere, una goccia alla volta, in fondo alla mia matrice. Tutto in me grondava d'amore. Emisi un grido prolungato di sfinimento e provai sollievo… Nei miei impeti lubrici avevo guadagnato due pollici.
^^^^^^^
Splendide le immagini a corredo del testo.

Poi la folgorazione!!!!!!!

Ancora prima di esaminare il successivo volume so di avere la soluzione del mio problema, ho la chiave in mano!
Lo so dal titolo!

LA BIBBIA!

Mi riconosco in te, Maestro Mistral! Porco, blasfemo, irriverente, ma forse per uno eguale a te... prevedibile!!



Nota.
Se è vero che… 
-...Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé...
(P. Neruda)- 
Per assioma… 
-…Evviva! Io che ancora gioco sono ancora un bambino!- 
(Tibet)- 

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.