Una questione di corna: cap.14. Le avventure di Carlo (3).

Scritto da , il 2015-09-29, genere prime esperienze

Sentii due manine applaudire e mi voltai. Michelle era sulla porta e mi stava sfottendo con uno sguardo che dire disarmante era poco. Mi alzai con indosso la mia faccia e nient'altro e l'intenzione di andarmene al bagno.
«Tra poco tocca a te» le dissi uscendo.
Lei rise come se mostrare i suoi denti potesse far sorgere un'isola dal mare.
«Sicuro?»
Risposi con uno sculaccione.

In bagno la feci seduto guardandomi allo specchio di fronte al water. Spettinato, barba a zolle incolta, pancetta. “Beh”, mi dissi, “contente loro”.
Mi rialzai pronto a difendere l'onore dei nati nei '70 del secolo scorso dalle insidie di queste ragazzine che non potevano aver mai visto Roberto Baggio volare sui colpi di taekwondo di Renica. In camera le due furbette avevano unito i letti e mi spettavano sotto le lenzuola, una accanto all'altra sorridenti e pericolose come Scilla e Cariddi, se Scilla e Cariddi fossero state due ragazze.
Portai il mio ingombrante vascello scafato in mezzo a loro, non molto sicuro di poter ripetere il numero appena offerto. Però le due, in fondo, erano tutt'altro che mostri marini. Forse lo sarebbero diventate, per la cattiveria di qualcuno o per la propria, ma per ora erano ancora due ninfe, dolci e vulnerabili che lasciavano a me la parte del satiro.
Quando fui in mezzo a loro, mi si strinsero contro. Michelle avvicinò le sue labbra alle mie. Magnifiche. Morbide. Calde. Mentre ci baciavamo, sentii la sua manina avvicinarsi al mio attrezzo. Anche Enrica mi si stava strusciando contro come una gatta. Sentii le sue labbra sul mio petto, il mio collo, la sua mano che scendeva. Mi volta e mi gustai la sua bocca, la sua lingua agile, mentre Michelle si chinava, facendo un trucco magico di cui pareva esperta: far sparire un affare barzotto e riapparire un arpione in pochi secondi.
Non le ci volle molto. Era brava di bocca, un talento naturale. Enrica sorrise.
«Mish, mi devi proprio svelare il tuo segreto...»
Michelle si tolse l'affare di bocca e sorrise, forse non in quest'ordine.
«Vieni...»
Enrica si abbassò e iniziò a darsi da fare. Il grosso del lavoro era già stato fatto e anche lei se la cavava. Michelle si allungò di nuovo e mi baciò. Poi si scostò e mi guardò con i suoi occhi neri.
«Mi vuoi scopare?»
La guardai meravigliato. Lei si turbò e fece per ritrarsi.
«Ok, come non detto,» disse.
Io la trattenni.
«Michelle, tu sei incantevole. ma... è la tua prima volta. Non so se io....»
Enrica riapparve al mi fianco.
«E allora? Con chi dovrebbe farlo? Con un ragazzino che la sventra e poi scappa per il sangue?»
La guardai e capii. Poi guardai Michelle che ora era imbarazzatissima. Le presi il mento tra le dita, la guardai negli occhi e la baciai piano.
«Sei sicura?»
I suoi occhi erano bellissimi. La baciai e lei mi venne sopra. La misi in modo da farle sentire il mio ometto tra le labbra. Ci baciammo e ci strusciammo a lungo a quel modo. La sentivo bagnarsi di più ad ogni strusciata.
«Sei pronta?»
«Sì,» disse con un sussurro.
Tenendola per i fianchi la feci sollevare un po'. Le presi una delle sue mani e le mostrai come portarsi il pene all'ingresso della vagina. Lei subito fece per abbassarsi ma io mi ritrassi.
«No» le dissi. «Non c'è alcuna ragione per farsi male.»
«Scusa» mi disse, di nuovo imbarazzata.
Iniziammo di nuovo da capo a baciarci, a strusciarci. Anch'io mi ero distratto, ma ben presto quel corpo giovane reagì ed io con lei. Stavolta non servirono parole. Quando se la sentì, si sollevò e si portò il pene alla vagina. Come le avevo mostrato lo fece ruotare, per farsi largo tra le labbra fino a trovare la parte scivolosa all'interno. Tenendola per i fianchi le impedii i movimenti bruschi. La costrinsi a lasciare al suo corpo il tempo di aprirsi piano, ad ascoltarsi. Ad un tratto però ci fu uno strappo. Lei si ritrasse, io le sorrisi e lei fece altrettanto annichilendomi.
«Mish, sei bellissima» sussurrò Enrica che, stesa sul fianco accanto a noi, non si stava perdendo un gesto. Michelle le sorrise, riconoscente.
Imparò a godersi lo spazio che si stava creando in lei. Per me era straziante sentire come si lasciava entrare la punta per pochi centimetri, lentissima, poi la faceva riuscire e rientrare, spingere un po' di più. E ricominciare. Quando successe, quasi non me ne accorsi, e forse nemmeno lei.
«È tutto dentro» mi disse dopo.
«Sì...»
Andò avanti ancora per un po'. Sorrideva, poi gemeva, poi ansimava.
Infine si sfilò da me.
«Scusa» mi disse. «Inizia a bruciare un po' troppo.»
La abbracciai con affetto, mentre il suo respiro mi riscaldava la spalla.
«Grazie» disse.
Avrei voluto ringraziarla a mia volta, per tutta la fiducia che mi aveva concesso. Ma c'era un gran bel silenzio, e andava tutto bene così.

Questo racconto di è stato letto 4 2 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.