Erotici Racconti

Altro che frigida

Scritto da , il 2017-04-20, genere sentimentali

Era tanto tempo che si era accorto di lei.
Di quel suo modo di vestire, di come camminava, come parlava.
A lui dava tanto fastidio e dentro di se l'aveva soprannominata "Signora Frigida"
Di solito vestiva lounghet, scarpe col tacco, tailleur di colore nero d'inverno e d'estate colori spenti, accesi, tenui. Non c'era una regola d'estate. L'unica regola era farsi notare.
E a lui dava parecchio fastidio. Così come dava fastidio ogni volta che lei parlava. Non a lui. A lui non aveva mai rivolto la parola, ma con le persone che la circondavano. Tutta professionale, le parole ben scandite, guardava negli occhi l'interlocutore come per denudarlo dai suo pensieri finché quest'ultimo non abbassava gli occhi imbarazzato e di se stessa nemmeno un accenno di sentimenti, di pensieri. Di lei mai nessuno capiva nulla perché lei era impermeabile agli scruti altrui.
L'aveva studiata a lungo in ogni minimo particolare. Tante volte sognava di prenderla, di penetrarla con forza. Sentirla urlare di dolore. Non sarebbe stato dolce con lei perché lei non meritava dolcezza. Voleva farla uscire da quel suo modo di essere, di comportarsi. Voleva farle provare i sentimenti veri; dolore, sofferenza, umiliazione e perché no, anche piacere. Si era masturbato tante volte sognarla mentre le toglieva la maschera..
Anche quel giorno la studiò attentamente. Era più bella del solito. Tubino nero con uno spacco vertiginoso dietro, giacca nera, un camicetta di pizzo beige sotto con tre bottoni aperti da i quali si vedeva anche il pizzo nero del reggiseno, collant neri(non sapeva se erano autoreggenti. Non osava sperare così troppo), scarpe col tacco 10. Perfetta!
Stava camminando di fretta lei e mentre si girava si sono scontrati.
Ops, scusi- fece lei è un sorriso timido le si abbozzo nel viso.
Era la prima volta che si guardavano negli occhi e da così vicino. Era la prima volta che lui fu attirato dal suo viso. In un attimo notò la perfezione anche li, ma non gli dava fastidio, anzi.
Vide quei suoi occhi verde scuro con le ciglia lunghissime, i zigomi alti e la boccuccia semiaperta e come per un incanto tutto il suo odio si trasformò in qualcosa di tenero come se volesse farsi perdonare per tutte le volte che aveva pensato male di lei.
Non si preoccupi signorina,- le disse - ma dove va così di fretta?!
A fare colazione- rispose lei.
Fatalità anche io!-disse lui prendendo la palla al balzo. -Vuoi venire con me nella pasticceria qui vicino?
Lei annuì.
Presero tutti e due cappuccino e brioche e lei pure la spremuta. Mangiucchiavano e parlavano di tutto come fossero amici da sempre.
Lui a suo agio racconto' un aneddoto, lei ridendo fece cadere la spremuta sulla sua bella camicetta.
Oh no!- disse dispiaciuta- e ora? Tra poco ho un appuntamento accidenti.
Lui si alzò a pagare.
Vieni,- le disse- andiamo a casa mia. Abito qui vicino. Te la lavi e l'asciugiamo con il fon.
Dai non ti preoccupare che fai presto.
Ubbidì come una brava bambina. Entro' in casa sua e andò direttamente in bagno dove tolse la camicetta e il reggiseno. Lui, con il fon in mano entrò senza bussare. Lei si coprì il seno imbarazzata e lui dolcemente le disse: ti prego, fatti guardare!
Tolse le mani guardandolo negli occhi. Lui le prese il viso tra le mani e cominciò a baciarla dolcemente, ma con tanto trasporto.
Dio, come sai di buono!- le disse- mentre le mordeva le labbra, gliele succhiava, intrecciava la lingua alla sua scambiando saliva calda.
Poi scese sul collo, seno, le mordicchiava e succhiava avidamente i capezzoli, pancia per scendere in fondo nel suo posto magico.
Lei tolse la gonna, lui i suoi pantaloni.
Lei rimase con il perizoma nero, autoreggenti e le scarpe col tacco.
Fatti ammirare,- disse lui stupefatto-adoro la donna vestita così! Sembra tu ti sia preparata per me oggi. Gli tolse il perizoma e comincio a baciarla tra le cosce, le annuso il sesso gonfio e vide che lei era umida, calda e vogliosa di lui.
Lei gli avvolse le braccia al collo, le gambe intorno al bacino.
Ti voglio,- disse lei senza pudore e lui l'appoggio al muro freddo scopandola come impazzito. Le mani di lui sul suo culo sodo che la sorreggevano e davano ritmo e lei non avendo altro modo di muoversi, spingeva il bacino avanti all'incontrario suo così sentiva il suo cazzo entrargli a fondo regalandole il paradiso. Si baciavano, si leccavano, si graffiavano, si mordevano. I respiri affannosi, i sospiri, i gemiti indicavano che stavano per godere entrambi.
Posso venirti dentro?- chiese lui sussurrando.
Lei annuì e in un attimo il suo sperma caldo la invase tutta è un urlo: OH SIIIII!!!-uscì dalle sue labbra. Sfiniti caddero sul pavimento tra le braccia dell'un l'altro.
Lui le accarezzava i capelli e le diceva di continuo: io pensavo fossi frigida! Io pensavo fossi frigida! Ti vedevo così fredda....
Era la mia maschera-rispose lei sorridendo- voleva nascondere il fuoco che c'è in me riservato a te. Per fortuna che lo hai scoperto !

Questo racconto di è stato letto 1 1 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.