Il due di picche

Scritto da , il 2022-11-15, genere sentimentali

Sono in auto con te che parli, parli e parli, di che parli non ne ho idea, nemmeno ti ascolto.

Sono qui solo perché mi ero fatta l'idea di fare sesso con te, sei un uomo molto dolce a vederti da fuori, ma invece sei solo timido e pieno di complessi irrisolti.

Vorrei toccarti e farti capire che non mi interessa minimamente ciò che mi stai dicendo; magari ti zitterei con un bacio ma poi capisco che potresti travisare.

Non voglio diventare la tua ragazza, io non potrei stare con te, sono uno spirito libero ed i miei problemi li risolvo da sola, sviscerarli come fai tu non serve a nulla.

Ma sì dai, stai tranquillo, le cose a volte si risolvono da sole, ora però riaccompagnami a casa, è tardi.

Questo racconto di è stato letto 5 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.