Conflitto Morboso - Capitolo 4

Scritto da , il 2020-07-12, genere pulp

Ci avevano colte impreparate, 6 uomini erano scesi dai fuori strada: erano troppi! Uscimmo rapidamente dal retro e facemmo il giro della casa fino ad arrivare al fienile, dove avevamo nascosto l’auto. Cornelia si mise alla guida dell’auto. Erano le 10:30 del mattino e saremo passate in piena luce e in bella vista di fronte alla casa per percorrere il vialetto che conduceva all’uscita. Arrivate alla fine del vialetto sentimmo degli spari che raggiunsero l’auto ma fortunatamente avevamo già preso il largo.
“Porca puttana Cornelia! Ci è mancato poco…e adesso che facciamo?”
“Chiama la centrale Gina, diremo di avere localizzato la banda”.
Pochi minuti più tardi avere contattato la centrale, Cornelia si rese conto che uno dei due fuori strada era sulla nostra scia, ancora lontano ma in continuo avvicinamento. L’acceleratore era pigiato al massimo, ci sembrava di volare, rischiavamo di uscire fuori strada da un momento all’altro.
“Sono troppo vicini! Se colpiscono una ruota è finita! Dobbiamo affrontarli!”
“Si, lo penso anch’io!!!...lì, c’è un rudere: svolta per quella stradina bianca, andiamo dietro al riparo e gli spariamo addosso”.
La mossa non si rivelò utile: il fuoristrada che avevamo alle calcagna era sparito.
“Merda! Ci hanno fregate! E ora che facciamo? Ci siamo messe in trappola da sole, sicuramente ci stanno aspettando da qualche parte.”
“L’unica nostra speranza è che i rinforzi dalla centrale ci raggiungano nel più breve tempo possibile: gli invio le coordinate della nostra posizione”.
Una ventina di minuti dopo Cornelia fu raggiunta da una pallottola che la colpì ad una spalla.
“AH!! DANNAZIONE MI HANNO PRESA! Uh quanto brucia!”
“Dobbiamo andare, qui siamo diventate un bersaglio!”
Mi misi alla guida, mentre Cornelia, seduta di fianco, cercava di tamponare la ferita; il tempo di spostarci con l’auto che arrivò una pioggia di proiettili. Accelerai ma persi il controllo dell’auto avevano scoppiato una gomma, uscimmo fuori strada e perdemmo conoscenza.
Quando mi risvegliai mi ritrovai all’interno di una stanza completamente spoglia, con pareti bianche e con dei finestroni che, posti nella parte alta della parete frontale, erano oscurati da tendine veneziane azzurre. Di fianco a me c’era un armadietto in metallo e dalla parte opposta ci doveva essere Cornelia che dormiva, i letti erano quelli tipici di un ospedale: senza ombra di dubbio, ci trovavamo in una stanza di ospedale. Avevo una flebo attaccata al braccio, mi sentivo intontita e in continuo dormiveglia con la vista appannata non riuscivo a riconoscere chiunque entrasse in camera e si avvicinasse al letto. Mi risvegliai di colpo abbagliata dalla luce, quando qualcuno illuminò la stanza sollevando le tende e facendo entrare la luce del sole. Il letto affianco al mio era vuoto e nella stanza non c’era nessun altro. Non ricordavo nulla di quanto fosse accaduto dopo essere uscite fuori strada.
Man mano che trascorreva il tempo la vista si faceva meno velata e iniziavo a distinguere meglio le sagome di chi mi stava intorno.
“Come ti senti troia!”
Oh merda!!! Speravo fosse solo un brutto sogno ma purtroppo si trattava di Clelia. Vicino a lei c’era un tizio con un camice bianco. Mi sentivo debolissima e incapace di rispondere.
“Sei abbondantemente sedata! E la tua amichetta puttana è già in compagnia di Zelda che si sta prendendo cura di lei…e siccome siete molto legate abbiamo pensato di non farti perdere niente del suo trattamento.”
Mi misero davanti agli occhi un tablet, mostrava le immagini di un interno completamente fatto in pietra e legno; non si vedevano finestre e c’era una luce artificiale gialla. Le immagini erano terrificanti: Cornelia era appesa a testa in giù, completamente nuda e con le gambe divaricate e stirate in trazione da due catene collegate al soffitto, mentre le braccia erano tese verso il basso con i polsi ammanettati e incatenati ad un grosso anello di ferro fissato al pavimento. Zelda era seduta su un piccolo sgabello, con la testa di Cornelia all’altezza delle sue spalle. La stava pestando con un tirapugni, si limitava a dare dei colpi leggeri ma ripartiti su tutto il viso. Successivamente si sollevò dallo sgabello continuando a distribuire pugni in tutto il resto del corpo. Cornelia si lamentava urlando grida di dolore specialmente quando veniva colpita al costato.
Avevo le lacrime agli occhi! Mi sentivo in colpa, non avrei dovuto assecondare le scelte di Cornelia.
Al pomeriggio la portarono in camera: aveva il viso tumefatto e il corpo era ricoperto quasi interamente di lividi. Mi sentivo inerme, probabilmente drogata e incapace di reagire. Il giorno successivo Clelia e Zelda si divertirono a premere con le dita sui lividi di Cornelia che, immobilizzata nel letto, strillava dal dolore.
“Diventerete le nostre schiave e farete ogni merdata che ci verrà in testa soddisfacendo anche il più sudicio dei nostri capricci.”
Poi Zelda si rivolse a Cornelia:
“Per te troia abbiamo previsto un bel programmino dettagliato e ti trasformeremo proprio fisicamente. Ma sappi che il tuo destino dipenderà dalla tua amica sbirro e da come si comporterà”.
Quindi ci separarono definitivamente.
Due settimane dopo, quando ripresi le forze, mi riportarono da Cornelia:
“Adesso ti daremo un piccolo esempio di quello che potremo fare alla tua amica, quindi se non vuoi vederla soffrire ulteriormente lavorerai per noi. Sarai il nostro corriere e trasporterai la nostra merce viaggiando ininterrottamente con mezzi di trasporto e percorsi che via via ti indicheremo. Non ti converrà fare scherzi, la polizia locale è sul libro paga dell’organizzazione, abbiamo tutto sotto controllo, anche le telefonate verso l’Italia sono tracciate, per cui non fare scherzi”.
Cornelia si trovava in un angolo di una stanza, incatenata e bendata. Aveva il viso segnato dalla sofferenza ma i lividi erano quasi completamente spariti. Potevo vederla solo dietro ad una vetrata. Aveva una sbarra di ferro che, collegata ad entrambe le caviglie, le teneva le gambe divaricate. Rimasi sconvolta quando Zelda mi fece notare che la sua vagina era stata cucita come fosse una scarpa con dei lacci. Spietate bastarde! Ma non era finita qui: Clelia aveva un telecomando che faceva generare delle scosse elettriche attraverso un congegno presente all’interno della sua vagina: era stato cucito dentro. Cornelia si contorceva dal dolore finché Clelia non spegneva il telecomando.
“Vi prego basta! Vi scongiuro non fatele ancora del male, farò qualsiasi cosa!”
Zelda mi guardò sorridendo e guardando Clelia disse:
“Cosa dici Clelia? Io avrei voglia di farmi leccare la passera e tu?”.
“Io vorrei che mi leccasse i piedi. Mettiti in ginocchio cagna!”.
Mi misi in ginocchio e iniziai a leccare i piedi che Clelia mi aveva teso, accavallando le gambe, seduta comoda nella sua sedia. Di tanto in tanto quando non era soddisfatta del mio lavoro azionava il telecomando e mi sgridava.
“Succhia bene le dita cagna, una per una, voglio sentire il risucchio! Impegnati o altrimenti faccio saltare la tua troia e getto via il telecomando!”
Per gran parte del pomeriggio si divertirono ad umiliarmi: mi fecero leccare il buco del culo di entrambe, utilizzando un taser, mi facevano scattare da un sedere all’altro. Si masturbavano e mi squirtavano in faccia. Quella sera leccai qualsiasi cosa di quelle due bastarde.
Ci avevano in pugno! completamente sottomesse, ormai disponevano delle nostre vite.
Stavo arrivando a pensare che la morte sarebbe stata la migliore soluzione ad una vita di abusi e completa sottomissione, ma non potevo decidere anche per Cornelia. Quindi, fino a che non avessi preso una decisione avrei continuato a lavorare per le due aguzzine subendo e accettando ogni tipo di abuso.
Non mi ci volle molto per capire che dopo il conflitto a fuoco ci avevano trasferito in un paese del Sud-America. Difficilmente ci avrebbe trovato qualcuno, infatti, dopo qualche mese le indagini si erano arenate e forse avevano smesso di cercarci. Io ero ovviamente più in vista, dovendo muovermi all’aperto, tuttavia ero poco riconoscibile: nelle settimane a seguire mi avevano trasformata fisicamente, capelli cortissimi, carnagione sempre più scura, conseguenza delle continue lampade UV a cui venivo sottoposta, ma non bastava. Successivamente mi avevano fatto operare da un chirurgo estetico per modificare, attraverso un lifting, il taglio degli occhi rendendoli più a mandorla e dandomi caratteristiche un po’ orientali. Stessa cosa per quanto riguarda il naso, sul quale avevo sempre avuto una gobbetta, se non altro era stato ricostruito più piccolo. Tutto sommato, a me era toccata una sorte migliore di Cornelia, avevo libertà di movimento e potevo stare lontano da quelle folli sadiche. Purtroppo per Cornelia la situazione era drammatica: per puro divertimento le avevano fatto aumentare il seno di tre taglie, per portarla ad una sesta misura e renderla ridicola. Ogni settimana si inventavano qualche nuovo tatuaggio a tema sessuale per tappezzarle il corpo: amplessi, cazzi in erezione, fellatio di ogni tipo ecc… Dire che erano messi in zone del corpo meno visibili in una terra in cui si girava poco vestiti per il clima caldo era una mezza verità.
La vedevo sempre meno e non avevo possibilità di parlarle, viaggiavo dal lunedì al venerdì spesso anche di notte, mentre il sabato e la domenica ero vittima delle angherie di Zelda che mi sodomizzava regolarmente utilizzando strap-on di discrete dimensioni; a volte trascorrevo giornate intere a piangere per le infiammazioni anali croniche, e il tutto sotto lo sguardo divertito delle due puttane.
Dopo qualche mese Cornelia era stata trasferita; seppi tempo dopo che era stata portata in una fattoria bordello dove era diventata l’attrazione delle orge quotidiane.
Durante un viaggio mi venne una brillante idea per sgominare l’organizzazione di cui eravamo prigioniere: dovevo metterle contro una organizzazione più potente. La ragione per la quale si sarebbero scontrate le due organizzazioni poteva essere generata da una partita truccata; ma tutto doveva sembrare fraudolento. Così, durante i viaggi iniziai a sostituire piccole porzioni di droga con del bicarbonato di sodio, mettendo al sicuro la droga che rimuovevo. Intanto, legai con uno dei trafficanti dell’altra banda, Pedro, fino a diventarne l’amante. La voglia di sesso e la necessità di essere credibile fino in fondo mi portavano a comportarmi come una donna di facili costumi; facevo qualsiasi porcheria pur di soddisfare Pedro, perché dovevo essere sicura al 100% della riuscita del piano. Mi ci vollero dieci mesi per riuscire a mettere da parte un quantitativo di droga corrispondente ad una spedizione. La mia base per preparare tutto era la casa di una famiglia che aiutai in diverse occasioni e della quale diventai amica.
Appena tutto fu pronto confidai a Pedro, che ormai si fidava di me, di aver avuto il sentore che le partite che consegnavo erano contraffatte e che le due stronze facevano la cresta. Dopo accurati controlli di ogni panetto si accorsero che quanto dicevo corrispondeva a verità. Proposi loro che avrei potuto intercettare l’altro carico di droga mediante uno scambio di corriere; in tal modo avrei dimostrato che la loro droga andava ad altri trafficanti concorrenti. A quel punto lasciai trascorrere qualche giorno e finalmente consegnai loro tutta la droga che avevo conservato, facendo intendere che quella era a tutti gli effetti di loro proprietà. Non passarono neanche 24h che la banda fu sgominata, Clelia fu uccisa negli scontri a fuoco mentre Zelda riuscì a scappare. Andai così alla ricerca di Cornelia, mi recai presso la fattoria in cui avevo scoperto fosse prigioniera. La trovai che era circondata da cinque uomini che le stavano facendo qualsiasi cosa, sparai un colpo di pistola, fuggirono tutti e andai in suo soccorso. Era stata drogata e a stento mi riconosceva. La portai al sicuro e qualche giorno dopo la accompagnai in un centro di disintossicazione. Quindi mi misi alla ricerca di quella bastarda di Zelda. Sentivo di essere profondamente cambiata, e non solo nell’aspetto…Ero stata completamente inghiottita da quel mondo fatto di violenza e perversione; la cognizione di quale fosse la differenza tra il bene e il male non mi era più chiara e ormai la mia precedente vita da sbirro era come un lontano ricordo. Ma a pesare su tutto ciò c’era la mia dipendenza dalla cocaina, che rappresentava una sorta di normalità del mondo nel quale mi ero adattata: questo era il prezzo che pagavo per avere scelto di essere libera. In realtà, mi ritrovavo all’interno di un'altra organizzazione di cui ero diventata una sorta di capetto oltre che essere l’amante di Pedro. Dopo due settimane di intensa ricerca e soprattutto grazie ad una fitta rete di spie trovai Zelda: si era nascosta in un paese al confine tra Colombia e Venezuela. La stanammo e la catturammo riportandola alla base. A quel punto scatenai la mia ferocia, pensando soprattutto a come avevano ridotto Cornelia: l’avevo fatta legare come un salame e l’avevo fatta appendere ad una trave all’interno di un hangar abbandonato. Sollevata una trentina di centimetri da terra l’avevo fatta zavorrare alle caviglie con un peso di almeno venti chili in modo da stirarle bene braccia e gambe. Quindi un filo spinato le avvolgeva in modo molto stretto entrambi i seni. Quella sadica cagna gemeva dalla sofferenza causata dai chiodi che ficcati dentro le sue carni la reggevano nel vuoto.
Ordinai a due dei miei uomini di pestarla per bene come con un sacco da boxe, sul corpo e sulla faccia. Quando era una maschera di sangue li fermai:
“Allora, come stai cagna? Ti ricordi di quello che ci hai fatto? …e di Cornelia…?”
Zelda appariva distrutta dal dolore ma era come assente, non rispondeva. Il suo corpo era interamente colorato di rosso, tuttavia nel suo viso compariva ancora un ghigno di derisione. L’avevo annientata, ma non bastava, dovevo chiudere la partita, perché altrimenti non sarebbe finita li.
“Inculatela a secco! …richiama tutti i ragazzi. Poi, se dovesse essere ancora viva piazzategli una pallottola in testa”. Voltai le spalle e non ne seppi più nulla. Ogni tanto ripenso a quello che ho fatto ma, ancora una volta, come se fosse un sogno.
Poco tempo dopo Pedro ebbe un incarico più importante all’interno dell’organizzazione e si trasferì negli Stati Uniti lasciandomi in Colombia dove la mia vita procedeva in una unica direzione senza ritorno, tra droghe e orge: cambiavo uomo quasi ogni giorno e spesso mi risvegliavo in compagnia di uomini e donne che non ricordavo di avere conosciuto.
Cornelia non si è più ripresa, ma io continuo ad andare a trovarla ogni settimana nella casa di cura in cui si trova, sperando possa guarire. Io invece avrei bisogno di molto di più di una casa di cura ed sono ancora qui come un fantasma alla ricerca di una ragione per cui vivere.

Questo racconto di è stato letto 1 2 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.