Sax Avvolgente

Scritto da , il 2020-10-28, genere etero

Sax Avvolgente

Katia riceve la telefonata di suo marito che manca un’ora alla cena. “Scusa tesoro ma, c’è una bega sul lavoro e farò tardi. Prenderò il prossimo aereo”
“Uff” fa lei “VA bene, ti terrò qualcosa in frigo per quando sarai di ritorno”
“Scusami ma..”
“No, no, ormai ci ho fatto l’abitudine” dice con una punta di delusione Katia. Saluta il marito e riappende.
Era diventata un’abitudine, da un mese a questa parte, una volta la settimana, c’era sempre qualcosa nel lavoro che lo tratteneva. Katia sospira, guarda la tavola già apparecchiata, il pollo nel forno. Un mese e, quella sensazione di formicolio dietro la nuca, una sensazione che non se ne voleva andare e che rimaneva lì, appiccicata e sgradevole.
Spostandosi verso lo specchio del salotto, si osserva per la decimilionesima volta: capelli ricci e neri, occhiali con la montatura nera, tondi e grandi come quelli di mr Magoo. Piccola, un po’ tondetta, nessuna ruga ancora sul viso, almeno quella. Vestiti sformati e ampi per nascondere le linee del suo corpo che incominciano ad essere un po’ imbarazzanti.
Si toglie l’ampio maglione. Si sofferma ad osservare ancora. Il corpo pieno che tende la camicetta a righe blu verticali, i fianchi che tendono il tessuto. Sospira, si slaccia i bottoni, i primi due veloci poi..più lentamente, sorprendendosi a muoversi sinuosa, in una danza con la musica che echeggia nella sua testa. Vuole essere sensuale, indovinare una danza lenta da disco pub, musica soft. La trova nella sua testa, un abbraccio di sax, avvolgente, caldo. Si slaccia i bottoni, arriva a quello dei pantaloni, slaccia, abbassa la cerniera. Piano, si intravedono mutandine bianche bordate di pizzo. I pantaloni scivolano a terra, lei li scalcia via e torna ad osservare la sua immagine riflessa, la sua camicia aperta a metà. S’intravede il ventre non perfettamente piatto. S’intravedono le tette piene e un accenno di areola. Toglie l’ultimo bottone, si volta e si toglie la camicia. Fa la vamp, volta la testa all’indietro, coglie la sua schiena e parte delle sue chiappe. Lascia andare la camicia a terra, le mani portate a coppa sulle tette, si gira verso lo specchio, il suono del sax che si fa più caldo.
Ora si vede, non propriamente una pin up, rotolini di grasso che sbordano, l’ombelico che è un ondulato molliccio. Chiude gli occhi, s’infila i pollici negli slip, li allarga, li abbassa con lentezza. Appare un angolo di pelo scuro. Si gira ancora, gli slip cadono a terra, il culo ora è libero. Si tocca, un po’ molle ma, la sua mente lo trasforma in quello di una supermodella soda e strafiga.
Guarda lo specchio, ora si vede tutta: la sua fica è curata e.. cosa vede imprigionata tra i peli pubici? Si tocca. E’ bagnata. Si è bagnata solamente facendo quella danza erotica.
Lei ride. Dovrebbe provarci con Carl. Dovrebbe provare a fare quella danza sexy. Quando torna a casa, sorprenderlo, stuzzicarlo. Fargli dimenticare qualsiasi sia colei che lo distrae dai suoi doveri di marito.
Magari riesce a riaccendergli quella pssione che aveva dieci anni prima. Magari riescono ancora a fare sesso come dannati, con lui che la sbatte contro il muro o sul tavolo. Magari riesce a fargli un pompino come una vera tro..

Un volto alla finestra. Scompare subito. Katia si copre istintivamente la fica con una mano. “Me lo sono sognata?” si chiede
Ma no, c’era qualcuno. Ancora si vede l’alone del respiro contro i vetri della finestra. “Oh capperi! E adesso come faccio? Chiamo la polizia?”
Afferra gli slip da terra, sta per infilarseli ma.. ha un ripensamento. Lo getta a terra, torna a ballare davanti allo specchio. Sta liì un po’ ma, dello strano curiosone non v’è traccia.. Forse si è spaventato. Forse …

Tre giorni dopo, Carl la chiama ancora perché deve fare ritardo. Lei, quasi sollevata, decide di ripetere l’esperimento di qualche sera prima. Solo che, l’atmosfera non rimane nella sua testa ma, la espone. Si è comprata un CD di Jazz, lo ha azionato nel lettore. Si è messa davanti allo specchio e ha iniziato a danzare, ancora, speranzosa che qualcuno la guardasse.
Arriva a slacciare l’ultimo bottone della camicia quando percepisce il movimento dietro la finestra. Questa volta si è preparata:nel lampioncino d’ingresso ha montato una di quelle micro telecamere che si usano per skype. “Vediamo chi sei, amico guardone” si era detta soddisfatta
La danza prosegue, rimane nuda, comincia a toccarsi tra le gambe, struscia le dita. Quanto tempo è passato dall’ultima volta che si è masturbata? Quanto tempo è passato dall’ultima volta che ha sentito il sesso di un uomo dentro di sé? Tre mesi? La sera in cui Carl era tornato da una cena aziendale, si era fatto una doccia dopo un pasto veloce e poi.. “Che hai Carl?” aveva chiesto lei
“Nulla, un po’ di pensieri per la testa” aveva risposto lui. Poi l’aveva guardata, le aveva sorriso e aveva cominciato a slacciarle la camicetta “Che ne dici di aiutarmi a levarmeli dalla testa?”
E così erano finiti a letto, con lui che le toglieva i vestiti ad ogni metro che procedevano verso la camera. Nuda, sdraiata, lui che la sovrastava, il sesso eretto e scoperto. Poi era entrato e aveva cominciato a darci dentro. Niente di romantico o sensuale, più brutale, sembrava volersi sfogare, lavare via qualcosa
Si era addormentato quasi subito dopo aver raggiunto l’orgasmo. Il giorno dopo, quando lei aveva riaperto gli occhi, aveva trovato il letto vuoto e nell’aria, un vago odore di caffè. Lui non c’era, naturalmente: solo un biglietto con su scritto = Il lavoro mi chiama =
E non aveva mai indagato su chi fosse quel ritardo che, ogni tanto, lo tratteneva oltre gli orari di lavoro. E lei a casa da sola, a guardarsi un film o ascoltare musica jazz..

Il guardone si è fatto rivedere. Katia osserva il filmato della telecamera. Vede un ragazzo sui 25 anni, alto, fisico asciutto. Porta capelli neri tagliati corti ma, non riesce a vedere il colore degli occhi. Lo riconosce, è Danny, il figlio del pulitore di piscine della vicina di casa. Pulitore e idraulico.
Katia si chiede cosa ci facesse affacciato alla finestra a spiarla mentre fa lo spogliarello. Cosa lo ha spinto fino da lei a sbirciare in casa? O era un potenziale ladro che stava aspettando il momento buono per entrare e rubare? Oppure era interessato semplicemente a spiarla? Ma no, un ragazzo così giovane, come può interessato a spiare una signora di quasi quarantacinque anni che fa lo spogliarello davanti ad uno specchio?
Katia sorride. Le è venuta un’idea.
Cinque giorni dopo la attua.

“Problemi al sifone, signora?” chiede Danny quando si è presentato a casa sua.
Il primo sguardo, un po’ in imbarazzo, abbassa gli occhi mentre le passa vicino. Katia lo lascia armeggiare con il sifone del lavello “Vuoi qualcosa da bere?”
“No, grazie signora..”
“Katia. Non darmi del lei che mi fai sembrare vecchia”
Rossore sulle sue guance “VA bene, Katia”
Katia va in salotto e si predispone con la sua trappola.
Le note di No man no cry si diffondono nell’aria. Katia chiude gli occhi e comincia la sua solita danza. Speranzosa che Danny, si affacci alla porta e la osservi più da vicino. Niente specchio, la faccia rivolta verso le finestre che hanno le tende tirate. Ma c’è un vassoio appoggiato in maniera strategica, che manda un certo riflesso alla soglia della cucina alle sue spalle.
E, puntuale, quando Katia si sta togliendo la camicetta, il volto riflesso di Danny appare nel vassoio. Katia sorride, continua la sua danza, si volta verso il giovane che, colto di sorpresa, non fa in tempo a nascondersi. Sgamato, imbarazzato, Katia che sorride “Resta lì. E’ meglio che sbirciare attraverso il vetro, no”
“Io.. Non..”
Lei si toglie il reggiseno, lascia che le tette rimbalzino libere. Poi passa agli slip e li butta ai piedi di Danny “Vuoi solo guardare?”
Lui rimane lì, aggrappato allo stipite della porta, gli occhi strabuzzati e venati di brama. Lei ondeggia verso di lui, tende le mani “Vieni” e lo trascina in una specie di danza sensuale, accompagnati dalle note del sax “Spogliati” e lui obbedisce, quasi ipnotizzato, i vestiti che scivolano a terra. Nudo, lei che si avvicina. E’ un attimo, il sesso che diventa duro, lei che sorride e preme contro di lui. Il sax li rende una cosa sola. Ora, abbracciati, lui che freme e sente montare la voglia sessuale di possederla. Lei, che continua a strusciarsi contro di lui e attende che lui…
Lui che la solleva sul tavolo e le apre le gambe. Lui che entra e si aggancia ai suoi fianchi. Lui che cerca la sua lingua e comincia a pomparla. Lei che geme e cerca di ricordarsi come si fa a non andare subito in orgasmo. Lui, che il fuoco di gioventù lo sta bruciando come benzina gettata sul fuoco. Lei, che la brace era sopita sotto la cenere. Un incendio di passione, gemiti e urla, il sesso che sembra riempirle la gola, l a bocca, la testa. Loro, che esplodono sull’ultima nota di sax, lo sperma che gocciola sul bordo del tavolo e scivola a terra “Non sai da quanto tempo volevo farlo” dice lui
“Perché proprio me?”
“Mi piacciono le signore più vecchie di me” arrossisce lui. “ti ho visto in più di un’occasione. Avevi una certa aria triste quando ti sedevi sulla veranda, a guardare tuo marito che andava via”
“E questo ti ha spinto a spiarmi quando lui non c’era?”
“Volevo vedere cosa facevi? Come passavi le tue giornate. Le tue serate”
“Da quanto tempo mi spii?”
“Qualche settimana”
“Ti sei divertito?”
“Che domande?”
Si sono trasferiti in camera da letto, dove lo hanno fatto ancora, ma più passionale, più delicato. Ora lui, appoggiato alla tastiera del letto e lei appoggiato al suo ventre, con il sesso che le sfiora la guancia. “Quanto vigore” dice lei girandosi e leccandogli il sesso. Che strana sensazione. Credeva che non ci sarebbe mai riuscita ma..
Si gira verso di lui, dischiude le labbra e comincia a succhiarglielo. Lui allunga la mano, l’accarezza “Non è necessario”
Katia smette di succhiare e lo guarda incuriosita “Non vuoi che ti faccia un pompino?”
“Certo che sì ma, ora vorrei assorbire l’attimo”
“L’attimo?”
“L’attimo perfetto in cui ho fatto sesso con una donna formidabile” sorride “Il mio concetto di sesso, per ora e il modo tradizionale: io dentro di te”
Katia sorride. Ragazzo d’altri tempi. Gli afferra il sesso, ci gioca un po’, lo lascia diventare duro poi, lentamente, si alza e si mette a cavalcioni su di lui. Lascia che il suo sesso entra dentro di lei, lascia che il sax ricomincia la sua danza di erotismo avvolgendo. Lascia che le sua mani si poggiano sui fianchi, lascia che segua il movimento di lei, su e giù. Su e giù. Lascia che lei guidi la danza e le mani di lui salgono fino alle sue tette, le stuzzicano le areole, poi scendono ad accarezzarle i ventre, fino all’attaccatura dei due sessi.
Poi si lascia cadere, con soddisfazione, sul suo petto e rimane così “Grazie, era da tempo che non mi sentivo così” sorride lei
Danny lascia la casa poco prima dell’alba. Appena in tempo, l’auto di Carl gira l’angolo e parcheggia davanti al vialetto.
Katia in doccia, avverte le mani di Carl sulle sue spalle, sulle tette. Poi, il suo corpo che si fa più vicino, il sesso che entra tra le chiappe. E comincia a muoversi, lento e sinuoso. E Katia si sente in colpa, a pensare a Danny, al triplo che sesso che ha fatto con lui.
Carlo la gira e la penetra lì, sotto la doccia, con forza, con foga. La notte degli orgasmi infinita.

La mattina li sorprende nudi . Carl seduto sul letto, lei ancora sdraiata. Lui, gomiti appoggiati alle ginocchia, la testa e lo sguardo fissi a terra. Lei, raggomitolata sui cuscini, con un sorriso stampato sulle labbra “Perché così serio?”
Carl non risponde subito, sospira “Ho un’altra” dice in un soffio
Katia non se l’aspettava questa confessione. Così, dopo il sesso migliore degli ultimi mesi. Almeno con lui. “Sì, lo immaginavo”
“Non sembri arrabbiata”
“Delusa, un po’”
Lui annuisce “Il mio direttore di marketing”
“Diavolo, pensavo la tua segretaria”
Lui si volta a guardarla, sorpreso di quell’ironia “La butti sul ridere?”
“Spezzo la serietà” si tira su a sedere, lo abbraccia da dietro “Ho fatto anch’io la scappatella”
Lui la guarda sorpreso. Probabilmente si chiede = Ma chi diavolo ha avuto il coraggio di scoparti?= MA lei sembra non voler cogliere l’allusione e lascia correre “Sul serio?”
“Sì. E, per rincuorarti, è successo solo una volta”
Lui crolla le spalle “Bisogno di cambiare”
“Possiamo trovare un accordo?” dice lei prendendo a baciarlo sul collo. La mano destra scende fino ad afferargli il sesso “Non smettiamo a fare quello che facciamo. Purchè sia lontano dalla nostra attenzione”
“Salviamo le apparenze?”
“Facciamo la coppietta felice. Usciamo, mangiamo, scopiamo. Poi, al di fuori di questa casa” si stringe nelle spalle. Prima regola dettata ma Katia l’ha già violata, facendo sesso con Danny dentro casa. Beh, non vale, la regola l’ha proposta dopo “Ognuno per se” gli stuzzica la punta, gli massaggia i capezzoli con l’altra mano, lo bacia sul collo “Affare fatto?”
“Dio santo” geme lui “Non ti ricordavo così brava..”

Fine settimana, Carl si sofferma al lavoro più del dovuto.
Katia sorride. Cena romantica a lume di candela a casa di Danny. La tresca aperta è appena cominciata, il sax ha ripreso a suonare..

=FINE=

Questo racconto di è stato letto 2 8 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.