Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 9

Scritto da , il 2020-07-10, genere dominazione

“So che Bruno ti ha già fatto provare il pannolone…ne abbiamo qualcuno da parte…fammi pensare dove lo avevo visto…si! In quello stipetto!!!”
Aprì uno stipetto di un mobiletto dell’andito e depose un pacchetto sul tavolo della cucina. Poi disse qualcosa che mi fece drizzare i capelli:
“…e qui, dovrebbe esserci dell’olio al peperoncino…!”
“Ti prego Natalia…cosa vuoi fare?”
“Non preoccuparti zoccola! Bruno mi ha abituata a ben altro, e considerando che tornerà tra meno di un’ora potrai sopportare benissimo quanto ho in programma per te! Ma prima ti tappo quella bocca di merda, così non mi ossessioni con le tue lagne…”.
Mi imbavagliò con una ball-gag, quindi mi fece mettere in piedi tirandomi per i capelli e mi fece sdraiare supina sul tavolo della cucina, poi mi leccò intensamente la passera dedicando una maggiore attenzione al clitoride, succhiandolo e mordendolo. Quindi riempì il panno con l’olio al peperoncino e me lo mise addosso:
“Solleva il bacino troia...così brava! ... e… lo leghiamo ben stretto…e così vuoi fottermi il padrone…”
Ci vollero pochi minuti prima di sentire lievitare un bruciore che diventava via via più intenso. Ma dopo qualche minuto Natalia slacciò entrambi gli strappi e lo aprì:
“Mi è venuta in mente una idea…siccome Bruno voleva farti godere, ti ficcherò un bell’ovetto dentro la tua fica…uhm che la mia lingua ti ha già fatto colare!”
Inserì un ovetto vibrante nella mia vagina, quindi richiuse il panno e aumento la vibrazione. Per ridurre al minimo i miei movimenti mi mise delle manette ai polsi facendo passare le braccia dietro alle ginocchia. Cercai di non lamentarmi più per dimostrare di essere alla sua altezza e di meritare Bruno, ma inevitabilmente gli occhi si erano già riempiti di lacrime: il bruciore era incredibile, anche perché il terribile olio agiva nella pelle più delicata. Ormai ero tutta un fuoco, la vibrazione che andava e veniva non riusciva a farmi godere.
Continuavo ad osservare l’orologio sulla parete sperando che la lancetta potesse scorrere più velocemente e che Bruno potesse ritornare prima del previsto. Nel frattempo …ero legata come un salame e Natalia tormentava in miei seni applicando alla base di ciascuno degli elastici di piccolo diametro che riducevano i seni in palloncini viola.
“Vedi Barbara, Bruno mi piace da impazzire al punto che …sono 8 mesi che non mi scopa più e lascio che abusi costantemente del mio culo e non solo con il suo uccellone…nel tempo ho imparato a godere anche solo con il culo. Da qualche mese, inoltre, non mi concede di masturbarmi. Pensa che, una volta per punire una mia mancanza ha pagato una puttana di strada con i miei soldi, quindi si è fatto fare un pompino davanti a me fino a venirle in bocca e poi mi ha fatto inculare da lei con uno strap-on.
Monica invece, mi tratta come una merda, quando ci incontriamo vuole che non la guardi in faccia e mi riempie il viso di sputi, ama sputarmi in faccia e in bocca, la settimana scorsa ha passato l’intero pomeriggio a farmi ingoiare la sua saliva. Bruno si diverte in tutto ciò e io sono orgogliosa di renderlo soddisfatto”.
Stavo impazzendo dal dolore, a tratti non seguivo il discorso di Natalia, ero tutta un fuoco, anche l’arredo rosso della cucina era frastornante e quella cazzo di vibrazione che agiva ininterrottamente dentro di me esaltava il lavoro fastidioso del peperoncino. Ma stringevo i denti e non volevo dargliela vinta, anch’io volevo dimostrare di tenere a Bruno e di sopportare qualsiasi umiliazione e punizione pur di non perderlo.
Fortunatamente Bruno rientrò in anticipo.
Quando seppe quello che mi aveva combinato Natalia, mi fece levare subito il pannolone e la prese a cinghiate. Io nel frattempo, rimosse le manette e la ball-gag, andai in bagno a farmi una doccia e a rimuovere tutto l’olio dalla pelle che si presentava arrossatissima. Piangevo sotto la doccia per la forte infiammazione procurata.
Bruno mi diede una pasticca per lenire il dolore quindi mi fece distendere in camera da letto per farmi riposare e attendere che il dolore scemasse. Intanto Bruno puniva Natalia sculacciandola a mani nude: i colpi erano forti e interminabili. Mi assopii forse per un’oretta, e quando mi svegliai sentii dei gemiti provenire dal soggiorno. Mi alzai e, richiamata dai lamenti, mi avviai completamente nuda verso il soggiorno: Bruno era seduto sul divano e Natalia faceva degli squat di spalle sopra di lui prendendosi il suo uccello nel sedere, quindi Bruno mi vide e mi spiegò la situazione:
“Questa troia ha abusato come non doveva, avevo in programma si sbatterti per bene stasera, ma avendo usato quell’olio ha fatto saltare i miei programmi. Quindi, adesso la sto inculando con un preservativo dopo averle bel oliato il buco del culo…non hai idea di che cosa provoca l’attrito del profilattico in presenza di quest’olio al peperoncino. Sta letteralmente esplodendo come fosse un vulcano, così difficilmente dimenticherà questa lezione.”
Natalia piangeva disperata ma nonostante tutto spingeva dentro di sé tutta la mazza di Bruno arrivando in mia presenza a raggiungere un incredibile orgasmo e squirtando sul pavimento del soggiorno.
Subito dopo Bruno mi fece rivestire e mi accompagnò a casa.
Ci vollero due giorni affinché l’infiammazione svanisse. Le sere successive trascorsero in piena tranquillità: Bruno e Monica erano partiti per una vacanza di una settimana in una baita di montagna, dove avrebbero sciato. Io ne approfittai per dedicare più tempo all’associazione di volontariato, che frequentavo da qualche anno, e per fare qualche ora di lavoro part time presso una biblioteca del centro in cui venivo chiamata per sostituire qualche dipendente in ferie o in malattia. Pur in assenza di Bruno non trascurai la palestra e mi allenai con grande impegno.
In quei giorni mi resi conto di come Bruno fosse importante nella mia vita: mi mancava, mi mancavano le sue perversioni, mi mancava l’intensa eccitazione che precedeva le sue continue sorprese, nonché le emozioni che mi trasmetteva dopo, e soprattutto mi mancavano i suoi baci e il suo uccello che mi scopava fino a farmi provare orgasmi bestiali.
Conclusa la vacanza bianca, Monica e Bruno rientrarono. Era pomeriggio inoltrato, e poco prima di cena Monica andò a farsi una doccia, mentre io e Bruno rimanemmo nel soggiorno.
“Bruno, vado a dare una occhiata all’arrosto che ho messo in forno.”
“Ok! Ti raggiungo per darti una mano…”
Bruno mi raggiunse da dietro e mi sollevò la gonna.
“Ti sono mancato zoccola?”
Mi leccava il collo facendo scorrere la punta della lingua tutto intorno all’orecchio e producendo brividi lungo tutta la schiena.
“Si Signore!”
“Divarica le gambe e allargati il culo stirandoti le natiche con le mani”
Feci come ordinato, lui si abbassò e iniziò un lungo ed estenuante lavoro di lingua che mi fece scolare oscenamente la passera.
“Vuoi fottere troia? Lo vuoi il mio cazzone?”
“Oh si, signore!...ma di là, c’è Monica!”
“Non preoccuparti! Per lei la doccia è un rito che si deve godere per cui non ci metterà poco. Tu invece anziché pensare a lei, mettiti in ginocchio e succhiami il cazzo: sai come mi piace…non c’è bisogno che ti dica come devi fare…giusto?”
“Certo, fino in gola, signore!”
Iniziai subito con un affondo arrivando quasi a sbattere il naso sulla sua pancia. Non riuscivo ad ingoiarlo completamente, ma Bruno era soddisfatto da come lo sentivo ansimare. Dopo qualche minuto, lacrime e saliva avevano avvolto il mio viso e formavano un tutt’uno con il suo membro.
“Sollevati troia, lo hai lubrificato come si deve…ora è pronto!”
Mi fece voltare di spalle e iniziò a penetrarmi.
“Uh... che fica calda e bagnata che hai…giusto una sveltina, il tempo di riempirtela di sborra e poi prepari la cena e riprendi a fare la sguattera”.
L’intera situazione mi fece eccitare da morire, al punto che anch’io raggiunsi un orgasmo dopo aver sentito il suo seme inondarmi internamente.
“Che porca!!! Mi hai fatto esplodere le palle Barbara! Cazzo che goduta…non scopavo da qualche giorno e mi hai fatto venire il sangue alla testa. Mi è sembrato che anche tu hai avuto abbia avuto qualche contrazione: hai sborrato troia?”
“Oh si signore, l’intensità era notevole e mi sentivo estremamente eccitata!”
Mi accinsi ad andare presso l’altro bagno per farmi un bidet quando Bruno mi bloccò:
“Tirati su le mutande, voglio che ti tieni dentro tutta la mia sborra, se poi ti cola un po’ nelle gambe meglio… voglio che in ogni momento di questa serata tu possa avere sempre in mente che sei una mia proprietà”.
Durante la cena Bruno mi fece una proposta per il giorno successivo:
“Domani devo recarmi da un mio amico proprietario di una palestra nell’interland della città, si trova a circa un’ora di macchina, mi farebbe piacere se Barbara mi accompagnasse considerato che tu Monica lavori per tutta la mattina”
“Mi sembra un’ottima idea mamma! Cosa ne pensi, mi pare che domani tu non abbia impegni…”
“Si, domani sono libera e un giro fuori porta mi farebbe piacere”
Sapevo già che Bruno aveva dei secondi fini e chissà quali perversioni mi attendevano. La sola idea mi faceva eccitare ancora una volta e le mutandine, che erano già bagnate abbondantemente di sperma, accentuavano questa sensazione.
La sensazione di sporco mi accompagnò fino a tarda sera, quando dopo cena potei finalmente ripulirmi di tutto il liquido seminale incollato sulla pelle e impregnato nelle mutande.
Bruno restò a casa per la notte, ma inaspettatamente non mi fece la solita visita del dopo cena. Ne rimasi un po’ delusa e questo stava a significare che ormai mi aveva soggiogato; forse non si trattava proprio di amore, ma di una forte dipendenza che mi induceva a convincermi di essere veramente di sua proprietà, stavo diventando la sua schiava.
Ci svegliammo al mattino che Monica era già uscita, ci preparammo rapidamente e uscimmo decidendo di fare colazione in qualche caffetteria durante il tragitto. Bruno aveva scelto personalmente il mio abbigliamento, era entrato in camera e aveva rovistato in cassetti e armadi selezionando delle scarpe nere con tacco 12, delle calze nere velate, una minigonna rossa e una camicetta bianca. La minigonna era elasticizzata e mi stava un po’ stretta, in effetti non la indossavo da una decina di anni. Vista allo specchio apparivo come una prostituta matura vestita da ragazzina. Ero rossa dalla vergogna, avrei voluto cambiarmi con dei vestiti più sobri ma avrei deluso Bruno.
“Cazzo quanto sei arrapante! Sembri proprio una puttana di strada, sei perfetta! Andiamo troia, che si fa tardi”.
La prima sosta in caffetteria fu il preludio di quello che sarebbe accaduto nel resto della giornata: avevo tutti gli occhi puntati addosso, la camicetta era trasparente ed evidenziava l’assenza del reggiseno mentre la minigonna era esageratamente corta, e per quanto cercassi di abbassarla copriva a malapena tutte le natiche. Fortunatamente consumammo al banco e ce ne andammo via subito; da seduta sarebbe cresciuto ulteriormente il mio imbarazzo.
Arrivati a destinazione, io rimasi nei locali della palestra che in quei giorni era chiusa per ristrutturazione, mentre Bruno si incontrò con l’amico in sede separata. Trascorsa un’ora andammo via decidendo di mangiare in un self service poco distante dalla palestra.
L’esperienza alla tavola calda fu terribile e umiliante…

Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 6 5 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.