Schiavo sessuale dell'amica di mia madre 2

Scritto da , il 2021-09-20, genere dominazione

per contatti cicciopelliccio2@yahoo.com

Andammo avanti così per diverse settimane. quasi ogni giorno tornando da scuola bussavo alla sua porta, piano, perché non voleva che i vicini scoprissero che mi riceveva a casa sua. dicevo a mia madre che dovevo fermarmi a scuola per delle ripetizioni, lei mi accoglieva scatenata in sola sottoveste nuda completamente sotto. appena entrato mi scaraventava conto il muro e mi slinguava a lungo infilando la sua lingua fino in fondo alla mia gola, succhiandomi la lingua facendosela succhiare. mi leccava e bacia il collo era una vera cagna in calore sembrava non avesse mai scopato. poi mi portava in salotto dove mi spogliava nudo e cominciava a baciarmi lentamente su tutto il corpo leccandomi i capezzoli e slinguando tutto intorno all’ombelico dove infilava la lingua. quindi mi gettava sul divano si toglieva la sottoveste e saliva a cavalcioni. continuando a baciarmi a lungo e leccandomi tutta la faccia. mi copriva di saliva. mi ordinava di leccarle e succhiarle il seno, morbido e rotondo poi finalmente mi prendeva il cazzo e se lo infilava dentro cavalcandomi lungamente senza sosta il mio cazzo bruciava e mi faceva male ma lei non aveva pietà mi usava come fossi un dildo di plastica voleva godere non glie ne fregava niente del mio piacere. se osavo lamentarmi mi prendeva a schiaffi forti in faccia e mi scopava ancora e ancora. veniva anche due, tre volte di seguito.
a volte mi succhiava il cazzo lo faceva molto bene ma quando stavo per venire smetteva lasciandomi sull’orlo dell’orgasmo ridendo sadicamente.
dopo le scopate si distendeva sul divano e mi ordinava di leccarle i piedi per rilassarsi. era la parte che mi piaceva di più. i suoi piedi puzzavano ma io godevo a sentirmi così umiliato, leccavo su e giù la pianta, le succhiavo i calcagni cosa che la facevano godere molto, succhiavo ogni singolo dito dei piedi a lungo, poi lei mi infilava tutto il piede in bocca muovendolo lentamente su e giù, mi colava la saliva, poi riprendevo a leccarli coprendoli totalmente della mia saliva. altre volte infilava i piedi così a fondo da farmi venire conati di vomito, lei godeva e rideva mi chiamava cane di merda e spingeva spingeva a fondo. spesso mi ordinava di mettermi in ginocchio e mi frustava con la cinghia dei pantaloni del marito violentemente sul culo e sulla schiena, tanto da farmi piangere dal dolore. mi ordinava di non urlare per non farmi sentire dai vicini e infieriva senza pietà dieci venti cinquanta volte. era sadica, era una ninfomane spietata. io, ragazzino, ero il suo oggetto del piacere, mi proibì di frequentare ogni ragazza della mia età dovevo essere solo suo e io obbedivo con piacere. essere schiavo del piacere di una signora matura era così eccitante che dopo le scopate trovavo ancora la forza a casa di masturbarmi per aspettare poi il giorno dopo

Questo racconto di è stato letto 3 0 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.