Giorno 9

Scritto da , il 2015-12-13, genere etero

Questa mattina proprio non riesco a svegliarmi. Dallo squillo della sveglia ad adesso è già passata una buona mezz’ora, io sono spaventosamente in ritardo, ma non riesco a curarmene più di tanto. Sto impiegando tempi biblici per fare qualsiasi cosa.
A svegliarmi ci pensa un messaggio di Diego: “Vorrei vederti al bar prima che tu entri in ufficio” .. Guardo l’ora, è impossibile entrare puntuale già adesso, tanto vale prendersi un’ ora di permesso.
“Ok. Quando esco di casa ti squillo.”
Non è molto che non ci vediamo, chissà che intenzioni ha. Non ho tempo nemmeno di pensare a questo. I vestiti sono già sul letto. Io pronta ad indossarli. Vestitino blu scamiciato, maglioncino grigio .. unica sostituzione dell’ultimo minuto, dedicata a lui, autoreggenti al posto dei collant, colore neutro. Apprezzerà. Scarpe blu, tacco verde .. gli piacciono.
Salgo in macchina e lo chiamo.
“Ciao Diego! Sto arrivando.. tu sei già lì?”.
“Ti aspetto al tavolo .. a presto”.
Ho voglia di vederlo, ma sono tranquilla ..
Lo vedo subito, mi siedo davanti a lui, lascio che mi osservi .. mi scruta sempre ed il suo sguardo va oltre le apparenze, lo sento entrare dentro, farsi strada spingendo i tasti giusti, assicurandosi di non dover chiedere permesso. Sa che lo lascerò fare. Il suo fine sembra essere quello di stupirmi. Lo farà anche oggi. Con Diego il sesso è un’esperienza “cerebrale”.
Allunga la mano ed io gliela prendo tra le mie. Un caffè veloce. “Volevo darti questo” .. prendo il pacco che mi sta porgendo, incartato con tanto di fiocchetto. Non capisco di che si tratti .. ma la cosa non mi stupisce. “Aprilo prima di salire in ufficio”.
Ci sfioriamo le labbra .. mi sorride .. “Ci sentiamo dopo”, il tono della sua voce è imperativo.
Salgo in macchina. Sono curiosa. Scarto il dono. Un biglietto ed una bottiglia d’acqua piena da mezzo litro. Inizio ad intuire .. oggi si gioca. Ed io adoro queste giornate. Queste le parole “Ora sali, metti la bottiglia sulla scrivania, mi pensi, eccitandoti, quando sei pronta te la porti in bagno e te la infili dentro, godendo. Quando hai fatto mi scrivi”.
Inizia la mia giornata al lavoro. Accendo il pc. Parlo con la collega del mio reparto ... intanto guardo la bottiglia, appoggiata alla scrivania, di fianco al monitor. Mi eccita. Una bottiglia di plastica mi sta facendo colare. La guardo .. ad ogni occhiata mi sembra sempre più quello di cui ho bisogno. Squilla il telefono, rispondo, e mentre parlo la prendo in mano, la soppeso, la osservo .. penso a quando sarà dentro di me, penso alla mia carne che l’avvolge, mentre do’ le giuste informazioni al cliente che vuole spedire merce in Australia. Impeccabile come sempre, tengo molto alla mia professionalità. Il cliente è soddisfatto, io pure. Penso a Diego, so che sta aspettando un mio messaggio. È un gioco coinvolgente. Io immagino la sua erezione nei pantaloni. Lui sa che io sono intenzionata a portare a termine il mio compito, nell’attesa che uno nuovo mi venga affidato, perché Diego difficilmente si ferma al primo step .. guardo l’ora, la giornata è ancora lunga.
Afferro la bottiglia. Prendo il cellulare. “Sto entrando in bagno”.
Non mi svesto, tiro su il vestito, allargo le gambe, sposto di lato le mutandine … e mi faccio una foto. Gliela mando. Mi tocco, so di essere bagnata, non ho bisogno di controllare. Con la mano raccolgo il mio liquido .. le dita scivolano sul clitoride. Ho l’altra mano appoggiata al muro .. io sono in piedi. Guardo la bottiglietta. Desidero quell’oggetto dentro di me, voglio farlo entrare .. ora lo appoggio, spingo lentamente, essendo piena di acqua la bottiglia mantiene la sua forma. Non smetto di toccarmi .. la sento entrare. Allargo le gambe e mi metto a cavalcioni sul water, l’asse è abbassato. Appoggio la bottiglia .. è già dentro .. devo solo scivolarci sopra. La forte eccitazione lubrifica abbondantemente. Posso divertirmi. Con una mano afferro il fondo della bottiglia per tenerla ferma, con l’altra mi masturbo .. inizio a cavalcare. So bene di non essere sola in ufficio, e non so per quanto lo sarò in bagno. Penso solo che mi piace, che sto godendo, e che sto per avere il mio orgasmo. Posso venire nel più completo silenzio .. ne sono capace e a volte mi piace sentire solo il suono del mio respiro. Il cuore che batte nelle orecchie .. il mio corpo che si irrigidisce … sino a quando raggiungo il piacere più intenso. La bottiglia sta scivolando fuori e dentro di me. Ora vengo .. Tengo la bottiglia dentro sino a quando finiscono le ultime contrazioni del godimento. Quando la sfilo la guardo .. è avvolta dal mio piacere, che sta colando lungo la forma cilindrica della plastica .. ok .. ora prendo il telefono, mando una foto della bottiglia a Diego.
“Quanto si vede che hai goduto ..Troia”
“Hai sete?”
La prendo in mano, tolgo il tappo, me lo metto in bocca e lo succhio, come fosse una caramella. Poi inizio a bere .. altra foto … “Io ho già bevuto .. ma ne ho lasciato anche per te ..”
“Stai attenta che vengo lì e ti faccio davanti a tutti”
… so che prima o poi accadrà.
Prendo la mia bottiglietta, la ripongo nella borsa .. e mi rimetto a lavorare.
Passano al massimo 15 minuti. Altro sms .. “Ti ho lasciato un altro regalino sul parabrezza della tua auto”
Alla prima occasione mi infilo il cappotto ed esco .. altro pacco dono. Salgo un attimo in macchina per aprirlo. Si tratta di un certriolo bello grosso, di un lubrificante per giochi erotici .. e di un preservativo. Ecco le istruzioni: “Come vedi ho fatto spesa. Questo ora te lo devi mettere nel culo” . Sospetto che lui sia nel parcheggio, e che mi stia osservando. La cosa non mi mette a disagio, anzi .. mi fa andare su di giri. Infilo il tutto nel beauty che ho sempre con me, e torno alla scrivania. Sbrigo qualche pratica, continuo nella routine quotidiana … ma non smetto di pensare al compito che mi è stato affidato. Ho in borsa il mio prossimo oggetto dei desideri .. e sento che ho bisogno di afferrarlo tra le mani. Così ogni tanto apro la cerniera del beauty e lo sfioro con le dita .. sentirne la consistenza, l’irregolare superficie e il suo fresco profumo mi apre la mente permettendo alla mia fantasia di andare al momento in cui sarò di nuovo sola. So che il mio sguardo è diverso, una di quelle giornate in cui mi chiedo se chi mi passa accanto se ne accorge, se percepisce che oggi io voglio solo essere usata per ciò che sono.. Finalmente il capo reparto si alza ed esce per una riunione con dei fornitori. Prendo ciò che devo e torno in bagno. Il vestito me lo tolgo. Ho tempo. In realtà si sta avvicinando la pausa pranzo, ho ancora qualche attimo di solitudine, poi i colleghi verranno in bagno prima di uscire .. ed io dovrò trattenere il fiato, col cuore in gola per l’eccitazione .. ed è un momento che adoro, il rischio di essere presa con le mani nel sacco. E poi solitudine per un’ora circa.
Prendo il preservativo e lo scarto. Mi accarezzo il seno mentre afferro il mio sexy toy vegetale. Appoggio il preservativo, lo srotolo, mi metto il lubrificante sulla mano e poi inizio a massaggiare il mio cazzo verde. Allargo le gambe e con le dita cerco il mio piacere, sapendo dove trovarlo. Non ho fretta, quindi mi dedico il tempo di cui ho bisogno. Il mio giocattolo tra le mani può essere chiunque io desideri. Lo guardo, e penso che voglio solo che sia un vegetale, grosso, duro, gonfio ed inesauribile .. un oggetto e nulla più, il mio oggetto. Lo appoggio sui miei seni, lo prendo in bocca .. sapore di plastica, fragola .. e saliva. In bagno c’è odore di sesso, è pungente .. è il mio. Mi riempo la bocca del mio sapore, del mio odore .. mi piace respirare la mia stessa essenza. La situazione mi mostra ciò che sono, mi guardo allo specchio e mi vedo .. non riesco a nasconderlo a lungo. Sono una puttana. Semplicemente una donna che ha bisogno di sesso, e che se lo prende.
Adesso lo voglio dentro. Appoggio e inizio a penetrare. Lo tiro fuori e lo rimetto dentro tutte le volte un po’ di più. Continuo sino a che non entra tutto. Intanto mi bagno le cosce .. il mio umore sta colando .. quando me ne accorgo, continuando a toccarmi, ad entrare scivolando con le dita dentro al mio sesso .. sento arrivare il piacere più intenso, che esplode in un orgasmo che mi fa tremare.
Quando mi rilasso completamente raccolgo il telefono. È rimasto acceso sotto le mie gambe, appoggiato al pavimento, riprendendo la mia masturbazione. Ancora svestita condivido il video con Diego. Mentre lo faccio mi rendo conto di avere una mano sulla mia figa .. ho ancora voglia.
Mi vesto, mi sistemo e intanto inizia il mio pomeriggio lavorativo.
“Stasera ci vediamo per una cosa veloce in macchina .. sei una troia”
Il resto della giornata passa lentamente. Noia. Desiderio di incontrarlo. Di godere con lui.
Ci vediamo e fuori è buio. Una lunghissima serie di baci .. o forse uno solo, eterno. Ha il cazzo duro, lo sento gonfiarsi sotto i jeans, io mi ci struscio sopra .. ora con la mente, e col corpo, sto seguendo le mie bramosie .. che urlano con passione tangibile. Mi porge un preservativo. Apre lo sportello della macchina e mi fa gentilmente accomodare sul sedile davanti. Lui sale dietro. Si siede. Si slaccia i pantaloni. Se lo tira fuori e se lo prende in mano.
“Ora tu metti la gomma sul cambio, ti ci metti sopra e te lo cavalchi”
Ho capito bene? Lo guardo negli occhi. Si, mi sta chiedendo di salire sul cambio e scoparmelo. Inizio a produrre umori ancor prima di muovermi. Eseguo. Mi volto verso di lui. Appoggio le mani sul porta oggetti tra i due sedili davanti. Mi metto in ginocchio, allargo le gambe, mi sputo sulle mani per lubrificare quell’enorme pomello di plastica che deve entrare dentro di me. All’inizio non credo possa propriamente entrare, mi sembra enorme. Con le dita mi tocco, e muovendo il mio bacino mi rendo conto che ora è dentro di me. Glielo dico, non mi toglie lo sguardo di dosso. Io lo guardo a mia volta, le mani che si muovono velocemente sul suo cazzo, i suoi occhi che catturano le mie volontà. Inizio a scoparmi il cambio con un desiderio che sembra inappagabile.
“Senti come muovi la macchina, sei una succhiacazzi, a te piace essere usata, tu godi ad appagare il tuo uomo .. “
Non ci togliamo gli occhi di dosso.
“Vengo” lo urlo .. e continuo a tenere il cambio dentro di me sino a che non smetto di godere.
Alla fine mi alzo. Diego mi aiuta a scendere dalla macchina. Mi fa inginocchiare e mi sbatte la testa sul suo sesso. Apro la bocca ed entra dentro di me. Adoro leccare il mio uomo, è una cosa che mi eccita tantissimo. Diego lo sa .. e mi permette di giocare come voglio. Con le labbra, con la lingua, con la mia bocca, le mani .. le dita. Mi piace da morire. Sento che sta per scaricarsi. Lo tira fuori. “Sdraiati a pancia in giù”. Lo faccio. Mi tiene a terra con un piede sul mio culo. Le mani puntate sull’asfalto, odore di terra, il mio sesso alla ricerca del suo spinge in alto e più lo faccio più aumenta la pressione del suo piede su di me. Si sta segando, e alla fine eccola, calda .. cadere sulla mia pelle, la sento sulla schiena, sul collo, in faccia .. è ovunque su di me.

Questo racconto di è stato letto 3 6 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.