Parole

Scritto da , il 2021-04-16, genere etero

Nome che più napoletano non si può. No, non Gennaro, Antonio. Non chiedetemi perché, ma se dovessi dire quale nome per me rappresenta la napoletanità io direi Antonio. Anche se ve lo confesso: della napoletanità non so un cazzo. Sono sempre stata molto più ispirata da ciò che sta a nord del 42° parallelo.

Ogni regola ha però un'eccezione che, proprio perché è un'eccezione, ti brilla davanti. Questa eccezione per me si chiama, appunto, Antonio.

L'ho conosciuto a un’afp in facoltà. Età indefinita ma comunque giovane, assistente di uno dei relatori. No, assistente è troppo. Più uno schiavo, diciamo, ma di alto livello. Ho avuto modo di parlarci un po' perché il primo dei due giorni avevo sbagliato l'orario ed ero arrivata con mezz'ora di anticipo. Non immaginate cose strane, siamo rimasti sull'accademico - entrando pure in qualche dettaglio della mia tesi - e a quattro sedie di distanza l'una dall'altro. Però anche a guardarlo e basta è un tipo particolarmente wow. Alto e ben piazzato, capelli neri, bei lineamenti e molto definiti, un filo di abbronzatura residua che si ferma giusto un attimo prima di diventare inopportuna, vista la stagione. Sorriso abbagliante a trentadue denti che si allarga quando meno te l'aspetti e ti manda in confusione. E poi il suo modo di parlare, che era come se avvolgesse e sottolineasse tutte queste sue qualità. E con una bella voce calda, tra l'altro, avvolgente pure quella. Proprietà di linguaggio e italiano perfetto, inaspettatamente nobilitato - almeno visti i miei pregiudizi - proprio dal suo accento. Dico "inaspettato" e parlo di pregiudizi perché a me, appena si esce dal raccordo anulare direzione Valmontone certi modi di parlare cominciano subito a starmi sul cazzo. Che ci posso fare, è un grave errore ma è così.

Questo tipo qui invece, proprio per come parla, mi affascina. Come se la premessa fosse sempre "che problema c'è?", su qualsiasi cosa, accompagnata da un modo di ammiccare che ti dice "ragiona, è facile" e da un sorriso che ti tranquillizza. Quando me ne sono andata sono stata io a salutarlo con un sorriso, spontaneamente e quasi inconsapevole. Nothing can come between us, ho pensato, d’accordo. Però mica sarebbe male. Non è che sia proprio il tipo sexo loco, ma al momento opportuno è uno che ti fa piangere, secondo me. E non dagli occhi.

Il secondo giorno l'ho ritrovato in aula in una situazione più affollata. Era vestito in modo decisamente meno formale del giorno precedente, senza cravatta e con un paio di jeans. L'ho salutato per prima e gli ho domandato se si fosse goduto la serata romana, mi ha spiegato che no, che aveva fatto avanti e indietro. In quel momento avrei voluto avere anche io i jeans, se non proprio i leggings modello-troia, perché mentre prendevo posto mi ha guardato il culo avvolto nei pantaloni misto lana a vita alta, me ne sono accorta.

Al termine è stato proprio lui a propormi di scambiarci i contatti, dicendomi "se ti serve qualcosa per la tesi non farti problemi". Ho accettato, lusingata dalla sua garbata avance, e un po' anche perché, lo ammetto, ho pensato che una specie tutor fuori dipartimento, al quale rompere il cazzo con i miei dubbi, mi avrebbe davvero fatto comodo.

La sera a letto, mentre mi masturbavo per noia, mi sono sorpresa a pensare a lui. A dirgli cose cretine tipo “sono un po' scarsa in geometria, mi lasci controllare il tuo sottoinsieme?” mentre gli abbasso i boxer e vedo come finisce l’abbronzatura e come le vene gli percorrono la mazza già pronta. Non sono andata sino in fondo perché il sonno ha preso il sopravvento, o forse perché in realtà non ci credevo tanto nemmeno io, boh.

Effetti collaterali: il giorno dopo mi sono svegliata arrapata. Non come al solito, di più. Con una voglia esagerata di fare un pompino a qualcuno. Me lo sono proprio detta “mamma mia che voglia di pompino che ho”. Di quelli che fai solo per sentirti una svuotacazzi. Avete presente? No, non ho combinato niente, che credete? La voglia me la sono tenuta per tutto il giorno e a sera ero complessivamente anche un po’ intristita. Avevo pure rifiutato un invito da Serena e Stefania per un dopocena. Se fossimo state noi tre ci sarei andata, ma con Johnny e Simone, il ragazzo di Stefania, anche no, grazie. Non che me ne freghi un cazzo di fare la quinta, eh? Però non mi andava.

Poi, a un certo punto, ding. WhatsApp. Antonio. Io nemmeno ci pensavo più. Nulla di speciale, nel suo messaggio: “Ciao, come stai, che ti è sembrato del corso” e ste cose qui. E nemmeno nelle mie risposte nulla di speciale. Mica potevo dirgli “ehi, lo sai che ieri sera mi sono toccata pensando a te?”. Tra l’altro mi intimidiva anche un po’. Voglio dire, non certo come un prof, ma insomma… Ovviamente non sono scema e non ho considerato per nulla casuale il suo messaggio, ma non sapevo bene come comportarmi. Perciò me ne sono rimasta un po’ sulle mie.

Per due o tre giorni è andata avanti così, tranquillamente. Finché una sera, con una mia certa sorpresa, mi ha contattata su Ig. E tenete conto che di Instagram non ne avevamo mai parlato.

Ergo, mi ha cercata (trovarmi non è complicatissimo). Ergo, vuole qualcosa. Ergo, parliamone…

Ora, non è che io le foto zozze le tengo su Insta, ma qualcosa di divertente c’è, tipo un paio di inquadrature di spalle con il bikini infrachiappe. Lui però resta colpito da una foto di me e Debbie sul treno, ad Amsterdam. Vestite da troie e con le boccucce arricciate come due deficienti. Mi chiede chi è quella e io rispondo “bella, eh? è una mia amica olandese”, senza aggiungere altro. Lui mi fa “ma anche tu sei bella” lanciandosi nel primo apprezzamento esplicito. Da qui in poi, scivolare nel personale è più semplice. Ci lasciamo dopo uno scambio di battute – non mi ricordo come ci siamo arrivati, però – più o meno di questo tenore: “Io fingo di tirarmela ma non ho così tanta autostima”. “Sbagli, non dirmi che sei una di quelle ragazze insicure”. “No, è ovvio che scherzo, sono una figa da paura e ci vengono da tutta Italia a provarci”. Vado a letto dicendomi che questo sarà pure fidanzato, ma si guarda intorno. Trovo la cosa divertente, non molto di più. Considero poco probabile ogni altra eventualità e, strano a dirsi, mi rendo conto di non ricordarmi bene la sua faccia. Sul suo profilo foto personali non ce n'erano.

Il giorno dopo mi smessaggia che sono al supermercato, a fare incetta di birra per il weekend. Non è che non abbiano mai provato a rimorchiarmi via telefono, anzi, però ammetto che da lui non me lo aspettavo. Si comporta come un ragazzino e se da una parte la cosa mi lusinga dall’altra non so che pensare. Mah. In ogni caso ci diamo appuntamento per la sera tardi. Molto tardi e senza impegno. E’ venerdì e sia io che lui abbiamo i cazzi nostri, non voglio sapere i suoi e non voglio dirgli i miei. Resta il fatto che alla fine sono quasi incredula di avere fissato un appuntamento notturno su Ig con lui.

La sera esco con Stefania, visto che il suo manzo ha la partita di calcetto. Incrociamo anche un tipo che, quando lo vedo, mi fa pensare “mi sa che la voglia di fare un pompino me la tolgo con questo, stasera”. Invece no, sia lui che il suo amico si rivelano due cafoni col botto e finisce pure a male parole. Tipo “sei solo ‘na troietta ignorante”, “tu a me ignorante non lo dici, bufu”. Per fortuna che c'è gente intorno, sennò era un casino.

Anziché farmi girare, però, la cosa mi diverte da matti. Stefania, che un po’ si è preoccupata, mi vede su di giri e domanda cosa abbia. Io le rispondo senza pensarci su due volte “ma lo sai che c’è un tipo di Napoli che mi batte i pezzi?” e le racconto tutto. Lei mi fa “cazzo, ma se ti piace tanto, Napoli sarà a un’ora di treno”. Le rispondo “due ore, ho controllato, ma comunque no, è solo per cazzeggiare”. E mentre glielo dico mi accorgo che è proprio così, solo cazzeggio. Allo stesso tempo, però, non faccio che controllare il telefono.

Quando arriva la notifica di Antonio non è nemmeno tanto tardi, l’una e mezza. Sono seduta con le gambe appoggiate sulla scrivania davanti al laptop, un evidenziatore in mano e una discreta curiosità di giocarci. Nello stesso momento mia sorella, appena rientrata anche lei, apre la porta per chiedermi se alla fine ho deciso di andare in montagna con loro sì o no. Le rispondo no, come sempre, mentre da una parte penso “cazzo entri così di colpo che sto per farmi” e dall’altra mi domando cosa ci sarà scritto nel messaggio.

C’è scritto “passata una buona serata?”. Non so perché mi aspettavo qualcosa di più horny. Ma è che sono scema io. E’ appena rientrato e si sta fumando una sigaretta in balcone. Il fatto che lui, appena rientrato, mi cerchi mi manda un po’ in confusione il piano di sotto. Però mi calmo subito e gli racconto della mia serata. Della sua voglio sapere poco e ho l’impressione che sia in imbarazzo. Gli parlo della lite con lo stronzo, sbraco, gli rivelo che all’inizio mi piaceva pure. E’ l’inizio della fine o, se volete, l’inizio dell’inizio.

“Uno di quelli simpatici solo se ci stai?”, mi scrive.
“No no, che simpatico, proprio manzo”.
“Che tipo di manzo?”.
“Il tipo che ti rammarichi che ci sia troppa gente in giro. Una delusione, guarda…”.

Beh, sono stata anche discreta, no? Voglio dire, posso scrivere anche di peggio, soprattutto in chat. Invece mi sono tenuta. Lui però deve essere il tipo-tutto-telepatia.

"Perché una delusione?", domanda.
"Così, nulla di particolare".
"Ti eri fatta delle idee?".
"Potrebbe essere".
"Ahahah sei rimasta con l'acquolina in bocca".
"Esattamente".
“E quindi, quando tu vedi qualcuno che ti piace, pensi al sesso orale?”.

Guardo il display del telefono quasi gelata, dopo un secondo invece avvampo. Non certo di verecondia. Non ci posso quasi credere. E’ un po’ come una sculacciata, ma di quelle che oltre al bruciore e al segno ti lasciano la voglia di riceverne subito un’altra. Più che volgare, è stato esplicito. Magari voleva solo scherzare, ma lo è stato. E poi, in tutta sincerità, qualcosa mi dice che non volesse solo scherzare. Di sicuro è andato ben oltre la soglia della convenienza. E a me oltrepassare certe soglie eccita da matti.

“Sì, che c'è di male?”, rispondo laconicamente.
“Devi essere un bel tipetto”, scrive.

Una mignotta, mi dico, dovevi scrivere una bella mignotta. Sarebbe stato perfetto. Mi faccio un selfie, niente di spettacoloso. Solo io e la mia faccia sorridente.

Però sotto gli scrivo “l’ho pensato anche di te, b.notte”.

Lo mollo così, lasciandolo nel dubbio che mi abbia offesa. Naturalmente, niente di tutto questo. Godo piuttosto nell’immaginarlo piantato lì, così, a leggere il mio ultimo messaggio con il cazzo che gli è improvvisamente diventato duro. E chissà se poi è davvero così. Ma poiché nemmeno io sono di legno, mentre mi spoglio per mettermi a letto penso a lui che fuma e che mi guarda finché non resto completamente nuda. E penso a me stessa che, senza guardarlo in faccia e anzi dandogli le spalle, gli dico “sono il tuo buco, usami”. Una cosa che con lui posso solo immaginare di fare e che nella realtà potrei dire solo a chi mi sta già abbondantemente usando.

E’ l’unico momento, e anche il primo in assoluto, in cui penso che dovrebbe prendermi e stapparmi come una bottiglia di prosecco. Non voglio e non saprei nemmeno dirgli come e quando farlo, ma penso che davvero dovrebbe. Mi stendo a letto come se gli dicessi "vieni, ho voglia". Ho voglia di sentirmi rispondere con sufficienza "certo, che problema c'è?", voglia di essere avvolta dalla sua placida perfezione, schiacciata dal suo peso, castigata. Di dirgli "tu hai capito esattamente come sono, spianami per tutta la notte". E' un mix di desiderio e curiosità: mi chiedo come mi sbatterebbe.

Mi svegliano i rumori dei miei e di Martina che partono. La prima cosa che faccio la faccio come una sonnambula, un robot. Mi spoglio e vado allo specchio. Dio mio che fregna che sono oggi. Una di quelle che nei film si alzano e sono tutte arruffate ma belle da morire, quasi quasi ora mi scopo. Invece no, mi faccio una foto al culo. La osservo e ne contemplo la perfezione, sia della foto che del culo. Gliela invio. Torno a letto e mi riaddormento. Quando riapro gli occhi mi domando che cazzo ho fatto. Sto sviluppando una vena esibizionista che non ho mai avuto, d'accordo, e sto mandando un po' troppa roba in giro negli ultimi tempi. Ma la vera domanda è: perché proprio a lui? Lo so da sola che è giusto una fantasia e che non succederà mai nulla. Lo so, lo sento. In realtà nemmeno mi andrebbe. E' un po' come se la fantasia di essere scopata da Antonio fosse molto ma molto più allettante di essere scopata davvero. Controllo il telefono, tutto tace. Mi metto addosso la felpa Adidas, i pantaloni del pigiama e vado in cucina. La notifica del suo messaggio arriva solo dopo colazione.

"E questo che sarebbe?".
"Secondo te?".
"Faccio fatica a capirti".
"Quale parte di 'ti ho mandato il culo' non capisci, zio?".

Beh, sono passata all'attacco, no? Ho preso l'iniziativa. Anche verbalmente. Almeno questo dovrebbe essergli chiaro, senza tanto bisogno di traccheggiare. E il bello è che, adesso, non sono nemmeno tanto arrapata. Direi che mi diverte di più la prospettiva della chattata.

"Pensavo che ieri sera ti fossi incazzata".
"Perché mi hai chiesto se quando vedo uno che mi piace penso di prenderglielo in bocca?".
"Sì".
"Perché dovrei arrabbiarmi? Tu non lo pensi mai? A parti invertite, ovvio".
"Se lo penso non lo dico, tantomeno alla diretta interessata".
"Io invece te lo dico. Mi stavo masturbando e ho pensato come sarebbe stato fartelo, ho bisogno di fantasticare nei miei momenti in solitaria".
"E perché proprio io?".
"Non lo so, forse perché pure tu sei un bel tipetto, per usare le tue parole".
"Potevi pensare al tuo ragazzo".
"Non ce l'ho, sono l'ape che passa di fiore in fiore".
"Di fiore in fiore?".
"Dovevo dire di cazzo in cazzo?".
Mi manda la faccina che piange dal ridere seguita dalle parole "avevo capito".

Ok Anto, per essere un cazzeggio te l'ho messa giù un po' troppo pesante, ma è colpa tua. Poche cose mi infastidiscono come la domanda "non ce l'hai un ragazzo?" o simili. Se prima ero passata all'attacco adesso vado proprio all'arrembaggio, te lo prometto.

"Cosa avevi capito? Che sono troia? Non l'hai capito ieri sera?".
"Sì, un po' sì", è la sua risposta.
Invio la faccina con l'aureola e poi scrivo "non è vero, sono una brava biondina".
"Il tuo motto è: dammi attenzioni e trattami come una priorità", ironizza.
"Certo, trattami bene e ti do il cuore", gli rispondo. Solo che invece della parola cuore ci metto il simbolo.
"Pensavo il culo", risponde in modo onestamente un po' troppo prosaico.
"Non volevo essere troppo esplicita".
"Giusto, i sottintesi a volte dicono più di tutto".
"Esatto, i ragazzi che mi trattano bene hanno il mio cuore e pure qualcos'altro".
"Che cosa?", domanda.
"Un po' di riserbo, perdiana!", rispondo.

Mi piace e mi fa sorridere questo gioco verbale di affondare e ritrarsi. E' un po' come sventolargliela davanti e poi nascondersi. E ripeto, è più divertente che eccitante. Anzi, la cosa più divertente in assoluto è pregustare il momento in cui gliela metterò giù ancora più dura. Peccato solo non vedere la sua faccia. Ma è anche vero che se avessi la sua faccia davanti quasi certamente non potrei giocare così.

"Giovane aspirante accademico napoletano, risponderesti alla domanda insolita di una giovane puttanella romana?".
"Sentiamo".
"E' un po' particolare come domanda...".
"Sentiamo questa particolarità".
"Mi fotteresti?".

Sul display mi appare una distesa di faccine stupefatte che mi fa sghignazzare. Non so dire se sia davvero sorpreso, forse a questo punto qualcosa se l'aspettava e anche lui va di cazzeggio.

"Chissà se c'è un emoticon per dire 'prima però dovresti legarmi al letto' ", gli scrivo. Sono pronta a scommettere qualsiasi cosa che si sta chiedendo se lo stia prendendo in giro o no. E che la sua prossima domanda sarà per l'appunto questa.

"Ragazza, sai come si dice a Napoli?".
"No".
"Nun me sfruculià".
"Tradotto?".
"Non provocarmi".
"Cedi facilmente alle provocazioni?", gli scrivo.
"No".
"E se non fosse una provocazione?", insisto.
"Allora non scherzavi quando dicevi che sei un po' zoccola".
"No, ma ho anche dei difetti".

Mentre il messaggio parte mi rendo conto che, per la prima volta, ho voglia di risentire la sua voce e il suo modo di parlare.

"Davvero, Antonio, come reagiresti?".
"A cosa?".
"A una un po' zoccola, che più che provocarti fa sul serio".
"Non reagirei".
"Daaaai... una con cui non hai solo la possibilità, hai proprio la certezza assoluta di fare centro".
"Ma non succede mica così".
"In qualche modo deve succedere, no? Metti che stai con un tuo amico, a bere, e c'è questa qui che... cosa fai?".
"Non lo so, forse ci vado".
"E cosa dici al tuo amico?".
"Che ne so cosa gli dico? 'Scusa vado', gli dico".
"Wow, arrapato proprio, eh?".
"Cioè?".
"Cioè gli diresti 'ho ampie probabilità di inserire il mio pene nella vagina di quella signorina'?".
"Ma no!".
"E come gli diresti? Sincero, Antò".
"Gli direi 'vado da quella e me la scopo', se proprio lo vuoi sapere".
"Finalmente!", gli scrivo inondandolo di faccine che ridono.
"Ma perché questa curiosità?", domanda.
"Perché mi chiedevo qual era il massimo della volgarità di cui sei capace ahahahah".
"Non amo essere volgare", risponde.
"Nemmeno in quei momenti?".
"Nemmeno, tu sì?".
"Io parecchio. Sicuro che non diresti qualcosa di peggio?".
"Potrei, dipende, potrei dire 'quella me la fotto', come dici tu".
"Ahahahah, lascia perdere me! Lo diresti così?".
"Come lo dovrei dire?".
"Che ne so, in napoletano...".
"Di solito evito".
"Ma se ti scappasse detto?".
"Insisti, eh?".
"Sì, sono curiosa".
"Uno volgare direbbe 'uh, chista mo a sfong proprio' serve la traduzione?".

Leggo e mi viene da ridere. Provo a ripetere la frase ad alta voce ma mi viene male, lo sento che non suona. Poi mi chiedo come sarebbe detta da lui e come sarebbe essere guardata da lui mentre me lo dice. E anche essere io a guardarlo, ok.

"Usi Skype, Antò? FaceTime?".
"FaceTime".
"Chiamami, chiamami e dimmelo a voce, dimmelo in faccia".

Gli rispondo dal laptop, seduta alla mia scrivania. Con le gambe appoggiate sul ripiano e il sorriso di una che si sta divertendo un mondo. Guardarlo però mi fa un certo effetto, mi chiedo come abbia fatto a dimenticare la sua faccia. Lui mi fa "buongiorno bella 'uagliona" e io mi metto a ridere. Ride anche lui. Gli chiedo di ripetermi quello che mi ha scritto prima.

- Chista 'a sfong' proprio - mi fa, sorridendo, come se fosse una frase qualunque.

Scoppio a ridere, vuole sapere che ci trovi di tanto divertente. Gli spiego il mio rapporto, per così dire, particolare con tutto quello che definisco "napoletano". Aggiungendo "ovviamente se mi prendi per scema lo capisco".

- Nu poco scema sei - risponde ridendo.

- Dai, accettami così come sono, anche se sono perfetta ahahahahah...

- Non avevi dei difetti, tu?

- Sì, qualcuno sì - rispondo sfilandomi la felpa - per esempio, non trovi che siano un po' piccole? Attento a come rispondi ahahahah...

Mi guarda dallo schermo. Non dico che strabuzzi gli occhi perché di certo non è uno che non ha mai visto un paio di tette. Però così, a occhio, direi che non se lo aspettava. Domanda divertito "ma tu le mostri così facilmente?" e gli dico che avevo chiesto un giudizio. Lui risponde "non grandi ma belle". Apprezzo la litote e sorrido, ma non mi rimetto la felpa. Lui anche giustamente, lo ammetto, si fa e mi fa qualche domanda.

Ovvero mi chiede se mi piace il sesso virtuale. Gli dico che beh, qualche volta c'è anche quello ma che non è il nostro caso. E credetemi, nonostante la situazione, è la pura verità. Sono molto più impegnata a sorprenderlo che ad eccitarlo. Lui mi fa "meno male" e a sto punto sono io che voglio sapere perché. Risponde che non è il suo genere, che non l'ha mai fatto, che non saprebbe come fare. Dico "non è difficile, si parla di zozzerie e ci si masturba, se c'è una cam di mezzo, come ora, ci si guarda pure". Vuole sapere cosa faccio io di solito e gli spiego che per me non c'è un "di solito", dipende dai momenti. Mi invita a immaginare una situazione in cui lui mi porta a cena in un bel posto e se una chat di sesso potrebbe cominciare così. Replico che la prende un po' alla larga ma che può andare benissimo anche quello, non c'è una regola. "Semmai c'è un obiettivo", aggiungo con divertita malizia.

- Potresti eccitarti immaginando noi due che ci sfioriamo e parliamo sottovoce vicini vicini per tutta la sera... - insiste.

- Certo, ma a quel punto più che immaginare di parlare sottovoce preferirei immaginare una gigantesca pomiciata ahahahah.

- mmm... no, io come dici tu preferirei prenderla alla larga... passo da te, ti stai finendo di vestire, ti allaccio il vestito e poi ti do uno schiaffetto sul sedere e ti dico "andiamo che si fa tardi".

- Mi piace l'idea dello schiaffetto sul sedere - gli faccio - è un modo per dire "d'ora in poi si fa come dico io"?

- Potrebbe essere, che dici?

- Could be us - rispondo - probabilmente ti manderei con un sorriso che vuol dire "ok, si fa come dici tu". Mi diverte consegnare le chiavi della macchina a qualcuno, però...

- Però?

- Ecco, è molto più facile immaginare che invece di allacciarmi il vestito me lo togli, e magari scopri che sotto non ho nulla.

- Davvero? - domanda.

- Perché no? - rispondo.

Mi guarda per qualche secondo in silenzio, con quel sorrisino placido e indecifrabile. Secondo me si sta chiedendo se millanto, se sono solo una ragazzina cui piace giocare così. Giocare e basta. E in effetti io stessa non saprei bene cosa fare, ora. E' chiaro che, a guardarla da fuori, lo sviluppo più logico sarebbe una sessione di video-sex, ora. Ma non è così e lo sappiamo tutti e due. Poi però lui sgancia la bomba.

- Stanotte, quando abbiamo chiuso, mi sono masturbato pensando a te.

Bum. Questo sì che è un colpo. E, come dire, questo sì che è un crampo. Anche perché l'immagine mentale di lui che se lo mena diventa immediatamente un'altra immagine: lui che, non so come, se lo mena proprio qui accanto a me e finisce per schizzare sullo schermo del mio MacBook. E subito dopo io che lecco e assaporo il gusto del suo seme. La mano che spinge la mia testa e le parole "pulisci bene" sono tutte farina della mia immaginazione, non so nemmeno se lui sia il tipo, non credo. Ma chissenefrega, basta raffigurarmi una scena del genere che in pochi secondi mi ritrovo con i pantaloni del pigiama bagnati in modo indecente.

- Non dici nulla? - domanda. Effettivamente sono passati parecchi secondi di completo silenzio. Devo essere nella tipica modalità sguardo-perso-nel-vuoto.

- Sto elaborando - gli rispondo per prendere tempo - sii sincero, pensavi a qualcosa in particolare?

- Pensavo a te che arrivavi incazzata dopo avere litigato con quel tizio e mi dicevi che ti era rimasta la voglia di succhiare...

- E poi te lo succhiavo... - sussurro.

- Sì.

- Dove?

- In un posto qualsiasi, non ci ho pensato - risponde - tu adesso che pensi, invece? Se stessi facendo sesso virtuale, cosa diresti ora?

- Non lo so - dico in un soffio - vuoi che ci pensi?

- Sì – risponde, il tono è quasi quello di un ordine.

La differenza, rispetto a lui, è che nei miei film il "dove" è importante. Glielo spiego, che devo pensare prima al "dove". Antonio fa uno "uh uh" di assenso, come se convenisse che si tratta di un dettaglio fondamentale. Ma ho la testa vuota, non riesco a raffigurarmi nulla. Come se l'eccitazione mi fosse salita troppo in fretta, svuotandomi. Quasi per prendere ancora tempo, e non per reale curiosità, gli domando "ti stai toccando il cazzo?". Risponde "no" e mi mostra le mani. "E tu? Ti stai toccando?".

La parola "cazzo", tanto per cominciare, e poi la sua domanda. Potrei dire che entrambe mi eccitano, ma sarei molto più vicina alla verità se dicessi che mi scopano. O almeno stanno per. La fica mi pulsa e i capezzoli sembrano volersene andare per conto proprio. Dominando un brivido gli rispondo "no, ma guarda" quasi piangendo. Prendo il laptop e faccio in modo che la cam indaghi in mezzo alle mie cosce, riveli la macchia scura sul rosso dei miei pantaloni del pigiama. Lui prima sussurra "cazzo" poi mi dice "togliti tutto". Mi alzo dalla sedia, lascio cadere i pantaloni e mi mostro. Non so assolutamente perché faccia sta cosa, soprattutto con lui che è sostanzialmente uno sconosciuto. Ci sono sempre stata attenta. Non avete idea, per dire, di quante volte abbia detto "molla il telefono" a quelli che volevano riprendermi mentre gli succhiavo il cazzo. Invece stavolta lo faccio. Forse perché mi fido, molto più verosimilmente perché non capisco più nulla.

"Attendo istruzioni", gli mormoro restando in piedi davanti al MacBook. Una scarica di piacere mi attraversa mentre lo sento dire piano "siediti ma fatti vedere". Eseguo. Mi siedo allungando le gambe sulla scrivania. Spalancate, con il laptop in mezzo. Se aspiro forte sento il mio odore. Domando "mi vedi?" e lui sussurra "Cristo...". Immagino sia un sì. Lo guardo mentre perlustra la mia figura sul suo schermo, mi sento esposta e la cosa mi fa rabbrividire un’altra volta in modo pazzesco. “Ti piaccio?”. Nessuna parola, stavolta, solo il suo sguardo intenso. E anche questo immagino sia un sì. Un po’ a sorpresa mi dice “che belle gambe”. Gli domando “guardi le gambe?”, risponde “anche”.

Chiedo ancora "vuoi che mi faccia? vuoi che mi scopi? vuoi che mi metta qualcosa dentro?". Mi torna in mente l'evidenziatore con cui stavo per chiavarmi ieri notte, prima di essere interrotta da Martina. Lo cerco con gli occhi sulla scrivania, lo vedo, quasi lo desidero. Farei qualsiasi cosa Antonio mi chiedesse. Ma lui risponde “no, ferma con le mani, parla, dimmi solo a cosa stai pensando”. Il suo tono è così privo di enfasi ma allo stesso momento così fermo e autorevole che l’ennesimo brivido mi attraversa e dico a me stessa “sì, cazzo, sì”.

Replico che in questo momento non posso pensare ad altro che a stare in questo modo. E che lui sia qui in carne e ossa. A guardarmi come mi sta guardando ora. Ma poi no, invece e improvvisamente no. La sceneggiatura mi si dipana davanti in un attimo e gli dico che penso a lui che prende il treno per venire da me e che mentre è in viaggio chattiamo, lui con il cazzo che gli scoppia nei pantaloni e io che bagno la sedia con i miei succhi. E poi che gli vado a aprire la porta vestita solo di una t-shirt. Uso la stessa formula quasi impersonale che ho usato poco fa, quando lo provocavo per gioco: giovane puttanella romana apre la porta a un giovane aspirante accademico napoletano, la maglietta la copre ma lui capisce ugualmente che sotto non ha nulla perché vede due gocce scivolare lungo la coscia.

- Il giovane aspirante accademico napoletano è venuto a Roma per una sveltina sul pavimento dell'ingresso – gli dico ancora - massimo otto-nove minuti, poi se ne va in tempo per riprendere il treno e mi lascia ammucchiata sul parquet, ancora scossa dagli spasmi mentre sento il suo sperma che comincia a uscire.

- Continua, resti lì e che pensi? – domanda.

Non penso a un cazzo, vorrei dirgli, a cosa vuoi che pensi? A quel momento il cui il piacere è diventato così fragile che ti fa tremare? Non è una cosa che si pensa, è una cosa che si sente addosso. E che è impossibile da spiegare, almeno adesso. Ma poiché credo che anche lui voglia sentirsi gratificato, lo gratifico. E’ già uno sforzo terribile tenere le mani a posto, figuriamoci se mi va di farne altri.

- A quanto ce l’avevi duro… e a quanta ne avevi... – dico in un fiato.

In un altro momento, peraltro, potrei anche pensarlo davvero.

- Sai cosa farei prima di andar via? – domanda dopo essere rimasto un po’ in silenzio.

- No…

- Ti infilerei una bottiglietta nel culo.

Ho un sobbalzo, come per uno schiaffone di acqua gelata in faccia. E’ paura, è incredulità. E’ attrazione, anche, per questa dichiarazione perversa e prepotente, violenta. Una specie di déjà vu mi attraversa il cervello ma non ho il tempo di bloccarlo. Gli domando quasi istintivamente "ma sei impazzito?" e lui risponde di no. Chiedo "fai queste cose?" e lui risponde ancora una volta no, poi aggiunge "mai fatto, ma con te mi verrebbe di farlo, ho avuto proprio la scena davanti agli occhi".

A sto punto sarebbe quasi rassicurante chiedergli se mi considera davvero tanto troia e sentirmi rispondere che sono la più gran troia dell'universo. Almeno resteremmo dentro un gioco che conosco. Invece sono spiazzata e non so che dire. Quella specie di déjà vu che prima aveva fatto il viaggio di andata adesso fa il viaggio di ritorno e stavolta sì, cazzo, che qualcosa prende forma. Lo scempio, reale, di Giovanna con quei bastardi della sua gang bang. Un attimo dopo le associazioni di idee mi fanno ricordare che Antonio mi aveva smessaggiata al supermercato proprio mentre compravo le birre e che, sì, se dobbiamo parlare di bottigliette potrebbe usare quelle che ho in frigo.

Delirio, un velocissimo delirio di ricordi, voglie e paure interrotto solo dalla sua voce.

- Non sono un sadico, non so come mi sia venuto in mente ma te lo dovevo dire.

- Mi hai fatta impazzire.

- Perché?

- Non importa, ce l’hai duro?

- Sì.

- Fammelo vedere!

- No.

- Perché???

- Perché è un gioco carino, ma è un gioco… e tu non sei la mia donna.

- Ma che cazzo significa? – domando. Sono allibita.

- Quello che ti ho detto – risponde.

- Cioè lo fai per fedeltà??? – insisto.

- Sì.

Non ci posso credere. Davvero.

- Quindi non è vero che se una ti provocasse… cioè, “vado e la scopo” non lo faresti? – chiedo.

- No, te l’ho detto prima per giocare, ma non lo farei. Tu invece ho l’impressione di sì.

- La fedeltà non è il mio forte – gli dico – pensi che sono troia?

- Ma no, ognuno fa quello che crede – risponde.

E’ evidente che non è quello che pensa. E invece a me piacerebbe che fosse sincero. Ho quasi voglia che almeno la sincerità diventi il suo vero tradimento.

- Davvero Antò, se mi facessi quello che hai detto non penseresti che sono troia? Non me lo diresti?

- Ti piacerebbe?

- Sì.

- Perché?

- Non lo so, mi piace, forse proprio perché sono troia.

- Si’ ‘na soccola, Annalì, questo ti direi.

Proprio così, zoccola. Pronunciato con quella che non è una zeta e non è una esse. E a proposito di parole che ti scopano, questa è proprio la spinta finale, quella subito prima che ti esploda dentro e ti allaghi di sperma. Deve capirlo anche lui, dallo sguardo che sento di avere, dal sospiro che lancio, dalla mia bocca aperta.

- Grazie – sussurro.

- Di nulla.

- Ora devo andare…

- Che devi fare?

- Beh, la doccia, no? Per quale motivo pensi che sia nuda? – rispondo cercando di recuperare contegno e sorriso.

Lo saluto con un “ciao, alla prossima”, sapendo benissimo che non ci sarà una prossima. E non so se esserne dispiaciuta o no. Entro davvero in doccia e - sarà che sto come sto, sarà che stamattina la pressione dell'acqua sembra diversa - con il doccino indirizzato tra le cosce ci metto otto secondi netti, una specie di record mondiale. Non faccio nemmeno in tempo a immaginarmi lui che mi dice "che belle gambe" prima di spalancarmele e conficcarsi dentro di me. E non è neanche come al solito: stavolta scatto, lancio uno strillo e devo aggrapparmi alla colonna doccia per non scivolare. Quando esco dal bagno sono un po' più placata, ma mica tanto. Mi guardo nello specchio lungo, ho i capelli bagnati e l'accappatoio aperto. Sono fregnissima, mi faccio sesso da sola, a chi può venire in mente di non ribaltarmi da qualche parte? Mi dico che non può finire così. D'accordo, non ci sarà mai nulla, ma la soddisfazione di inchiodarti in testa cosa-ti-sei-perso fammela togliere. Afferro il telefono.

"Comunque io sono sola in casa. Potresti venire e portarmi fuori in un bel posto. Allacciarmi o slacciarmi il vestito, quello che vuoi tu. E anche darmi una montagna di schiaffetti sul sedere. C'è un treno alle sei e mezza, sono solo due ore. Pensaci".

Questo racconto di è stato letto 2 8 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.