Nel palazzo l’Alda fa parlare di se ( da un caso realmente accaduto) 1)Chi è Mou e cosa vuole ?

Scritto da , il 2017-02-06, genere etero

La signora Arialda da tutti chiamata Alda è una 48enne ben tenuta, capelli coloro mogano, un viso fresco, due occhi chiari e vivaci, la bocca ben disegnata, il corpo è ancora tonico con la pelle non rilassata ma elastica e liscia, un bel paio di gambe asciutte e delle cosce con un interno ancora resistente; ma quello di cui la signora Alda è stata sempre orgogliosa è il culo: un culo a mandolino. Insomma la signora Alda sa di non essere il più bel frutto del bigoncio ma sa di fare la sua figuretta anche se ormai sono anni che non guarda gli uomini e a volte pensa di non sapere più come si fa e poi tutti quei problemi con la sua menopausa: è cominciata non è cominciata, quei disturbi che vanno e vengono.
La nostra signora Alda, vedova da 10 anni, vive in un grande complesso residenziale e ci vive bene anche se è rimasta sola da 7 anni per la partenze dei 2 figli. Da alcuni settimane lei osserva un certo movimento nel rez-de-chaussée della sua scala, è un piccolo locale con una camera molto grande con finestra, una cucina a vista con finestrella alta ed un bagnetto con una bocca di lupo. Senza sapere né leggere e scrivere una mattina l’Alda telefona all’Amministratore e le riferisce del movimento la risposta della segretaria e breve e chiara: “ ha fatto bene signora a riferirci le sue perplessità ma non si preoccupi è un operaio della ditta di manutenzioni.Grazie e arrivederci.” Ora è tranquilla ma la sua curiosità non è appagata. Alda esce presto per andare in ambulatorio, sta per chiudere la porta dell’ascensore ed all’improvviso alle sue spalle sente: “ buon giorno signora” lei si gira e vede un ‘uomo di origine africana alto quanto lei dall’aspetto comune; un uomo come tanti che si possono incontrare per strada tutti i giorni. “ ah! Dice l’Alda lei è quello delle manutenzioni? sa, avrei proprio bisogno di farmi sistemare qualcosa sul mio terrazzino quando può venire?” “ signora io sono Aziz e posso venire solo domenica dopo pranzo se non è un lavoro impegnativo” “ va bene, va bene, l’aspetto alle 16 domenica “ va di fretta l’Alda. Domenica alle 16 alla porta c’è Aziz lei prima rimane sopresa poi si riprende e dice “ Ah!ah SI!! venga, venga!!” e lo porta sul terrazzino; il lavoro dura poco e lei vorrebbe ricompensare questo bravo uomo che non accetta però assolutamente “ Allora accetta un caffè?” Si, quello si!”. Alda e Aziz si siedono al tavolo e bevono il caffé;Aziz guarda la signora con uno sguardo da cane fedele ma l’Alda si turba ancora di più quando la mano dell’uomo si pone sul suo ginocchio e lentamente sale; lei istintivamente stringe le gambe,lui la fissa, addolcisce gli occhi , scuote la testa mentre mentre la mano è già arrivata all’inguine allunga un dito e sente il bordo della figa, sale arriva al clitoride. Alda ha una reazione improvvisa e violenta: prima serra fortemente le gambe e poi le slarga completamente. Aziz non credeva di avercela fatta così presto e a quel punto si alza e porta la mano di Alda sulla patta del pantalone al cui interno c’è un cazzo in piena erezione, lei tenta di ritirarla ma la presa è forte e non cede, lui si accosta di più infila la mano nel reggiseno e agguanta senza difficolta il capezzolo massaggiandolo e strizzandolo, Alda geme, lui gli tira fuori la mammella e la succhia, a questo punto Alda apre le gambe e allora Aziz le lavora il clitoride. È bravo Aziz a sganciarsi la cintura dei pantaloni che scivola ai piedi insieme alle mutande; alla vista del cazzo duro Alda ha un momento di blocco ma lui le prende la testa a la porta giù in modo da infilarle in bocca il cazzo duro. Veramente la cosa non è durata molto e non è stata nemmeno un granchè, ma per lui è stato uno sfogo per lei si è riaperta una porta. È passata una settimana da quella esperienza e Alda non ha più visto Aziz le piacerebbe rivederlo, in fondo è un bravo uomo; dal balcone sul quale si trova lo vede rientrare corre immediatamente all’ascensore, scende ed uscendo fa in tempo ad incontrarlo, “ senta Aziz dice Alda con un poco di fiatone quando sarebbe libero lei ? ho qualche cosa..” ma Aziz Non la fa finire di parlare “ Signora io non posso per ora ma mando mio parente lui non bravo ma super bravo.Lei rimane in case io mando adesso” Aziz corre via lasciando Alda in confusione ma lei capisce il perché:vede Aziz con un bambino in braccia ed una donna. È arrivata la famiglia. Delusa Alda torna a casa ma un’ ora dopo bussano alla porta dinanzi alla quale c’è un ragazzone che dice “ mi manda Aziz” “e tu che cosa vuoi?” “ io? Tu che cosa vuoi” poiché la discussione sulla porta si fa sgradevole lei lo fa entrare “che cosa ti ha detto Aziz?” “ che tu hai bisogno di lavoro io no so altro” “ prendi la scala ci sono tre lampadine da cambiare” “ io devo cambiare lampadine? “ “OK va bene? io sono MOU “ prende una mano di Alda e se la porta sul pantalone che la tira via furibonda, “ ah ! ah! tu spaventata per non sentire niente ?” e rapidamente Mou si toglie le scarpe, il maglione ed il pantalone restando in mutande “Vieni Signora”. Alda è sconvolta non le piace questa storia nella quale si è cacciata ma intanto le mani di Mou cominciano a toccarla dappertutto, lui in mutande le è addosso la lecca, la bacia sul viso è riuscito a strappargli mezzo vestito e le ha tirato fuori il seno, glielo succhia, lo schiaffegga, l’afrore della pelle le sale su per le narici e in parte la disturba ma in parte la turba, strisciando e spingendosi lungo il muro entrano nel salotto e cadono sul divano.
ll giovane ormai l’è completamente addosso, riesce a tirarle via la gonna e la fa rimanere in mutande e la cosa lo eccita ancora d più, ha il cazzo in tiro ormai e quando Alda lo vede rimane impressionata: è una volta e mezzo più grande e grosso di quello di Aziz che è uguale a quello della sua buonanima. Mou le strappa via anche la mutanda le apre le cosce e ci si mette in mezzo, la monta non importa che Alda faccia voci, lo respinga, che gli graffi le spalle lui la monta, più lei si ribella al suo cazzo e più lui la monta con forza e quando lei si limita a lamentare lui gli sversa nell’utero tutto la sperma che aveva nei testicoli. Sono là : Alda sul divano con le gambe aperte e con lo sperma che cola dalla vagina, il giovane nero a terra che ansima. Nemmeno la prima notte di nozze la buonanima l’ha scopata così!! Questa è la prima riflessione che viene spontanea ad Alda. Il giovane si alza e si avvicina ad Alda che guarda Mou fra le gambe e si compiace di aver soddisfatto uno stallone nero; “dov’è il bagno ? faccio doccia e dopo puoi darmi da mangiare ? grazie” le chiede Mou La cena è pronta; Mou è a tavola con Alda che lo guarda. “tu penses que je sois un animal?” “africain égal animal” “senti, ascolta non cominciare a fare discorsi sbagliati ehh!! Sei qui, mangi, bevi, non so nulla di te e non voglio sapere nulla va bene? Ora mangi e poi vai!! “ non posso restare questa notte ? poi domani vado da mio zio va bene?” “ non ho il letto pronto per te”” Tu non hai il letto grande ? “ “ SI” “ allora io dormo con te. Tu sembri brava signora come ti chiami” “Alda” “ grazie Alda” “ tu hai la televisione ?” “Si” “ posso vedere ? ” “Si, vai in salotto, sai usarla?” “ Si badrona bianca io sapere come fare tu non avere paura di uomo nero!!” Per un momento Alda si è sentita in imbarazzo forse ha sbagliato il tono poi ci ripensa “allora!!?? Credi di essere spiritoso?”
Ha sistemato tutto, si è preparata per lo nottata e va in camera da letto dove Mou è già sotto la coperta ma vedendola perplessa le chiede “ho sbagliato posto” “no, ma sei andato a letto senza pigiama?” “Bello letto, calda coperta non necessario pigiama, senza pigiama più facile fare amore No!??? tu dormi con pigiama? Vieni! dormi anche tu senza pigiama!!” È perplessa, ha dormito con il pigiama fin da bambina e adesso questo le dice senza pigiama! Alla fine va senza pigiama. Lui si attacca ad Alda,le mette una gamba sul fianco e le sistema il cazzo moscio fra le natiche,le da una stretta bella forte alle mammelle e si mette a dormire o fa finta di dormire cchissà!!
Certo è che Alda rimane sconcertata e non sa cosa fare infatti è rimasta immobile fin quando stanca comincia a cercare una nuova posizione. “ Brava tu muoviti così io mi eccito e facciamo ancora sesso ti piace? Possiamo divertirci io sto bene, ho mangiato, fatto bagno caldo, sento il tuo profumo possiamo scopare alla grande” detto fatto la mette supina, le fa aprire le gambe e poi le infila il cazzone duro in figa, sarà perché è giovane e gagliardo, sarà perché ha un gran cazzo, sarà perché la martella come un dannato, sarà perché le sta massacrando il seno con le sue mani e con la lingua ma certo è che Alda ha una scossa ormonale che eccitata le fa dire “ Si, SI, Ancora, non fermarti, non fermarti Si!!!” Mou che non aveva voglia di fermarsi perché per un’altra eiaculazione ci voleva tempo comincia veramente ad arrivare al limite dell’eccitazione. Alda comincia a dibattersi, stringe i pugni, graffia come una gatta in calore il povero Mou che nonostante mantiene lo stato eccitazione per non sborrare ma ora non ce la fa più e scarica ancora sperma nell’utero. Abitualmente Alda si alza presto ma questa mattina i postumi della notte l’hanno sopraffatta e quando sente il telefono squillare fa fatica a scendere dal letto; ha dovuto rifiutare la solita colazione al bar per un bagno più rilassante ed igienizzante. Mentre si lava e si riassetta pensa a tutto quello che è accaduto e non sa trovare spiegazioni e poi quello strano sconvolgimento che ha provato mentre Mou la possedeva cosa significa? E questo persistente stato desiderio di fare sesso? Perché non riesce a respingere quell’uomo? Perché l’idea che lui possa montarla ancora le piace? Perché sente l’utero contrarsi? Chi può aiutarla a ritrovarsi? Che deve fare ? “Mou avere fame!!” e ride Alda adesso che lo guarda alla luce del giorno non è un brutto uomo e poi sembra anche simpatico. “ Tarzan era bianco e Jane era bionda OK!! comunque i frigo c’è del latte, ci sono i biscotti, c’ è del pane insomma puoi arrangiarti una colazione”; lo rivede di nuovo alla porta del bagno con indosso un pareo fatto da un’asciugamani lunga “deve uscire signora?” “No” “e più tardi ?” “ “dopo pranzo sul tardi si” “ allora signora se Mou ti piace Mou fare ancora ficki-ficki con te S!?!?!” “No” “ badrona molto cattiva, badrona molto crudele Mou farsi segone”. Lei ha detto no e no sarà per due grosse ragioni: perché quest’uomo che è in casa sta usando questa tattica? che cosa vuole da lei ? perché quando lei si sente turbata sessualmente ha delle contrazioni uterine con perdite? Prende l'agenda e telefona alla sua ginecologa,mentre chiama pensa " meno male la ginecologa è donna che vergogna spiegare tutto questo ad un uomo" Pronto sono Alda dottoressa la telefono ho un'urgenza, quando? anche stasera? ma quando? è un poco tardi ma vengo. Grazie dottoressa a stasera.


2)a seguire
Mou si presenta.....

Questo racconto di è stato letto 2 8 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.