Addio al nubilato

Scritto da , il 2020-11-08, genere orge



Valery, la mia amica e pseudofidanzata, quella mattina mi sorprese con una novità mentre eravavamo ancora a letto…….

------------- lo sai Lapo?..... ho avuto l’incarico di organizzare l’addio al nubilato della mia amica Berenice……tutte donne, naturalmente, saremo circa una dozzina. Mi piacerebbe trovare un posto davvero adatto per questa festa, magari non il solito ristorante….e nemmeno uno di quei noiosi locali che di solito si affittano per queste occasioni…..vorrei che ci potessimo divertire in un ambiente un po’ particolare, riservato, dove poter mangiare e fare baccano, gridare, sentire musica ad alto volume, senza condizionamenti di alcun tipo…..capisci?....------

-------------- ma certo Valery, si può fare, anzi se vuoi ne posso parlare ad un mio amico che si occupa di pubbliche relazioni e organizza feste…..è davvero bravo ed ha molta fantasia, per questo è molto richiesto……lui potrebbe occuparsi di tutto, trovare il posto e organizzare il catering per la cena, con tanto di camerieri e tutto l’occorrente per la festa. Sono certo che saprebbe stupire e divertire tutti con qualche sorpresa e qualche trovata particolare….. --------------

------------ davvero?....sarebbe fantastico Lapo…..dovresti chiamare subito questo tuo amico perché vorrei organizzare tutto in due…tre giorni al massimo -----------------

------------ beh, il tempo è davvero poco, ma si può tentare. Anzi, lo chiamo subito, per accelerare i tempi….si chiama Gaspare, Gas per gli amici e abita qui vicino --------------------



---------------- salve, io sono Valery, tu dovresti essere Gas…..o sbaglio?.....-------------

------------- esatto cara, sono proprio Gas. Mi ha telefonato Lapo dicendomi che era una cosa urgente e allora sono venuto qui di persona per prendere gli accordi….Lapo mi ha già spiegato per sommi capi quello che volete….------------

--------------- va bene, Gas, ne parliamo io e te perché Lapo aveva un impegno importante e ha dovuto andare via ------------------

Gas e Valery parlarono per più di un’ora di questa festa di addio al nubilato…..Gas si dimostrò un grande organizzatore, pieno di risorse, iniziativa ed esperienza. Risolse le problematiche riguardanti la cena, il servizio e l’intrattenimento musicale con qualche telefonata alle persone giuste. Restava un dubbio riguardante la location. Gas aveva in mente una bella villa, elegante e molto adatta allo scopo. Recentemente l’aveva presa in affitto per organizzarci riunioni e pranzi per gente della politica, era di proprietà di un conte, un certo Pampurio Battistoni, erede di una famiglia nobile e blasonata, ma con pochi quattrini in tasca. Per questo motivo all’occorrenza affittava la sua villa per lo svolgimento di eventi sociali. Il problema era che la villa fosse disponibile entro due o tre giorni……

Gas allora mandò un sms a Battistoni che rispose con notevole ritardo, ma confermando che poteva affittare la villa per la serata prescelta, specificando però che il giorno dopo la festa sarebbe tornato da Ginevra e desiderava trovare tutto perfettamente pulito e in ordine.


La sera della festa Valery era molto su di giri e si dava da fare col telefono per coordinare l’arrivo di tutte le amiche.
Quando Valery è tutta indaffarata e gira per casa con le sue gonnelline corte e quel bel culone pastoso e bello maturo, sospeso sopra i suoi trampoli tacco 12, il cazzo a volte mi si rizza e quindi spesso non resisto alla tentazione di saltarle addosso e chiavarla così com’è, magari anche col telefono in mano mentre sta parlando.

E’ vero, tra poco doveva trovarsi con le amiche e non aveva molto tempo, ma la voglia che aveva scatenato in me non sentiva ragione…..le andai dietro e le feci sentire il cazzo duro sotto i pantaloni, spingendolo contro il suo bel culo, mentre con le mani le alzavo il bordo della gonnellina sino ai fianchi, scoprendo le mutandine.

Sentii che iniziava a mugolare, ma opponeva resistenza….temeva di fare tardi…..io intanto avevo incominciato a palpeggiarle il culo e leccarle il collo…..

----------- ma tesoro, che fai?.......lo sai che devo andare…..non c’è tempo per fare le cosine…..devo anche truccarmi…….aaahhhh……sei proprio un porco…aahh..ahhh…-----------
Avevo infilato una mano davanti tra le sue cosce e stavo massaggiandola sulla figa che era già umida….

---------------- andiamo amore, solo una sveltina….ti prometto di essere velocissimo….lo senti come sono eccitato….ma anche tu, mi pare…..avanti gioia, lo so che lo vuoi nella figa, sento che ti trema la voce….vuol dire che hai una voglia irresistibile di cazzo, ormai non ne puoi fare a meno…..credo anche che ti faccia bene una bella ingroppatina prima di uscire, ti calmerà, sarai molto più rilassata con le amiche……fidati della mia esperienza, la donna che ha appena scopato è più calma, dolce e tranquilla………..andrai alla festa contenta e mansueta, vedrai, sarai ancora un po’ bagnata dentro e quella deliziosa umidità tra le cosce continuerà a darti piacere, ti sentirai gratificata e tanto femmina….
Non dovetti sprecare altro fiato……. Valery mi saltò addosso come una belva e mi strappò di dosso i pochi vestiti, quindi si denudò velocemente……….liberò il mio cazzo e se lo ficcò in bocca, dopo avermi steso sul tappeto……..quindi si mise a pomparlo facendolo arrivare in fondo alla gola, sentivo le sue labbra che arrivavano fino alla radice.

Poi in un balzo mi salì a cavallo e con un urlo acutissimo si affondò il cazzo duro in fondo alla figa………sentii la cappella sbattere forte contro l’utero……..iniziò subito un furibondo su e giù….godeva tantissimo ed era al culmine dell’eccitazione……..

Oh, com’è calda e troia la mia Valery, è un grande piacere fotterla selvaggiamente come piace a lei, è davvero tanto puttana quando scopa e per l’uomo non è sempre facile resistere il tempo necessario a farle raggiungere l’orgasmo senza venire prima. Ma questa volta lei godette velocemente e in modo intenso……venne almeno due volte in rapida successione, gemendo e dimenandosi scompostamente nel momento dell’estasi…….

-------- oohh…si…si….Lapo…..vengo…ve..n..go……ve….n..go…..godo Lapo….ahhhhh…co..me…..è……be..l..lo…..fa..m…mi………sen…ti…re…..il tu..o……bel…..ca...zzo…….nella fi…gaaaa…..aaaahhhh…..ahhhhhh……….

Assistere a questa scena senza venire non è facile, guardando quel gran pezzo di figa sopra di me, nuda e con le tette sballonzolanti che geme, si agita e mi grida in faccia il suo orgasmo……

Infatti non resistetti e le sparai in figa un getto feroce di sborra caldissima…….mi sembrò di morire di piacere…….la sua figa accolse tutto il mio abbondante liquido fino a svuotarmi le palle……mi sentii leggero, come se volteggiassi nell’aria……quando sentii la sua bocca cercare la mia, credetti di essere in paradiso e chiudendo gli occhi mi abbandonai alla dolcezza della sua calda e morbida lingua.

---------------- cazzo Valery, che bella chiavata…… mi piacerebbe darti un’altra botta……ma dovrei prima ricaricare…….----------------

-------------- te la do io sulla testa la botta…..dai, forza, diamoci una mossa…..non ho più tempo ormai e credo che arriverò in ritardo………… credo anche che dovrò andare in giro con sborra che mi cola all’interno delle cosce….ma quanta me ne hai ficcato dentro?.....guarda che roba…… --------------------------

------------- lo sai Valery?.....il mio sogno sarebbe provare le sensazioni di una donna quando sente colare qualche goccia di sborra che le bagna le mutandine e l’interno cosce….dev’essere una sensazione fantastica…….--------------

---------------- beh, magari in qualche caso questa cosa potrebbe eccitare, ma a me invece piacerebbe provare le sensazioni dell’uomo che dopo essersi vuotato i coglioni in figa, tira su i calzoni ed è già pronto per andarsene, bello fresco e asciutto --------------

------------ è meglio che lasciamo perdere questi discorsi Valery, se no mi piglia ancora la voglia di te e allora una bella pecorina non te la leva nessuno…..col bel culo che ti ritrovi…..-----------------

---------------- in effetti tutti gli uomini sembrano andare pazzi per il mio culo…. e anche per le mie gambe……tutti i fidanzati e i mariti delle mie amiche sembrano attirati in modo irresistibile dal mio culo e dalle mie cosce….. percepisco molto bene quanto gli piacerebbe scoparmi…a tutti quanti….anche al fidanzato di Berenice piacerebbe tanto farmi la festa….credo che sia un po’ ossessionato da questo pensiero e sono certa che mi dedica un sacco di seghe --------

---------- ah no…adesso basta…..hai passato il limite sopportabile…..----------
La presi per un braccio e l’obbligai a mettersi in ginocchio sul letto. Nuda, vista da dietro, era splendida e il mio cazzo già sollecitato dai suoi discorsi raggiunse la necessaria rigidità. Fu un piacere sublime immergerlo nella figa ancora allagata e procedere alla seconda monta………..

----------- amore, adesso ti do un altro colpo, ma poi mi devi promettere di stare zitta, se no oggi non la finiamo più…….-------------


Quello che avvenne durante la serata della festa mi fu narrato da Valery e devo dire che in vita mia non ho mai udito nulla di più erotico ed eccitante……cercherò di raccontarlo senza tralasciare nulla……..


Il gruppo di amiche con la festeggiata Berenice era già all’interno della villa, dove Gas stava organizzando la cena e il servizio a tavola insieme a tre camerieri da lui personalmente scelti, ragazzi di ottima presenza e professionalità.

La tavolata allestita nel salone principale era all’altezza delle aspettative, il tavolo era imponente e grandissimo, tutto in marmo e preparato con cura secondo le istruzioni e l’accurata regia di Gas. Il catering arrivò in orario perfetto e i camerieri iniziarono subito un impeccabile lavoro di servizio al tavolo, dove le dodici ragazze, tutte assai su di giri già ancora prima di bere, stavano parlando, gridando e scherzando tra loro.

Appena arrivarono gli antipasti e il vino le dodici si scatenarono, soprattutto con brindisi a ripetizione e libagioni esagerate. Alcune amiche, non propriamente avvezze a questo particolare tipo di feste, dopo il primo bicchiere erano già ubriache. Le risate delle donne riempivano il salone, assieme ad una musica di sottofondo piacevole e ritmata.

I camerieri vennero presto coinvolti nella festa e da ragazzi simpatici quali erano, si misero a disposizione volentieri degli scherzi e dei giochetti che le ragazze improvvisavano, ma ormai il banchetto stava diventando piuttosto disordinato e si stava trasformando in una grandiosa ingozzata di cibo e vino rosso, bianco e rosato. Le grida erano aumentate di volume, come la musica, e gli urli fortissimi non si contavano più.

I camerieri stavano perdendo il controllo della tavolata e venivano catturati a turno dalle ragazze per baci lussuriosi e palpeggiamenti con le mani dentro i pantaloni. Presto si arrivò ad estrarre i cazzi ed iniziarono anche i pompini da parte di parecchie volontarie, che i camerieri sembrarono gradire molto data anche la bellezza delle femmine, molte delle quali in abbigliamenti assai audaci con gambe e tette in bella vista.

Una delle amiche, di nome Rosamunda, particolarmente calda ed eccitata, catturò letteralmente uno dei camerieri e si mise a slinguazzarlo, trascinandolo vicino al tavolo dove, estratto il cazzo e sfilate le mutandine, si fece scopare stando sdraiata mentre il ragazzo la pompava restando in piedi.

In tutto quel gran puttanaio che si era scatenato, le più tranquille erano ancora Valery e Berenice. La prima perchè essendo stata appena scopata dal sottoscritto, si trovava ancora in uno stato di relativa quiete e appagamento sessuale. La seconda perché, essendo la festeggiata, cercava di mantenere un atteggiamento più serio, o almeno non sfacciatamente provocatorio.


Lo squillo del campanello, abbastanza forte da soverchiare il rumore delle urla e della musica, fece ammutolire tutti. Anche il cameriere che si stava ingroppando Rosamunda si bloccò istantaneamente con il cazzo conficcato dentro la ragazza, la quale a sua volta rimase immobile con le gambe all’aria.


---------- ma signor conte, non mi aveva detto che sarebbe tornato domani?......-------

---------- mio caro Gas, mi sta forse prendendo in giro?...... io ho detto che sarei tornato all’indomani del giorno della festa, che era fissata per il 20 giugno, oggi infatti è il 21 ……….

----------- ma la festa era fissata per venerdi 20, infatti oggi è venerdì ---------------

---------- si, è venerdì, ma non è il 20, è il 21………ho qui il suo messaggio di conferma, guardi….confermo per la data del 20 giugno….la festa dovevate farla ieri, non oggi. Insomma Gas, non mi prenda per il…..non mi prenda in giro, se lei si è sbagliato con le date la responsabilità è sua, per cui adesso mi farete il piacere di sgomberare tutti quanti, e alla svelta….tra l’altro io sono in compagnia di due miei cugini svizzeri, gentiluomini altolocati che rimarranno miei ospiti, il marchese Adinolfo D’Acquisgrana e il barone Serafino Von Munkenhausen. O vuole che li faccia dormire in giardino nella cuccia del cane per permettere a voi di continuare a gozzovigliare in casa mia? ----------------

-------------- ma signor conte, anche ammettendo che io mi sia sbagliato con la data, adesso la prego, la supplico di comprendere la situazione…..c’è una festa in corso per l’addio al nubilato, per la promessa sposa è una serata importante……come faccio a mandare tutto all’aria?..... ne va della mia reputazione……..tutti mi derideranno, mi insulteranno e io sarò rovinato.
La scongiuro, troviamo una soluzione per risolvere questo spiacevole malinteso…… che ne dice se vi invitassi alla festa?…..non sarebbe forse una cosa risolutiva e piacevole per tutti?....-------

------------ io non credo che sia fattibile…. mischiarci così senza preavviso con gente del popolo, di bassa lega, priva di vera educazione …………. no, noi non siamo persone abituate a questo genere di cose…--------

------------ per carità, signor conte, mi faccia questa grazia……senta, magari parlando con la promessa sposa lei potrebbe capire e valutare meglio l’importanza di questa riunione ---

------------ adesso è diventata una riunione?... ma se si sentiva urlare a squarciagola fin dalla strada………questo è un volgare festino, un’accozzaglia di gente ubriaca, altro che riunione……. e poi……e poi…….aaahh…….e va bene, sentiamo cos’ha da dire questa promessa sposa, ma intanto io faccio entrare i miei cugini……voi vedete di fare silenzio e soprattutto datevi un contegno, fate in modo di essere presentabili…….almeno questo…….----------------


----------- buonasera conte Battistoni, ben arrivato, lasci che le faccia i complimenti per la sua bella casa……è splendida, proprio all’altezza del proprietario, una abitazione perfetta per un nobiluomo come lei. Io sono Stefania, la migliore amica della promessa sposa, Berenice, che si sta rifacendo il trucco per incontrare lei e i suoi nobili cugini…….arriverà tra pochissimo, è molto emozionata…. ----------------

Valery, velocemente istruita da Gas, si stava giocando tutto, aiutandosi con due cose……la prima era la sua innata capacità di intortare le persone con le sue belle parole adulatorie……la seconda era la sua esagerata.…..bella presenza. Anche un nobile difficilmente rimane indifferente se viene abilmente allisciato e vezzeggiato da un simile pezzo di figa…….. per di più così agghindata e truccata , con due gambe da sballo completamente esposte sotto uno straccetto di gonnellina e con quel culo mondiale che solo a vederlo viene voglia di immergerci la faccia.

Il gioco, seppure azzardato, pian piano sembrò riuscire…………..

---------- grazie signorina Stefania, lei è molto gentile…..le presento i miei cugini, Adinolfo e Serafino. Data la situazione, tralascerei i cognomi ed i titoli ----

Adinolfo e Serafino, visibilmente scossi dall’avvenenza di Valery, passarono subito a farle il baciamano.

--------------- ecco Berenice, la sposa……cioè….insomma…..la promessa sposa……--------

I tre cugini fecero il baciamano anche a Berenice, mentre Gas, che osservava dallo spiraglio della porta, emise un lungo, liberatorio sospiro di sollievo……

Dopo le prime due, anche le altre dieci donne sfilarono davanti ai tre nobiluomini, mostrando con l’occasione l’innegabile fascino dei loro occhi, seni, cosce e tacchi alti…….anche Rosamunda, che si era frettolosamente rimessa le mutande, fece un’ottima impressione inchinandosi davanti ai nobili e mostrando loro i profondissimi segreti di una scollatura che a malapena conteneva le sue tette prorompenti.

Nel giro di non più di mezz’ora, i nobili cugini erano già ubriachi persi e stavano in mezzo al gruppo di donne ridendo sguaiatamente, sbevazzando e raccontando barzellette sconce.

Due ragazze tra le più intraprendenti e forse tra le più ubriache, si sedettero in braccio a Serafino ed Adinolfo, sbaciucchiandoli sul collo e sulla bocca, mentre il conte Pampurio conversava amabilmente con Valery con una mano che prima si era distrattamente e benevolmente appoggiata appena sopra il ginocchio ma poi progrediva a piccoli tratti sulla coscia nuda verso l’orlo della cortissima gonnellina.

------------ mio caro conte, ma lo sa che lei è davvero simpatico?.....e anche un gran bell’uomo direi…… molto carismatico…..---------------

----------- beh, Valery, sei carina a dirmi queste cose…..devo dire che anche tu mi piaci, come del resto anche la tua amica Berenice…..siete due bocconcini prelibati…..da assaggiare ad ogni costo, direi…….-------------

Valery allora prese il conte Pampurio per mano e lo portò in mezzo alla sala a ballare con lei, lasciandosi voluttuosamente abbracciare. Questo per il conte fu il momento del crollo definitivo…………

------------- bella figona, sei uno schianto, lo sai?..... mi piaci e voglio avere subito il tuo bel culone, non posso aspettare….------------

Così dicendo le mise entrambe le mani sul culo saggiandone la consistenza e la morbidezza……..poi le infilò la lingua in bocca e la slinguò a lungo, mentre continuava la profonda carezza sull’abbondante posteriore…….

----------- andiamo, saliamo nella mia stanza, ti devo ingroppare subito, non posso aspettare --------------

---------- ma insomma, conte, dovrebbe avere pazienza…..se proprio vuole andare in camera vorrei che venisse anche Berenice….non è giusto lasciare sola la festeggiata….un po’ di cavalleria credo che sia doverosa, o no?.....---------------


Il destino a volte gioca strani scherzi e possono succedere cose assolutamente impreviste…….. come il fatto che nel gruppo di amiche di Berenice ci fosse anche l’amica di una amica che era anche….la ex di Rodrigo, l’amante segreto, si fa per dire, di Berenice. E già.…che Berenice avesse un’amante lo sapevano tutti, tranne il fidanzato. E si trattava solo dell’ultimo di una lunga lista. Per cui qualcuna decise che era ora di fare la spiata….o meglio, la doverosa informazione dell’ignaro giovane.

------------- pronto Tonio?......sono un’amica, il mio nome non ha importanza….sono alla festa della tua fidanzata Berenice, perché non vieni anche tu a dare un’occhiata?......sono certa che quello che succede qui ti potrà interessare……..siamo a palazzo Battistoni---------


----------- buona sera, è qui che c’è una festa? Dovrei entrare per vedere la mia fidanzata, mi chiamo Tonio. Lei è il custode? ----------------------

-------------- si si, entri pure…e il suo nome non mi interessa, tanto qui è un puttanaio….uno più, uno meno….fa lo stesso….--------------

------------ che squisita cortesia.….grazie mille.…..-----------

Tonio entrò in giardino dove lo aspettava l’amica(??) segreta che gli aveva telefonato.

--------- seguimi Tonio, ti porto a vedere cose molto interessanti ----------

La donna fece entrare Tonio di soppiatto ed insieme sgaiattolarono su per le scale senza essere visti. Dalla balconata che dava sul salone, si poteva vedere quello che stavano facendo le amiche. Alcune ballavano tra di loro ridendo rumorosamente, altre erano semisvenute con la testa sul tavolo, completamente ubriache. Tre di loro erano sul tappeto o sui divani con le gambe e i tacchi alti all’aria, sgambettando e incrociando le gambe sopra i culi dei tre camerieri nudi che le stavano chiavando a tutta forza. Altre erano lì vicino a godersi la scena, probabilmente aspettando il loro turno.

I due entrarono in un salone e da lì direttamente su un balcone, che era in comune con la camera da letto del conte. La finestra era semiaperta dato il caldo e da quella posizione si poteva vedere e sentire tutto quello che accadeva in camera.

----------- entrate, mie belle fanciulle, questa è la mia camera da letto……bella vero?—--------

----------- bella è bella, ma non ci sono i mobili……anzi, direi che i mobili c’erano ma sono stati portati via, come anche i quadri......si vedono ancora tutti i segni sui muri---------- disse Valery

------------ beh, si…..ho dovuto mandarli a restaurare….sai, sono oggetti antichi, molto rari e di grande valore --------------------

---------- ma Pampurio, non è che sono i mobili e i quadri che devono vendere all’asta?…..era sul giornale la settimana scorsa…… “asta di arredi d’epoca provenienti da antica dimora nobiliare”----------------------

----------- ma che dici, Stefania?.....non venderei mai i miei preziosi arredi…..sono un patrimonio di famiglia……… ma adesso non parliamo di queste sciocchezze, pensiamo a divertirci insieme……io mi metto sul letto e voi fatemi vedere qualcosa di interessante…………..--------------

Tonio, dalla sua posizione strategica posta sul balcone, seguiva la scena sempre più incredulo…..

---------------lo sa, signor conte?.....--------- disse Berenice con voce lasciva e suadente ------- nel medioevo i nobili proprietari di terre godevano dello “jus primae noctis”………il diritto del sovrano di trascorrere la prima notte con le giovani spose facendole dormire….si fa per dire…nel suo letto. Io credo che lei possa ancora vantare, per la sua discendenza nobiliare, questo antico e nobile diritto…….
quindi, ne approfitti, eccellenza…….la sposa, che sarei io, è a sua disposizione davanti al letto padronale, secondo l’antica usanza -------------------

Così dicendo, Berenice iniziò a spogliarsi. In pochi istanti fu nuda e splendida, desiderabile e coi tacchi alti…….. Valery fece altrettanto, seguita e ammirata dal conte mentre denudava le sue candide cosce sfilandosi la cortissima gonnellina.
In un attimo le rimasero solo le bianche mutandine….allora si girò di schiena, si chinò in avanti e dondolando leggermente i fianchi fece ammirare al conte la più eccitante, sconvolgente calata di mutande che avesse mai visto in vita sua. Pampurio ne rimase incantato, strabuzzando gli occhi…… la scena era certamente appannaggio esclusivo di una vera, bella, formosa cavalla da monta…….

Allora si spogliò nudo, affannosamente…..senza perdere altro tempo. Il suo cazzo si ergeva alto, fiero e statuario…..come si addice ad un nobile, peraltro…….. se lo prese in mano e, ammirando Valery con gli occhi un po’ appannati per l’emozione, diede con la mano qualche colpo di avvio, poi azionò velocemente la manetta, per lubrificare l’attrezzo e prepararlo alla imminente monta…..

Berenice però gli fu subito addosso e catturò con la bocca, in modo deciso e impertinente, il duro e nobile cazzo, ficcandoselo sino in fondo alla gola e mantenendolo in posizione per un tempo sin troppo lungo…..

Il conte sembrò perdere i sensi per il godimento provocato da quell’incredibile ingoio, reso ancor più erotico dal lungo, sibilante respiro di Berenice allorchè liberò la bocca dal cazzo per esigenza di ossigeno. Un attimo dopo Berenice riprese la pompa, suggendo e leccando con gran foga. La sua testa andava su e giù con ritmo incalzante e le sue labbra scorrevano lungo l’asta dalla cappella sino alla radice, senza un attimo di tregua.

Dalla sua strategica postazione Tonio aveva seguito la scena, con la mente sconvolta da contrastanti pulsioni. La prima forte sensazione era stata di disgusto, nel vedere quanto troia fosse la sua promessa sposa…..si, d’accordo, non aveva mai pensato che fosse una santa, ma da lì a quello che stava vedendo ora c’era una bella differenza….non credeva ai suoi occhi, gli sembrava di sognare, di guardare un filmetto porno, dove alla pornostar era stato appioppato, con un trucco cinematografico, il viso della fidanzata…… ma appena realizzava che quella che vedeva era davvero Berenice, si sentiva sprofondare nel vuoto, perdendo ogni capacità di reazione. Così bloccato e con lo sguardo fisso sulla scena surreale, ebbe un sussulto di vitalità, proveniente dalla parte più erotica del suo cervello…..il quale stava elaborando le immagini che gli occhi gli trasmettevano e ne era attirato, incantato…….una forza nuovissima lo stava attanagliando, qualcosa di così forte da provocare sensazioni sconvolgenti, irrinunciabili…………sentì il suo cazzo irrigidirsi, tutto sembrò scomparire dalla sua mente tranne quella visione…..era follemente erotica………guardò verso il basso e vide la sua stessa mano che stava menando alacremente il cazzo, come se fosse governata da una volontà indipendente. In quel momento solo l’eros e il sesso comandavano la sua mente e il suo corpo.

Dopo alcuni minuti di quella furiosa pompa, Berenice ruppe gli indugi e salì a cavallo del conte, scendendo a smorzacandela sul cazzo nobiliare puntato al cielo.

Il conte ebbe un sussulto al contatto con quella umida e calda figa ed iniziò una serie di rapidi e profondi affondi. Berenice da parte sua si muoveva in controspinta con ritmo perfetto, adeguando la cavalcata ai movimenti del sottostante conte.

---------- bella porca, adesso tu sei la mia sposa, sai?......ho preso io il posto del tuo fidanzato cornuto…..è fantastico ammirare le tue belle tette che ballano…..se il tuo cornuto sapesse che stanno ballando al ritmo imposto dal mio cazzo, cosa credi che direbbe?....-------------

------------ ma che cazzo ne so, conte?......magari si incazzerebbe o magari si farebbe una sega……magari tutte e due le cose……io ho sempre avuto l’impressione che non gli dispiaccia se qualcuno mi guarda o se prova a mettermi le mani addosso….---------

--------------- e già, magari è un cornuto felice e gli piacerebbe guardare…..o anche partecipare, forse…..scommetto che gli piacerebbe venire a slinguazzarti mentre sei sotto la monta…….--------------

Berenice fu assai erotizzata da queste sconcerie e cominciò a frullarsi il bottomcino con una mano, sotto gli occhi del conte che godeva sia della vista offerta dalla fanciulla che dall’erotico sfregamento del cazzo nella tiepida vagina, con tanto di goduriosi colpi e contraccolpi provocati dall’urto della cappella contro l’utero.

Dopo alcuni minuti di galoppo volle prenderla per i capelli e tirare a se la testa di Berenice per un lussurioso e umidissimo bacio con slinguamento. Intrecciò la sua lingua con quella della donna ed esplorò voluttuosamente tutta la sua bocca, scambiando in abbondanza le salive.

Tonio era come in trance………si segava furiosamente e non perdeva un’immagine o una parola dell’incredibile accoppiamento di Pampurio con la sua promessa sposa. Sentiva l’orgasmo vicino ma non voleva assolutamente venire subito….aspettava l’epilogo di quella eroticissima chiavata. La sua mente era attraversata da mille sensazioni contrastanti e da pensieri erotici. Gli veniva spontaneo chiedersi se Berenice chiavava più volentieri con il conte o con lui….. a guardare l’impeto e la furia erotica dei suoi baci, sembrava a Tonio che la mogliettina godesse molto, forse parecchio di più rispetto alle loro canoniche scopate tra fidanzati……magari era per l’erotismo e la novità della situazione…..ma magari anche per la sorprendente e sin’ora sottovalutata troiaggine di lei…. che razza di porca, una vera puttana da materasso…..e come godeva la vacca……..si, decisamente non l’aveva mai vista così eccitata e scatenata.

-----------Berenice, sei troppo figa, non posso più resistere……ho bisogno di scaricarti dentro tutto il sugo delle mie palle……bella puttana, bella mogliettina troia…..prenditi tutto lo sborro del mio cazzo…..ti schizzo tutto nel posticino riservato al tuo fidanzato……ma chi se ne frega, tanto rimane tra di noi, lo sai solo tu e magari ti eccita questa cosa….. ecco……aaaaahhhhhhh, ti riempio la figa, tesoro….aaaaahhhhh……..vengo……godo……aaaaaaahhhhhhhh……….---------------

Berenice a sentire quelle frasi, venne all’istante, un attimo prima del conte……..strillò con tutta la voce che aveva e mentre Pampurio ansimando la riempiva con lunghi fiotti, si gettò con tutto il corpo sull’uomo e lo abbrancò furiosamewnte mentre si contorceva di godimento.

Tonio, si impietrì per un attimo, con la vista appannata dall’orgasmo che saliva….. vide il cazzo del conte piantato nella figa della fidanzata, ormai svuotato dopo i sussultanti schizzi, e lo vide smorzarsi ed uscire, lasciando il posto ad un’abbondante gocciolona bianca che si affacciava impertinente all’imbocco della figa e poi colava fino ad andare ad imbrattare il lenzuolo.

Il suo spruzzo, di una potenza inaudita, volò alto ed andò ad imbiancare il vetro della finestra dietro la quale stava spiando……..al primo, seguirono ben altri 4 spruzzi,che colpirono il muro, provocando quattro diverse colate candide. Tonio rimase senza forza, vista e udito……come chiuso in un bozzolo di cotone….isolato dal mondo.
Era stato il più feroce e godurioso orgasmo della sua vita…..e l’aveva provocato Berenice, questo era certo. Anche se lo sborro che in realtà aveva riempito sua moglie proveniva da un’altra parrocchia…….anzi, si puà dire che proprio per questo l’orgasmo di Tonio era stato così intenso, unico, sublime……

Valery era rimasta seduta sul bordo del letto guardando affascinata la sua amica mentre veniva scopata. Per il momento era rimasta all’asciutto e la cosa non le era certo piaciuta, ma non avrebbe in nessun modo protestato…..Berenice non era solo una grande amica, era anche la festeggiata…..non poteva certo opporsi a che qualcuno le facesse la festa…….

Pampurio comunque, appena ripresa conoscenza dopo il furibondo accoppiamento, si premurò di consolarla……

---------- Valery, amore mio, vieni qui ad abbracciarmi…..brava, così…..che bella pelle profumata….dai, dammi la lingua tesoro…….così…..mmmmmhhh, che delizia……mmmmmhhhh……..ho visto sai con quanta devozione ti sei sfilata le mutandine per il mio piacere…….non ti preoccupare amore, il tuo Pampurio non ti lascia andare a casa ancora con la voglia di cazzo…..se hai pazienza un attimo tra poco metto in canna un altro colpo e vedrai come ti faccio godere….parola di conte Battistoni ----------

------------ Pampurio, possiamo entrare o disturbiamo? ------------

I due cugini, Adinolfo e Serafino, erano affacciati alla porta, nudi come vermi e col battacchio penzolante.

-------------- oh, carissimi, entrate pure…..stavo giusto facendo due chiacchiere con queste due belle pollastrelle…….venite pure, possiamo continuare i….discorsi anche in cinque……. Berenice, fai posto sul letto ai miei cugini……..ecco……..questa è una festa e siamo qui per divertirci tutti insieme, non siate timidi.

I due cugini timidi non lo erano di certo, poiché dopo qualche minuto Adinolfo stava già slinguazzando con Berenice, mentre Serafino le leccava le tette e la carezzava nell’interno cosce. Quando arrivò alla figa, Serafino esclamò…
--------- cazzo, Pampurio, è tutta bagnata……sei stato tu a riempirla?.......-------------

------------ beh, si, la promessa sposa aveva diritto di essere, come dire, inaugurata da un nobile cazzo, per cui è stato mio dovere….oltre che grande piacere, s’intende, riempirla con abbondanza…..come omaggio della casa….---------------

----------- ma tu pensi, Pampurio, che un altro paio di colpi, magari una bella doppietta bocca e figa, sarebbero graditi alla sposina?.....-----------------
------------ può essere, ma perché non ne parlate direttamente con lei?......----------

---------- hai sentito Berenice?...... ti piacerebbe un altro……------------ ma non potè finire la frase………. Berenice era già sul suo cazzo ed iniziò a spompinarlo alacremente, facendolo inturgidire in un battibaleno……. In ginocchio sul letto, lo ingoiava fino ai coglioni, dando agli spettatori un’altra insuperabile dimostrazione delle sue doti di gran pompinara……

Adinolfo non perse certo l’allettante occasione…… ammirò con desiderio ed emozione quel bel culo bianco ed alto, lo baciò appassionatamente immergendoci tutta la faccia, quindi lo leccò avidamente, spingendosi anche tra le cosce, dove colavano ancora alcuni rivoletti di liquido trasparente, rendendo ancora più erotica la sua profonda lappata.

Poi non perse altro tempo con la lingua e passò all’azione…..smanettò per un attimo il cazzo già duro e lo immerse con un colpo secco fino ai coglioni, facendolo letteralmente sprofondare…….. trovò la strada umida e lubrificata e ne ebbe una forte sensazione di alto erotismo.

Allora iniziò a chiavare Berenice impastando le cosce e le natiche con entrambe le mani, ad ogni colpo di cazzo i suoi coglioni grandi e scuri sbattevano rumorosamente sulle chiappe candide della femmina, procurandole delle vere e proprie frustate………

Tonio, del tutto incredulo e fuori di se per la troppa emozione, osservava la fidanzata infilzata tra i due spiedi lunghi e duri e non seppe pensare ad altro se non di iniziare una ulteriore disperata sega.

Mentre eseguiva con dovizia lo smanettamento, si sentì toccare una spalla…….

------------- allora hai visto come si diverte la tua fidanzatina?.....te l’avevo detto che sarebbe stato interessante…… ma povero caro….hai ancora il cazzo duro……se non sbaglio quegli schizzi sul vetro li hai fatti tu, vero porcellino?..... dimmi la verità….ti piace essere cornuto, vero?......si, sei davvero un gran cornuto Tonio, la tua Berenice è una vacca, come vedi tu stesso…..e si fa chiavare da chiunque….anche dal mio ex, Rodrigo….sono amanti da tempo, quando esce con le amiche il venerdi sera, Berenice in realtà va da Rodrigo a farsi chiavare, perché è una grandissima troia da materasso……..
Beh, meno male che riesci anche a goderci di questa situazione….forse è meglio così, tanto che ci puoi fare?....vacca è e vacca rimane…..ma adesso ti voglio consolare un po’…..forza, basta seghe, lascia fare a me….ti faccio un bel pompino con l’ingoio, che ne dici? Dai, facciamo una bella slinguata, tu mi palpeggi bene il culo e poi io mi metto in ginocchio, ti tiro fuori l’uccello e ti faccio un bel lavoretto di bocca……tu intanto puoi continuare a guardare la scenetta, se ti piace……-----------

La ragazza era un gran bel pezzo di figa, per cui Tonio non seppe rifiutare l’offerta……ma tutta la sua mente era concentrata su Berenice e i due cugini…….la scena era di un erotismo impareggiabile………..

Serafino nel frattempo era allo stremo….la bocca di Berenice era troppo abile ed avida di cazzo…..l’uomo non seppe resistere molto a lungo……sentì come se il letto sotto di lui stesse sprofondando, abbrancò i capelli di Berenice e serrò con gran forza la sua testa contro l’inguine, mantenendo il cazzo piantato nella sua gola fino ai coglioni…..in quel preciso momento la sua diga cedette di schianto e la sua mente cadde in una voragine senza fine……la sborrata fu lunghissima e copiosa…..cinque, sei, sette spruzzi di sperma denso e caldissimo finirono in gola alla femmina che dovette inghiottire tutto per poter respirare.

Per Adinolfo questa scena fu il colpo di grazia…..a sua volta si bloccò di schianto e strabuzzando gli occhi , con una smorfia di piacere e di libidine, scaricò dentro Berenice una serie di schizzi ad alta pressione che entrarono direttamente nell’utero……..Berenice sentì, prima dello sparo, il cazzo che si irrigidiva al massimo ed a sua volta venne intensamente, gemendo e quasi piangendo per il piacere.
Dopo il triplice orgasmo il trio si abbattè sfinito sul letto, mentre un altro piccolo torrente di semenza bianca iniziò a colare dalla figa di Berenice, andando a creare delle lunghe strisce sull’interno cosce.

Tonio non aveva perso un attimo della doppia monta di Berenice, mentre la ragazza in ginocchio davanti a lui si dava da fare a succhiargli il cazzo con estrema diligenza e passione……. la vista della figa della fidanzata col rivoletto di sbroda colante fu come una martellata sul suo cervello……..spruzzò in bocca alla ragazza tutto il sugo rimanente delle sue palle, finchè rimasero del tutto vuote e rinsecchite.

----------- buono….era saporito…..forse un po’ salato, con un retrogusto di fieno umido…..si vede che la sborra di cornuto ha questo particolare sapore……--------------


Pampurio e Valery avevano assistito alla tripletta, traendone gran gusto ed anche eccitazione. Il cazzo del conte infatti aveva ripreso vigore, con gran gioia di Valery, che già pregustava la prossima ingroppata.

-------------- amore, mia bella, giovane puttana……..mia deliziosa, splendida culona………è arrivato il momento, sarai onorata e omaggiata dal tuo conte con una trionfale cavalcata dentro le parti più eccitanti del tuo morbido corpo.

----------- si, Pampurio, chiava la tua puttana, fammi sentire quanto sono troia ------

-------- ehm, si va bene, ti faccio sentire che sei una troia, ma… però…..insomma, non ti ho mica concesso di darmi del tu……alla fine sono pur sempre un conte e mi devi usare reverenza…….e che cazzo….…..---------------

---------- mi perdoni, conte…..mi sono lasciata prendere dall’emozione, sa....l’onore e l’emozione di essere penetrata dal suo cazzo……..mi scuso ancora, eccellenza ---------

Messa Valery alla pecorina, Pampurio sputò sulla punta del suo attrezzo e con decisione lo inserì lentamente nel buchetto posteriore di Valery, dove percepì le gioie del paradiso in quanto quel buco stretto gli regalò le più intense sensazioni che avesse mai ricevuto da un culo di donna……

Rimase piantato a lungo a godersi questa piacevole stretta, poi iniziò a chiavarla lentamente, gemendo e sussurrandole parole assai sconce…….

---------- che bello trapanare il tuo culo Valery………ce l’ho durissimo, lo senti?....senti come sto chiavando con gusto il tuo culo di troia, come sto violando il forellino che nascondi tra quelle belle chiappone da vacca che ti ritrovi…..ti senti una gran puttana, vero?.......non tutte le puttane come te possono vantarsi di essere state omaggiate dal cazzo di un conte nel culo…….tu si, ne potrai andare fiera…. sai, gioia, mi piacerebbe riempire il tuo culo con una bella iniezione di sbroda, ma sono un tradizionalista e preferisco stare sul classico….. quindi opterei per una convenzionale, ma pur sempre appagante, venuta in figa……….

Tonio, ormai senza munizioni, era disperato……….vedere Valery montata da dietro era sempre un gran bello spettacolo….oh, come avrebbe desiderato avere lui stesso il cazzo piantato in quel formoso culo….e poterlo riempire con lunghi schizzi fino a svenire di piacere……..era il suo sogno quello…. tentò di dare un po’ di vita al cazzo, ma niente….non reagiva…..le corna di Berenice lo avevano prosciugato……

Pampurio volle concludere in bellezza………girò Valery e le fu subito tra le gambe, scivolando nella figa al primo colpo…..lei sgambettò squittendo e poi incrociando le gambe sopra il suo culo nudo…..

La monta fu lenta e profonda, Pampurio voleva godere la sua bella manzetta con calma e gusto, senza fretta. Le baciò ardentemente le belle tette e poi la lavorò a lungo di lingua, mormorando frasi incomprensibili nella sua bocca, non cessando però nemmeno un attimo di pomparle lentamente la figa.

Valery venne due volte, gemendo ed emettendo tanti, acuti gridolini di piacere. Il conte volle preparare la donna al suo imminente orgasmo….

------- sto per venire, Valery…..preparati ad accogliere con gioia e reverenza tutto il mio seme…..voglio che poi cerchi di tenerlo tutto dentro, senza osare di lavarti, mi raccomando……---------

----------- si,si, signor conte….voglio che mi riempia tutta….sono la sua puttana….non abbia alcun ritegno….voglio essere chiavata e riempita come una vera zoccola…….----

----------- brava, così si parla ad un conte…..ecco…adesso vengo….sborro tesoro…….schizzo……fammi prendere in mano le tue cosce……e tu slinguami a tutta forza mentre ti spruzzo tutta la figa………..aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhh……..godo….godo…..vengo Valery…..senti quanta sborra…..uuuuummmhhhhhh………

E anche Valery ricevette così la sua preziosa, nobile innaffiata……

Dopo di che i cinque rimasero sdraiati aspettando di riprendersi dalle sfibranti fatiche della monta, soddisfatti e gratificati dal sesso estremo che si erano concessi a vicenda.

Tonio da qualche minuto se n’era andato con la ragazza, che lo fece sgaiattolare fuori da dove era entrato senza essere visto.

Ormai la festa era finita e Gas a gran voce riunì tutti i presenti nel salone, ringraziando e facendo complimenti a tutti per la riuscita dell’addio al nubilato di Berenice, la quale si prese un bell’applauso da tutto il gruppo di amici.

Dopo i calorosi saluti e baci del conte e dei cugini, noi amiche uscimmo in gruppo. Gas era rimasto dentro con i camerieri, rivestiti, per riordinare.

Appena uscite dalla porta, trovammo un signore avanti con gli anni che sembrava volerci sbarrare la strada.
------------ le signore hanno terminato la festa? Sono il custode della villa, dovrei controllare se in casa è tutto a posto -------------
------- ma dai nonno, è tardi……il conte ci ha salutate e va bene così, non rompere il cazzo ----- interloquì Valery, stanca e un po’ scazzata
----------- il conte?...... ma se torna domani?-----------
----------- eccone qua un altro che confonde le date…….il conte è in casa, è tornato stasera -----------
-----------ah si? allora aspettate un attimo, gli vorrei parlare ---------

Così dicendo il custode suonò alla porta di ingresso. Aprì il conte Battistoni, con un’aria un po’ stranita. Il custode gli rivolse subito la parola…

----------- buonasera signore, mi lasci entrare per favore, devo parlare al conte -------
------------ ehi nonno, ma sei rincoglionito?---------- disse Valery ormai alterata ----------forse è meglio che inforchi gli occhiali…. non vedi che è lui il conte Battistoni?......----
---------- senti un po’, bella gioia, lo sai chi è questo?.... questo è il conte Battistoni dei miei coglioni….------ proclamò il custode piuttosto inferocito
---------- Io questo signore non l’ho mai visto in vita mia !! ------------------

La replica di Valery arrivò con un attimo di ritardo, e la voce era leggermente tremante…..stonata……

------------- Pampurio……la prego…dica qualcosa....vero che il nonno è rincoglionito?...avanti, forza, mi dica che è vero....----------

------------- lascia perdere Valery…….e va bene….io non sono il conte Battistoni, sono un attore, mi chiamo Peppe, detto o’ marchese, grazie alle mie numerose interpretazioni di personaggi altolocati, nobiluomini, cavalieri, regnanti, cardinali, a volte persino spietati dittatori. Recito spesso nei teatri di periferia, commedie in romanesco, sceneggiate napoletane, anche scenette comiche, di varietà, per lo più improvvisate…… Gas mi ha ingaggiato assieme ai miei due compari Riccio della Magliana e Ciro o’ mbruglione, per interpretare il conte Battistoni e i suoi due nobili cugini……..che dite, ce la siamo cavata bene?.........

Valery esplose come una furia…….
---- ma che razza di fottuto figlio di puttana!!!!…….voglio strozzare Gas con le mie mani…..e io che credevo di essermi scopata un conte…..invece era questo pezzo di merda di attore da quattro soldi, con quei pezzenti dei suoi due amici….ma io sono proprio tonta, avrei dovuto capire…con tutte le zozzerie e le porcate che dicevano….altro che nobili….sembravano scaricatori di porto ------ maiali fottuti!!! degenerati!!!!.……e noi che facevamo le riverenze, gli davamo del lei… signor conte…..eccellenza…… nobile cugino…….luridi accattoni morti di fame, ecco che cosa siete!!!……….-------------

Intervenne Berenice……
----------- ma dai Valery, lascia perdere….in fin dei conti ci siamo tutte divertite, alla fine la trovata secondo me era buona e la serata non è stata certo monotona…..anzi, non ne ricordo una così emozionamte e movimentata.
Abbiamo mangiato bene, il vino era ottimo, tutto è stato divertente…..e non ci possiamo certo lamentare del….servizio…..anche i camerieri sono stati all’altezza, voi che ne dite ragazze?---------
-------si…si…si….------- risposero in coro le amiche

--------- Gas ha usato la fantasia, ecco tutto…..ma lo ha fatto per rendere speciale e indimenticabile la festa….secondo me è stato grande ---------- concluse Berenice.

----grazie ragazze…..ero qui dietro la porta ad ascoltare….sono felice che Berenice mi abbia assolto……sono felice che abbiate gradito la serata, sarebbe stata perfetta se il nostro caro custode non avesse rovinato il finale….peccato, ma non importa, sono certo che il vostro senso dell’umorismo prevarrà su questa piccola sbavatura….e se vorrete ancora usufruire dei servizi di Gas, cioè io, andate sul sito www. Gas.it, sarete stupite dalle sorprese che saprò escogitare per il vostro divertimento ---------

--------- non ne dubito, Gas, non ne dubito ----------- disse Valery ringhiando a denti stretti…. e quindi mormorando a bassa voce…. “fanculo”………


Ecco, questo è il punto in cui finì il racconto di Valery. Avevo ascoltato tutto in religioso silenzio, con grande interesse, divertimento e soprattutto eccitazione….
---------- bene Valery, grazie della tua narrazione così precisa e colorita, ti ho ascoltata con piacere………ora però sai cosa devi fare, vero tesoro?.......su, avanti, monta in groppa, non ce la faccio più ad aspettare ---------------

Amici, mi ci volle tutta la giornata per smaltire la carica di erotismo che Valery mi aveva messo in corpo con il suo racconto…..le diedi la bellezza di 6 colpi a distanza ravvicinata. Tra una botta e l’altra mi facevo ripetere qualche passaggio della vicenda che mi aveva particolarmente intrigato e quindi, a pile ricaricate, le montavo sopra e le spruzzavo ancora nella figa tutta la mia rovente eccitazione. Mi fermai solo quando il mio pipino, terminate definitivamente le munizioni, cessò di dare segni di vita.














Questo racconto di è stato letto 7 7 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.