L'Hotel capitolo 2

Scritto da , il 2022-02-21, genere etero

Ero stranito e confuso dalla situazione, le chiesi perché si trovasse in camera mia e lei mi rispose: "hai detto che preferisci le rosse no? quindi sarò io la tua cameriera personale." Con quella spiegazione avevo capito ancora meno e le chiesi cosa intendesse, lei mi guardò stranita e mi disse: "sai come funziona questo hotel vero?" le risposi di no visto che non avevo effettuato io la prenotazione e lei rispose: "bene allora ti spiegherò tutto io, questo hotel viene definito l'hotel del sesso visto che proponiamo tante meravigliose attività per far divertire i nostri ospiti, ogni ospite ha una cameriera personale a cui potrà chiedere qualsiasi cosa." Iniziai a capire e devo dire che al di fuori della confusione iniziale iniziai a trovare molto interessante questo hotel e non vedevo l'ora di approfondire le attività.
Sistemai la valigia e poi guardai un po' la stanza, era favolosa e c'era un bagno enorme con una vasca favolosa, dopo quel viaggio in treno avevo proprio bisogno di un bel bagno caldo quindi dissi a Nunzia che prima di iniziare le attività avrei fatto un bagno, lei mi rispose: "va bene padrone ti aspetterò." Entrai nella vasca ed era strepitosa ma soprattutto enorme, mi rilassai un po' e quando uscì dalla vasca per asciugarmi vidi entrare Nunzia che mi guardò e mi disse: "padrone aspettavo uscisse per poterla asciugare." ammetto che tutta quella formalità mi imbarazzava un po' ma allo stesso tempo mi faceva eccitare, le dissi che non c'era bisogno e che mi sarei asciugato da solo anche perché mi sembrava una cosa molto imbarazzante, lei si sedette a bordo vasca per aspettarmi e ad un tratto mentre stavamo chiacchierando lei si alzò ma scivolò nella vasca per via di un asciugamano per terra, subito mi precipitai a vedere se stava bene e fortunatamente non si era fatta niente se non un una leggera botta alla testa, le diedi una mano ad alzarsi, lei in quel momento indossava un vestito da hostess che comprendeva una gonna a tubino nera, una camicetta bianca,un foulard rosso, dei collant semi trasparenti neri e dei tacchi, in quel momento era completamente fradicia con una camicetta totalmente bagnata e che traspariva le sue fantastiche forme, si spogliò e mi disse di non preoccuparmi aveva un ricambio di sicurezza con se, io però mi paralizzai a guardare il suo corpo, quando tornai nel mondo reale le diedi subito un asciugamano per asciugarsi i capelli.
Finimmo di asciugarci e mentre lei si avvicinava al borsone per prendere il ricambio la afferai da dietro, indossavo solo l'asciugamano quindi lei sentiva molto bene il mio cazzo duro dietro al suo culo, le misi una mano sulla figa e una sul addome e le dissi nell'orecchio: "visto che sei già nuda non c'è tempo di divertirci prima delle attività?" lei mi guardò e mi rispose: "certo abbiamo ancora parecchie ore." Si girò e iniziammo a baciarci, l'asciugamano cadde da se e in pochi secondi ci trovammo a limonare stesi sul letto, non aspettò molto prima di staccarsi dalla mia bocca e piano piano scendere giù fino ad arrivare al mio cazzo, iniziò un po' a segarlo e leccare la punta timidamente ma poi lo prese in bocca e subito iniziò a succhiarlo, un pompino meraviglioso degno di quelle sue due labbra meravigliose, arrivai al limite e riempì la sua bocca di sborra.
Credevo finisse lì la cosa e subito dopo mi alzai ma mentre lo stavo facendo la vidi a 4 zampe sul letto che mi diceva: "dai non farmi aspettare ancora scopami!" non me lo feci ripetere due volte, prima lo strusciai un po' e poi lo infilai dentro di lei iniziando a scoparla, anche la sua figa era meravigliosa e il poterle toccare il culo nel mentre rendeva tutto più eccitante, dopo un po' però sì stufo di quella posizione e si mise distesa di schiena a gambe all'aria, ricominciai subito a scoparla questa volta palpando il suo seno, dopo un po' finimmo per venire insieme, io sborrai sulle sue fantastiche tette e un po' sulla sua faccia dove poi la lecco via in modo davvero seducente,subito dopo lei sì rivestì davanti a me e anche in questo caso fu uno spettacolo davvero sexy.
poco dopo stavamo chiacchierando e le dissi che avevo davvero voglia di un amaro in quel momento, lei mi disse che avevo il servizio in camera tutto incluso nel costo dell'hotel e che con il tablet potevo ordinare quello che volevo, mi misi ad armeggiare con il tablet delle ordinazioni che si trovava su una scrivania e vidi che oltre a ordinare quello che volevo potevo anche scegliere la ragazza delle consegne, vidi un po' le scelte e c'erano davvero tanto ragazze stupende di ogni genere era davvero un servizio stupefacente, ordinai il mio amaro e lo feci portare su da una sexy mora che sembrava proprio essere una gran figa.

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.