Il mio matrimonio

Scritto da , il 2021-09-22, genere gay

Mi sono sposato, giovane, lei, mia moglie, ragazza stupenda, bellissima e corpo da favola.
Non è stato facile conquistarla, io maschio normalissimo, nemmeno tanto carino, e sicuramente non dotatissimo, anzi, lei abituata ad avere ragazzi, ricchi, belli, e sessualmente molto dotati.
Non sono stato il primo, anzi, al suo attivo, prima di mè, ha collezionato circa una decina di maschi, ma la cosa non mi ha mai disturbato.
L'ho conquistata, la mia simpatia, il mio saper fare, la pazienza, e poi una ser ha accettato di uscire a cena, ho giocato le mie poche carte bene, non ho fatto pressioni, e circa due mesi dopo, una sera, mentre come di rito la portavo a cena in un locale, sempre diverso, mi ha chiesto, di fermarmi al motel, dove, ho potuto averla mia.
Ripeto non sono dotato più del normale, ma me la cavo, e devo dire che era soddisfatta, e così neo mesi successivi, fino alla mia richiesta di matrimonio.
Ne fù felice, e accettò, ma mi disse, che aveva una condizione, che potevo accettare o meno, e alla mia richiesta di quale fosse, mi confessò, che non era, e non sarebbe mai stata fedele.
Era la sua natura, amava i maschi e adorava i cazzi, e che se avessi accettato, sarebbe stata una moglie fantastica, ma che sempre se accettavo, i suoi amanti li avrebbe portati a casa, nel nostro letto, in mia presenza, o se preferivo, potevo assentarmi.
L a cosa non mi sembrò strana, non più di tanto, io dal canto mio, avevo il mio scheletro nell'armadio, e decisi di scaricare la mia coscienza.
Nei miei ani da adolescente, avevo avuto esperienze omosessuali, non tanto da attivo, ma decisamente da passivo.
Ho avuto un certo numero di partners, a volte occasionali in altri momenti fissi, adoravo sentirmi sfondare il culo, e poi diradando i miei incontri omosessuali, finii per innamorarmi di lei e dimenticarmi il passato.
Non ne fù particolarmente colpita, e così accettammo i nostri, diciamo particolari sessuali.
Decidemmo la data delle nozze, enei sei mesi successivi, trà i preparativi, Gabriella, trovò il tempo di scoparsi un certo numero di maschi, non fui io ad inaugurare il nostri letto nunziale, appena consegnato, si fece scopare dal montatore, di nome e di fatto, e me lo presentò, li trovai nudi intenti a scopare, le tenni la mano, mentre lui le sborrava in figa, facendola urlare di piacere, cosa che con mè, non era mai capitato.
Negli ultimi due mesi, credo di aver collezionato, un camion di corna, mentre sceglievo le bomboniere, lei era intenta a succhiare il cazzo del proprietario del negozio, e io ero eccitatissimo, mi sborrai nei pantaloni.
Imbianchino, palquettista, idraulico, mobiliere, se li passò tutti.
E io tutte osservavo i cazzi che la violavano, o che passavano trà le sue labbra, iniziavo a riconsiderare il mio lato omosessuale, e lo dissi a Gabriella, mancava poco al matrimonio, mi abbracciò, e mi promise una sorpresa al nostro matrimonio.
Fù una giornata stupenda, matrimonio stupendo, lei era raggiante, vestito da favola, e sotto nuda.
solo autoreggenti, e null'altro sotto, dopo la cerimonia in chiesa, eravamo in auto, a voce alta, in presenza dell'autista, suo amico ed ex amante mi disse, Rinaldo, oggi, mi farò scopare da tutti, li provocherò, e se abboccano, li porterò nella camera a nostra disposizione, e me li farò, se vorrai assisterai, io ti chiamerò, e vedrai tù se seguirmi o nò, accettai.
Il pranzo fù veramente fantastico, e durante la giornata, spesso, Gabriella, agganciava dei maschi, mie cugini, suoi cugini, un paio di zii, e mi faceva cenno di seguirla, io mi sedevo, e osservavo il maschio di turno, sollevarle il vestito, e scoparla o incularla, sborrandole dentro, e poi, tranquillamente, mentre lo sperma scivolava dalla sua figa sulle cosce, fino a terra, lei camminava trà gli invitati.
Poi alla sera quando tutti gli invitati se ne andarono, andammo in camera, e esaurto mi lasciai cadere sul letto, e ad un tratto la porta si aprì, e trè degli invitati, suoi amici, entrarono, spogliarono Gabriella, e una olt nuda, mi disse, questa notte ogni cazzo che entrerà in mè, entrerà in tè, lei mi aiutò a denudarmi, e iniziammo la nostra notte nunziale.
I trè aveva cazzi da urlo, li aveva scelti lei, trenta centimetri di carne dura, non faticai a prenderli, succhia e mi feci scopare con godimento, e lei fù soddisfatta come mè.
Il giorno dopo, lei partì per il viaggio di nozze con due dei ragazzi della sera precedente, io rimasi a casa con il terzo, passai la luna di miele travestita e con il suo cazzo nel culo notte e giorno.
Dopo quindici giorni lei rientrò, scoprimmo poi gravida, io in quei giorni, capii la mia vera natura, Gabriella mi trovo, truccata in gonna e camicetta, e capì.
Siamo una coppia stupenda, lei mamma, io la zia, viviamo la nostra vita come donne, ogni tanto la scopo, è pur sempre mia moglie, sulla carta, lei ora vive con il suo capo, padre del nostro terzo figlio, io? io rimorchio chiunque, ho troppa voglia di cazzo.

Questo racconto di è stato letto 5 4 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.