Sogni eiaculanti

Scritto da , il 2022-11-10, genere etero

Sogni eiaculanti

"Le dirò dottoressa, è da un po' di notti che faccio sogni... particolari e che, beh..la cosa è alquanto imbarazzante" la dottoressa Tancredi osserva il paziente. Un bell'uomo sulla quarantina, steso sul lettino. Si chiama Marco Zampieri e di professione fa' il gelataio
"E' imbarazzante parlarne"
"Vada avanti, non abbia paura. Quello che dirà resterà entro queste mura" lo esorta la dottoressa
"Beh, ho una certa remora a raccontarglielo. Lei è donna e.."
"Le dico che di cose strane e imbarazzanti ne ho sentite parecchie"
"Ok. Dunque. Non ricordo esattamente questi sogni nello specifico. Ma, mi sveglio di soprassalto e scopro che sono venuto" arrossisce nel raccontarlo
"Eiaculazione onirica" annuisce la dottoressa"Lei è sposato? ha una compagna?"
"Divorziato con figli. Che stanno dalla madre"
"A sesso come sta?"
"Ah, ehm.. mah, si batte la fiacca"
"nemmeno con un self service?"
"Beh.."
"Ho, non si deve imbarazzare. Molte donne e uomini lo fanno. In mancanza di un contatto vero"
"Io, sì, ogni tanto" ammette dopo un po' "Ma, non mi spiacerebbe doverlo utilizzare ancora.."
"Quindi, è possibile che lei senta il bisogno di un contatto sessuale e, nel sonno, ha questi sogni che la inducono ad un rapporto che sfocia in eiaculazione onirica" sentenzia la dottoressa "Ma, la mia è solo un'ipotesi. Ma, se vuole un termine scientifico, le posso dire che, questo genere di manifestazioni è più frequente in un adolescente che in un adulto. L'eiaculazione notturna: fenomeno normale
L'eiaculazione spontanea è fisiologica e molto più frequente di quanto si possa pensare.
Questo fenomeno da molti è visto come un rito di iniziazione sessuale per l'adolescente che entra nel mondo adulto a tutti gli effetti.
I ragazzi che si trovano di fronte a questo avvenimento non possono fare a meno di interrogarsi sul corretto funzionamento del loro apparato genitale e se queste perdite possano o meno considerarsi normali, lo sono!
Le polluzioni spesso sono accompagnate da sogni erotici e coinvolgono in modo particolare anche chi ha deciso di osservare un periodo più o meno lungo di castità. Si parla, infatti, anche di sogni bagnati.
Nonostante non appaia a seguito di toccamenti come l'orgasmo o la masturbazione, la polluzione provoca analoghe sensazioni positive.
Ora, lei è un adulto che dice di fare sogni strani ma che non li ricorda. Le polluzioni possono verificarsi anche in età adulta. In questo caso sono frequentemente associate a lunghi periodi di assenza di eiaculazioni. Ora, glielo devo chiedere: Da quanto tempo è che non si masturba?”
Marco si sente in imbarazzo, balbetta ma, alla fine risponde e dice “Direi.. una settimana”
MMM.. la dottoressa assume un espressione pensierosa” La causa della polluzione non è ancora chiara, ma si potrebbe attribuire alla necessità da parte del corpo di mantenere un certo livello di allenamento dal punto di vista sessuale o a voler promuovere la produzione di nuovi spermatozoi eliminando lo sperma ormai vecchio.”
“Quindi cosa mi sta succedendo, dottoressa? O mi trovo una donna oppure mi eiaculerò a vita nel letto?”
“Una soluzione è sottoporsi ad una serie di esami presso una terapeuta del sesso”
“Ha qualche nome da darmi?”
“Sì da’ il caso che ce l’abbia davanti” sorride sporgendosi in avanti
Marco, che fino a quel momento era distratto a parlare dei suoi problemi, si accorge degli abiti succinti della dottoressa, di quella camicia che strizza un seno prosperoso, di quei fianchi larghi, di quel culo..
“Oh” fa lei notando il cavallo dei pantaloni
“Oh” fa lui imbarazzato, cercando di coprirsi
“No, tranquillo, è segno che lo stimolo esiste anche quando non sta dormendo. Mi chiedevo se ha voglia di concedersi ad un esperimento”
"Esperimento di che genere?"
"Vorrei sottoporla ad un esame monitorato e valutare la gravità della situazione"
"Devo farmi ricoverare?"
"Basterà una stanza isolata e debitamente attrezzata"
"Quanto mi verrà a costare?"
"La prima seduta è gratuita" sorride la dottoressa
"E quanta gente dovrà vedermi?"
"Oh, non si preoccupi. Basterà una sola persona"

Marco Zampieri si presenta nello studio della dottoressa Ailanti. Lei l’accoglie con la sua divisa bianca, troppo stretta e con un’ampia scollatura sul davanti. Lo fa’ accomodare e lo dirige verso una stanza da letto “Ecco qui. Si sistemerà qui e le saranno applicati degli elettrodi alle tempie per monitorare le onde cerebrali nell’attimo della sua eiaculazione”
“Ok, farà male?”
“Assolutamente no” scoppia a ridere la dottoressa “Prego” indica un armadio “Qui c’è un cambio d’abito”
“Grazie dell’opportunità concessami”

E' quasi mezzanotte. Marco si cambia e indossa un pigiama di colore fucsia. Gli elettrodi sono due ventose che lui applica ai lati delle tempie, così come suggerito dalla dottoressa. Poi, sotto lo sguardo celato della dottoressa, si mette a letto e aspetta che Morfeo gli faccia visita
La dottoressa osserva attenta. Un'ora dopo che Marco si è addormentato, lo vede agitarsi. Scosta la trapunta e, in evidenza, il pacco che spinge il pigiama. Con interesse esegue uno zoom della zona interessata "Notevole" si lecca le labbra
Marco si infila una mano nel pigiama e prende a masturbarsi in maniera frenetica "Cosa diavolo stai sognando, MArco?" chiede lei
poi, la faccia distorta e la macchia di sperma che si allarga sul pigiama. Marco si sveglia di soprassalto e lo sente esclamare "Oh, cazzo"

Marco si è dato una ripulita e ha indossato un pigiama nuovo. Seduto sul bordo del letto, osserva la dottoressa seduta sulla sedia che lo osserva con fare pensieroso "Dunque, questi affari?" indica le ventose Marco "Cosa hanno registrato?"
"Lei cosa si ricorda?"
"Nulla di nulla"
"Beh, le dirò, dalla telecamera che ho fatto installare.. Ecco, mi permetta.. permettimi il confidenziale Marco.. Ti sei messo una mano nei pantaloni e ti sei masturbato"
"Cosa?"
"Ci hai dato dentro di brutto. E poi sei venuto. Sai che significa? Che sei un sonnambulo"
"Mi sta.. Mi stai dicendo che l'eiaculazione spontanea non c'entra nulla?" fa lui stupito
"Esattamente. Sei un sonnambulo del sesso, caro Marco"
"Oh, maiala ladra. E come si cura questa cosa?"
"Beh, mi sto chiedendo come reagiresti se, invece della mano, avresti a disposizione una fica vera"
lui la guarda dapprima senza capire. Poi, realizzando quello che ha appena appreso, deglutisce forte e risponde "Come tentativo di cura non mi sembra malaccio"

Marco si addormenta con solo dei boxer indosso. La dottoressa si denuda per lui e scivola accanto a lui facendo aderire il proprio corpo al suo. Non ci mette molto: Marco muove le mani e cerca il cazzo. Ma la dottoressa gli è a cavalcioni e riesce ad indirizzare il sesso dentro la sua fica. Marco cerca a masturbazione ma, lei comincia a cavalcarlo. Ci vuole un po’ ma, alla fine, Marco distoglie la sua attenzione e, pian piano, apre gli occhi. E si vede due grosse tette che rimbalzano a pochi centimetri dalla faccia. E il suo pene stretto da due grosse e fameliche ganasce. Lei continua fino a che lui non le viene dentro
“Esperimento riuscito?” chiede lui
“Non te lo posso dire. Aspettiamo il prossimo stato di sonno”
Marco si addormenta e, poco dopo, la cosa si ripete. Restano impegnati tutta la notte
Alla fine, una Marco spossato, riesce ad addormentarsi felice. E nessun episodio di sonnambulismo arriva a turbare il suo sonno. La dottoressa rimane accanto a lei, abbracciandolo felice
“Sono guarito?” chiede lui
“Può darsi. Ma, per essere sicuri, questa notte dormirò ancora con te”
“E se non accade nulla?”
“Lo faremo accadere” sorride lei accarezzandogli il sesso
Marco sorride e pensa che, quel fortuito incidente è una manna dal cielo..


Questo racconto di è stato letto 2 1 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.