Conflitto Morboso - Capitolo 3

Scritto da , il 2020-07-05, genere pulp

Eravamo a pezzi! Il mio sedere bruciava mentre Cornelia aveva le lacrime agli occhi dal dolore che il metallo aveva provocato sulla sua pelle più sensibile. Contattammo rapidamente Sonia, il nostro medico di fiducia, che inutilmente insistette affinché andassimo all’ospedale per i dovuti accertamenti e per un po’ di riposo; infatti, ci imbottimmo di antidolorifici e creme antiinfiammatorie in modo da poter essere pronte nel più breve tempo possibile: volevamo vendetta! L’idea era quella di sfruttare l’effetto sorpresa e di essere già lì quando Clelia e Zelda fossero ritornate. Ci prendemmo solo qualche ora di riposo, quindi ripartimmo armate fino ai denti.
Cornelia, in particolare, aveva preso un fucile dotato di particolari munizioni a base di un forte anestetico, capace di abbattere anche un cavallo. Salite sul fuoristrada ripartimmo verso l’obiettivo procedendo cautamente nei 15km finali. Erano trascorse 8 ore da quando ci eravamo liberate e, giunte a destinazione, era già buio. Ci appostammo per capire se le due criminali avevano fatto ritorno, tuttavia temevamo che se ne fossero già andate via dopo essersi rese conto della nostra fuga. Dopo circa dieci minuti di osservazione, la casa sembrava disabitata, quindi prendemmo la decisione di muoverci. Prudentemente ci avvicinammo, ma nulla: a quel punto era evidente che Clelia e Zelda non avevano ancora fatto ritorno a casa dove all’interno tutto era rimasto come lo avevamo lasciato al mattino.
Ci nascondemmo all’interno della casa e rimanemmo in trepidante attesa, il tempo scorreva e la tensione aumentava vertiginosamente finché non udimmo il motore di una macchina. Guardai da uno spigolo di una finestra:
“Ci siamo Cornelia!”
“Si, sono loro…non vedo nessun altro”
“Ok. mettiamoci il passamontagna, tu stai dietro la porta, io mi metto con il fucile dietro il divano.”
Tutto avvenne in un lampo: la luce si accese, e mentre Clelia chiudeva la porta, Cornelia le assestò un colpo in testa con il calcio del fucile, mentre io sparai l’anestetico a Zelda che non ebbe neanche il tempo di capire cosa stessa succedendo, perché un attimo dopo subì la stessa sorte di Clelia. Le avevamo in pugno!
“Cornelia sei sicura di voler procedere? Non faremo meglio a chiamare la centrale per farle portare dentro?”
“Come l’ultima volta Gina? Ne abbiamo già parlato, nessuno sentirà la loro mancanza…!”
Le portammo nel seminterrato, le togliemmo ogni indumento e le incatenammo: Clelia sdraiata sul tavolo e Zelda seduta ai piedi della trave. Ad ognuna ponemmo una benda, le lasciammo al buio, andammo a mangiare qualcosa e a riposarci: il mattino ci saremo godute la nostra vendetta.
Quando mi svegliai al mattino Cornelia era già scesa giù e si stava occupando di Zelda sistemata in piedi contro la trave e con le braccia tirate da una catena verso il soffitto.
“Allora troia, vediamo da dove iniziare…”
Cornelia aveva un taser elettrico in mano e aveva cominciato a passarlo da un seno all’altro, mentre Zelda urlava di dolore contorcendosi e sollevandosi leggermente da terra con la forza delle braccia che erano incatenate al soffitto.
“Questo è solo l’inizio puttana!”
Cornelia, presa dall’euforia della vendetta, continuava a tormentare Zelda puntandole il taser prima su una coscia e poi sull’altra fino ad arrivare a lambire le parti interne prossime alle grandi labbra.
“Ma che bella fichetta!”
Zelda piangeva disperata, mentre Cornelia continuava a lavorare gli inguini della prigioniera. Poi ad un tratto puntò dritto tra le gambe e Zelda perse i sensi.
Intanto, Clelia bendata, imbavagliata e incatenata supina sopra il tavolo poteva solo sentire ciò che Zelda stava subendo.
Ad un cenno di Cornelia, ci avvicinammo a Clelia.
“Mi è venuta una idea: succhiamole i capezzoli!”
Non sapevo che cosa avesse in mente Cornelia, fino a che, dopo diversi minuti passati a ciucciare quelli che erano diventati due chiodi rossi e turgidi, disse:
“Mi pare di avere visto delle ortiche vicino alla strada”
Clelia, sentito ciò, iniziò ad agitarsi in modo violento. Le assestai quattro schiaffoni riportandola alla normalità. Nel mentre che Cornelia si allontanò a recuperare la terribile erba, io cominciai a tastarle la passera con le dita, introducendo prima un dito bene in profondità e poi affondando quattro dita, tutte insieme: era bagnatissima, il lavoro congiunto sui seni l’aveva fatta sciogliere. Leccare quella fica mi faceva eccitare come non avrei mai immaginato, in quella situazione sentivo che Clelia godeva e vibrava di paura…
“Adesso troietta, vediamo quanto si ingrosseranno ancora i tuoi capezzoli”
Cornelia mise qualche foglia di ortica su entrambi i seni, quindi passò sopra del nastro isolante tenendo fermamente a contatto la delicata pelle di Clelia con i vegetali urticanti. Clelia, imbavagliata e bloccata a croce sul tavolo, era fuori di sé, non poteva parlare ma sembrava ringhiasse. Nel frattempo, Cornelia si era dedicata a succhiarle e morderle il clitoride mentre Clelia si dimenava tra dolore e piacere. Io rimanevo a guardare un po’ sorpresa dall’evoluzione delle cose: non conoscevo questo lato sadico di Cornelia, ma in fondo in fondo mi eccitava.
“Dai Gina…lasciati andare, punisci quella troia di Zelda! Svegliala e riempila di frustate poi…toglile il bavaglio perché voglio sentirle perdere la voce a furia di gridare!”
Presa dalla situazione, e forse per non deludere Cornelia, iniziai a schiaffeggiare Zelda sempre più fortemente, finché la svegliai.
“Buongiorno puttana! Ha perso i sensi la troietta?!!!”
Senza pensarci troppo, le abbassai il bavaglio e le sputai in faccia ripetutamente. Zelda non si era ancora ripresa, intontita dallo shock elettrico e poi dai miei schiaffi.
Cornelia, che aveva interrotto l’interminabile succhiotto al clitoride di Clelia, mi osservava estasiata e incredula. Quindi si avvicinò a me e mi diede un bacio appassionato. Mi lasciai andare completamente una seconda volta in pochi minuti e le ficcai la lingua in bocca; andammo avanti per un po’, la saliva colava a fiumi e la mia maglietta ne era abbondantemente intrisa, quindi ci staccammo e di fronte alle due prigioniere improvvisammo un 69 sdraiandoci per terra. Tra noi due Cornelia era la più esperta: leccava e succhiava da impazzire. Sapeva quando arrivava il momento di farmi schizzare: dopo avermi succhiato per bene il clitoride, mi lavorò la passera con due dita affondandole dentro sempre con maggiore velocità, quindi muovendole operando cerchi concentrici mi portò all’estasi e mi svuotò completamente. E io feci altrettanto, presa dalla goduria, le sfondai la passera con tutta la mano ficcata fino al polso.

Ci riprendemmo un attimo, sarei voluta salire su per bere qualcosa e rilassarmi ma Cornelia prese due fruste, porgendomene una; le due troie avevano pensato di fare uso di flogger con otto-nove code in cuoio, e adesso ne avrebbero sperimentato gli effetti.
Mentre Clelia mugolava sempre più in balia dell’effetto delle ortiche, iniziammo a colpire Zelda in modo alternato: dopo pochi minuti la sua pelle aveva assunto una colorazione rossastra. Braccia, petto, addome, pube, cosce, non tralasciammo un centimetro di pelle frustando sempre più forte.
“Basta! Sono un po’ stanca! Gina andiamo a bere qualcosa e poi riprendiamo a lavorarci queste puttane!”
“Cornelia, non sarà il caso di smettere? Forse abbiamo raggiunto già il nostro obiettivo…”
“Scherzi? Io ho appena iniziato e ho già qualche favolosa idea…”
Niente da fare, Cornelia non sembrava più ragionare. Salimmo a farci una birra e a prendere un po’ di aria.
“Cosa c’è Gina? ti vedo pensierosa…”
“Non me la sento di andare avanti…e poi gli abbiamo già dato una bella lezione…in realtà ho paura che la situazione precipiti e che ci possano essere ritorsioni future! Hai visto anche tu come sono state liberate.”
“Non preoccuparti tesoro, quelle troie non avranno un futuro!”
“Cazzo Cornelia! …sono un poliziotto non posso andare in giro a uccidere delinquenti e per quanto possano meritarselo non avrei il coraggio di farlo!”
“Non preoccuparti, ci penso io…tu puoi anche andare via domattina ed io farò il resto.”
Tempo perso…abbandonai la discussione e andai fuori nella veranda. Mi accesi una sigaretta e cercai di calmarmi. Nel frattempo Cornelia si adagiò sul divano e quando feci rientro all’interno era già addormentata: eravamo sfinite dopo quelle terribili giornate di prigionia. Prima di mettermi a dormire mi recai nello scantinato levai le ortiche dal corpo di Clelia e passai una crema antiinfiammatoria sopra la parte arrossata. Altrettanto feci con Zelda. Levai i bavagli ad entrambe e le liberai per la notte lasciandole comunque incatenate e senza possibilità di movimento ma consentendogli di poter riposare. Zelda non proferì parola, mentre Clelia mi chiese il perché le stessimo torturando. Non risposi nulla e andai a dormire.
Il mattino seguente fui svegliata dalle urla provenienti nel seminterrato: Cornelia era già all’opera! Quando arrivai in basso vidi Zelda incatenata alla trave, come la sera prima ma di spalle; mentre Clelia era incatenata sopra il tavolo posizionata a croce con la faccia rivolta verso il basso.
Entrambe erano piene di bruciature da taser che Cornelia aveva usato per tenerle e bada e disporle a suo piacimento.
Clelia, continuava ad urlare: aveva ai capezzoli due pinzette dentate in metallo, ognuna delle quali era collegata ad una catenella con agganciato un peso che le tirava verso il basso. I seni erano in tensione e i dentelli delle clip le stavano lacerando la carne. Nel frattempo, Cornelia si stava letteralmente accanendo su Zelda frustandole ferocemente il sedere.
Santo cielo! Cornelia sembrava avere perso il controllo! Dovevo intervenire…
“Cornelia, fermati un attimo, ti devo parlare…”
“Ok, andiamo su.”
“Cornelia, che ti succede? Mi stai facendo paura…non ti avevo mai vista così violenta…mi stai nascondendo qualcosa?”
Cornelia, abbassò lo sguardo, sembrava rattristata, quindi si decise a confidarmi quanto si teneva dentro.
“Cinque anni fa avevo una socia, Donatella, con cui condividevo il lavoro in agenzia. Non avevamo solo un rapporto di lavoro, era una gran fica, molto carina, un viso angelico, più bassa di me, bionda con i capelli ricci e molto formosa. Stavamo insieme da un anno, tu non eri stata ancora trasferita qui in città, quindi non hai fatto in tempo a conoscerla, perché purtroppo poi accadde il fattaccio: una sera andammo in una gioielleria del centro, volevo farle una sorpresa e regalarle un paio di orecchini che le sarebbero piaciuti un sacco. Ci ritrovammo casualmente nel bel mezzo di una rapina: i rapinatori erano in quattro. Agirono molto rapidamente portarono via gran parte dei gioielli e presero Donatella come ostaggio per la fuga. Nonostante avessero un passamontagna a coprire il volto, memorizzai ogni particolare di ciascuno di essi e un po’ di tempo dopo arrivai alla conclusione che Clelia e Zelda erano due dei quattro criminali. Cercammo Donatella per cinque giorni, finché non la trovammo priva di vita all’interno di un’auto abbandonata in una strada di campagna, ad una trentina di chilometri dal centro. Era conciata male! L’autopsia rivelò che la data del decesso risaliva a due giorni dalla data del ritrovamento: l’avevano torturata per tre giorni. I particolari erano raccapriccianti…quel triste ricordo ancora mi fa male! Avevano infierito su di lei con una violenza e con un sadismo devastante: era stata appesa per le braccia e usata come sacco, l’avevano massacrata di botte e l’avevano violentata, penetrandola pure con una mazza da baseball.”
Cornelia aveva le lacrime agli occhi. La bloccai tappandole la bocca con una mano e l’abbracciai.
“Basta, basta! Non dire più niente…ma perché non ti sei confidata prima?”
“Mi dispiace Gina, scusami ma non ce la facevo!”.
Mentre eravamo abbracciate e cercavo di consolarla sentimmo un rumore provenire dalla strada, stavano arrivando due fuoristrada.
“MERDA!!!e quelli chi cazzo sono? Svelta Cornelia dobbiamo prepararci”
“Cazzo Gina, non c’è tempo, prendiamo le armi e usciamo dal retro”
Continua….

Questo racconto di è stato letto 1 7 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.