Come sono diventato schiavo della mia fidanzata -Una giornata particolare- (1)

Scritto da , il 2021-04-12, genere dominazione

La seguente parte è legata a "Come sono diventato lo schiavo della mia fidanzata" e se ne consiglia la lettura, prima di procedere.

Sono passati circa sette mesi dal giorno del mio compleanno in cui ricevetti quel bellissimo regalo dalla mia fidanzata padrona. Da quel giorno, il nostro rapporto, continuò sulla solita scia, e nonostante in passato lei non fosse mai stata interessata, né molto al corrente dei rapporti schiavo-dominatrice, dimostrò sempre più la capacità di ricoprire quel ruolo, che le sembrava cucito addosso! Il suo carattere e la sua pigrizia, la mantenevano sempre distaccata e apatica nei miei confronti, concedendomi sempre poche attenzioni e pochi privilegi. Aveva iniziato, ogni tanto, a usarmi per divertirsi umiliandomi e torturandomi come meglio le passava per la testa e si vedeva che la divertiva molto. Ad esempio, un giorno (senza nemmeno che avessi disobbedito o eseguito male un compito) mi chiuse fuori al terrazzo un'intera giornata, solo perché le andava così. Uscì solo a metà pomeriggio per farmi un rutto in faccia, per poi rientrare e lasciarmi anche la notte lì.
Un venerdì mattina di ottobre, come sempre andai a svegliarla portandole la colazione a letto. Lei dormiva sempre e solo col jeans nero a zampa d'elefante e nient'altro. Si svegliò, si sciacquò la faccia con l'acqua tiepida nella bacinella in ceramica che le avevo preparato poco prima, e si sedette sul letto incrociando le gambe. Mi ordinò di fissarle i piedi mentre lei, con tutta calma, consumava la colazione dal vassoio che le mantenevo io. I suoi piedi, quando eravamo una coppia normale, non mi avevano mai fatto perdere la testa perché erano piccoli e non curati più di tanto, ma da quando ero il suo schiavo, erano diventati i migliori piedi del mondo per me (nonostante continuasse a curarli poco) e gli unici che ormai potevo guardare e desiderare. Finite le fette biscottate con la marmellata, lo yogurt e il cappuccino, mi ordinò di salire sul letto. Lei si sedette con le spalle appoggiate alla testata, divaricò le gambe e mi fece accomodare con la schiena sul suo petto, seduto in mezzo alle sue gambe, nella sua stessa posizione. Mi tolse la gabbietta della castità, e dopo essersi sputata sulla mano destra iniziò a segarmi, mentre con la mano sinistra mi tappava fortemente bocca e naso, portandomi la testa appoggiata alla sua spalla sinistra. Con la coda dell'occhio notai il suo sguardo fisso e impegnato sul mio membro durissimo, come se lo stesse segando anche con gli occhi. Venivo segato ad un ritmo precisissimo e costante, accompagnato da una presa della sua mano saldissima e forte. Non venivo da 6 giorni, e quindi ci misi veramente pochissimo ad eiaculare, versando una grandissima quantità di sborra sulla sua mano e sul letto, in preda ad una sorta di convulsioni di piacere. Lei non si fermò, e continuò a tirarmi il pisello divenuto semi moscio, con la stessa forza e costanza, aiutata dalla grande quantità di sperma che faceva da lubrificante. Era spiacevolissimo, fastidioso ed irritante e io mi dimenavo per liberarmi, ma lei mi teneva saldo al suo corpo tramite la mano sinistra che premeva sulla mia bocca, sopprimendo anche i miei versi, prima di piacere e ora di fastidio e dolore. Lei aveva un'espressione soddisfatta e divertita e poco dopo mi sussurrò a bassa voce nell'orecchio "Stai buona puttana, devi venire un'altra volta!". Poco dopo venni, ero esausto e avevo l'uccello in fiamme e lei, soddisfatta e divertita mi disse senza neppure guardarmi "Lecca tutta la sborra caduta, poi vatti a lavare e vestiti perché dobbiamo uscire".
Indossai i vestiti che lei mi aveva fatto trovare, e una volta pronti entrambi, uscimmo di casa e ci mettemmo in macchina. Mi indicò la direzione che dovevo seguire e mi disse che saremmo andati a prendere una sua amica, aggiungendo che sarei dovuto stare zitto tutto il resto del viaggio poiché non voleva sentirmi. Guidai per un'oretta e, giunti ad un viale dritto, lei mi disse di parcheggiare nello slargo di un'abitazione che s'intravedeva sulla destra, poco più distante. Arrivati a destinazione mi fece fermare e mi ordinò di scendere dall'auto insieme a lei. Una volta fuori mi fece spogliare completamente e mi legò mani e piedi, m'imbavagliò e mi ordinò di mettermi nel bagagliaio. Mi sputò in faccia due volte e chiuse lo sportello. Poco dopo la sentii salutare cordialmente un'altra persona, la quale ricambiò. Dedussi dalla voce femminile che era la sua amica, poi la macchina si mise in moto e non sentii più nulla. La nostra auto fu sicuramente guidata dall'amica della mia fidanzata, poiché lei non guidava, e dopo un'oretta e mezza di viaggio ci fermammo. Sentii loro due scendere e allontanarsi mentre io ero ancora nudo, legato e imbavagliato nel bagagliaio, e iniziai un po' a spaventarmi. Dopo circa 15 minuti si aprì lo sportello e vidi la mia fidanzata padrona che mi aiutò a uscire dal bagagliaio. Eravamo nel parcheggio di casa nostra, e capii subito che la mia fidanzata aveva fatto allungare di proposito il tragitto del ritorno, per lasciarmi più tempo come un pacco nel bagagliaio della macchina. Mi vennero slegati i piedi per camminare, e mi fu tolta la gabbietta della castità, mentre le mani rimasero legate, la bocca rimase bene imbavagliata e il mio plug anale al suo posto. Seguii la mia fidanzata che andò nel salotto e lì vidi la sorpresa...
La sua amica era in realtà una trans dalle sembianze estremamente femminili. Era in piedi, con le braccia legate dietro la schiena, dei tacchi altissimi rossi legati con delle cinghie ai suoi stessi piedi, per non farglieli sfilare (segno che la mia fidanzata non volesse che guardassi altri piedi che non erano i suoi). Era abbastanza alta e con un fisico molto molto tonico e asciutto, evidentemente palestrato. Seno grande, culo pure. La testa era avvolta in un sacco di iuta verde, e quindi non potevo sapere che viso avesse. Rimasi sorpreso dal suo membro, sembrava scolpito nel marmo, e misurava almeno ventidue cm. Era già eretto e con le palle ben impacchettate con un laccio in cuoio.
La mia fidanzata mi fece sedere davanti alla trans legata in piedi e legò me alla sedia. Lei si sedette sul divano, si tolse i sandali in cuoio e me li tirò violentemente addosso (uno dei due mi colpì in faccia), si mise a 90 gradi e inizio a fare una sega coi piedi alla trans, guardando in faccia me. In pochissimi secondi mi eccitai moltissimo e il mio membro si eresse, ma sapevo che non avevo possibilità di sfogo. La mia fidanzata mi guardava, rideva divertita e nonostante la distanza tra me e lei di almeno un metro, riusciva a sputarmi in faccia molto precisamente. Questo meraviglioso strazio durò circa una decina di minuti, dopodiché i piedi della mia fidanzata vennero ricoperti dalla sborra della trans, che dai suoni di goduria che emise, capii che era anche imbavagliata. A fine gioco, la mia fidanzata, stando attenta a non perdere nemmeno una goccia di sborra dai suoi piedi , si girò verso di me, usando quei piedi pieni di sborra per schiaffeggiarmi forte sul viso imbavagliato. Non so quanti schiaffi coi piedi mi diede, ma alla fine avevo il viso pieno di sborra, mi sentivo intontito e dolorante ed ero terribilmente eccitato. La mia fidanzata si allontanò, non prima di avermi dato una bella sputata in faccia e lasciò me seduto e legato in quelle condizioni, e la sua amica trans ancora legata in piedi e incappucciata.
Passai molto tempo così, fino al ritorno della mia fidanzata verso le sette di sera. Mi slegò, mi tolse il bavaglio e mi rimise la gabbietta della castità. Mi ordinò di preparare la cena per lei e la sua amica, aggiungendo che una volta pronta, sarei dovuto andare nella mia camera perché non potevo stare con loro, in quanto, per cenare, avrebbe dovuto togliere il sacco di iuta verde dalla testa della sua amica trans, e non voleva che io e lei ci saremmo visti in viso. Preparai la cena, e verso le 21, come da ordine, mi ritirai nella mia camera, che era lo sgabuzzino adiacente la stanza da letto della mia fidanzata. Da quando ero diventato il suo schiavo dormivo lì, a terra con solo il cuscino. Durante la loro cena, non udii nulla salvo il rumore delle posate, e verso le 22 sentii la mia fidanzata che, rientrando nella sua stanza, urlò alla sua amica: "Pulisci tutto e riordina la cucina, poi vai a dormire dove ti ho indicato, STRONZA!". Chiuse la porta, si mise a letto a la sentii mentre si masturbava con un vibratore.

Questo racconto di è stato letto 2 9 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.