Nelle sue mani

Scritto da , il 2020-04-29, genere etero

“Che fai a pancia in giù?”
“Ti stavo aspettando.”
“E da quando in qua mi aspetti in questo modo?”
“Che palle… Ho voglia di un massaggio. Sarebbe chiederti troppo?”
“Completo?”
“Hum… sì.”
“Con la concentrazione di preferenza su certi punti?”
“Beh sì. O vuoi che ti insegni tutto?”
“Con qualsiasi mezzo?” - le chiede lui ignorando la sua risposta pungente.
“Anche... Basta che sia parte di te”
“Hum, ma così limiti la mia fantasia...”
“O ti faccio approfondire le tue conoscenze. Dipende dai punti di vista”.
“Quanto mi piace il tuo lato B!”
“Lo so. Me lo dici sempre”.
“Eppure è da un bel po’ che non ci gioco...”
“È possibile che arrivi subito al dunque? Non trascurarmi le altre parti del corpo, altrimenti te lo scordi il mio sedere”.
“Aspetta. Fammelo ammirare. Lo devo scaldare un po’. Accenderti, prima di massaggiarti il collo e le spalle.”


Le mani dell’uomo passano sulle belle chiappe tonde. Le massaggia freneticamente, gliele impasta come fossero due pagnotte. Le allarga aprendo il solco e esponendo alla vista il buchino...
Poi le infila una mano e la fa scivolare sotto...
Nel paradiso del suo piacere.
Lei mugola, si lamenta.
“Ma che fai là sotto? Voglio che cominci dal collo, dalle spalle, capisci?”
“Abbi un po’ di pazienza, tesoro. Non c’è olio per i massaggi, e quindi ne prendo un po’ qui sotto. Non ti preoccupare. Non finisce. Anzi più ne prendo, più ne esce fuori.”

Con i suoi succhi l’uomo le passa sul solco. La mano in verticale, come una spada. Lei si dimena.

“Così non vale” - miagola.
“Lascia fare a me, fidati. Lascia fare a me... “

Si sdraia sopra di lei, mentre la mano sul solco preme come volesse entrare nel suo buchino e allargarlo.
Le riempie di baci il collo, glielo succhia avido, lasciandole un segno. Lei geme di piacere.
Il peso di lui la schiaccia. Forse vorrebbe un po’ di più libertà di movimento, ma tanto forse, perché le piace troppo non aver scampo, essere la sua preda.
Scivola sul corpo di lei come un’anguilla mentre le bacia ogni millimetro di pelle scoperta: collo, spalle, schiena...

“Che fai?” - gli domanda gemendo.

“Sto usando la mia saliva. Ora le mie dita scivolano meglio. Sei pronta per il massaggio”.
Lui toglie la mano dal suo sedere.
Lei è contrariata.

“Non adesso. Proprio sul più bello!”

“Donna esigente... e di poca fede” - le sussurra mentre come una ventosa si attacca al suo fiore e lo succhia aspirando e trasmettendole brividi intensi. Lo bacia e lo stuzzica con la punta della lingua, spingendolo ad aprirsi a quella penetrazione.

“Dio, ti amo solo per come sai scopare. Per come mi fai soffrire. Per come sei imprevedibile ogni volta e ogni volta non fai mai quello che io voglio...”

Lui fa per dire qualcosa, ma lei con una mano gli tiene la testa ferma tra i suoi monti.
“Prova a togliere la bocca da lì e ti ammazzo”. - lo minaccia.
Le sue parole si soffocano nel suo buchino, la penetrano fino al cervello quando la lingua lo esplora ancora più a fondo.
La mano di lui si sposta sul davanti e la masturba. Due dita trovano strada facile per scivolare dentro e il pollice le massaggia il sensibile bottoncino.
Lei abbassa le difese.

“Le tue dita dentro mi fanno impazzire… vinci sempre tu…”

Ormai è prossima all’orgasmo.
Ma ecco che a tradimento, quando sta per essere portata in cielo, lui smette di lavorarla con mani e bocca. Si sposta di scatto.

“Nooo”- le dice lei delusa e questa volta la lamentela è autentica.
“Aspetta. Non ho finito. Devo ‘approfondire‘ anche con qualche altra parte del mio corpo”.
Le avvicina il membro duro tra le labbra del sesso, senza penetrarlo. Lo sfiora solo per bagnarlo nei umori che fuoriescono. Poi si posiziona di nuovo sulle sue natiche.
“Allargale! - le ordina con la voce roca - Apriti per me.”
Lei ubbidisce. Solleva il bacino e con le mani si apre. In un colpo solo le scivola dentro.
“Bastardo!”- gli dice tra i denti, ma lei ama questo bastardo che la prende in modo così animalesco.
“Ti sto inculando! - le dice - mi mancava il tuo culo. Lo sai quanto mi piace”.
“L’hai sempre avuto lì” - gli risponde.
“E’ vero, ma non mi ero mai accorto quanto mi era mancato fino ad oggi”.
Si tira su, tenendo incollato solo il bacino contro le natiche. La schiaccia forte penetrandola più a fondo e con ritmo.
Le mani di lui le hanno afferrato i lunghi capelli divisi in due codine. La tira forte a sé. Lei inarca la schiena, elastica come una gatta. Si fa fare di tutto, le piace tutto. Sentirsi così posseduta è fantastico.
Lui si muove, la apre in due tirandole sempre i capelli. Le sussurra. Pezzi di frasi di passione strappate che arrivano alle orecchie e graffiano. Sembrano arrabbiati, sembrano posseduti. Sembra quasi non ci sia amore ma solo un pazzo desiderio di godere. Godere del dolore piacevole che entra da lì dietro e le scorre in tutto il corpo.

“Sei la mia bella cavalla, lo sai? E io ti sto cavalcando al galoppo. Voglio superare tutti gli ostacoli e vincere il premio del tuo orgasmo. Dimmi quando sei pronta!”

“Ora. Sto per venire... oh Dio sììì!”

Lui spinge come un forsennato. I suoi gemiti lo fanno impazzire. Lei non si fa scrupolo di trattenerli. Li lascia liberi, per il piacere di entrambi.



Un ultimo colpo e lui crolla sul suo corpo, scarica il suo caldo piacere dentro di lei, nel limbo del posto proibito. In quel terreno dove solo a lui è consentito esplorare. È il privilegiato e se ne compiace.

Questo racconto di è stato letto 5 2 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.