Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 8

Scritto da , il 2020-07-03, genere dominazione

Ce la prendemmo comoda, e dopo avere consumato un pasto leggero e aver gustato un buon caffè ci avviammo verso il suo appartamento. Salita in macchina ripresi a spompinarlo: quanto mi piaceva! Non avevo più freni inibitori.
“Piano troia! Lo so che ti piace la sborra, ma te lo devi godere fino a tarda sera”
Continuai a servirlo anche in ascensore, Bruno abitava nell’attico di una palazzina di otto piani: si fermava ad ogni piano esigendo che continuassi a spompinarlo anche all’apertura delle porte. Fortunatamente non incontrammo nessuno e arrivati all’ottavo piano mi ordinò di rimanere in ginocchio e di muovermi a quattro zampe:
“Continua a riempirti la bocca nel pianerottolo, anzi voglio mettermi comodo nelle scale. Ingoialo bene troia, voglio sentirlo costantemente nella tua gola e …fai il massimo silenzio perché in questo piano c’è un secondo appartamento e non voglio sputtanarmi!”.
Dopo una decina di minuti, disse che era il momento di entrare in casa:
“Basta così puttana! Ci sai proprio fare con la bocca…ancora un po’ e ti riempivo lo stomaco. Ora togliti gli stracci che hai addosso: nel mio appartamento dovrai stare completamente nuda!”
Levai la t-shirt giallo fosforescente, i pantaloni corti da ginnastica e le scarpe da tennis, mentre Bruno rimase in tuta da ginnastica che però tenne abbassata con l’uccello in piena vista. Arrivati alla soglia di casa, infilò le chiavi nella toppa e aprì. Lui entrò per primo e io lo seguii: l’atrio di ingresso era ampio e luminoso, tutti gli interni erano in marmo e pietra mentre il pavimento era in parquet; si trattava di un appartamento grande, lussuoso e confortevole. Dopo poco tempo che aveva chiuso la porta cominciai a sentire dei rumori metallici provenire da quella che sembrava la cucina. Inizialmente, pensai potesse trattarsi di un cane, ma poi lo guardai un po’ intimorita pensando potesse essere Monica: Bruno sorrideva, mentre io ero già in preda al terrore quando dalla porta della cucina sbucò nell’andito una giovane ragazza che si muoveva a quattro zampe, completamente nuda, con un collare al collo e una catena ad esso collegata e che veniva trascinata per terra.
“Barbara, ti presento Natalia, che si può definire la domestica di casa e …mia schiava personale. E’ una ricercatrice all’Università e quando termina di lavorare passa il suo tempo qui nel mio appartamento servendomi in modo completo. Ovviamente, da come puoi vedere e sicuramente immaginare non svolge solo le faccende di casa ma soddisfa ogni mio vizio e capriccio: e quando dico OGNI intendo proprio tutto!”
“Ciao Natalia!”
“No, non devi salutarla! Se tu rappresenti il mio zerbino, lei si trova ancora più in basso! Natalia, saluta Barbara come ti ho insegnato”
“Buongiorno Signora Barbara, troia del padrone!”
Ecco la sorpresa! Ed effettivamente ero sorpresa e un po’ frastornata. Natalia aveva 25 anni, era alta circa 160cm, con capelli castani a caschetto e un viso angelico, occhi chiari naso leggermente a patata e labbra carnose. Leggermente formosetta, ma quel tanto che solitamente basta per attirare lo sguardo di tanti ragazzi vogliosi di sesso. Anche la voce era fine e sensuale. Ma ero sicura che tutta quella apparente delicatezza si sarebbe presto dissolta dopo un ordine di Bruno. Aveva anche diversi tatuaggi che ancora dovevo decifrare, considerato che si trattava perlopiù di scritte.
“Ora Natalia, ritirati nel tuo sgabuzzino ma prima fai vedere a Barbara il lavoro che stiamo facendo con il tuo culo!”
Natalia si voltò mostrando il suo sedere e allargandolo stirando le natiche verso l’esterno: il foro era enorme ed era riempito con un plug anale in vetro che metteva in evidenza la notevole apertura.
Quindi Natalia si ritirò in fondo al corridoio mentre Bruno mi raccontava come era nata la storia con Natalia.
“Ci siamo conosciuti casualmente due anni fa, stavo andando alla Facoltà di Biologia per prendere un mio amico docente universitario, che frequenta la palestra, con il quale dovevo uscire quella sera per un aperitivo. Io stavo salendo quando nella rampa delle scale incrociai Natalia che allora era ancora una studentessa. Le scivolò un libro di mano e cadde sui miei piedi; al momento provai un forte dolore alle dita, ma nulla di grave. Lei si scusò e mortificata mi diede il suo numero di telefono pregandola di informarla nel caso ci fossero stati problemi più gravi. Mantenni un’aria severa, cercando di zoppicare per farle pesare l’inconveniente e poter sfruttare la situazione a mio favore. Due giorni dopo, la chiamai chiedendo disponibilità, affinché si recasse nel mio appartamento e accennando ad una possibile lesione ad un tendine. Dopo quel primo approccio ci sentimmo ulteriormente nelle settimane successive, ormai la storia del piede era scemata e in lei cominciava a montare l’interesse nei miei confronti. Nel frattempo si laureò e proprio durante quella notte facemmo sesso fino al mattino: proprio quella notte compresi la natura sottomessa di Natalia che amava farsi prendere con la forza e godeva nell’essere comandata. Il suo grado di sottomissione aumentava col tempo e Natalia si innamorava sempre più di me: sapeva del mio rapporto con Monica, ma a lei andava bene così, le bastava avere una piccola parte nella mia vita”.
Ascoltai tutta la storia in ginocchio ai suoi piedi, intanto, anche Bruno si era denudato completamente, quindi sempre seduto su una sedia in cucina mi ordinò di continuare il mio lavoro di bocca:
“Adesso cerca di impegnarti a leccarmi per bene i coglioni, e ricorda che dopo ti farò competere con Natalia, e ti suggerisco di tirare fuori tutta la porcaggine che puoi, perché Natalia è quasi insuperabile! E ORA LECCA TROIA”
Cercai di essere più sensuale possibile leccando con la punta della lingua dal perineo fino alla base dell’asta scorrendo tutto lo scroto attraverso la cresta cutanea e poi succhiando con intensità ciascuna delle due palle. Nel frattempo Bruno mi raccontò ancora di Natalia e Monica.
“Uh che vacca che sei Barbara! Anche Monica è a conoscenza dell’esistenza di Natalia e spesso la usa a suo piacimento…è la schiava di entrambi. Oh…. mi fai impazzire! …la cappella, succhiami la cappella comincia a riassaporare la mia sborra…Natalia!!! Vieni subito qui!”
Non sapevo per quale motivo, forse per gelosia, ma nel sentire il nome di Natalia presi a succhiare il suo uccello con maggiore foga: in quel momento, dopo averlo tanto desiderato, lo volevo tutto per me e non avrei voluto dividerlo con nessun’altra.
Natalia arrivò in cucina e finalmente da vicino potevo contemplare tutta la sua bellezza che, nonostante la scarsa statura, era notevole; i tatuaggi erano a dir poco sconci: il primo presente qualche centimetro sopra lo spacco della passera riportava la scritta “proprietà di Bruno”, la seconda nella schiena poco sopra le natiche diceva “godo solo con il culo” mentre la terza ancora più imbarazzante, perché tatuata sul petto poco più in alto rispetto ai seni, riportava la scritta “nata per la sborra di Bruno”. Che coraggio! E quanto doveva adorarlo per farsi scrivere quelle parole crude e indecenti sulla pelle. Ad un cenno del padrone, Natalia si chinò andando a mettere la faccia nel sedere di Bruno che, seduto sulla sedia, era scivolato sulla schiena per sollevare le gambe e rendere disponibile il suo sedere. Contemporaneamente, Bruno mi prese per i capelli allontanandomi dal suo pene perché lasciassi spazio a Natalia, che come una pazza aveva iniziato a leccare l’ano di Bruno.
“Barbara, osserva quanto è porca Natalia! Lei potrebbe essere il tuo punto di arrivo in una scala di sottomissione. Uh… cazzo! che lingua lunga che ha…ohhh e come va in profondità…mi sta lucidando le pareti anali.”
Ero un po’ delusa e indispettita! Avrei voluto farmi sbattere da Bruno, scopare fino allo sfinimento e invece dovevo osservare quella zoccola in azione. Mi sentivo in competizione, ma ad un certo punto Bruno lasciò la presa sui miei capelli e finalmente mi chiese di montargli sopra.
“Alzati in piedi troia, voglio scoparti…siediti sopra al cazzo, faccia verso me”
Non persi un attimo e mi impalai sull’uccello di Bruno, mentre Natalia continua a slinguargli il culo.
“Natalia! Lecca il culo di Barbara, falle sentire quanto sei maiala!”
Qualche secondo dopo sentii la lingua calda di Natalia che mi penetrava l’ano. Cazzo che libidine! Bruno aveva ragione, sembrava un serpente; un lavoro da vera professionista: profondo e instancabile. La sensazione diventava sempre più forte e la combinazione dei due effetti, il cazzo che martellava e la lingua che solleticava era pazzesca. Ecco! questa era una delle sorprese.
“Natalia prendi un succhia-clitoride e attaccalo alla nostra troia”
Voleva farmi scoppiare, tutto era orientato a farmi raggiungere il massimo piacere attraverso sistemi del tutto nuovi per me.
Natalia prese un succhia-clitoride da un cassetto di una credenza ben rifornita di giocattoli sessuali di ogni genere e me lo applicò: il vuoto da esso generato aveva fatto esplodere il clitoride che era emerso schizzando fuori allo scoperto.
“E ora Natalia fai sentire a questa zoccola cosa accade quando succhi il buco del culo!”
Mi sentivo tirare all’unisono da ogni punto sollecitato da Bruno e Natalia provando una eccitazione sempre più crescente al punto che la stimolazione continua mi fece venire ripetutamente: squirtavo senza riuscire a controllarmi bagnando il ventre di Bruno e facendo sgocciolare tutti i miei umori dalle sue palle. Continuammo così per parecchio tempo, il mio ano era diventato sensibilissimo e cominciavo ad odiare Natalia, avrei voluto ricambiarla perché non si era staccata un attimo dal mio sedere facendomi provare la reale sensazione di sentirlo aperto.
“Stai pisciando sborra troia! Te lo avevo promesso che avresti goduto per bene oggi. Ora sollevati! Ho voglia di inculare la mia schiava”
Natalia si tolse a fatica l’enorme plug anale che ancora le tappava il buco, quindi montò di spalle sopra Bruno sedendosi su di lui e facendo sparire dentro tutta l’asta. Al posto del buchino aveva una voragine! Mi sentivo come una dilettante in confronto alle sue capacità. Dopo qualche saliscendi Bruno le ordinò di mettergli sul cazzo una guaina fallica che potesse aumentare il diametro del suo uccello. Lei prontamente prese e infilò una guaina e continuò a incularsi.
“Oh, sii…sto per sborrare! Prendilo in bocca Natalia!”
Quando sentii la parola sborra, fu più forte di me, spostai Natalia che cadde seduta sul pavimento e ingoiai l’uccello di Bruno masturbandolo con le labbra semichiuse fino a riempirmi la bocca del suo seme. Ingoiai tutto avidamente senza spartire nulla con Natalia. La situazione non andò giù a Bruno che presa per i capelli mi avvicinò a sé e mi disse:
“Decido io chi deve ingoiare la mia sborra! E adesso ti meriti una punizione! Siccome hai sottratto la sborra a Natalia, sarà lei che ti punirà.”
“Ma Signore, io volevo solo farti apprezzare la voglia che ho di te!”
“Tu non devi prendere iniziativa! Devo fare una commissione e devo assentarmi per un’oretta, quindi ti lascio nelle mani di Natalia: da questo momento farai e subirai accettando tutto quello che deciderà Natalia. E tu Natalia sei libera di godere, e se lo vorrai, hai facoltà di far godere la mia vacca! e …non esagerare!”
Bruno, rivestitosi, andò via.
Per la prima volta Natalia si alzò in piedi, era proprio bassa ma con un fisico notevole.
“Ora sei mia troia! Credevi di poter portare via il mio padrone? Con me non puoi competere, io ti distruggo, ti farò trascorrere un’ora di vero inferno. Mettiti in ginocchio con la faccia in terra e il culo in alto.”
Natalia prese un battipanni e iniziò a battermi con una violenza inaudita. Quindi posò un piede dinnanzi la mia faccia incollata al pavimento:
“Succhiami le dita dei piedi cagna, una per una, fammi vedere come fai i pompini al mio padrone”
Iniziai a ciucciare le dita partendo dal suo alluce, mentre Natalia riprendeva e battermi le natiche e il dolore diventava insopportabile.
Ad un tratto crollai in avanti sul pavimento, non reggevo più il suo ritmo forsennato, non capivo più nulla e il suo piede aveva sostituito le dita riempiendomi la bocca, avevo perso il controllo. Poi si bloccò:
“Il padrone riservava questo trattamento al mio culo OGNI GIORNO, e io lo ringraziavo! Meritavo di avere il culo costantemente viola. Passavo le giornate all’Università lavorando in piedi al computer per l’impossibilità di sedermi.”
Masochista di merda! Erano trascorsi solo dieci minuti…chissà che cos’altro mi attendeva!
Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 7 2 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.