Il figlio eccitato 7- Sesso con la madre e la sorella mentre il padre è in casa.

Scritto da , il 2021-10-01, genere incesti

Quel mattino era previsto il rientro del marito e lei, seppure a malincuore aveva dovuto fare una levataccia ed alle 10, era già in cucina a preparare la colazione per il figlio.

A causa del poco tempo a disposizione non aveva fatto la doccia e, dopo aver espletato le funzioni fisiologiche mattutine, si era lavato il viso, dato una rassettata ai capelli ed aveva indossato un comodo camicione da casa legato con una cintura rimanendo sotto, completamente nuda.

Poi, con non poca fatica era riuscita a far alzare il figlio e persino a fargli fare una doccia.

Per quanto riguarda il pranzo, non se ne doveva preoccupare avendo cucinato già il pomeriggio precedente mentre preparava la cena per se ed il suo amato figlio.

Dunque, quando il ragazzo era uscito dal bagno con indosso il pigiama pulito che le aveva preparato la mamma, aveva potuto fargli compagnia e colazione e conversare degli argomenti che più le stavano a cuore in quel momento: La sua agognata gravidanza e quella della figlia.

Avevano appena finito di fare colazione quando il marito aveva telefonato preannunciando il suo arrivo a casa nel giro di una mezzoretta.

A quel punto la mamma che sino a quel momento aveva conversato col figlio con tono pacato e rilassato col viso disteso e dall'espressione soddisfatta, gli occhi brillanti con le pupille dilatate tipiche di una donna sessualmente soddisfatta, chiudendo la telefonata aveva cambiato espressione assumendo un'aria di sfida.

Improvvisamente nel cervello le era balenata un'idea che in situazioni di normale equilibrio psichico le sarebbe apparso pazzesco.

Con uno scatto si era alzata ed era andata ad assicurarsi che la porta d'ingresso fosse chiusa in modo da non potersi aprire dall'esterno neanche con le chiavi che aveva suo marito.

Avrebbe dovuto suonare per entrare!

Dopo quella opportuna verifica, era tornata dal figlio e gli si era inginocchiata davanti tirandogli giù il pigiama e liberargli il membro sino a quel momento a "riposo".

Il ragazzo sorpreso da quella inattesa manovra, le aveva portato entrambe le mani sul viso per guardarla negli occhi e chiederle sorridendo:

-Ma mamma, che fai...lo sai che sta arrivando papà?!-

-Appunto amore mio, proprio perché sta arrivando voglio riceverlo ed abbracciarlo con la fica e l'utero ancora caldi del tuo seme.-

-Ma è pazzesco mamma...così rischiamo di essere scoperti!-

-Non preoccuparti amore, quel cornuto di tuo padre non si accorgeva di niente neanche quando rientravo a casa piena dello sperma di qualcun altro figurati se se ne può accorgere adesso che rientra stanco dal viaggio.

Vedrai anche tu che appena arriva corre in bagno e poi vuole mangiare ed andarsi a riposare sulla poltrona.

Ti devo confessare che una volta in una situazione simile, mentre lui dormiva ho chiamato un suo amico e mi sono fatta scopare in piedi in corridoio poi, con la fica piena l'ho svegliato dicendogli che era passato a salutarlo Salvatore col quale poi, aveva chiacchierato e bevuto un altro bicchiere di vino.

-Che troia che sei mamma!-

-Si, sono proprio una troia ma come potrei non esserlo con un marito così cornuto!?-

Mentre a bassa voce conversavano in modo quasi surreale con la mamma in ginocchio, il figlio l'ascoltava stupito tenendole il volto tra le mani, e la verga che iniziava a riprendere il suo consueto turgore.

-Non temere amore, adesso te lo succhio un po', poi mi distendo sul tavolo della cucina e come abbiamo fatto tante altre volte, ti apro le gambe e tu fai il tuo dovere facendomi godere e mantenendoti teso al limite dell'orgasmo senza venire sino allo squillo del campanello.

A quel punto, potrai esplodermi dentro tutto il tuo piacere.

Quando ti sarai ben svuotato ed io sarò piena del tuo seme, io scendo dal tavolo e coperta dal camicione vado ad aprire mentre tu corri a studiare nella tua camera.

Le cose erano avvenute esattamente come la mente perversa della donna le aveva immaginate e mentre dopo l'abbraccio e il bacio di prammatica il marito si dirigeva verso il bagno, un rivolo di sperma le scivolava tra le cosce formando una piccola macchia lucida sul pavimento.

-Dante, è tornato tuo padre, vieni a darmi una mano in cucina a preparare la tavola!-

Aveva gridato la mamma verso il figlio per farlo sentire anche al cornuto.

All'arrivo del ragazzo la mamma gli aveva mostrato compiaciuta il tavolo ancora umido dei suoi umori e la macchia sul pavimento chiosando prima di pulirla:

-Ma quanta ne avevi?

Da quanta me ne hai dato stanotte devo immaginare che hai una ricarica rapida o un serbatoio inesauribile!

Adesso anche se non vorrei, devo mettere per forza le mutande altrimenti lascio una scia di sperma per tutta la casa!

Abbracciandosi con complice amore, avevano riso alla battuta della mamma mentre lei gli palpava il cazzo ancora umido e barzotto dentro il pigiama.

Quando il marito aveva espletato le sue urgenze in bagno, la tavola era già imbandita di tutte le cose che piacevano a lui compreso una bottiglia di rosso delle Langhe.

Il pranzo si era svolto come in una normale famiglia.

Lui parlando del lavoro e della sua trasferta aveva raccontato le stesse cose che diceva in quasi 25 anni di matrimonio mentre lei gli parlava di suo figlio che, come al solito era tornato da Bologna senza neanche avvisarla prima e della figlia sempre insoddisfatta del rapporto con suo marito.

Il ragazzo ascoltava annoiato quei discorsi triti e ritriti e toccandosi il cazzo da sotto la tovaglia, si beava del fatto che forse aveva già ingravidato la mamma e presto sarebbe stato il turno della sorella.

Come previsto, dopo il pranzo il marito si era seduto davanti alla TV e dopo alcuni bicchieri di amaro Lucano che aveva portato con se dal luogo della trasferta, si era addormentato sulla poltrona.

A quel punto, mentre la mamma rassettava la cucina ed avviava la lavastoviglie coi piatti e le posate, il ragazzo si era ritirato nella sua camera dove aveva telefonato alla sorella per gli accordi sul loro previsto incontro del giorno dopo.

Dopo oltre mezz'ora, la porta della camera del ragazzo si era aperta proprio mentre lui col cazzo in mano faceva l'amore al telefono con la sorella e vi era apparsa la figura della mamma nuda in tutta la sua stupenda ed esuberante bellezza mentre in mano teneva un accappatoio di spugna da esibire al marito come alibi in caso di emergenza.

-Ahi...ahi...Sara, c'è la mamma davanti a me!-

-Cazzo! Proprio mentre stavo per venire!-

Aveva risposto la sorella col tono trafelato che la mamma aveva potuto sentire grazie al viva voce. (Succede sempre così con il sesso al telefono, essendo le mani impegnate è impossibile tenere il cellulare attaccato all'orecchio mentre ci si tocca.)

-Non temere Sara amore mio, non volevo disturbarvi e se vuoi vado via oppure mi unisco a voi in questo momento di intimità.-

Aveva subito risposto la mamma con tono rassicurante.

-Scusami...scusami mamma, non sei tu che disturbi, il fatto è che stavo proprio venendo e quello stupido di tuo figlio, colla sua esclamazione, ha rovinato tutto.
Comunque domani quando lo vedo, so io come fargliela pagare!-

Il riso dei tre amplificato e deformato dal viva voce, aveva stemperato e rallegrato la situazione.-

-Amore, almeno per questa ultima volta, potrei prendere io il tuo posto ed anche se in modo virtuale, al momento giusto possiamo godere insieme.-

Aveva detto saggiamente la mamma.

-Mamma sei davvero un genio!

Sei una troia è vero!

Siamo due troie è vero!

Ma questa tua capacità di risolvere i problemi fa di te la mamma più amabile e libidinosa del mondo.

Ti amo!-

A quel punto la mamma, sciolta ogni tensione, aveva chiesto al figlio di parlare con la sorella descrivendo ciò che stava succedendo come se ne fosse lei l'interprete in quel momento.

-Sara Amore mio, che bello...sei venuta a farmi visita nella mia cameretta mentre tuo marito è di la a dormire.

E che sorpresa!

Sei nuda, con i capelli sciolti, le labbra tumide, lo sguardo voglioso, i seni turgidi coi capezzoli irti e duri.

Il monte di venere liscio con solo quel filo di peli che mi fa impazzire...-

La risposta della sorella con voce tremula non si era fatta attendere:

-Amore...amore...dimmi che mi vuoi...dimmi che mi devo abbassare col seno sul tuo petto e la testa sul tuo bacino per prendertelo in bocca.

Dimmi che ce l'hai duro solo per me e che vuoi che te lo succhi prima di mettermelo dentro tutto!-

-Si,,si..lo voglio, voglio sentire le tue labbra sul mio cazzo, la tua lingua sul mio scroto e sentire il tuo alito che mi scalda l'inguine, il sesso e tra le cosce.

Mentre tra il fratello e la sorella si svolgeva questo gioco erotico al telefono, la mamma eseguiva tutti i movimenti che venivano richiesti e dunque, si era abbassata a leccare il cazzo del figlio infilandosi con la lingua oltre lo scroto sino al perineo.

-Si si...leccami li Sara, leccami sotto i coglioni....leccami il buco del culo e poi risali...risali sino alla cappella e succhiami tutte le goccioline che vedi.-

La mamma eseguiva e la figlia l'accompagnava coi suoi "Si" ed i gemiti che sortivano dallo strusciarsi le dita sulla clitoride e tra le labbra della fica fradicia di umori.

-Leccamela..leccamela anche tu mentre ti succhio il cazzo!-

Prontamente la mamma si era portata sul figlio a 69 e mentre lei continuava a succhiargli e leccargli il cazzo e il buco del culo, lui le leccava la fica mordendole anche la clitoride in modo doloroso al punto da provocarle scosse di piacere che percepiva anche la ragazza al telefono che rispondeva con violenti orgasmi accompagnati da ansimi, incitazioni e urla di piacere.

-Dio come mi fai godere amore...amore...mettimelo dentro...voglio sentire il tuo cazzo dentro di me sino all'utero...oltre...sino allo stomaco...di più sino al cuore...di più...di piùùùùù!.-

A quel punto mentre il ragazzo manteneva la postura supina la mamma gli si era portata sopra e calandosi a candela sul suo possente ariete aveva cominciato a cavalcarlo sbuffando affinché anche la figlia potesse sentirselo stantuffare dentro e godere ancora.

- Vieni amore..vieni...vienimi demtro...sborra...sborra...dammi il tuo seme mettimi incinta siiii...si...ingravidami...dammi un figlio amoreeee!!!!!-

In quegli attimi di estrema libidine, la mamma si era unita alle implorazioni della figlia mentre lui come un eco rispondeva:

-Siiii...siiii...sborro...sborrooo... ti ingravido...ti metto incintaaaa.... ahhhh...ahhhh.-

Di colpo la quiete!

E mentre la mamma trafelata e ansimante era china a rimboccare le lenzuola sul corpo del figlio sudato e rosso in viso, si era aperta la porta ed era apparsa la figura del padre:

- Dante ha un po' di febbre e ho dovuto sgridarlo perché, siccome studia medicina sa tutto lui e non vuole prendere neanche un'Aspirina!-

Aveva detto la donna al marito che era stato attratto da certi rumori provenienti dalla stanza del figlio.

-Cosa t'aspettavi?

Valli a far studiare questi figli e questa è la moneta con la quale ti ripagano!

Noi facciamo sacrifici per loro che non ti danno nessuna soddisfazione....nessun piacere!-

Aveva concluso il marito chiudendo schifato la porta.

segue.











Questo racconto di è stato letto 5 8 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.