Questa volta vi racconterò di Alba

Scritto da , il 2020-11-10, genere interviste

Come ogni giorno, Alba non aspettava altro che l’arrivo della sera per dare sfogo alle sue passioni. Aveva fatto un patto con la notte che l’avrebbe coperta, con il suo velo scuro, dagli occhi indiscreti dell’invidiosa Luna. Organizzava incontri notturni con tutte le stelle del creato, si dava alla pazza gioia del sesso sfrenato, anche con più stelle contemporaneamente; ma nella sua lingua non le chiamava orge. Che brutta parola!
A dire la verità non aveva un nome ciò che lei faceva. Era convinta che prendere piacere e regalarlo a sua volta fosse qualcosa di meraviglioso: rendeva felici le stelle, ma soprattutto se stessa. All’inizio cominciava piano piano, si infilava nel letto della prima stella, l’accarezzava, le faceva le coccole... La prima fortunata non era sempre la stessa, cambiava di continuo. Lo faceva per provare ogni volta emozioni nuove. E poi, diciamo la verità, ogni stella era diversa nel suo modo di far l ’amore: particolare, inconfondibile, unica.
Comunque, questo era solo l’inizio, un riscaldamento, l’antipasto, l’assaggio di ciò che sarebbe avvenuto dopo.
Appena finiva con una, andava dall’altra, e dall’altra ancora, e non era contenta se non entrava nel letto di ognuna facendola godere, e le stelle, una volta che avevano goduto, andavano a fare il loro dovere contente: Brillavano.
Oh, come godeva la nostra Alba! Era instancabile, insaziabile, sfacciatamente adorabile. E le stelle non erano gelose, non sapevano cosa fosse la gelosia, un sentimento stupido umano. Non sapevano cosa fosse la possessività: la ritenevano un difetto terrestre. Non volevano neanche avere la precedenza. Le stelle sono pazienti, non hanno fretta.
E Alba andava leggera, libera di vivere la sua sessualità come più le piaceva.
Quando riusciva ad arrivare dall’Orsa Minore o dall’Orsa Maggiore con tutti i loro figli - tranquilli, tutti maggiorenni - era la cosa più appagante che le potesse capitare.
Le visitava poco perché erano lontane, ma era una goduria senza precedenti. La riempivano ovunque, in ogni suo più nascosto anfratto ed era assurdo di come poteva godere anche nei buchi più, diciamo, insignificanti. Non pensate solo davanti, nel suo lago caldo, né dietro nel suo buchino stretto, né nella gola accogliente e profonda che succhiava come volesse aspirare la vita per vivere in eternità. Alba godeva e faceva godere anche con le mani, con i piedi, con le ascelle, con il naso, che ogni tanto infilava nella rosellina scura o strusciava sul piccolo forellino sul glande, o quando lo faceva nuotare nella morbida intimità delle stelle donna. Sì, le stelle possono essere femmine o maschi, possono avere ambedue i sessi. Me l’ha raccontato proprio lei. Alba non si faceva scrupoli, non aveva preferenze se da chi stava prendendo piacere fosse uomo o donna, anche questo lo riteneva una stupidità degli umani che non sanno apprezzare i piaceri del sesso. Com’erano complessi questi umani! E come perdevano il meglio della vita con i loro limiti imposti da persone frustrate, frigide, impotenti, nate già vecchie prima ancora di crescere e diventare adulti.

Era bella Alba quando veniva sopraffatta dalla passione nella presa di una miriade di stelle. In quel momento nemmeno la notte riusciva a coprirla più e Luna, inorridita, poteva sbirciare. Allora le stelle si riunivano più strette, accese di desiderio si illuminavano ancora di più, e Luna, accecata da quello splendore, non riusciva a percepire più nulla di ciò che stava succedendo. Provava gelosia per la bella Alba e si assottigliava ogni notte, finché dall’invidia spariva. A volte, invece, diventava gonfia di rabbia. Aveva un aspetto ridicolo con quella facciona tonda. Cercava l’attenzione delle stelle, ma loro avevano occhi solo per Alba. A quel punto l’invidia la consumava finché non svaniva del tutto.
Le stelle nascondevano Alba con il loro splendore e voi vi chiederete perché.
Ve lo spiego io, non abbiate fretta, così come Alba non ne ha nei suoi amplessi, nonostante debba soddisfare tutti.
Alba è figlia del Sole. Ecco, spiegato il motivo della sua bellezza. E Luna, gelosa, faceva la spia. Il padre per punizione e per insegnarle le buone maniere, la chiudeva in camera sua. Alba non si era mai opposta a questi castighi. Anche volendo, dopo una notte intera di sesso sfrenato, era stanca morta e non aveva forze per stare in piedi. Aveva bisogno di dormire per ricaricare le energie e ripartire la notte dopo con la stessa frenesia.
Non si sa se il padre l’avesse capito, fatto sta che questo rituale si ripeteva da sempre, da quando il nostro mondo è stato creato. Comunque, Sole lo faceva per il bene di sua figlia ribelle e spregiudicata, per farla riposare un po’ dopo le sue marachelle.
Dopo averla sgridata, in quel momento Alba diventava rossa, la abbracciava con fare paterno e le ordinava di andare a letto.
“Ok padre! - le diceva la birichina con quel suo sguardo vispo e dispettoso - vado subito... prima però permettimi di salutare i miei amici.”
Sole non aveva la forza di contraddirla. Si sentiva in colpa, perché non si può punire un animo libero come il suo, solo che da buon padre doveva fare il suo dovere.

Prima di andare via, Alba scendeva sulla terra. Abbracciava l’erba rivestita di rugiada, abbracciava i fiori, gli alberi, le montagne, vestiva tutto del suo manto azzurro con delle sfumature blu, viola, rosso e rosa, e finalmente andava a dormire. Non chiedetemi dove dorme Alba. Non ve lo racconto. Non voglio che la disturbiate.
Vi garantisco che è bellissima anche nel sonno. Cambia colore di continuo. Chissà quali sogni sconci fa la nostra birichina.

E Sole, mentre lei dorme, sapete cosa fa? Va ad asciugare la rugiada, che altro non è che le gocce di piacere degli amplessi della nostra Alba con le stelle durante il godimento. Ce l’ho un po’ con lui perché quel piacere disseta i fiori, le lumache, che vivono grazie a quel succo divino, i ricci che pigramente si muovono per riuscire ad aspirarlo tutto, le farfalle colorate che diventano più sgargianti quando volano su ogni fiore bagnato di dorata rugiada, ma poi lo capisco: fare il genitore non è mai facile. Lui non riesce a vietarle di fare baldoria, ma poi copre le tracce delle sue marachelle.
Comunque non preoccupatevi perché Alba regalerà ancora e ancora la sua rugiada ad ogni essere che avrà sete o si vorrà beare di quel nettare saporito, gustoso e profumato.
Così ha fatto anche questa mattina. Dalla mia finestra, che ieri sera avevo tenuta aperta, l’ho vista sparire. Ha lasciato dietro di sé una scia che sa di fresco, di bellezza, di vita.
Mi stiracchio nel letto mentre la vedo svanire piano piano con il suo fascino sensuale. Nell’aria e nello sguardo mi resta la carica sessuale che lei dona a tutti gli esseri viventi nel momento in cui li ridesta. Le sorrido come in un sogno e poi la ringrazio di questo bel risveglio!

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.