Erotici Racconti

Tibet

Tutti i suoi racconti erotici e le sue statistiche

Ha scritto 3 3 4 racconti erotici i quali sono stati letti 9 2 1 3 5 5 volte.

Noi.
-Oggi voglio una cosa particolare da te- -Quando mi dici così ho i brividi... ma dalla paura!- -Spogliati.- -Mai che lo fai tu, eh? Che mi spogli! O lo fai fare a me o me li strappi di dosso!- -Sbrigati, ma non troppo in fretta! Ah, ora hai urgenza?-- -E tu?- -Su, nuda. Togli tutto.- -E tu?- -Stasera voglio goderti a modo mio, ti piacerà,...
genere: etero
scritto il 2018-12-09 | da Tibet
Santino.
Il carcere militare non è molto differente da quello civile. Porte sbarrate, finestre con inferriate. Segregazione. Sadismo. Privazioni. Nel carcere ti formi e ti adegui o muori. Ha ragione Buck (Bukowsky) quando dice che il carcere è l'università della vita e aggiungo io, dove è difficile laurearsi. Nella nostra stanza vivevamo in cinque,...
genere: pulp
scritto il 2018-12-09 | da Tibet
Jenny. Sindrome di Dracula.
La ragazza non rientra certo nelle sue preferenze di donna. Troppo esile, non propriamente magra ma esile, la corporatura di una silfide. L’unica sua rotondità è il sedere, ben fatto ma piccolo. Il seno poi? Due cupole appena accennate come quello di una adolescente. Il viso è solo carino. Maledetta la sindrome di Dracula! Si dice mentre...
genere: etero
scritto il 2018-12-07 | da Tibet
La visita.
Presento un altro racconto dell’autore(autrice?) di Mascelle Snodate che vuole mantenere l’anonimato. Mi presto volentieri come tramite perché mi piace giocare. Io trovo questo racconto “naif”, è come guardare un dipinto di Ligabue. Ma è un autore o una autrice? La visita. Un uomo un giorno si recò da un dottore. Quando si sedette...
genere: comici
scritto il 2018-12-04 | da Tibet
Sauna.
SAUNA. L’argomento: Descrive una serata d'inverno. L’ambiente: La piscina di acqua termale prosegue fuori della struttura, all’aperto. All’esterno l’acqua a 34 gradi crea un cuscino di vapore, le luci lontane delle case situate sul fianco della montagna e le stelle nel cielo buio, pur se offuscate, sono di grande effetto. Poi… la...
genere: bisex
scritto il 2018-12-04 | da Tibet
Il culo che parlava. Rieditato.
Forse tanto comico (a parte un paio di battute) non lo è. Devo confessare che quando mi accorsi che parlava ero strafatto. E non siate volgari, prego! Non diceva cagate! Le sue parole erano pura poesia, sublimi, anche se aveva un modo di fare scontroso. Lo vidi accomodarsi su di uno sgabello del bar, sistemarsi comodamente e poi guardarsi...
genere: comici
scritto il 2018-12-02 | da Tibet
To rewind... "Un uomo adatto per ogni uso"... To delete.
Rewind... -Allora?- -No- -Ma perché no? Ti proponi tu per queste cose, non è così? Vuoi che ti dica cosa vendi? Tu vendi te stesso! Non sei che una puttana! Ti ricordo cosa dice il tuo annuncio? Guarda… leggi!- "Uomo esperto offresi per cose particolari, compenso da stabilire". -Sei tu che l'hai pubblicato o no?- -Sei troppo giovane, sei...
genere: pulp
scritto il 2018-12-01 | da Tibet
Il fascino dell'orrido. Il nano.
Si dice che la noia sia la causa di tutti i mali! Mi sembra una esagerazione dato che a me annoiarmi riesce benissimo! Mi piace quel senso di annullamento totale che ti fa provare la noia più completa e questo senso vorrei condividerlo con lei e annoiarsi tanto assieme! Ma come faccio con lei che sbuffa al PC? Continua a cambiare schermata,...
genere: comici
scritto il 2018-11-28 | da Tibet
Mascelle slogate
Presento un testo non mio. Ogni tanto faccio il talent scout e trovo nuovi autori, non so se sia un uomo o una donna, a me piace il suo umorismo surreale. Ve lo propongo. Mascelle slogate. Si sa come sia difficile per uno scrittore equiparare o addirittura superare il successo del primo libro. Pier era la nuova promessa della letteratura...
genere: comici
scritto il 2018-11-26 | da Tibet
The Blues Brothers e il teatro burlesque.
-E’ da un bel po’ che non facciamo nulla di divertente- Inizia così il suo discorso. E’ vero, la noia regna sovrana. Tutto è consuetudine. Routine. Ti alzi la mattina e sai già cosa succederà fino a sera. Salvo qualche volta pestare un escremento di cane per strada. Quello rischia di essere l’unico diversivo e dicono che porta...
genere: comici
scritto il 2018-11-24 | da Tibet
Tibe e Aza – I peccatori redenti.
Nessuno potrebbe essere contro la lussuria quanto loro! Come gli ex fumatori che non sopportano neanche l'immagine del fumo, così loro, uniti in questa dolorosa rinuncia al sesso, si propongono di agire personalmente per debellarlo. Basta sesso! Si dicono a vicenda! Si sostengono! Capita che uno dei due, preso da subitanea passione per qualche...
genere: comici
scritto il 2018-11-21 | da Tibet
Lo zio ed Hèléne. Quattro giorni dopo.
Passano quattro giorni. Hélène è davvero distratta, oggi dopo le lezioni pomeridiane si ferma a parlare con un ragazzo, molto bello e simpatico, si siedono su una panchina del parco e il tempo passa, quando sente vibrare il cellulare. E' lo zio! Furente! E' tremendamente in ritardo, colpa della luce della tarda primavera che ha allungato la...
genere: dominazione
scritto il 2018-11-18 | da Tibet
Lo zio ed Hèléne.
Alfredo ha un diavolo per capello. Maledice quello scriteriato del fratello che gli ha lasciato l'incombenza di prendere in casa e di controllare la figlia di diciassette anni! Per cosa poi? Per fare una lunga vacanza con una cubana! Ma cazzo! Si dice che avrebbe potuto, anzi dovuto, rifiutare. Ma ha titubato quell'attimo di troppo, quel senza...
genere: dominazione
scritto il 2018-11-15 | da Tibet
Aza e Tibe in crociera.
Quando rientra tutto trafelato e urlante quasi mi manda in scompenso cardiaco, ma che bisogno c'è di urlare così? -Tibe... Tibe, HO VINTO! Era ora, penso! Stai risolvendo tu da solo il problema debito del paese (volutamente scritto minuscolo) e difronte alle migliaia di euro dilapidati cosa mai avrai vinto? Ci vogliamo rovinare? Cinquanta...
genere: comici
scritto il 2018-11-13 | da Tibet
La tempesta
Ama, ama follemente, ama più che puoi e se ti dicono che è peccato ama il tuo peccato e sarai innocente. (William Shakespeare.) L'immensamente grande e l'infinitesimale. Lontano sentiamo il rumore del tuono. Affrettati. No. Fermati. Voglio aspettare il temporale. Voglio vedere le gocce della pioggia scorrere sul tuo viso. Voglio suggere quelle...
genere: etero
scritto il 2018-11-12 | da Tibet
L'uomo che non vuole più usare i preservativi
-Ho conosciuto uno, in un sito.- -Uno? Hai cambiato sponda?- -No... uno che cerca per sua moglie, uno strano.- -Uhhh... che novità! Lì per essere diverso devi essere normale!- -Passami una birra...- -Che partita di merda! Ma non sanno più giocare al calcio? Cazzo!- -Vuole due uomini.- -Ma va fanculo! Ti ho già detto che ho finito con queste...
genere: interviste
scritto il 2018-11-09 | da Tibet
Il Sellaio - Racconto completo.
Ho accolto la critica di un lettore, Verificatore, sulla validità della fine proposta per questo racconto. Perchè no? Tutto è opinabile, tutto è modificabile. E ho pensato di riproporlo nella versione completa nei suoi tratti modificati. Il Sellaio. 1) Veramente non fa più selle da una eternità, le faceva quando era vivo suo padre che gli...
genere: pulp
scritto il 2018-11-06 | da Tibet
Alla ricerca di Gaia. Alan ha una traccia
Norman. Lo lascio e lui mi dice una ultima cosa importante, questa Helen l'hanno portata al posto di polizia di quartiere. Ci vado a piedi. Voglio trovare uno di quei Würstelstand e ingozzarmi fino a non poterne più! Mi sento svuotato. Già vaneggio e vedo volare nell'aria: Hauswürstel, Wiener, Frankfurter! Tutto sopra colline di senape...
genere: comici
scritto il 2018-11-04 | da Tibet
Alla ricerca di Gaia. Norman.
Hamburg! Ora voi arrivate ad Amburgo, ok? E vi viene subito chiaro il perché torme di barbari si sono messe a sciamare verso il sud! Il sole, cari amici, il sole! Non il bottino, non le stragi, ma il caldo! Il sole! Quella maledetta bruma che sale dal Mare del Nord? Per forza devi bere, non per riscaldarti ma per dimenticare in che cazzo di...
genere: comici
scritto il 2018-11-02 | da Tibet
Alla ricerca di Gaia (di Alan Ford del gruppo T.N.T.)
...L'ultima volta vista in Amburgo! Stop. ...Si è materializzata nella persona di una certa Helen... felderstein, no.. Felehrenk... Fahklenborg. Insomma in una un po' spostata che crede di essere una psicoanalista ma probabile sia una psicolabile... stop. ...Alza la chiappe... e muoviti. Fondo spese al minimo... stop. ...Vai in treno... stop...
genere: comici
scritto il 2018-11-01 | da Tibet
Il Sellaio. Il Gambetto.
11) Virad. -Prendi i vestiti e vieni con me, Virad... voglio che tu veda dove vivrai il tuo futuro prossimo...- La conduce ad una stanza senza finestre, arredata lussuosamente. -Hanno vissuto qui le tue allieve per il tempo che le ho godute... penso che nel tuo caso, la tua permanenza sarà più lunga, molto più lunga, voglio godere pienamente...
genere: pulp
scritto il 2018-10-29 | da Tibet
Il Sellaio. Víðarr e le prime rivelazioni.
10) Il Sellaio. -Spogliati.- Il Sellaio dicendolo ha presente la sua straordinaria bellezza, quella che lo ha colpito nelle foto. Una donna che potrebbe impersonare Freya o forse lo o è? O lo è stata? Il Sellaio declama sottovoce... “Benedetta sia la dea dell’Aurora scintillante Freya, la Bellissima, La piu Appassionata delle Regine....
genere: pulp
scritto il 2018-10-28 | da Tibet
Il Sellaio. L'incontro.
(9) Virad. E' ormai sera tardi quando entra dal Sellaio. Buio fuori e buio dentro. Lui la sta attendendo. Interessante un uomo che attende così. Senza fretta, al buio completo e che sembra godere dell'attesa stessa. Titubante? Smaniosa? Non è nella sua natura. E' solo curiosa, vuole vedere come lui vorrà condurre il gioco. Per un po' intende...
genere: pulp
scritto il 2018-10-25 | da Tibet
Il Sellaio. Inizia la partita
*Diceva Sigmund Freud che la vita è come una partita a scacchi, solo che la vita non ti concede la rivincita.* 7) Il Sellaio è accorto. Oh si... che lo e! Ed è prudente, è come un ghepardo in libertà che non può permettersi di restare ferito in uno scontro, non potrebbe più correre e cacciare e sarebbe destinato alla morte per inedia,...
genere: pulp
scritto il 2018-10-23 | da Tibet
Il Sellaio. Lo studio delle mosse.
4) Vidar aspetta. E' snervante il tempo dell'attesa, quello della posta alla preda. Ora è stremata, accasciata su di una poltrona, nuda con l'intimo ai piedi, si è masturbata freneticamente fino a godere più volte. Masturbarsi la rilassa. Ed è il suo modo di adorarsi. Non le importa davvero far sesso con un uomo o una donna. Non lo cerca...
genere: pulp
scritto il 2018-10-21 | da Tibet
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.