La mia ex suocera e il suo nuovo compagno

Scritto da , il 2018-03-29, genere etero

*Questo scritto è la continuazione della storia "Io e la mia ex suocera."

La mia ex suocera e il suo nuovo compagno

Dopo il primo rapporto io e la mia ex suocera iniziammo una relazione basata esclusivamente sul sesso. A fare il primo passo, che avrebbe poi innescato una serie più corposa di altri rapporti fugaci, fui io.
Infatti dopo quella prima esperienza in casa da lei, non feci passare molto temo prima di ripresentarmi alla sua porta ottenendo un altro rapporto, questa volta ancora più intenso.
Da quel giorno i nostri incontri divennero assidui e continuarono per un lungo periodo. Vista la particolare situazione, per non destare sospetti nel paese, prima di vederci ci sentivamo per telefono e concordavamo luogo e orario dove incontrarci.
Le cose procedettero in maniera fantastica e seguirono per mesi incontri molto appaganti per entrambi, la regola era solo una: nessuna complicazione sentimentale, solo sesso.
Tuttavia, verso la fine della primavera le cose iniziarono a cambiare e iniziammo a vederci con meno intensità a causa del lavoro che iniziò ad assorbire entrambi in maniera più pressante; in più ad aggravare la situazione venne ad aggiungersi, nel mese di luglio, la visita della figlia (la mia ex) che assieme alla sua nuova famiglia si trasferirono da lei per il periodo estivo.
Presto dunque non ebbi più alcuna sua notizia e il suo numero di cellulare, iniziò a risultare perennemente irraggiungibile. La visita della figlia l’aveva, giustamente, costretta a interrompere qualsiasi tipo di contatto con il sottoscritto.
Durante questa pausa, in cui ovviamente anche la mia vita continuò ad andare avanti, conobbi Martina una ragazza che presto divenne la mia fidanzata e con cui passai il resto dei mesi estivi.
Una sera ero con lei a cena in un locale quando per caso rividi la mia ex suocera che sedeva qualche tavolo più in là rispetto al nostro in compagnia di un uomo sulla cinquantina.
Mi accorsi subito che tra i due c’era una grande intesa e a giudicare dagli sguardi che i due si scambiavano si capiva benissimo che c’era qualcosa di serio e coinvolgente.
Alla fine della cena i due dopo aver pagato il conto, guadagnarono l’uscita l’una sotto braccio dell’altro.
Li vidi uscire con la coda dell’occhio e con rassegnazione pensai che quella sarebbe stata, sicuramente, l’ultima volta in cui l’avrei rivista.
Il passare dei mesi confermò i miei pensieri, il mio cellulare continuò a non ricevere messaggi o chiamate e ovviamente prendendo la situazione come un allontanamento definitivo, decisi di metterci una pietra su. Quello che per mesi avevo vissuto era stato fantastico ed ora, nel rispetto della sua privacy, doveva solo rimanerne un bel ricordo.
Intanto la storia tra me e Martina arrivò al capolinea e per il bene di entrambi decidemmo di lasciarci; io non ne feci tanto un dramma e presto capì che avevamo fatto la scelta giusta, caratterialmente eravamo troppo diversi e quindi la storia non poteva continuare ancora a lungo.
Libero di dedicarmi nuovamente più a me stesso ripresi a svolgere i miei hobby di sempre: calcetto con gli amici e jogging.
La mia vita riprese a scorrere come prima, tra il lavoro e le serate con gli amici, ben presto ritrovai nuovamente il mio equilibrio interiore, che mi fece desistere dalla voglia di andarmi a impelagare in nuove storie d’amore, un po’ di sana libertà non mi avrebbe fatto male ed effettivamente fu così.
Lavoravo fino al pomeriggio e dopo mi piaceva andare a correre nel parco, mentre nel fine settimana avevo ripreso a giocare a calcetto e a uscire la sera con i miei vecchi amici.
Fu proprio al ritorno a casa da una delle mie solite corsette al parco, che trovai sul mio cellulare un suo messaggio.
Ancora accaldato dallo sforzo fisico, mi distesi sul letto e con sorpresa lessi il messaggio:
F: - Ciao caro, come stai? Lo so è un po’ che non ci sentiamo, infatti se ti va potremmo vederci, che ne dici? Spero di non disturbare e di non crearti problemi con questo sms. Ciao, Fernanda.
Fui piacevolmente sorpreso, non mi aspettavo più di risentirla, dopo ormai tanti mesi, perciò le risposi di getto:
I: - Non mi aspettavo di risentirti, pensavo che ormai ti fossi dimenticata di me…comunque certo che mi piacerebbe rivederti, fammi sapere quando e dove, che ci organizziamo. Baci
Non passò molto tempo, che il mio cellulare riprese a trillare, era nuovamente lei:
F: - Sono molto contenta di risentirti anch’io, ci vediamo stasera da me?
Non potevo sperare in miglior messaggio, avevo una gran voglia di lei; ma pensai anche che vederci da lei forse non era tanto saggio, infatti, prima nei mesi precedenti organizzavamo i nostri incontri in luoghi più insoliti, perché questa volta voleva vedermi da lei?
Provai a interrogarmi per mezzo secondo, ma compresi che in realtà non me ne fregava davvero un cazzo di tutte quelle menate che avevano sempre preceduto i nostri incontri, mi sembrava ogni volta di dover organizzare un cazzo di incontro governativo segreto, e poi se a lei andava bene così, figuriamoci se non andasse bene a me. Dentro covavo una gran voglia di scivolare tra le sue mutande tra quei grossi labbroni vaginali che si trovava.
Perciò le risposi:
I-: Ok, sarò da te tra un paio d’ore.
Passarono una manciata di secondi, poi:
F: - Ti aspetto. Baci!
Mi andai a fare subito una doccia e sotto l’acqua calda inizia a menarmi il cazzo, chiusi gli occhi e me la figurai davanti completamente nuda, mentre si masturbava con un fallo di gomma.
Dopo essere venuto coadiuvato da quel pensiero, mi rilassai sotto lo scorrere dell’acqua tiepida, dopo tornai in camera, ancora nudo misi su un po’ di musica. Mentre la musica rock mi caricava, iniziai a passare in rassegna il mio armadio, alla ricerca di un abbigliamento decente, ma alla fine optai per una camicia nera aderente e un paio di jeans classici.
Profumato a dovere, saltai in auto e corsi in enoteca a prendere un buon vino per la serata, dopodiché, mi avviai da lei.
Giunto nei pressi della sua abitazione, parcheggiai, come avevo sempre fatto, un po’ più distante dalla sua casa per evitare che vicini un po’ troppo curiosi potessero pensare male di una signora, cinquantenne avvenente e sola, che riceve visite di uomini più giovani di lei.
Con discrezione mi avvicinai al cancello, suonai il campanello, e dopo pochi istanti questo si aprì.
Una volta dentro percorsi il cortile interno e arrivato all'ingresso trovai il portone di casa semi-aperto.
Sentì la sua voce che mi invitava ad entrare.
Chiusi la porta alle mie spalle e iniziai a percorrere il corridoio in completa penombra, conoscevo bene la sua casa, quindi non ebbi tanti problemi a raggiungere la luce che intravedevo arrivare dal salottino in fondo al disimpegno.
Appena varcata la soglia della porta, la trovai seduta sul divano con le gambe incrociate e con addosso una vestaglia di seta rosso fuoco, a manica lunga stile kimono. Lo scollo a v dell’indumento non era in grado di nascondere la sua procacità, e i delicati cinturini che le tenevano su la vestaglie e le cingevano i fianchi faticavano a coprire i grossi seni.
Il suo aspetto era composto: gambe accavallate, le mani incrociate poggiavano sul ginocchio destro, mentre il piede destro sospeso a mezz'aria si elevava, scalzo, a pochi centimetri dal parquet, mettendo in mostra la lo smalto rosso delle unghia dei piedi.
Mi accolse senza dire nulla, con uno dei suoi soliti smaglianti sorrisi, poi con voce calma, e con un po’ di imbarazzo mi rivolse un timido saluto da gatta morta.
Mi avvicinai al tavolo continuando a fissarla e imbambolato poggiai la bottiglia di vino che avevo ancora tra le mani, poi con voce rotta dall'emozione, le dissi:
I: - Sei bellissima!
Il rosso del kimono era così vivo e il contrasto con il colore nero dei suoi corti capelli e del trucco, era discordante ma le dava un’aria da battona di periferia; tale aspetto veniva poi accentuato e amplificato dal colore vivo del rossetto che spiccava dalle sue sinuose labbra.
F: - Vieni vicino a me.
Non me lo feci ripetere e subito presi posto accanto. Ero molto eccitato, da quella posizione riuscivo a vedere all'interno della parte sinistra del kimono da dove il seno sinistro faceva quasi capolino; lei era calma e tranquilla, vedeva l’eccitazione in me, ma era palese che volesse giocare stuzzicandomi.
Temporeggiando sulle azioni, iniziò a parlare del motivo per cui aveva smesso di farsi sentire, mi spiegò che il motivo derivava dal suo lavoro, ma non per via dell’aumento dei turni, ma per una vicenda accadutale all'interno dell’azienda dove lavorava.
Da circa un anno, aveva infatti trovato un impiego in un’agenzia pubblicitaria per eventi sul territorio locale come addetta al ricevimento. Vi salto tutta la pappardella e arrivo al dunque, mi disse che durante il periodo dei nostri incontri aveva avuto modo di conoscere il responsabile dell’agenzia che dopo poco tempo iniziò a corteggiarla, dopo poche settimane iniziarono ad uscire assieme consolidando il loro rapporto, finché in estate si decisero a fare il grande passo rivelando la loro relazione alla figlia e alla sua famiglia.
Io l’ascoltavo con attenzione, ma non lesinavo certo di attenzioni verso il suo corpo, ovviamente questo a lei non sfuggì, ma con voce leggermente imbarazzata continuò a parlare, ignorando il mio porco sguardo.
I: - E ora? Vi siete lasciati?
Le domandai cercando di contenere la mia foga il più possibile. Ma lei prese tempo e da gran bagascia mi sorrise e mi chiese di stappare il vino che avevo portato.
Le sorrisi di risposta, mi alzai dal divano e mi diressi verso il tavolo, ovviamente se fu facile trattenere la mia foga a parole, non fu la stessa cosa per il mio corpo, quando mi alzai si intravide all'altezza della patta una grossa protuberanza, che lei intravide, ma non commentò.
Andai in cucina, presi due fluite, il cavatappi e tornai con i bicchieri pieni in salotto.
Poggiai la bottiglia sul tavolo e presi posto accanto a lei, porgendole uno dei bicchieri. Brindammo e mandammo giù un bel sorso di vino.
Poi lei riprese:
F: - Sai mi frequento ancora con quell'uomo ed ora è ufficialmente il mio compagno.
Mi sentì stordito da quella sua esternazione, mi voltai e la guardai con aria interrogativa.
Lei si alzò dal divano prese la bottiglia di vino e ritornò a sedersi, riempì nuovamente il suo bicchiere che nel frattempo aveva trangugiato e riprese sorridendo:
F: - Capisco la tua reazione, ma in realtà credo che tu abbia capito
I: - No, credimi!
Nuovamente mi regalò un sorriso maliziosissimo, mostrandomi i suoi bianchissimi denti.
Perplesso, mandai giù il bicchiere e anche lei fece lo stesso, con il secondo, intanto assunse una posizione scomposta che le disordinò la vestaglia mettendo così in mostra le cosce.
Non riuscivo a toglierle gli occhi da dosso, e la mia eccitazione era ormai palese, nonostante tutto Fernanda rimaneva ferma nella sua posizione e continuava a giocare e a provocarmi a suo piacimento.
Intanto il suo buon odore inebriante iniziava a farmi perdere la testa, le poggiai la mano sulle coscia e iniziai ad accarezzarla spingendomi all'interno del suo vestitino di seta rosso. Lei rimaneva impassibile e non reagiva alle mie carezze; così poggiato il bicchiere, ormai vuoto, sul pavimento mi avvicinai ancora di più a lei e con delicatezza avvicinai il mio viso al suo, baciandole prima il collo e poi le guance.
Non incontrando grandi resistenze, continuai ad accarezzarle l’interno coscia in maniera sempre più intensa, salendo verso il linguine. Mentre la mia mano continuava a salire e avvicinarsi delicatamente alla principale zona erogena, la sentì irrigidirsi. Ovviamente non arretrai di un centimetro.
Lei intanto finì anche il secondo bicchiere di vino che aveva tra le mani e appena abbassò il gomito le infilai la lingua in bocca, mentre la mia mano entrò in contatto con i suoi slip.
Lei rispose subito, le nostre lingue si aggrovigliarono per qualche secondo e fu in quel momento che avvenne ciò che mai mi sarei immaginato: un applauso si levò dal vano affianco al salotto e dalla penombra spuntò un uomo.
Mi staccai da Fernanda e mi voltai verso la porta e fece il suo ingresso un signore elegante e distinto, che avanzò lentamente verso di noi, fermandosi a poco più di un metro davanti a me, con un sorriso sornione.
Mi voltai nuovamente verso Fernanda, per avere delle spiegazioni.
Ma prima ancora che lei potesse esprimere qualcosa, l’uomo prese la parola e con molta calma e con voce calda esclamò:
S: - Ciao, è un piacere conoscerti. Sai chi sono vero?
I: - Credo di averlo capito.
S: - Sono Stefano il compagno di Fernanda, piacere
I: - Piacere
Continuavo a voltarmi verso Fernanda per capire la sua reazione, ma lei era tranquilla e da quando l’uomo era in stanza molto più sfacciata, ora infatti sedeva con le gambe divaricate verso di lui, mettendo in mostra le sue bianche e trasparenti mutande.
Il tizio intanto aveva afferrato la mia bottiglia di vino e aveva riempito i nostri bicchieri, più un terzo che aveva con se nel momento in cui era comparso sulla scena, si avvicinò a me e Fernanda e ci servì il vino.
F: - Grazie amore!
I: - Grazie!
Osservandolo bene, con lucidità mi resi conto della somiglianza con l’uomo che tempo fa avevo visto nel ristorante assieme a lei.
S: - Dunque te sei il suo ex genero, vero?
I: - Si, ora però vorrei sapere cosa ci faccio qui.
Alla mia domanda sul suo volto calmo e serafico si distese un sorriso dolce, ma ambiguo che mi lasciò abbastanza perplesso. Poi in maniera amichevole alzò il bicchiere in aria a mo’ di brindisi e con aria amichevole esclamò:
S: - Salute!
Devo confessare che quanto stava accadendo mi stava più incuriosendo che innervosendo, e poi devo ammetterlo il tipo benché misterioso, si poneva con modi gentili e garbati verso di me.
Bevemmo amichevolmente, il vino e fu lì che mi spiegò che aveva saputo da un po’ di tempo delle nostre scopate e trovandole eccitanti, ora voleva propormi di continuare ad avere incontri con la sua donna, ma in sua presenza. Mi sembrava tutto così assurdo, al limite dell’ironico, mai e poi mai avrei immaginato che la situazione potesse raggiungere dei livelli così squallidi e perversi, quest’uomo completamente sconosciuto, in piedi di fronte a me, con in mano un bicchiere di vino, mi stava chiedendo amichevolmente e senza impegno di condividere con lui la sua donna, mentre quest’ultima seduta al mio fianco ascoltava senza dire una parola.
S: - Tanto lo sappiamo entrambi che la desideri, guardala bene, si è preparata per te, dai concedimi di possederla assieme.
Ero allucinato, ma la proposta non poteva essere più allettante, così ingurgitai il vino e mi presi un istante per rendermi conto per bene della veridicità della situazione.
Stefano era in attesa di una mia parola o di un cenno che potesse finalmente mettere da parte i “convenevoli” e iniziare a fare quello che in realtà tutti volevamo fare. Ma ora il suo sguardo era fisso su Fernanda, continuava a squadrarla da capo a piedi, il suo corpo suscitava voglie irrefrenabili, lei un po’ accaldata dall'effetto del vino aveva slacciato la sua vestaglia e ora sedeva sul divano con il kimono semi-slacciato mentre con una mano si passava le dita tra i capelli corti, giocando con un ricciolo.
Mentre con occhi bramosi ispezionava la sua compagnia, mi disse:
S: - Guardala! Sicuramente ad ascoltare i nostri discorsi si starà bagnando come una cagna, a lei piace sentirsi desiderata.
Mi voltai a guardarla: era svaccata sul divano, le gambe completamente aperte con le mutande ormai visibilissime.
Ormai Stefano sicuro del tarlo che aveva instillato nella mia mente, non perse altro tempo con le parole e passò all'azione: si avvicinò a Fernanda e poggiò la mano tra le sue cosce
S: - Mmmh! Che ti avevo detto? E' già bagnata…
E iniziò a sfregarle la passera con vigore, Mentre lo lasciava fare, lei si tolse finalmente la vestaglia, scoprendo un mini babydoll di colore rosso che le cadeva lungo il busto; due appositi buchi all'altezza del petto le scoprivano interamente il seno, mentre il resto del tessuto a stento le copriva il perizoma bianco di seta trasparente.
Rimasi sbalordito da tale visione, i suoi grossi seni facevano capolino in tutto il loro splendore, mettendo in risalto le sue grosse areole.
Era bellissima, il rosso fuoco del body contrastava con la sua capigliatura corta nera e il rossetto acceso le dava un’aria da zoccola; vederla in quelle vesti era molto eccitante.
Infatti Stefano mi rivolse subito uno sguardo compiaciuto e poi esclamò:
S: -Ti piace il vestitino, vero?
Ormai i miei occhi erano solo su di lei e senza ricambiare nemmeno lo sguardo del mio interlocutore, gli risposi
I: - Certo!
Senza scomporsi, posò la mano sinistra sul seno della sua donna e iniziò a palparlo vigorosamente.
Mentre continuava ad “accarezzarla”, si voltò verso di me per godersi la mia reazione.
Anche quella troia della mia ex suocera ora aveva preso a guardarmi, assumendo un’aria da gatta morta, e iniziò a leccarsi le labbra, passando su di esse, più volte la lingua.
Nel frattempo il porco, abbassatosi sulle sue ginocchia iniziò ad armeggiare sotto il body di Fernanda, che ormai complice il vino, si dimostrava sempre più disponibile e per facilitare il lavoro al suo compagno distese le cosce in avanti e approfittando delle spalle dell’uomo, poggiò su di esse le sue gambe, come se fosse sul lettino dal ginecologo.
Immediatamente, come un avvoltoio, Stefano si attaccò ai suoi seni, palpandoli e strizzandole le areole giganti e violacee.
F: - Ho la fica in fiamme…
Poi le mise le mani intorno ai fianchi e la fece avanzare verso di lui con i sedere e portò il naso vicino alla sua fica, mentre le mani continuavano ad impastare i suoi capezzoloni. Il suo naso si avvicinò alle mutande della sua donna e ora lo sentivo annusare intensamente l’odore che si sprigionava dalla sua vagina, poi le mani si staccarono dalle tette e si intrufolarono dietro il fondo schiena palpando i glutei della porca.
Fernanda inerme e mezza nuda era ormai “rassegnata” e pronta a prendere la sua dose di cazzo che non tardò ad arrivare.
Infatti Stefano si sbottonò la patta dei pantaloni e tirò fuori un cazzo lungo, con una cappella molto grossa. Con decisione salì sul divano e senza tanti complimenti le piantò il cazzo in bocca.
L’eccitazione per me era davvero incontrollabile, la patta non era più in grado di contenere il cazzo che quasi usciva dai pantaloni.
Intanto dai mugolii di Stefano, capivo bene che Fernanda stava lavorando con la bocca egregiamente, del resto conoscevo bene quanto era brava a spompinare cazzi. Mi ero appena iniziato a massaggiare il cazzo, quando Stefano con decisione esclamò:
S: - Allora che hai deciso? Ce la scopi…?
Non gli feci finire nemmeno la frase, mi tirai giù la patta, e liberai l’uccello dalle mutande.
Stefano mi sorrise soddisfatto mentre spingeva il cazzo nella bocca della bagascia
S: - Bravo! Ora la nostra Fernanda ci soddisferà per bene, vero?
F: -Mmmmh…
S: - Non ho sentito! Troia…
F: -Mmmmh!
Fernanda si liberò a fatica e rispose un veloce si, prima di riprendere l’uccello in bocca
S: - Ti piace il cazzo eh? Puttana!
Questa volta riuscì a fare cenno di sì con il capo, senza staccarsi dall'asta
Soddisfatto della risposta, si voltò verso di me sorridendomi, mentre lei insalivava per bene il suo cazzone.
Io intanto mi ero sporto verso il pavimento attirato dai piedini della zoccola e avevo cominciato a riempirli di saliva, mi eccitava il loro odore e quindi ciucciai tutte le dita, infilando la mia lingua tra le sue dita leggermente tozze da donna un po’ curvy qual è; non risparmiai nulla e la mia lingua leccò abbondantemente la pianta, il dorso e il tallone.
Lei sembrò gradire e nonostante non potesse dimostrarmelo con le parole perché occupata con il cazzo di Stefano, me lo fece capire spalmandomi il piede sul viso.
Dopo Stefano, le tirò via il cazzo dalla bocca e dopo essersi liberato di mutande e calzoni prese posto alla sinistra della donna, mentre io dopo aver ciucciato anche l’altro piede, mi sistemai alla sua destra. Fernanda si asciugò le labbra, umide di saliva con la mano e finalmente anch'io ne approfittai per togliermi mutande e calzoni. Ora eravamo entrambi pronti e con il cazzo in tiro.
Eccitatissimo Stefano, disse:
S: -Eccola la mia donna tra due cazzi. Ora devi soddisfarci…
Subito la sua mano afferrò il cazzo del suo compagno e iniziò a segarlo con delicatezza, io non avevo nessuna intenzione di aspettare il mio turno così afferrai la sua mano sinistra e le misi in mano anche il mio. Iniziò a segarci, mentre Stefano le infilava la lingua in bocca, ma io non volevo essere da meno così le infilai la mano tra le tette iniziando a palpargliele con forza.
Poi la presi per la nuca e la costrinsi a interrompere lo scambio di saliva, anch’io volevo limonarla, oppose un po’ di resistenza ma la travolsi con forza e Stefano sembrò apprezzare.
Gli tenni la lingua in bocca per un po’ mentre con la mano tenevo la sua sul mio cazzo, obbligandola a continuare la sega.
Dopo un po’ si divincolò e rivolse di nuovo le sue attenzioni verso il suo uomo.
Ma presto fu interrotta da lui
S: - Ora alzati e facci arrapare.
F: - Cosa vuoi che faccia?
Gli domandò
S:- La troia! Alzati e denudati completamente…
Era ormai nuda, aveva indosso solo il body (che non copriva nulla) e le mutande; ma ormai Stefano, e anch'io, la volevamo nuda e completamente sottomessa ai nostri perversi comandi.
Nel frattempo lui si avvicinò al tavolo riempì due bicchieri di vino e ritornò al suo posto porgendomi uno dei bicchieri.
S:- Godiamoci lo spettacolo della nostra troia
E dopo avermi strizzato l’occhio, avvicinammo i bicchieri facendoli tintinnare
Nudi e con il cazzo in tiro guardavamo Fernanda improvvisare uno spogliarello, non si muoveva sensualmente stile ragazza night club, ma Iniziò a sfilare le uniche bretelle che le tenevano su il body, prima dal lato destro e poi da quello sinistro, fino a far scivolare l’intero indumento lungo i fianchi, poi con un movimento di bacino lo fece arrivare sul pavimento rimanendo con il solo perizoma bianco trasparente, da cui si intravedeva un folto campanaccio.
S:-Facci vedere il culo troia!
Fernanda si voltò e si abbassò, mostrandoci il suo abbondante sedere
S:- Si brava così…stasera ti apriamo il culo per bene
L’eccitazione iniziava a salire alle stelle.
Stefano si alzò dal divano si avvicinò alla sua donna e la cinse per i fianchi, mentre lei ancora a pecora ubbidiente eseguiva l’ordine di suo marito di mostrare le chiappe, e le assestò a mano aperta un colpo sordo sulle chiappe di Fernanda, la quale e emise un piccolo strillo
F:- Ahi!
Ne seguirono altri due con un’intensità più forte, che la fecero irrigidire. Tuttavia lei non sembrava sorpresa e non sembrò lamentarsi per questo tipo di trattamento, era sempre a pecora e remissiva vicino a lui.
Mentre gli schiaffi continuavano ad alternarsi sulle chiappe della nostra bella, mi alzai e la raggiunsi, mi sistemai davanti a lei e iniziai a smanettarmi il cazzo in prossimità della sua bocca. Il ritmo del rumore degli schiaffi ora sembrava aver preso una cadenza regolare e ora ad ogni impatto della mano contro le chiappe, Fernanda, non riusciva più a trattenere il dolore in silenzio e iniziava ad emettere una serie di gridolini sempre più intensi. Io osservavo la scena compiaciuto mentre la mia mano correva lungo l’asta a gran ritmo, mi stavo ancora trastullando davanti al suo visetto quando Stefano le intimò di prendermi il cazzo in bocca e lei come un automa spalancò le sua bocca ospitando delicatamente tra le sue labbra sinuose e rosse il mio uccello. Eccitato ovviamente afferrai la sua nuca e le sbattei il cazzo dritto in gola, conosceva bene la lunghezza del mio cazzo, ma volli subito rinfrescarle la memoria. Con questo gesto mi guadagnai subito l’approvazione di Stefano che mi guardò soddisfatto, mentre riprese a schiaffeggiarle il culo. Poi, mentre il mio cazzo scivolava nella sua gola, aggiunse
S: - Ti è mancata la troia, eh!
I: - Abbastanza!
S: - Ma non preoccuparti, ora recupererai tutto il tempo perso, potrai venire a trovarci tutte le volte che vorrai.
E mi strizzò l’occhio
Avevo il cazzo ancora piantato nella gola di Fernanda e quest’uomo nudo davanti a me, tra una sculacciata e l’altra, mi stava offrendo a tempo indeterminato quella che ormai potevo definire essere sua moglie. A queste parole, Fernanda cercò di liberarsi dalla mia salda presa, forse con l’intenzione di dire finalmente la sua, ma ignorai le sue proteste e continuai a tenerle la faccia piantata sul mio cazzo.
Anche Stefano aveva avuto l’impressione che lei volesse dire qualcosa, così un ceffone molto forte le raggiunse sulla chiappa sinistra.
S: - Tesoro, spero che tu non abbia nulla da dire, sulla decisione che ho appena preso.
Le urlò eccitato
Intanto io mollai la presa per darle la possibilità di replicare, le cavai il cazzo dalla bocca e feci un passo indietro.
F:- No, non ho proprio nulla da dire, se non che siete due luridi porci
S:- Da oggi avrai due uomini, dovrai accontentarci, ogni volta che te lo chiederemo.
F:- Farò del mio meglio…
S:- Brava! Ora cammina a quattro zampe, con la lingua di fuori e vai a riprendere il cazzo al tuo nuovo padrone
Fernanda eseguì l’ordine senza esitare, me la vidi arrivare difronte con le tette penzolanti e con la lingua di fuori e quando mi fu vicina riprese a leccarmi il cazzo. Intanto Stefano, si diresse verso l’impianto hi-fi e mise su un po’ di musica per allietare la situazione.
Rimasto solo con lei, le staccai il cazzo dalla bocca, la presi per le braccia e con forza la tirai a me facendola alzare dal pavimento, le misi la mano nelle mutande fradice e gliela infilai all'interno della figa bagnata, la sentì grondare di voglia e subito dopo le infilai la lingua in bocca senza alcun ritegno, fu un bacio molto lungo mentre la mia mano sinistra libera correva su tutto il suo corpo alternandosi tra palpate sul culo e palpate sui grossi e burrosi seni maturi. Intanto il suo uomo era tornato tra noi:
S:- Speravo tanto che tu fossi così porco! Mi piace molto l’iniziativa, non avere imbarazzo, più la sottometti più mi eccito…
Sentì solo l’essenziale di quelle parole, così piantai in maniera più decisa la mia mano tra le sue cosce e iniziai a masturbarla con ritmo, era un fiume in piena, le sgrillettai la fica per un bel po’ mentre la mia lingua continuava a correre nella sua bocca; presto iniziai a sentirla gemere di piacere, prima in modo sommesso e poi sempre più ansimante, finché non raggiunse l’orgasmo. Le mutande erano scivolate in fondo alle caviglie e questo le impedivano un’apertura più ampia delle gambe.
Estrassi la mano intrisa di umori della sua fica, e la lasciai riprendere qualche secondo e con il cazzo ancora in tiro andai a farmi un goccio di vino.
Intanto Stefano si avvicinò a lei e iniziò ad accarezzarle la faccia, sussurrandole in maniera molto esaltata
S: - Eri molto eccitata, vero? Ma ora dovrai soddisfarci ancora e poi ancora e poi ancora…
E le sue labbra afferrarono il lobo destro dell’orecchio, mentre la lingua trovava spazio al suo interno.
Lei ancora in preda al precedente orgasmo gli rispose arrendevolmente:
F: - Si, fatemi quello che volete, sono la vostra troia!
Io nel frattempo sorseggiavo il mio bicchiere di vino mentre mi godevo soddisfatto l’eccitante siparietto.
Poi lui le intimò di voltarsi, e una volta fatta piegare a pecora, si abbassò e le avvicinò il grosso e venoso cazzo in prossimità della fica.
Iniziò a strusciarlo contro le gonfie labbra vaginali di Fernanda; io ora da dietro potevo ben vedere le chiappe della vacca, erano di un colore rosso vivo per via delle forti sculacciate.
Stefano continuava intanto tra una strusciata e l’altra a sussurrargli porcate nell'orecchio e lei lo lasciava fare eccitata mentre con la mano iniziò a toccarsi il clitoride con insistenza.
Ad un tratto la verga dell’uomo sparì tra le sue labbra, seguito da un strepito di Fernanda, e una volta dentro quel maiale iniziò a scoparla con veemenza, sentivo sbattere con forza i fianchi sulle chiappe della mia ex suocera.
Ben presto il rumore fu coperto dai gemiti della troia, che iniziava a lasciarsi andare e a sussultare ad ogni vergata.
Stefano nonostante l’età non più giovanissima dimostrava un ottima prestanza fisica e la penetrava con forza e decisione: le sue mani erano poggiate lungo i fianchi e continuava a muovere il bacino con ritmo e intensità da non dare nemmeno un minuto di tregua alla sua donna che gemeva come un’ossessa.
Intanto io terminato il drink mi avvicinai ai due con discrezione, non volevo interrompere il loro amplesso, ma avevo voglia di lei.
Tuttavia decisi di lasciare scopare i due e per un po’ rimasi in disparte prima di buttarmi nuovamente nella mischia.
Stefano ignorando la mia presenza aveva ripreso il turpiloquio e da lì a poco nella stanza ricominciarono ad echeggiare i suoi schiaffi sulle natiche di Fernanda. Una volta
F: - Ahi!
E ancora:
F: -Ahi!
E poi con più ritmicità:
F: - Ahi! Ahia! MI fai male…
La situazione ora era troppo coinvolgente per non prendere parte così con molta delicatezza mi avvicinai a lei, e le sbattei la gonfia cappella sul viso, ero così concitato che gliela spalmai ovunque: sulle labbra, sul naso, sulle guance fino a farglielo scivolare con decisione in bocca.
Era eccitata come una vacca, lo vedevo dai suoi occhi vitrei e quando Stefano aumentò i colpi nella sua fica, i suoi occhioni divennero fanali, allora l’afferrai per la nuca e le spinsi il cazzo in gola, in profondità, trattenendoglielo all'interno per qualche secondo e limitandole involontariamente il flusso respiratorio.
Le vergate, continue, di Stefano e il mio ingombrante cazzo nella bocca le fecero trasalire l’orgasmo, che si manifestò non appena le liberai la calda bocca, permettendole così di emetterlo in modo energico e spossante.
Soddisfatto cercai lo sguardo e l’approvazione di Stefano, elogio che potei cogliere distintamente sul suo volto, infatti alla mia occhiata seguì un cenno con il capo seguito da un ghigno da vero maiale.
Impassibile dell’affanno della sua donna, continuò a rimanere dentro di lei e a scoparla con tenacia.
Fernanda continuava a rimanere nella sua posa da baldracca mansueta: inerme, con il culo in aria e in balia dei colpi del suo compagno.
Ad un tratto lui venne fuori dalla fica e con irruenza le impose di voltarsi e dopo averle allargato per bene i morbidi seni, le ficcò tra essi il pene, poi prese le mani della donna e gliele portò sulle tette e in maniera energica esclamò:
S: - Fammi venire sulle tette, ora!
Fernanda senza dire una parola, avvolse il cazzo dell’uomo con i suoi grossi e burrosi seni e iniziò a muovere delicatamente su e giù le tette.
Stefano più eccitato di prima ora pretendeva che la sua donna lo fissasse negli occhi mentre eseguiva quell'invidiabile spagnola. Ovviamente lei succube di lui, faceva tutto quello che le veniva ordinato; ma tra quelle mammelle Stefano ebbe ben poco da resistere, infatti dopo pochi secondi emise dei gemiti liberatori mentre flotti di sborra calda inondarono ovunque la nostra donna.
Chiaramente soddisfatto, si allontanò per andare a farsi un altro goccio, mentre la sua donna approfittando della tregua si ripuliva e recuperava il fiato.
Con lui momentaneamente fuori dai giochi, ne approfittai e presi subito il comando della situazione.
Lei era ancora in ginocchio sul pavimento, intenta ad asciugarsi con le mani l’abbondante sborra che le colava dalle tette.
Mi avvicinai a lei e senza alcun preavviso, le posai le mani sul culo e poi tra le cosce e iniziai a sditalinarla; le mie dita scivolarono dentro con facilità.
In piedi sulle sue ginocchia, mi diede subito del maiale, ma vedendo che non avevo alcuna intenzione di mollarla, provò a lamentarsi chiedendomi di lasciarla ripulire il seme dal corpo
I:- No, ti voglio ora! Vai giù
E con rassegnazione si abbassò, rimanendo con le tette insozzate di sborra e assumendo nuovamente la posizione a pecora.
Una volta dietro la penetrai con vigore, riprendendo così l’azione precedente del suo uomo che ora, accanto a me, guardava soddisfatto gustandosi il suo drink.
Appena il mio membro fu dentro di lei, mi avvolse un gran calore e mi accorsi che la sua vagina era più spaziosa di come la ricordavo evidentemente il maniaco del suo uomo teneva la bagascia giornalmente in allenamento.
Mentre la scopavo con foga iniziarono a trasalire dei forti odori di trasudato vaginale, l’interno della sua fessa emanava ora odori intensi che iniziai ad annusare fortemente
I: - Sei in calore, eh? Sento i tuoi miasmi trasalire, Mmmmh!!
Ormai lei rispondeva solo a monosillabi; era totalmente inarcata in avanti con la schiena, la faccia poggiava in una nicchia che le sue braccia incrociate avevano formato sul parquet di legno.
La sua vagina trasbordante di liquido era guadata instancabilmente dal mio cazzo duro.
L’odore acre e la vista ravvicinata dei segni delle mani che il suo uomo le aveva lasciato sulle natiche, me lo fecero diventare marmoreo, quindi continuai a sbatterla senza pietà, sentivo la cappella pulsare in maniera distinta all'interno della sua vulva umida.
Mentre la sovrastavo, lei continuava a contrarsi per lo spasmo; aveva appena avuto un orgasmo, ma stava raggiungendo il secondo, sentivo il suo bacino contrarsi e i suoi gemiti erano sempre più forti.
Non pago, le infilai le mie mani sotto il busto alla ricerca dei suoi seni; una volta su di essi glieli strizzai con foga, poi con il pollice e l’indice di entrambe le mani afferrai i suoi capezzoli e iniziai a pizzicarle le areole.
La sentì irrigidirsi nuovamente e dopo pochi secondi, venne nuovamente come una cagna, ma subito dopo pochi istanti anch'io mi lasciai andare e feci partire dentro di lei una copiosa schizzata di sborra calda che andò a mescolarsi con i suoi liquidi.
Soddisfatto mi ritrassi, accasciandomi a terra supino, mentre lei si accasciava prona con le gambe aperte in avanti favorendo la fuoriuscita del mio seme che ormai le scivolava dalla vagina.
Alla fine della serata eravamo tutti e tre soddisfatti e quella notte la passammo assieme in casa.
Fu grazie a l’esperienza di quella notte se oggi siamo diventati un trio regolare e affiatato.



Questo racconto di è stato letto 6 3 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.