La confessione

Scritto da , il 2021-10-14, genere dominazione

Lo sportello dello spioncino del confessionale si aprì scorrendo e don Oristano dietro la grata chiese: “Dimmi figlio mio, cosa ti cruccia?”
Una giovane voce maschile leggermente femminea rispose: “Padre santissimo....ho molto peccato!”
Il don: “Molto peccato...in che senso?”
La giovane voce: “Ecco...si...allora, ho voluto iniziare a frequentare una ragazza...Cinzia, si chiama Cinzia..si...”
Il don: “Beh? Che male c'è?...e poi perchè dici che hai voluto frequentare? Si dice frequento...o ho frequentato una ragazza...perchè detto in quella maniera è come se ti stessi sforzando a fare qualcosa che non vorresti”
La giovane voce: “Eh si...perchè in effetti non avevo una gran voglia di farlo, nonostante lei sia una bella ragazza che da tempo mi sta dietro...poi mi sono deciso...si, forzandomi...per fugare dei miei sospetti sempre più forti che da ho tempo sulle mie tendenze diciamo così...sessuali...sospetti che a causa sua, però, sono diventate certezze!”
Il don: “E cioè?”
La giovane voce: “Padre...padre santissimo...mi piacciono i ragazzi...i maschi!”
Il don: “ah!! ...questo è male,si...ma scusa, cosa c'entra allora questa Cinzia? Come avrebbe dato corpo ai tuoi sospetti?”
La giovane voce: “Vi spiego...Cinzia ha un fratello maggiore...ecco...tutte le volte che vado a trovare Cinzia a casa, lui è lì...e io...io...ecco...dovrei provare attrazione per la sorella, invece la provo per lui...non riesco a...a non trovare qualunque scusa o opportunità per stargli vicino, parlare con lui...o solo limitarmi a guardarlo e...e poi fantasticare le cose più peccaminose che farei con lui...pure sforzandomi di non farlo, concentrandomi su Cinzia...ma niente...”
Il don: “E mbeh....anche il solo pensiero è già un peccato, figlio mio, ma te la caveresti con qualche padrenostro e un paio di avemaria...sarebbe invece grave, molto grave...peccato mortale...se dovessi andare oltre...perchè vedi, già sarebbe grave anche se ti congiungessi carnalmente secondo natura, cioè con questa Cinzia, senza essere sposato....figurati se lo facessi col fratello, quindi contro natura!”
La giovane voce: “Ecco...appunto...”
Il don: “No...non mi dire! Sei andato oltre!?”
La giovane voce: “Si...padre santissimo!”
Il don: “Figlio mio!! Figlio mio!!...che hai fatto!!?? (si fa il segno della croce)...raccontami allora...senza nessuna omissione, per la salvezza della tua anima, confessa il tuo peccato...voglio sapere tutto, fino ai minimi particolari!”
La giovane voce: “Ecco, padre...Carlo...si chiama Carlo il fratello...da qualche tempo ha notato i miei sguardi furtivi e li contraccambia con certi sorrisini maliziosi...ed io...io...così non ho resistito. Quindi uno dei pomeriggi in cui vado a casa di Cinzia...invece di lei, mi apre lui!...non vi dico con che sguardo e che sorriso mi ha accolto...disarmante, da brivido...poi mi dice che la sorella avrebbe fatto tardi per certe commissioni da sbrigare...così, soli in casa, sapendo che amo i gatti, mi porta in camera sua per farmi vedere il suo appena adottato....ora...ecco...lui mi dice che il micio si trova sotto la scrivania...io mi inginocchio per cercarlo...ma non lo trovo...mi giro e sto per per dirgli che non c'è, quando mi ritrovo...ecco...mi ritrovo davanti la faccia la patta dei pantaloni di Carlo, nel quale si notava un certo rigonfiamento...imbarazzato alzo lo sguardo verso di lui, che a sua volta mi sta guardando con un sorriso misto fra la soddisfazione e l'accattivante...io sempre più imbarazzato gli riesco a dire che il gatto non c'è li sotto...e lui mi risponde, ti piacciono solo i gatti o ti piace qualcos'altro?...qualcos'altro cosa, Carlo? Gli risposi io...così faccio per provare ad alzarmi...ma lui mi blocca in ginocchio davanti la sua patta...poi lentamente ne apre la cerniera...e...e...ecco...padre...e..fa uscire il pi...pis...il pene, va...un pene grosso e eretto...e mi dice che intendeva dire se mi piacesse anche il suo pene...
Il don: “Madre santissima (facendosi il segno della croce) ...e tu figlio mio...cosa hai fatto?...perchè non sei scappato?”
La giovane voce: “...ecco padre...sostanzialmente per due motivi...il primo perchè mi aveva bloccato con una mano sulla spalla...il secondo...ecco...il secondo...perchè...perchè...si, lo confesso...perchè non ho voluto...desideravo, non so da quando, una situazione del genere con lui e finalmente si era realizzata come nemmeno nei miei sogni più proibiti potevo immaginare...così...così...non ho resistito...padre, si lo confesso...non ho resistito (piagnucolando)...”
Il don: “E cosa hai fatto allora? Cosa!!??...per filo e per segno dimmi cosa hai fatto?”
La giovane voce: “Ecco padre...ecco...con quel bellissimo pene puntato addosso ho perso ogni pudore, prima gli ho confessato che ero pazzo di lui e non di sua sorella...poi...poi...gliel'ho baciato più volte sul...sul...glande...gliel'ho preso in mano e ho iniziato a segarlo...dopo un po', Carlo mi ha afferrato per la nuca e me lo ha spinto in bocca...a quel punto gli ho fatto un...un...ecco...un...una pompa, si...
Il don:”(segno della croce)...che Iddio misericordioso abbia pietà di noi (segno della croce)...una pompa? Come gliel'hai fatta questa pompa? Voglio i particolari, figlio mio!”
La giovane voce: “...ecco...veramente, non so come descriverla...diciamo che gliel'ho succhiato prima in punta e poi tutto in bocca come se stessi bevendo con una cannuccia...il tutto aiutandomi con la lingua attorno tutto il corpo del...del...pene...ecco...”
Il don: “Si...bravo...ecco...descrivi...descrivi bene...così...si”
La giovane voce: “...si padre...ecco...anche Carlo partecipava...accompagnando la mia testa con una mano dietro la nuca e con colpi di bacino come se stesse...come dire...stesse penetrando una donna...ecco...
Il don: “si!! ...come stesse scopando, si dice scopando...si!...continua, continua...”
La giovane voce: “...si, appunto...poi me lo usciva dalla bocca e me lo sfregava intorno tutta la faccia...per poi rimettermelo in bocca...per...per...(si gira per guardare oltre la grata) padre...padre...vi sento ansimare, perchè?...che avete padre? ...non vi sentite bene...ansimate, padre...vi sto troppo scandalizzando, padre?”
Il don: “Continua...continua il racconto...non preoccuparti per me...si...si...dai!!”
La giovane voce: “Ecco si...stavo dicendo...avevo il pene duro in bocca fino alla gola...e...(guarda ancora attraverso la grata) padre...padre...ma voi...voi vi state masturbando...”
Il don: “...no non sono io...è il demonio...il demonio, figlio mio, che me lo sta facendo fare...ma tu continua il racconto...dai...dimmi di quando Carlo se n'è venuto...dove ha sborrato...nella tua bocca o dove?...dai...si...”
La giovane voce: “...si padre...si, prima me lo ha uscito dalla bocca...io gliel'ho masturbato con la mano...poi me lo ha infilato nuovamente dentro e...e mi ha sborrato nella gola...ed io...”
Il don:”E tu l'hai ingoiato...si...l'hai ingoiato...si si...”
La giovane voce: “In parte si...padre...in parte l'ho preso in faccia e non appena finito...gliel'ho leccato tutto per pulirlo...(guarda attraverso la grata)”
Il don:”Si...si...pure in faccia...si si...oh si...in bocca ed in faccia...che porco questo Carlo e che troia sei tu...si si...siii...glielo hai pure pulito con la lingua...oh ah...siii siiii...godooo...godoooo!!”
La giovane voce (sempre guardando attraverso la grata): “Padre...ma voi...voi...siete venuto...”
Il don: “Il demonio è stato...figliolo...il demonio è entrato in questo luogo sacro e mi fatto peccare carnalmente...e lo hai portato tu con la tua perversione...guarda cosa mi ha costretto a fare....”
La giovane voce: “Mi dispiace padre...mi dispiace...adesso il mio rimorso è doppio...ma dove potevo andare a confessare i miei peccati se non qui...padre...”
Il don: “Oh...no...certo...hai fatto bene, benissimo a venire in confessionale da me...era solo per farti vedere e comprendere come la gravità delle nostre azioni contro natura possono alimentare Satana ed il suo esercito di angeli decaduti...adesso però è necessario fare un rito purificatore per mondarci dal peccato e dalla lussuria contro natura...come ti chiami figlio mio?
La giovane voce: “Duilio, padre...”
Il don: “Ecco Duilio...domani pomeriggio...verso le 15...ti aspetto qui in chiesa...mi raccomando puntuale...in attesa a casa reciterai 10 padrenostro e 10 avemaria, ti asterrai dal mangiare carne di qualsiasi tipo e soprattutto di farti venire pensieri impuri che ti inducano a toccarti...chiaro?
Duilio:”Va bene padre...si...state tranquillo...ci vediamo domani alle 15”
Lo spioncino si chiude.
L'indomani Duilio fu puntualissimo al confessionale.
Il don: “Non qui, Duilio caro...andiamo in canonica!”
Chiusa la porta a chiave, Don Oristano invita Duilio ad accomodarsi sul divanetto degli ospiti.
Il don: “Aspettami qui che mi preparo con tutto l'occorrente per il rito” e sparisce da una porta laterale.
Passano una decina di minuti e don Oristano riappare con solo un accappatoio addosso, un sacchetto di stoffa in una mano e un grosso rosario nell'altra.
Duilio: “Padre...ma...siete nudo...e avete il...il pene eretto...”
Il don (sedendosi su di una sedia girevole di fronte): “E' tutto necessario perchè il rito di purificazione e di liberazione dal male...sia efficace...non fare altre osservazioni o domande...fatti il segno della croce e vieni qui...”
Duilio: ”Si padre...”.
Il don: “Qui...ecco bravo...inginocchiati in mezzo le mie gambe...fa il segno della croce di nuovo (dal sacchetto estrae una manciata di cenere con cui cosparge la testa del ragazzo) ...la cenere come simbolo di penitenza per purificarti dalla brama carnale e adesso, mentre reciterò il santo rosario, dovrai fare a me la stessa cosa che hai fatto a Carlo...uguale...
Duilio: “Una pompa, padre!?”
Il don: “Certo...precisamente...solo così scacceremo il maligno e calmeremo il desiderio impuro...non credere che lo stia facendo per una turpe soddisfazione della carne...lo faccio per salvare le nostre anime...vai adesso, ubbidisci e non fare più domande...”
Duilio: “Si padre...subito...” e inizia a masturbare dolcemente il cazzo del prete.
Il don: “Bravo così (nel frattempo inizia a sgranare il rosario e a mormorare a bassa voce le preghiere) ...così...Duilio...bravo (preghiere)..la lingua adesso, voglio la lingua...”
Duilio inizia a leccargli la cappella, mentre con la mano continua la masturbazione.
Il don: “Oh si (preghiere) ...così...leccalo si bravo (preghiere)...leccami pure le palle...su (preghiere)...così, ecco...bravo, leccamele tutte...così...bravo figlio mio...bravo...tutte in bocca così...si...dai (preghiere)”
Duilio glielo inizia a succhiare in punta alternando con delle leccate .
Il don: “Ooh si...succhia succhia...(preghiere) ...Iddio ti benedica figlio mio per la boccuccia tua... (preghiere)”
Duilio lo prende tutto in bocca. Succhia aiutandosi con la lingua.
Il don: “Oddio...siii...così, bravo...così... (preghiere)...si...si..si...ah oh...si...si...dai che vengo...vengo...dai che sto per sborrare” glielo esce veloce di bocca, glielo sfrega in faccia e glielo rimette dentro. Assesta qualche colpetto di bacino e gli schizza in gola.
Il don: “Godooooo siiii...ooohhh...siiii....aahhh...che bello...che bello...benedetto figlio mio,,,sei stato fantastico...”
Duilio; dopo aver inghiottito e pulito con la lingua l'intero cazzo, comprese palle e peli pubici: “Sono stato bravo padre?...mi sono purificato abbastanza, padre?...”
Il don: “Sei stato bravissimo e...si...sei sulla buonissima strada della redenzione...ma mica finisce qui...domani pomeriggio, sempre alla stessa ora ci dobbiamo rivedere per rifarlo...non è che con una sola volta si guarisce...ricorda che Roma non fu fatta in un giorno...adesso vai figlio mio...a domani”

Duilio fu puntuale pure l'indomani. Ma sta volta si diresse direttamente in canonica dove, con suo stupore, don Oristano lo aspettava in compagnia di una giovane suora.
Il don: “Lei è suor Teresa...è una novizia che come te è preda del demonio che porta pure lei a peccare contro natura ...è qui con noi perchè anche lei necessita del mio e del nostro aiuto...assieme faremo il rito e con l'intercessione di nostro signore e della vergine Maria a cui la sorella è devota, ci libereremo del peccato mortale...vado a prepararmi...intanto conoscetevi”
I due giovani si scambiarono i convenevoli e nel frattempo rientrò don Oristano ancora nudo con il solo accappatoio addosso e con lo stesso armamentario della prima volta.
Il don, accomodandosi nella solita sedia: “Bene figli miei...adesso spogliatevi....completamente nudi...inginocchiatevi qui accanto a me...vi cospargerò la testa con la cenere penitenziale...reciteremo l'atto di penitenza e inizieremo il rito...”
I due ragazzi eseguirono inginocchiandosi completamente nudi davanti le gambe aperte del prete a cui nel frattempo si alzava il cazzo.
Il don, dopo averli cosparsi di cenere e recitato assieme la preghiera: “Rinunciate a satana e alle sue lusinghe sottoforma di congiunzioni carnali contro natura? Vi congiungerete secondo natura in modo che un uomo ed una donna siano una sola carne?”
I ragazzi assieme:”Si!”
Il don: “Bene, figli miei...fatevi il segno di croce, baciatemi a turno il pene e poi vi congiungerete carnalmente qui davanti a me mentre vi osservo...”
I ragazzi ebbero un attimo di perplessità, poi eseguirono. Baciarono la cappella del prete col cazzo quasi del tutto eretto e duro e si accomodarono accovacciandosi sul divanetto di fronte.
Il don: “Adesso toccatevi...su...Duilio, tu inizia con quelle belle tette sode...e tu Teresa bacialo in bocca e accarezzagli il pene...guarda che bel pene che ha Duilio...dai...”
I ragazzi titubanti iniziarono le effusioni e don Oristano col cazzo duro in mano, prese a segarsi dolcemente.
Il don: “Bravi...così, vi guido io..non preoccupatevi...io vi salverò l'anima dalla dannazione e vi farò guarire dalla vostra perversione...Duilio, guarda come hai fatto diventare turgidi e rossi i capezzoli di suor Teresa...ciucciali bene con passione...ecco bravo...(aumenta leggermente il ritmo della masturbazione) ...adesso Teresa ciuccia tu il caz...ehm, il pene a Duilio...così, brava...si, usa la lingua...oh, si guarda come glielo hai fatto diventare grosso quel bel cazzo!!...ciuccialo, ciuccialo bene così...lecca tutta la cappella, si si...leccala e ora succhia ancora!!”
Il don adesso con una mano continua a masturbarsi e con l'altra sgrana il rosario mormorando qualcosa di simile a delle preghiere.
Suor Teresa è sempre più applicata nel pompino e Duilio ansima di piacere.
Il don: “Brava brava...continua così Teresa...vedi Duilio come ti sta piacendo...ci siamo...stiamo andando verso la guarigione...stiamo battendo Satana e il suo esercito perverso...continuate così che godo...ehm...che prego per voi!...adesso Duilio...leccale la fic...ops...la vagina e poi la fotti...no...volevo dire, la penetri secondo natura...ecco”
Duilio è un po' titubante: “Si...padre...siete sicuro? Non l'ho mai fatto...”
Il don, ansimante non smettendo di segarsi: “vai...certo...vai...fai finta che sia il mio caz...il mio pene...come ieri...dai...il signore ti protegge, tranquillo”
Duilio esegue. Suor Teresa a gambe aperte in aria inizia a gemere di piacere. Per lei invece non è una novità in quanto lecca e se la fa leccare dalle altre consorelle.
Il don sempre più infoiato: “Si si...bravi così...adesso Duilio fottila...oddio...fottila come si deve...mettigli il cazzo dentro la fica a sta troia e la sbatti...dai!”
Duilio si mette sopra suor Teresa nella posizione del missionario e la penetra, iniziando a scoparla.
Il don, aumentando considerevolmente la velocità della sega: “Si si...così...scopala..scopa sta troiaaa...siii...dai che vengo...dai!...”
Duilio:” Padre...si...Padre...oh, è bellissimo...sento che sto venendo Padre...che devo fare!?...”
Il don ansimante: “Si bravo...escilo e sborragli in faccia e te lo fai leccare...dai...dai...che godo...godo ..si...oohhh siiii...godooooo!!!...”
Don Oristano e Duilio sborrarono praticamente assieme. Il don copiosamente schizzando colpendo un quadro appeso alla parete e sulle sue cosce e Duilio in parte sul ventre e in parte sul viso di suor Teresa, per poi lasciarsi leccare la cappella.
Il don, ricomponendosi: “Alleluja figli miei!!...il disegno di nostro signore è compiuto, ma è appena iniziato...siamo sulla buona strada verso la guarigione da ogni perversione...dunque, dobbiamo perseverare con ardore e costanza...domani pomeriggio ci rivediamo...adesso, in alto i cuori...preghiamo!”

Questo racconto di è stato letto 1 6 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.