Quando la moglie è in vacanza 2

Scritto da , il 2020-12-16, genere tradimenti

----------- Ora che sei più calmo, Gaspare, dimmi che cosa ti ha colpito di me quando mi hai vista uscire da quel bar….------
--------- a dire il vero più che vedere mi sembrava di sognare… quella che è apparsa ai miei occhi era l’immagine della donna vera, la donna ideale che ho sempre sognato….e stava camminando come al rallentatore. Invece che pochi secondi, la scena per me è durata almeno un’ora, tale è stata l’intensità del mio sguardo e la enorme quantità di immagini che si sono stampate nella mia mente in un solo attimo… vedevo i suoi capelli, il seno, le gambe e come un computer paragonavo tutto con ciò che di più erotico ed affascinante avevo visto nella mia vita….quando sono passato a scannerizzare il didietro, l’emozione è addirittura aumentata…..nella mia memoria non esisteva qualcosa di paragonabile….un culo così perfetto, fornito di una simile ridondanza di effetti erotici costituiva per me un nuovo standard di femminea bellezza. La camminata, il passo, il soffice ed elegante ondeggiamento dei fianchi, le pieghe del vestito che tendendosi sottolineavano le forme sottostanti, suggerendo immagini piccanti e lussuriose, rendevano quel culo un capolavoro vivente di arte erotica……..
Il pensiero che di colpo attanagliò la mia mente fu uno solo, imperativo e assoluto…..dovevo avere quella femmina, dovevo stringerla, toccarla, baciarla, palpeggiarla………….. scoparla….. diversamente avrei perso quanto di più estasiante può offrire la vita….ecco, quella visione rappresentava l’unico, impareggiabile esempio di femminile bellezza per cui valesse la pena di vivere ------------

Dopo un simile impegnativo discorso, pensai tra me che il ragazzo si meritava un bel premio… se l’era guadagnato…….

Senza parlare mi misi di fronte a lui e cominciai a sollevare la gonnellina….
---------- vieni a baciarmi sotto --------
Gaspare tremando di emozione si inginocchiò e infilò la faccia tra le mie gambe, baciando e annusando la mia carne soda e le mutandine, leccando con ardore l’interno cosce…..mi fece poi lentamente girare e si occupò del mio culo, che baciò avidamente….sentivo quanto desiderio governava i suoi gesti e l’avidità della sua lingua….lappò anche le gambe da dietro, scendendo verso i piedi. Allora io sedetti sul letto ed alzando una gamba gli offrii sotto il naso il mio piede ornato del grazioso sandaletto.

Lui eccitato lo prese con la mano e ne apprezzò la forma, poi lo annusò e quindi ci posò sopra la bocca, baciando il piede e il sandalo fino all’alto tacco, che andò a leccare teneramente.
Mi sdraiai sulla schiena…..
----------- sfilami le mutandine ----------
----------- va bene padrona --------------

La bocca e la lingua di Gaspare arrivarono tra le mie cosce spalancate e sconquassarono la mia testa…. raramente avevo sperimentato una tale furia amorosa, un tale impeto erotico……abbrancandomi le cosce leccò e baciò a lungo la mia intimità, facendomi venire senza preavviso, violentemente e lungamente…….

Terminati gli spasmi del mio orgasmo, Gaspare volle chiavarmi ancora vestita e si allungò accomodandosi tra le mie gambe, quindi affondò il cazzo nei liquidi della mia figa allagata, lasciandolo scivolare fino a toccarne il fondo.
Il suo gemito di soddisfazione mi rese felice…..mai mi ero sentita così desiderata da un maschio….. lasciai che mi montasse lentamente e intensamente, mentre cercava la mia bocca che alla fine impegnò in un lungo, lussurioso bacio. La sua lingua esplorò la mia bocca fino a congiungersi con la mia, con abbondante scambio di saliva. Poi la risucchiò introducendola nella sua bocca. Mi sentii completamente posseduta, annientata dalla sua ardente mascolinità.

Dopo aver denudato le mie tette baciandole appassionatamente, aumentò il ritmo della monta fino a renderlo martellante e rapido…… stava godendo intensamente e sentivo che ancora si tratteneva, ma il suo respiro, corto e ansimante, faceva presagire una fine non lontana….

----------- signora professoressa….aah… aah….aah… Lei permette che le venga dentro?....aah… aah….aah…-----------
---------- bravo piccolo, si deve sempre chiedere il permesso all’insegnante…..aaaaahhh….. che bello….sì, continua a montarmi….e poiché tu devi venire dove dico io…..beh….questa volta ti è concesso di spruzzare dentro, ti meriti una ricompensa per la passione che mi hai dimostrato…..

-----------sì….sì….sì… non resisto più, sto cedendo….ah, che bello venirle in figa….aah.. aah.. che meraviglia….godo, spruzzo….tesoro, vengo, vengo….sei troppo figa…aaaahhhhhhhhhh………

Gli schizzi furono almeno 6 o 7, abbondanti e caldissimi….. sentii la sborra traboccare dalla mia figa e bagnare abbondantemente il letto.


--------- per quanto riguarda la scommessa coi tuoi amici, troveremo il modo di dimostrare che l’hai vinta, ma intanto ascolta quello che devi sapere su mio marito….. --------- e l’allievo ascoltò attentamente la lezione della sua insegnante, bevendo avidamente ogni sua parola.


-------------- Pippo, ciao amore, come stai?…. tutto a posto a casa?...----------
---------- ciao Chloè, anima mia, aspettavo con ansia che mi chiamassi, qui va tutto bene ma mi manchi troppo….. come procede la vacanza?.... ti stai divertendo?...--------------- molto, Pippo, oggi abbiamo fatto un bel giro in macchina io, Cecilia e quel giovane di cui ti ho parlato -------------
----------- ah, bene….scommetto che non sarà rimasto indifferente alle tue bellezze, o sbaglio? ----------------
----------- infatti, abbiamo fatto amicizia e cenato insieme…..adesso siamo nella mia stanza in hotel….te lo passo così vi salutate -------------------

--------------- buona sera signor Pippo, sono Gaspare. Mi fa piacere parlare con lei, Chloè parla sempre molto bene di suo marito…….. credo che siate una gran bella coppia -----------------
------------ ciao Gaspare, piacere di sentirti…….allora?....avete passato una bella serata tu e mia moglie?.....-----------
………. magnifica, grazie….con l’occasione le vorrei dire che Chloè è una donna stupenda, una puledra di gran razza se posso permettermi……..è difficile per un uomo resistere al suo fascino…----------
---------- lo so, Gaspare, ne sono consapevole…..penso quindi che abbiate approfondito la conoscenza…….coltivato l’amicizia…o sbaglio?...-------
------------ no, non sbaglia signor Pippo…… anzi a dire la verità abbiamo anche scopato un pochettino….. spero che non le dispiaccia……-------------

-------------- beh, vedo che state bruciando i tempi…… a quanto pare non hai fatto in tempo a conoscere mia moglie che già te la sei scopata…. e senza neppure chiedermi il permesso……in realtà non mi sembra molto educato da parte tua ---------

---------- vede signor Pippo, il fatto è che Chloè è troppo eccitante, io non ho potuto resistere….proprio non ci sono riuscito….mi scusi, ma non l’ho fatto apposta….-------------------- prima di tutto raccontami cosa avete fatto e poi si vedrà…. comunque non dare per scontato che ti scuserò……------------
-------------- va bene signor Pippo….-----------

Gaspare a quel punto raccontò sin nei minimi particolari il nostro incontro di sesso a mio marito che ascoltò in silenzio.
------------ però….. che razza di porco….e lei che vacca…….---------
----------- si, signor Pippo, Le ho chiavata e riempita la mogliettina… avrebbe dovuto sentire come gemeva sotto i colpi del mio cazzo…. ha molto goduto ed io anche…….complimenti…sua moglie è davvero una gran femmina da monta….e lei è un grandissimo cornuto….senza offesa però, signor Pippo….-----------
-------------- lo sapevo….che troia, che troia….aaaahhhhh…………..aaaaahhhhhh……ma ha anche ingoiato tutto dopo che le sei venuto in bocca?....----------
----------- certamente signor Pippo, ha inghiottito tutto con gran gusto….…. vede, lei deve rassegnarsi al fatto che le chiavino la moglie….è troppo figa e non può accontentarsi di un cazzo solo……. ha bisogno di tanto cazzo, è nella sua natura, anzi già che ci siamo avrei pensato, ma solo se lei è d’accordo, di darle un’altra botta…………….. -------------
------------- aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhh…. che troia….che puttana da strada…….sì chiavala ancora….ancora…..ancora…… falla traboccare di sborra quella zoccola…..sfondale la figa ed anche il culo………..aaaaaahhhhh…….. vengo…vengo….sborro…..aaaaahhhh……..aaaaaaaaaaaaahhh -----------

Pippo, dopo la sega devastante, volle parlare con me e mi coprì di insulti, intercalati con ardenti parole d’amore………..finchè ricominciò a menarsi il cazzo ed io a quel punto preferii interrompere, promettendogli che gli avrei fornito altri particolari con qualche messaggino molto spinto.
----------- buonanotte Pippo, ti amo……------------
------------ buonanotte mio dolce tesoro, ti amo anch’io…tantissimo ---------------



La mattina seguente partimmo per la nuova gita in macchina. Cecilia strombazzò a lungo sotto l’albergo per avvertirmi che era arrivata, suscitando l’ira di quasi tutti gli abitanti della strada e beccandosi non pochi insulti.

In macchina c’era già Gaspare, che ormai non voleva più mollarci, ed anche il fidanzato di Cecilia, Moreno, che volle mettersi alla guida.
Partimmo in tromba gridando e ridendo, desiderosi di goderci in pieno le bella giornata.

Io e Gaspare stavamo dietro e lui non mi toglieva gli occhi di dosso, si vedeva che era cotto di me e anche Cecilia non gli risparmiava le sue frecciatine…..
--------- allora Gaspare, hai visto che ti ho caricato anche oggi?.... non era previsto ma quando ti ho visto alla concessionaria appoggiato alla macchina, ho capito tutto….diciamo che non è difficile, basta guardarti in faccia…..hai lo sguardo allucinato, sembra che tu abbia passato una notte un po’ movimentata….o sbaglio?.... beh, ormai non potevo certo lasciarti lì da solo…..hai assaggiato la cioccolata e adesso non riesci più a farne a meno, vero?....-------
---------- diciamo che magari ci ha anche inzuppato il biscotto e gli è piaciuto troppo….-------- interloquì Moreno calcando non poco la mano.

------------ invece di parlare con ironia di quello che ha mangiato a colazione, diciamo piuttosto che Gaspare ha vinto la sua scommessa ------- dissi io, tanto per toglierlo dall’imbarazzo.

Moreno guidava adagio e con prudenza, credo che non si fidasse troppo della guida di Cecilia, per questo aveva voluto mettersi al volante. Ma la sua mano destra presto si insinuò tra le cosce della fidanzata e accarezzò a lungo la sua carne soda. Credo che si fosse spinto anche a praticarle qualche carezza molto intima, infatti ad un certo punto Cecilia si abbassò su di lui ed incominciò un lento e regolare saliscendi con la testa.

Moreno favorì il suo lavoro di bocca accompagnandolo con la mano immersa tra i suoi capelli, che accarezzava e dolcemente scompigliava.

Gaspare era allibito…..non credeva ai suoi occhi…vidi che il suo cazzo si era svegliato e spingeva forte sotto i leggeri pantaloni. Mi guardò con aria interrogativa, forse sperando che io volessi condividere l’iniziativa dell’amica. Ma poi decise di abbracciarmi e di baciarmi con passione. Sentivo che il suo desiderio di me era ancora forte e carico d’ansia……forse temeva che non mi sarei più concessa…..il piacere sublime che aveva provato la sera prima stava ancora possedendo la sua mente, non voleva neppure pensare che non avrebbe più potuto goderne.

Mentre mi baciava in bocca mi accarezzò intimamente le cosce, poi mi tirò verso di lui rovesciandosi sul sedile ed andando con entrambe le mani a palpeggiare il mio culo. Lo impastò a lungo con desiderio godendosi il contatto delle mani sulle leggere mutandine e tutte le sensazioni di femminile abbondanza che la carne soda del mio culo poteva offrire.

Moreno venne con un lungo gemito e Cecilia ingoiò tutto, evitando che i pantaloni si imbrattassero. Poi con un fazzolettino si pulì le labbra ed asciugò delicatamente il cazzo gocciolante del fidanzato.
Gaspare intravvide la manovra mentre ansimava sul mio collo…… ne fu sconvolto ed estrasse il cazzo dai pantaloni, iniziando a sfregarlo con decisione sulle mie mutandine, proprio sotto la figa. Purtroppo non ebbe l’accortezza di Cecilia e dopo pochi istanti non potè trattenersi….. mi sborrò tra le cosce inondandomi di liquido caldo e denso.

Ci fermammo a pranzare in un simpatico ristorantino da cui proveniva un invitante profumo di pesce.
Ne approfittai per andare in bagno a lavarmi le mutande. Gaspare volle seguirmi e mentre ero al lavandino mi sollevò la gonnella e andò a baciarmi il culo nudo. Non contento, volle andare oltre…..lo vidi allo specchio mentre si abbassava i pantaloni e
cercava di improvvisare una sveltina da dietro. Era troppo…. non glielo potevo permettere…..
---------- ehi, ragazzo, adesso però esageri….. prima mi hai schizzato tra le cosce, senza chiedermi il permesso. Adesso mi vieni dietro e cerchi di montarmi alla pecorina mentre lavo le mutande…..ma come ti permetti?.... per chi mi hai preso?...per una puttana?....e no, carino, io sono più grande di te, insegnante e sposata…..o non te lo ricordi più?..... adesso tirati su quelle braghe e stai calmo, se no ti dovrò punire severamente. Chiaro?........-----------
------------ si professoressa, mi scusi……non volevo….ero eccitato e mi sono lasciato prendere la mano…….non succederà più, lo prometto….----------
-------- e vorrei vedere….. adesso prendi le mie mutande e vai ad asciugarle sotto il getto di aria calda. Io vado a sedermi al tavolo…. ----------
----------- senz’altro professoressa…..ehm, appena sono asciutte la chiamerò e sarà mia premura provvedere personalmente a fargliele indossare --------------
---------- basta!!!...... sei un maniaco!!…. fai quello che ti ho detto e zitto -----------
---------- sissignora ---------------

-------------- Chloè, ma perché Gaspare ti dà del lei? ------------ mi chiese Cecilia
------------ perché è sostanzialmente ancora un moccioso e tende a prendersi troppa confidenza……e poi hai visto che disastri combina?....per forza devo tenerlo al guinzaglio….se no si monta troppo la testa ----------------

La gita in macchina fu molto divertente. Ci fermammo in un bel paesino di mare a girare per i negozi. Mi comprai anche un delizioso, cortissimo abitino bianco. Cecilia disse che indossandolo avrei fatto un macello tra gli uomini e che secondo lei più che un vestitino era un’arma impropria…..
Moreno mi stava mangiando con gli occhi ma Cecilia non era gelosa….sapeva quel che valeva….e bisogna dire che valeva molto come femmina.

Tornammo a casa a pomeriggio inoltrato e portammo la macchina alla concessionaria. Tiberio era nel salone e ci vide mentre uscivamo dal garage.

----------- carissimi, come è andata la gita oggi?....-----------

----------- bene caro, ci siamo divertiti un sacco……anche Chloè e il suo nuovo amico sono stati molto contenti -----------

---------- Cecilia, perché non venite tutti a cena da me questa sera?..... mia moglie è in crociera con sua sorella ed io purtroppo ho dovuto rimanere a casa da solo….sai, il lavoro, troppi impegni….----------

---------- ah, capisco, Tiberio….mi dispiace tanto..….restare a casa solo in agosto, deve essere una cosa tristissima per te……senza moglie…..ma come farai?....----------

----------- brava, vedo che mi capisci Cecilia….allora venite a cena a casa mia?...faccio arrivare un eccezionale giro pizza dal mio pizzaiolo personale….e vino bianco a fiumi….---

La pizza era davvero ottima e il vino anche meglio…..cenammo nella veranda all’aperto con vista sul giardino della villa di Tiberio, seduti ad un lungo tavolo di legno. Con Tiberio c’era anche una donna assai piacente, scollatissima e con grandi tette.
--------- Cecilia, ma chi è quella?....--------------
--------- è una delle sue puttane, una certa Carmela, siciliana di sangue caldissimo. Quando non c’è la moglie la invita a casa, lei e anche le altre….quando invece la moglie è a casa le porta in un villino sul mare, immerso nella vegetazione, quasi introvabile….-----------
------------ ma tu come lo sai?.... ci sei stata?.....------------------
----------- io?....dove?....-----------
---------- nel villino ------------
---------- ah, si….mi pare….una volta, mi ci ha voluto portare a tutti i costi ------------

Preferii lasciar perdere, perché Cecilia ha tutto il diritto di farsi i cazzi suoi e di gestire come le pare la sua vita privata. Non come me che sono sposata e devo rendere conto a mio marito di tutto quello che faccio……

Appena terminata la succulenta cena, Moreno, il fidanzato di Cecilia, volle ballare, ispirato dalla musica sudamericana che proveniva dallo stereo. Ci gustammo allora il ballo dei due che erano veramente bravi e ci diedero una incredibile dimostrazione di salsa e merengue.

Dopo di che Tiberio spense le luci e cambiò la musica, scegliendo un disco di languide canzoni d’amore spagnole, assai piacevoli e rilassanti. La luna piena offriva la luce naturale sufficiente a vederci ma anche un’atmosfera incantata, resa particolarmente bella dalla tiepida serata estiva e dalla magia di un cielo completamente terso e tempestato di stelle lucenti…… il cielo, la luna e le stelle di agosto, alcune tra le cose più incantevoli del mondo…. almeno per me…. peccato che Pippo fosse a Milano e non potesse gustare queste meraviglie.

Tiberio si mise a ballare lentissimo con l’amica Carmela e come mi aspettavo dopo alcuni minuti Gaspare arrivò alla carica….
------------ prof, mi concede questo ballo?.... --------------
------------ va bene, però sii educato e non stringere troppo --------

Ma il ragazzo era survoltato e quando mi ebbe tra le braccia cominciò a baciarmi sul collo, poi mi carezzò la schiena, spostando l’area d’azione sempre più in basso. Indossavo il vestitino bianco acquistato nel pomeriggio e devo dire che facevo la mia bella figura, non propriamente elegante ma sicuramente molto sexy. Portando le scarpe bianche col tacco 12, che si sommavano al mio 1.75 di altezza, arrivavo vicinissima alla vetta del metro e novanta, il che per una donna non è poco….
Gaspare comunque era sul punto di perdere il controllo……sentivo la sua eccitazione spingere contro il mio inguine…..sperai che non facesse e non mi facesse fare altre figuracce, tipo schizzare nei pantaloni. Io, che un po’ me ne intendo, avrei giurato che c’era molto vicino……

Tiberio non si faceva problemi di alcun tipo e stava dolcemente slinguando con la sua Carmela, carezzandole a tratti il culo polposo.
Cecilia e Moreno invece ballavano e parlavano fitto fitto tra di loro ma col silenziatore, per non essere uditi.

------------- poiché qui con noi ci sono tre bellissime donne, ho preparato un omaggio floreale per ciascuna di loro….. ecco qui tre splendidi mazzi di rose rosse che le signore porteranno a casa alla fine della serata….che comunque è ancora lunga….----

Così disse Tiberio, mostrandoci i mazzi di fiori che troneggiavano sul tavolo del salone interno.
--------- ma se questo è l’omaggio per le signore, è giusto che anche i signori uomini abbiano qualcosa…..ho pensato che la cosa più gradita per loro sia di potersi gustare qualche ballo con tutte le tre bellezze femminili presenti…….per cui, siete tutti invitati a scambiarvi i partner di ballo….------------

Pensai con sollievo che mi potevo liberare per un po’ di Gaspare, evitando così il peggio….
Quel marpione di Tiberio arrivò come un falco su di me e mi agguantò per la vita, inebriandosi della mia vicinanza e rifacendosi gli occhi sulle mie tette, poi mi strinse con decisione ed andò con la faccia ad annusare il mio profumo….
Come altezza era un po’ inadeguato e quindi doveva allungare un po’ il collo per raggiungermi, ma un esperto puttaniere come lui non si faceva certo mettere in difficoltà da una trascurabile differenza di altezza…….

----------- Chloè, quando ti ho vista arrivare con questo stupendo vestitino mi hai fatto accelerare i battiti, sai?....ma dimmi, so che sei sposata, come mai sei venuta in vacanza da sola?...--------
-------- perché mio marito è impegnato in agosto per lavoro…ma non c’è problema….io mi diverto anche così….sono sempre in coppia con Cecilia…-----------
----------- lo so, cara, ed è per questo che ti voglio conoscere meglio e diventare amici, come sono amico di Cecilia…. ---------------
…………. già, so che con Cecilia siete….intimi, nel senso che vi vedete spesso e tra voi c’è molto feeling….--------
------------- è vero, è così…. e mi piacerebbe allargare l’amicizia anche a te….in tre è ancora meglio che in due….ci potremmo dicertire molto….non credi?...---------------
Un po’ per i 4 o 5 bicchieri di vino gelato che avevo bevuto, un po’ per la suadente atmosfera della serata in quella bellissima villa, ma un po’ anche per un certo indiscutibile fascino che Tiberio possedeva nonostante l’età, mi lasciai andare e
dissi :
----------- ma si, credo che potremmo sicuramente vederci e frequentarci da buoni amici ------------
----------- molto bene cara, allora vedremo di incontrarci qualche volta tutti e tre per celebrare insieme la nostra amicizia allargata….---------------



Mentre Tiberio cominciava a stringermi sempre più forte, carezzandomi le spalle e la schiena ed alitando eccitato al mio orecchio, mi guardai in giro e alla fioca luce della luna intravvidi Gaspare e Cecilia che ballavano…… ma più che ballare mi sembrò di vedere che lui le stava allegramente palpeggiando il culo….. che razza di porco….col fidanzato di lei a pochi metri di distanza……non capivo perché Cecilia si prestasse a quel palpeggiamento. Però guardando anche l’altra coppia vidi che Moreno e Carmela ballavano assai stretti…….osservando meglio, in base alla mia esperienza, capii che lei gli aveva messo in bocca mezzo metro di lingua……

----------Ah, Chloè…… sei davvero una bella sposa…. tuo marito è molto fortunato, lo invidio sai?...... sei attraente e succulenta, lasciatelo dire da un uomo che ha molta esperienza di femmine….tu sei una donna di gran classe, di rara bellezza…….
sono felice che mi concederai la tua amicizia, potremo vederci spesso quando sei qui in vacanza….ti assicuro che ti farò molto divertire, vedrai….-------------

----------- non metto certo in dubbio la tua esperienza di femmine, Tiberio, ma essendo io sposata, come te d’altronde, devo mantenere un certo tipo di comportamento…….. ad esempio io non nascondo mai nulla a mio marito, non voglio avere segreti per lui, perchè lo amo ed apprezzo la sua fedeltà nei miei confronti ----
----------- vuoi dire che gli sei stata sempre fedele?...... sarebbe un grande sacrificio per una donna bella e desiderabile come te…..----------
---------- beh, quantomeno non lo tradisco………non sono abituata a mentirgli….sa tutto di me --------------

Tiberio senza preavviso allungò il collo fino a raggiungere le mie labbra con le sue e mi baciò con passione. Presa alla sprovvista non lo respinsi e sia pur con una certa reticenza lasciai che spingesse un po’ di lingua nella mia bocca………
Le sue mani che carezzavano la mia schiena scesero lentamente ad impastare le mie natiche sopra la sottile barriera di cotone del corto abitino.
------------che bella sposa……che bel culo duro e alto….. ti desidero Chloè……. mi piaci troppo…. non posso fare a meno di averti….---------------

E’ vero, la luna era piena, ma la luce che ci offriva non era poi così abbondante da permetterci di distinguere tutti i particolari di ciò che avveniva sulla veranda.
Nondimeno potei osservare che Gaspare e Cecilia si erano scaraventati sull’accogliente divano e il loro atteggiamento era piuttosto esplicativo di ciò che stavano facendo….. lei infatti teneva le gambe aperte e le ginocchia alzate, dando modo a Gaspare di affondare la testa tra le sue cosce…. una eccellente occasione per il giovane, che poteva fare i suoi comodi con bocca e lingua immergendosi nelle tenere e profumate intimità di Cecilia…..
Non dico che ne fui gelosa, ma ebbi comunque una certa stretta allo stomaco, forse per la delusione di vedere che alla fine gli uomini sono sempre uguali…..sembra che impazziscano per te ma poi basta un bel paio di gambe ad illuminare i loro occhi e a far inalberare il loro cazzo…….il problema è che noi donne siamo troppo possessive, troppo vanitose e….anche piuttosto ingenue….per lo meno quando si tratta di sentimenti. Pensiamo subito che se un uomo è affascinato dalla nostra bellezza non dovrebbe essere attratto dalle altre donne…..dovrebbe guardare, vedere solo noi….tutto l’universo femminile dovrebbe sparire dai loro occhi….ma non è così…no, non è davvero così che va il mondo. Solo che noi ogni volta ci illudiamo….e ogni volta lo prendiamo regolarmente in quel…posto.

Restava il problema di Moreno. Era pur sempre il fidanzato….come poteva far finta di nulla di fronte a quella scena di estrema lussuria perpetrata sulla sua fidanzata?.... che avesse gusti simili a quelli di mio marito?.... tutto sommato non lo credevo….però….non si può mai dire.

Più che altro sembrava che si stesse verificando una sorta di scambio di coppia, proprio come velatamente proposto da Tiberio…….infatti Moreno e l’amica di Tiberio, Carmela, si erano allungati sul divano accanto agli altri due e quell’affare che vidi balenare al chiaro di luna mi sembrò proprio un cazzo lungo e duro, che finì rapidamente in bocca alla graziosa siciliana…..

Già mi immaginavo la scena che tra poco si sarebbe presentata….le nuove coppie si erano formate e con l’occasione avrebbero concluso gioiosamente il loro godereccio accoppiamento……….

Nonostante la mia lunga esperienza, mi sbagliai…….infatti le cose non andarono esattamente così……

Non credendo ai miei occhi, vidi Cecilia che si mise in ginocchio, offrendo il suo fantastico posteriore a Gaspare, che lesto le sfilò le mutandine e si rituffò con la faccia in mezzo alle sue candide chiappe nude. Ma Cecilia non rimase ferma, a sua volta praticò la stessa mossa su Carmela, che in ginocchio stava succhiando di gran lena il cazzo di Moreno.
Cecilia leccò con grande ardore e perizia la figa denudata di Carmela, che mugolò di piacere pur avendo la bocca impegnata.
La quadriglia così rapidamente formatasi al chiar di luna era comunque uno spettacolo di arte erotica……
Che andò facendosi anche più spinta allorchè Gaspare, incapace di contenere la sua giovanile furia sessuale, si abbassò i pantaloni e col cazzo inalberato puntò all’imboccatura della figa di Cecilia e quindi con un grido soffocato affondò con decisione, facendo sbattere i suoi coglioni sulle candide natiche della mia amica.
Iniziò subito una energica monta, somministrando a Cecilia una serie lunghissima di potenti colpi d’ariete, tutti sino a fine corsa.

Avevo già capito che Gaspare era molto attratto dalla selvaggia bellezza della mia amica Cecilia. Credo che desiderasse tantissimo possedere quella spregiudicata puledra e godere delle sue esuberanti prestazioni erotiche…….Cecilia è un pezzo unico, un raro, travolgente esemplare di femmina da letto….. nessun uomo perderebbe l’occasione unica di strapparle le mutande e godersi alcuni istanti di paradiso sulla terra…….

Non avrei scommesso un centesimo che Gaspare sarebbe durato più di un paio di minuti, ma intanto lo spettacolo era grandioso…..Cecilia sotto i furibondi colpi di cazzo muoveva a scatti la testa in avanti e ad ogni affondo infilava la lingua nella figa gocciolante di Carmela, che era impegnatissima a spompinare Moreno accogliendo il suo cazzo completamente in gola fino alle palle…… un simile pompino di gola era da manuale, quasi impossibile da praticare senza una lunga esperienza e un estenuante allenamento…..

Tiberio, sempre allacciato a me e fuori di sè per l’eccitazione, vedendo l’incredibile scena perse a sua volta il controllo……
---------- amore, mia bella sposa dalle forme procaci e irresistibili……non posso resistere al desiderio di averti per me….. come sei bella, alta e burrosa…….lo sai?...io prediligo le donne sposate, perché mi eccita pazzamente il pensiero di violare la loro intimità matrimoniale, accedere ai godimenti proibiti riservati solo ai loro mariti……… penetrare la vagina proibita delle spose e gettare gli schizzi del mio seme profanatore nell’accogliente recipiente riservato ai legittimi mariti. Il pensiero di poter perpetrare l’adulterio insieme a te mi fa uscire di testa, mi fa impazzire di desiderio……..ti prego Chloè, concedimi il tuo corpo di Venere ----------------

E questo chi lo fermava più………. mi ero lasciata troppo andare, non lo avevo fermato quando ero ancora in tempo. Ormai la mia natura di donna calda e dai forti appetiti, la mia vanità di donna blandita dalle ardenti parole dell’uomo, insieme alla mia natura di femmina che si rapporta con un maschio impazzito di desiderio, non mi lasciavano alternative……. ormai dovevo concedermi, aprire le mie gambe e sottopormi alla monta.

-------------- e va bene, ma andiamo nella tua camera……non mi piace mettermi qui davanti a tutti ad allungare il trenino….--------------------

Giunti nella stanza da letto di Tiberio, lasciai perdere le mie inibizioni e decisi anzi di forzare la mano……
----------- è più bello qui.... proprio sul tuo letto matrimoniale, dove dormi e fai l’amore con tua moglie……nella vostra alcova coniugale……è molto trasgressivo e perverso, non trovi?...
Stai per cornificare la tua dolce sposa dentro il suo letto, tra le sue lenzuola….non ti vergogni neppure un po’?.... eh no…. non ti vergogni perché hai troppa voglia della femmina nuova e giovane che hai annusato, ti eccita avere a disposizione un magnifico pezzo di figa, formosa, soda, sposata e anche più alta di te………
Guardami allora e rifatti gli occhi….dimmi se hai mai visto qualcosa di simile in vita tua…..comincia a spogliarti….voglio vedere il tuo cazzo……voglio controllare se apprezza a dovere ciò che gli stiamo offrendo…..

Bene……vedo che è già abbastanza duro, sicuramente lo hai rinvigorito con qualche pillola dell’amore, per poter chiavare la puledra giovane senza paura di cedimenti e poi magari avere ancora l’energia per uno….o magari due colpi aggiuntivi…..forza allora, comincia a trastullarlo mentre io ti faccio lo spettacolino……….----------------

Tiberio, con la gola secca e impietrito per l’emozione, assistette al mio sconvolgente spogliarello, nudo, impugnando e lavorando lentamente il suo cazzo.
Gettai in avanti la testa per sciogliere del tutto la capigliatura e renderla selvaggia. Poi feci scendere la cerniera del vestitino bianco, che sfilai dalla testa tirandolo in alto lentamente, facendo balenare alla sua vista prima il candido e ridottissimo slippino e poi il minuscolo reggiseno.

Rimasta in intimo, indossando ancora le scarpette a tacco alto, sganciai il reggiseno e feci esplodere in avanti le mie abbondanti, candide tette naturali, che ondeggiarono e sobbalzarono davanti ai suoi occhi sbarrati ed increduli………

Fu quindi la volta del leggerissimo slip, che abbassai lentamente e con malizia, chinata e girata di spalle, offrendogli lo spettacolo unico e impareggiabile del mio culo prosperoso, alto e sodo. La straordinaria bellezza del mio posteriore nudo rischiò di dargli il colpo di grazia, facendo apparire sul suo viso un’ombra di sgomento. Per poco non schizzò sul pavimento e dovette comunque interrompere la pur prudente masturbazione. Lo capivo….sono certa che parecchi uomini, anche navigati stalloni, a distanza di anni si concedano ancora sontuose seghe tornando a rivivere con la memoria la mia clamorosa calata di mutande posteriore….

Feci alcuni passi di fronte a lui, ruotando i fianchi con naturalezza, altissima sui miei tacchi, mentre le mie tette ondeggiavano in piena libertà. Il cespuglietto castano e perfettamente triangolare che adorna il mio pube, curatissimo ed elegante, calamitò con forza irresistibile il suo sguardo. Credo che non avesse mai visto uno spettacolo così erotico.
-------- ti piaccio tutta nuda tesoro?..mi vuoi?....mi desideri?....---------
---------- siiiiii……ti voglio Chloè……--------------- disse con un filo di voce stridula e tremante…..

Era il momento di fargli sentire la dolcezza ed il calore della mia boccuccia, ma dovetti muovermi lentamente per evitare guai….. leccai la pelle lungo l’asta fino alle grosse palle…..poi lo introdussi in bocca piano e per tutta la lunghezza, succhiando dolcemente ed andando poi a leccare e baciare il glande.

Tiberio gemeva e godeva intensamente, teneva le mani sui miei capelli e ogni tanto tentava di affondare la mia testa sul cazzo, ma subito capiva il pericolo di quella mossa azzardata……..l’orgasmo era dietro l’angolo e lui non voleva certo perdersi la più incredibile e sconvolgente scopata della sua vita.

Optai per una lavoro di bocca molto tenero e lento, con ritmo regolare. Tiberio si godette il mio magistrale pompino, portato avanti con studiata progressione fino al limite, ma senza superarlo. Finchè, rendendomi conto che il maschio stava abbassando le difese, decisi di liberare il cazzo e di offririmi nuda e splendida alla sua iniziativa.

Volle prima baciarmi la figa e leccarla con passione……apprezzai la cosa ed ebbi i primi impulsi di godimento, sentendo che ero ormai eccitata al massimo e pronta a dare e ricevere piacere.
Il lavoro di lingua di Tiberio mi sorprese per abilità e passione……fu decisamente notevole. Si dimostrò un vero maestro nella raffinata, antichissima arte di leccare la figa. Avrebbe potuto dare lezioni, insegnando le giuste manovre, le posizioni corrette, persino i trucchi e i segreti di questa antichissima arte.
Dopo pochi minuti di quel professionale trattamento, sentii il mio cervello liquefarsi e venni, godendomi un orgasmo travolgente, lunghissimo e profondo, di quelli che si annotano sul diario. Tiberio ci sapeva proprio fare con le donne, aveva scuola e classe, peccato che fosse ormai a fine carriera……

Era il momento di lasciarlo salire , mantenendo le cosce aperte per fargli spazio, permettendo al cazzo in tiro di raggiungere l’agognato bersaglio e dare il via alla monta.
Nel momento in cui mi penetrò, temetti che mi morisse addosso……il suo forte grido di goduria fu accompagnato da una smorfia di soddisfazione e piacere….ma dopo un istante tacque improvvisamente e cessò di respirare. Rimasi attonita aspettando che si riprendesse, ma feci in tempo a rabbrividire di paura prima che ricominciasse a respirare……

Il piacere e l’emozione fortissimi l’avevano pietrificato per qualche secondo….e la ripresa non fu certo immediata. Infatti iniziò a respirare lentamente, cercando di connettere la mente con il corpo e riprendere nel contempo il controllo dei movimenti.
Cercai di favorirlo andando incontro alle sue spinte e poi gli parlai all’orecchio per rassicurarlo.
---------- tranquillo, caro, hai visto che mi hai avuta?....sono tutta tua adesso, montami dolcemente e fammi sentire tutto il tuo desiderio… non avere fretta, abbiamo tutto il tempo, godi la tua nuova femmina giovane…….----------
La cavalcata fu lunga e gustosa, il cazzo era duro e teneva bene…. Tiberio volle completare la penetrazione del mio corpo aggiungendo la sua lingua nella mia bocca dove scambiò con abbondanza la sua saliva con la mia.

---------- sei fantastica Chloè, non ho mai scopato una femmina così bella….è una grande conquista per me, che pure di donne ne ho avute…… hai un nudo di un erotismo incredibile…..sono convinto che un uomo che ti assaggia poi non ne possa più fare a meno…… ---------

Tiberio lasciò le mie labbra per imboccare le mie grandi tette, che succhiò a fondo e poi leccò dolcemente……andò anche a carezzare le mie cosce carnose, spingendo le sue mani fino alle natiche, che palpò a suo piacimento, a piene mani.

Non volle neppure rinunciare ad ingropparmi da dietro, per godersi lo spettacolo del mio grande, morbido culo nudo sotto i suoi coglioni, alla mercè del suo cazzo…… lo strofinò sulle bianche chiappe carnose, lo inserì per il lungo nel solco profondo e lo fece strusciare più volte sopra la mia figa, lubrificandolo nei succhi abbondanti che la bagnavano. Infine con un gemito di liberatoria soddisfazione lo puntò in avanti e lo fece sprofondare sino alle palle, aggrappandosi ai miei fianchi morbidi per tirarmi verso di lui e dare più vigore ai suoi colpi.

Mi chiavò così per una quindicina di minuti, instancabile, mentre io con due dita mi frullavo velocemente il clitoride. Arrivai prima io e godetti lanciando dei piccoli, acuti strilli di piacere, che aumentarono la sua eccitazione……

Mi rigirò davanti, imbucandomi con un sol colpo….
------------ sei venuta ancora amore…..anch’io godo sai?..... non posso più resistere……ecco…..mi sto sciogliendo dentro di te tesoro….aaaaahhhhh…è meraviglioso………..come sei calda……..arrivo….vengo……sborro……aaaaaaaaaaaa
aaaaaahhhhhhhhhhh……………………………………………………………………………------------

Sentii dentro di me il calore dei suoi schizzi e percepii il cazzo che diventava ancora più duro nel momento in cui sbrodolò dentro di me tutta la sua semenza……

----------- che bello Chloè, amore……ti amo….veramente….mi sono innamorato di te…..non posso più lasciarti ormai…..---------
-------- sei gentile Tiberio, ma ricordati, sono già sposata e….. un pochino troppo giovane per te….non trovi?..... comunque complimenti….gran bella scopata….sei un maestro in queste cose ---------------

Mentre Tiberio allungato al mio fianco ricominciava a baciarmi, ebbi la sensazione che fossimo spiati…. ma non ebbi modo di verificare…..
Ci baciammo a lungo appassionatamente, carezzandoci a vicenda i corpi nudi, finchè Tiberio ebbe un nuovo forte impulso erotico e si ritrovò ancora pronto con un secondo colpo in canna…..

Non era mia abitudine rifiutare l’ardore del maschio durante una seduta di monta, quindi gli concessi il bis, mettendomi a smorzacandela ed infilandomi lenta sul suo cazzo.

-------- in figa….in figa….. si,tesoro, spingilo in fondo……fammi sentire che sei un vero uomo e chiava con ardore la tua donna….sei emozionato a scopare una donna come me?.... tocca la mia pelle e senti come è liscia ed elastica….senti le cosce come sono piene e sode……hai mai chiavato una femmina così attraente, con un corpo così spettacolare?.......------------------
Erotizzato al massimo dalle mie parole un po’ ardite, Tiberio diede fondo alle sue energie e mi accontentò….. stringendomi disperatamente le tette affondò dentro di me con lunghi e poderosi colpi…….
----------- vengo Chloè….vengo….vengo ancora amore…..godo……------------
finchè con un urlo disperato si irrigidì, completamente piantato dentro il mio utero, dove scaricò ciò che era rimasto nei suoi coglioni……le poche gocce di sborra tiepida che riuscì a schizzare andarono ad aggiungersi alla discreta dose che già allagava la mia vagina.


Si, adesso vedevo meglio, c’era un uomo nudo in fondo alla camera, parzialmente nascosto dietro una tenda……ma dal ritmico movimento della stessa, era evidente che si stava menando il cazzo…….

Pensai ad un nome a caso….Gaspare…..e ci presi al primo colpo….
-------------- Gaspare, che cazzo stai facendo?....sei impazzito forse?....come ti permetti?...---------

---------- mi scusi signora professoressa, la stavo cercando per chiederle se per caso gradiva il gelato…… sa, passavo di qui per caso e senza volerlo ho visto che stavate….stavate….--------------

------------ scopando……-----------

----------- ecco, si, come dice lei….. e già che ero qui ho voluto aspettare che finiste, per non disturbare, naturalmente….-----------

--------beh, invece hai disturbato. Allora?.... che cosa fai?...... adesso mi sembra che dovresti andartene, no?....-------

---------- ecco, se posso permettermi, signora professoressa, già che sono qui, nella giusta tenuta peraltro, volevo chiedere a lei ed al signor Tiberio, se non è troppo disturbo per voi, se cortesemente mi potrei accomodare solo un minuto tra le sue cosce per una rapidissima, rispettosa sveltina……..giuro che non darei fastidio, voi potreste andare avanti a parlare tranquillamente,come se io non ci fossi…..-------------

Tiberio, che non credeva alle sue orecchie, allibito e divertito dalla scena esilarante, da gran signore e uomo di mondo avvezzo a mantenere sempre un certo stile ed humor, rispose a tono….

------------ per me potrebbe anche accomodarsi, ma lo deve decidere la signora -------

------------ beh, se Tiberio acconsente…..considerato che la richiesta, sia pur piuttosto sfacciata, è stata fatta con doveroso rispetto ed educazione……direi che puoi venire, ma ti devi sbrigare in pochi minuti, senza disturbare e senza fare rumore o disastri come tuo solito…. capito?---------

----- va bene signora, grazie…..e grazie anche a lei Tiberio….state comodi, io faccio in un attimo e poi tolgo subito il disturbo --------

Non feci in tempo ad aprire le gambe che Gaspare, arrivato come una folgore, ci si fiondò in mezzo e prese rapidamente posizione, col cazzo già menato e durissimo. Lo infilò sino alle palle al primo colpo, provocando un certo sciacquio di liquidi facilmente prevedibile….

------------ e sì, Gaspare, non avrai mica pensato di trovare la strada bella asciutta, vero?.....
hai fatto domanda per il secondo turno, con tutto ciò che comporta, quindi ti devi adattare……------

-------------- non si preoccupi professoressa, per me non c’è problema, anzi trovo che la situazione sia davvero erotica ed eccitante ------------

Gaspare mi chiavò velocemente e con estrema passione, ansimando come un cane in calore……spingeva a tutta forza per raggiungere l’utero ad ogni colpo….sembrava che mi volesse penetrare non solo nella figa, ma in tutto il corpo, per possedermi completamente, fondersi dentro di me, in modo tale da rendermi sua in modo perenne e definitivo……

Tiberio per qualche attimo stette a guardare incredulo, poi posò la sua bocca sulla mia e, cercando di adattarsi agli scatti in avanti della mia testa dovuti ai potenti colpi di cazzo, ricominciò a slinguarmi profondamente, godendosi anche, in presa diretta, i mugolii ed i gemiti provenienti dalla mia bocca. Poco dopo si gustò in bocca anche il mio lungo lamento di godimento, quando venni sotto la vigorosa monta del ragazzo. Ciò lo fece eccitare ancora una volta e lo indusse a menarsi furiosamente il cazzo…finchè venne gemendo di piacere e fece colare qualche residua goccia di sborra tra le mie labbra…….. che io dolcemente catturai con la lingua e depositai nella mia bocca, ingoiandola sotto il suo sguardo estasiato.

Gaspare, che stava chiavando di gran lena e che sin’ora aveva retto bene, sia pur respirando affannosamente per l’eccitazione, alla vista ravvicinata del mio erotico ingoio ebbe un cedimento. Il ritmo divenne più veloce e scomposto, il suo culo martellante sbandò vistosamente sui fianchi e senza poter ulteriormente trattenersi fu costretto a cedere, tagliando il traguardo a tutta velocità.
Tentò di trattenere il suo grido riempiendosi la bocca con uno dei miei seni e ciò che udimmo fu un vero e proprio ruggito, che fece vibrare l’intero letto.
Avrei giurato di vedere persino oscillare il lampadario……

Il fiume di sborra rovente che riversò nella mia figa andò a saturare la poca capienza rimanente e creò un’abbondante miscela di semenze maschili che, una volta ben rimescolata dagli ultimi disperati affondi del suo cazzo, traboccò in gran parte sulle lenzuola……



Arrivati davanti al mio albergo, Gaspare fermò l’auto e tentò un ultimo scatenato assalto….mi baciò furiosamente, mi abbrancò e mi palpeggiò dappertutto con un ardore esagerato, suscitando in me una certa rabbia…
-------------- adesso però la pianti….sei insaziabile e ne dovrò tenere conto nella mia valutazione…..ricordati che se io non confermo, tu non incassi la scommessa ----------

----------- per favore, amore mio, ancora una volta….senta come è duro…..------------
Per riuscire a cavarmela e a tenerlo a freno, glielo dovetti succhiare……col rischio che ci vedesse il portiere. Per fortuna sborrò in fretta….. allora uscii velocemente dall’auto e sputai in terra la sua sbroda.

------------- adesso vattene, spero che Tommy non ci abbia visti ------------
------------ e se ci ha visti che succede?....lo va a dire a suo marito?.....succederà uno scandalo…..------------

Gaspare partì sgommando, sapendo bene che se fosse rimasto a tiro ancora due secondi si sarebbe beccato uno sganassone in pieno naso……


CONTINUA


Se volete, scrivete a Dillinger a questo indirizzo:
maverick.shot@libero.it

















































































































































































































































Questo racconto di è stato letto 3 6 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.