Amsterdam - A letto con Debbie 2

Scritto da , il 2020-07-23, genere etero

La mattina dopo mi sveglio quasi stravolta. Già usare il verbo “svegliarsi” è una cosa grossa, giurerei di essere stata tutta la notte in dormiveglia. A farmi aprire gli occhi è il peso di Debbie sul materasso. La vedo avvolta nell’accappatoio e con un asciugamano in testa. Mi sorride un ”ehi, buongiorno Sletje” quasi sussurrato. La guardo, non capisco ancora un cazzo, ora come ora non saprei nemmeno dire dove mi trovo. Soprattutto, non riesco a capire cosa abbia da continuare a ridere.

– Sei davvero in calore, Sletje, davvero non potevo immaginare… – sussurra ancora.

La guardo interrogativa, lei fa un cenno un po’ indistinto in un punto in mezzo alle mie gambe. Guardo e capisco. E onestamente, allo stesso tempo, mi sveglio e mi vergogno: sul lenzuolo c’è una chiazza umida sulla quale né io né lei possiamo avere alcun dubbio. Divento rossa, credo. Lei passa la mano sulla macchia e sorride.

– Goccioli anche più di me… e io sono una che ogni tanto bagna le gonne…

Non è certo la prima volta che mi sveglio bagnata e con le mani tra le gambe. Ma a parte il fatto che c’è sempre il pigiama o la camicia da notte a difendere il lenzuolo, mi sa che un casino come questo non l’ho mai combinato. Debbie mi ripassa un dito tra le gambe, ma senza infilzarmi, stavolta. E invece di succhiarlo lei, come stanotte, lo passa leggero e scivoloso sulle mie labbra. Fremo ancora per quel contatto quando lei, con la stessa leggerezza, mi dà un bacio a sfioro sulle labbra e mi abbraccia.

– My little italian miniota… – sussurra guardandomi negli occhi – dai che sono quasi le dieci, preparati e andiamo a colazione, sennò perdiamo l’aereo.

Posso dire di riprendermi completamente solo sull’Ncc che ci porta a Fiumicino. Il vero problema è che, mentre conversiamo del più e del meno e spesso stiamo in silenzio, le sue parole di questa notte cominciano quasi a rimbombarmi in testa: “Nessuno ti ha mai fatta sentire come ti farò sentire io”. E inoltre, problema numero due, dopo un po’ parlare del più e del meno o non parlare affatto mi risulta praticamente impossibile. Voglio parlare, e voglio parlare solo di una cosa.

– Ti ricordi cosa mi hai detto stanotte? – le domando in un soffio.

– No – risponde – ero ubriaca ahahahah…

– Mi hai detto “nessuno ti ha mai fatta sentire come ti farò sentire io”…

– E’ esattamente ciò che penso… – replica abbassando il tono della voce.

Torna il crampo, torna la sensazione di calore. Mi sembra di ondeggiare anche se sono seduta sul sedile posteriore di un suv. Esito perché non so quanto l’autista possa comprendere il nostro inglese. In teoria dovrebbe.

– Farò tutto quello che vuoi… sarò tutto quello che vuoi… Ordina, disponi, sono un giocattolino nelle tue mani…

Forse le ultime parole le ho dette, o meglio squittite, a voce un po’ troppo alta, ma non sono riuscita a controllarmi. L’effetto è che mi sto colando nelle mutandine e che se continua così mi bagnerò anche i microshorts che indosso.

– Sletje.. io – mi risponde lanciandomi uno sguardo un po’ indeciso – io lo so che tu mi vedi così, ma… io non sono così dom come pensi, sai? Solo perché ho qualche anno di più non devi pensare che… E poi comincio a credere che tu sia molto più puttana di me ahahaha….

La risata è complice e sommessa. Ma forse è la cosa che mi spiazza di più. Soprattutto se ripenso ai nostri discorsi a Londra, al gioco dell’ovetto vibrante che mi ha indotto a fare a casa mia, al piglio con il quale solo ieri, appena scesa all’aeroporto, mi ha coinvolta i quella specie di commedia con i suoi clienti. Soprattutto se ripenso a quel “come sei bella” detto in ascensore e accompagnato da una carezza con il quale mi ha fatta impazzire. Adesso invece mi sembra di avere davanti una Debbie diversa da come me la sono sempre figurata. Senza sovrastrutture. In un certo senso nuda, come era nuda ieri sera nel nostro letto. Quando mi raccontava di come a quell’uomo, quello del club, fosse bastato dirle “vieni” e prenderla per mano per portarla nel suo ufficio.

– L’uomo di questa notte… il padrone del club – le sussurro – ti ha mai chiamata puttana?

– Sì, te l’ho già detto…

– Quante volte?

– Non lo so… Perché? Che c’entra?

– Quale è quella che ti è piaciuta di più? – le chiedo senza darle peso.

Debbie ha una specie di lampo negli occhi. Un lampo che ha qualcosa della resa, come se cedesse, come se il suo corpo si arrendesse a quel ricordo.

– Quando è venuto… quando mi ha spinto il cazzo in gola e con la mano mi teneva ferma la testa… quasi annego… mi ha detto “puttana” in italiano… l’ha quasi gridato…

Quando arriviamo al terminal, dopo avere scaricato i nostri bagagli, il conducente ci guarda a lungo. Per un momento credo di arrossire. Sono convinta, certa anzi, che se non ha capito o sentito tutto poco ci manca. Alla fine né io né lei siamo state molto attente a come parlavamo, in fondo. Siamo quasi imbarazzate nel salutarlo. E anche se mi sembra strano, forse Debbie lo è di più.

– Sai una cosa Debbie? Adesso succede un po’ il contrario di quello che è successo proprio qui ieri mattina.

– Cioè? – domanda con la faccia un po’ stupita.

– Cioè adesso mi baci… un bacio vero… voglio che chi ci vede pensi che siamo proprio due lesbiche. Tanto che cazzo ce ne frega di chi ci sta intorno? E poi stavolta al bagno ci vai tu… e le mutandine te le togli tu…

– Ho la gonna troppo corta… – piagnucola dopo avermi guardata quasi a bocca aperta per lo stupore.

– Lo so che saprai come fare… – sussurro cercando di restare calma, anche se in realtà sono in preda all’ansia.

– Sei davvero una… ma ti farò vedere che sono peggio di te – sospira.

Poi la sua mano sulla nuca, le sue labbra, la sua lingua che si attorciglia alla mia e i nostri corpi che quasi entrano l’uno dentro l’altro per non so quanto. Tanto, però.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 4 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.