Lei non si piaceva

di
genere
interviste

Quante donne ho visto, mi correggo quante vulve, avrei voluto fare il ginecologo da grande, ho scelto un altra strada.
Però di vulve le vedo continuamente, me le hanno sbattute in faccia di ogni, queste malandrine (donne). Mala femmina!
Molte donne hanno questa paura del loro aspetto esteriore ed interiore.
La paura più grande è la loro figa essendo che non si può notare come un pene che esce fuori.
La vulva è fondamentale, senza di essa non ci sarebbero gli uomini e donne.
Però le donne hanno paura di mostrarla così apertamente come quel famoso taglio nelle tele di Lucio Fontana, la figa è un taglio, uno squarcio, una trincea, un… beh lo sapete.
Eppure così bella, che sia rasata, pelosa, con la giusta acconciatura, tatuata, la vulva va invasa con delicatezza, ma con decisione.
Bisogna stimolarla al massimo, ho visto parecchie vulve in giro per il mondo, di tutte mi sono innamorato, dal total black, al bianco latte, al rosino, al suo profumo sublime, buttandomi a capofitto ho fatto venire più donne io che l’intero genere maschile.
Ho aiutato molte donne a piacersi, per così come sono fatte, ahimè non ho potuto ottenerle tutte, ma Dio solo sa quante gli ho fatto bagnare le mutandine (se le portano) anche solo con la mia presenza, alla fine la donna ti fa la radiografia, ma il suo cervello è già pronto per farsi stimolare da tutti i sensi e visto che la vista la si usa per 90% anche loro vengono tramite immagini.
Non esiste ancora un porno al femminile, ci sto lavorando con la mia compagna.
Io sono un Diavolo e lei è la mia Eva!
Lei ha una figa che sto ancora studiando sotto ogni aspetto, e gli piace il cazzo.
Ci divertiamo insieme, e mi dice che sono un esperto, forse anche grazie alle donne che si fanno analizzare la figa da me.
scritto il
2024-06-15
1 K
visite
1 3
voti
valutazione
3.7
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.