Rivalità Madre-Figlia

Scritto da , il 2020-03-15, genere tradimenti

Le vacanze estive sono magiche. Se indovini la combinazione esatta di prezzo, distanza e posizione, riesci a lasciarti tutto lo stress alle spalle.
Ora che sono in spiaggia al Lido di Jesolo a sorseggiare la mia granita al limone su una sdraio guardando il mare blu che mi sorride placido e invitante, mi sembra che tutti i miei problemi e le mie frustrazioni siano rimaste a Torino, oppure che si siano dissolte del tutto con la distanza.
Giancarlo l’ho praticamente dimenticato, Claudia sembra essersi data una calmata, e anche Dino appare neutralizzato.
Mio marito appare tranquillo e moderatamente affezionato come al solito, e ha perfino ripreso a fare dignitosamente il suo dovere a letto.
Gloria, mia figlia, è sempre fredda e scostante, ma tutto sommato alla sua età può anche starci.
Il villaggio vacanze non è eccezionale, ma è pulito e ben organizzato, e il nostro bungalow ha tutte le comodità che ci servono.
Il tempo è bello, e io me la sto godendo. Posso sfoggiare di giorno il mio bel bikini tigrato e di sera la minigonna di pelle da acchiappo che ho comprato l’ultima settimana in città. E la tintarella migliora ogni giorno...

Osservando in prospettiva gli eventi recenti, mi rendo conto che alla fine le cose non sono andate poi così male.
La storia con Claudia, una compagna di classe di Gloria, mi ha fatto sentire orribilmente in colpa per il fatto di aver intrecciato una relazione con una minorenne, ma alla fine ha anche dato una svolta alla mia vita affettiva e risvegliato passioni sopite che mi hanno fatto tornare giovane... L’importante è non essere rimaste invischiate una con l’altra, e in effetti anche lei sembra esserne uscita... Più o meno.
Con Giancarlo è stata solo una trasgressione episodica: l’unica differenza con altri episodi simili è stata che invece di essere stata la solita botta e via, glie l’ho mollata una seconda volta.
Il problema è essere stata colta sul fatto da Gloria; ma anche io ho pizzicato lei con il suo Dino, quindi siamo pari... Più o meno anche in questo caso, visto che lei del mio rispetto se ne frega, mentre io tengo al suo.
Parlando di rispetto, quello che ho per me stessa è stato fortemente rinvigorito dall’episodio con Dino: aver dimostrato di essere ancora capace di prendermi il maschio che voglio, indipendentemente dall’età e dall’avvenenza, è stato davvero un bel colpo. Il fatto poi che il tipo in questione fosse il ragazzo di mia figlia, oltre ad essere deliziosamente trasgressivo, è stato proprio esaltante: dopo tutto quello che Gloria mi sta facendo passare, se l’è meritato.

Osservo mia figlia che si arrostisce al sole vicino a me, ancora intontita dopo aver fatto tardi la sera prima al bar con la musica techno dove l’abbiamo lasciata ballare per un po’ da sola... Conquistandoci così un paio d’ore di privacy nel bungalow, dove devo dire che per una volta Mario si è fatto abbastanza onore... Erano mesi che non avevo un orgasmo con lui; e almeno un anno che non riusciva a farsene due di seguito. Decisamente la vacanza fa bene anche a lui.
Gloria diventa più carina ogni giorno che passa, e questo diventa letterale quando siamo in vacanza e si abbronza con una rapidità impressionante. Saranno i geni terroni di suo padre.
Io devo combattere per settimane per dorarmi quanto basta, accidenti a lei!
Per non parlare delle sue tette: niente di esplosivo come quelle di Claudia, ma decisamente ben sviluppate e mature... Mentre le mie non sono mai sbocciate. Sigh!
Almeno le mie gambe sono sempre le più lunghe... Anche se lei ha tirato fuori di recente un culetto a mandolino che è un amore.
Carina, consapevole di esserlo, e quindi automaticamente anche un po’ stronza. Tipico.

Mio marito torna dopo essersi fatto il bagno: anche lui bello abbronzato e tutto sommato abbastanza in forma, anche se sta perdendo i capelli.
Vedo attraverso gli occhiali da sole che mi sta guardando. Bene.
Neanche lui può lamentarsi: sarò senza tette e senza culo, ma sono ancora in forma anch’io: non solo perché riesco a farmi i ragazzini, ma anche perché osservo gli sguardi dei maschi di ogni età che mi accarezzano la sera quando andiamo in giro. Anche l’altra sera, al bar dove abbiamo lasciato Gloria, ho notato con piacere che attiravo parecchi sguardi... Merito della nuova mini di pelle e dei sandali con i tacchi alti, che valorizzano le mie gambe. E anche del jogging al Valentino.
Ho trentotto anni: per me è importante avere la conferma di essere sempre in grado di attirare l’interesse degli uomini intorno a me... È anche importante vedere che alle altre donne piace ancora mio marito: esserne consapevole lo rende più interessante anche per me.
Vedere che mia figlia è interessante per gli altri maschietti invece mi fa un effetto più complesso: da un lato mi rassicura sul suo futuro, dall’altro mi preoccupa per il suo presente.
Ormai mi sono adattata all’idea che sia una sgualdrina esattamente come sua madre, e in fondo me lo aspettavo; però comincio a soffrire la sua concorrenza.
Lei è sempre stata un po’ gelosa di me, adesso io comincio ad esserlo di lei.
Che casino.

Per distrarmi allargo il mio orizzonte: il villaggio è soprattutto per famiglie, ma per famiglie giovani. Questo significa che è pieno di marmocchi schiamazzanti e di mammine apprensive, ma anche di giovani padri aitanti e in forma... Abbastanza da riempirmi gli occhi.
Hmmm... Niente male davvero. Sto proprio sviluppando i miei gusti da MILF: mi piacciono sempre di più i ventenni. Forse dovrei dire che non hanno mai smesso di piacermi da quando avevo l’età di Gloria, e adesso che mi sono scoperta ancora capace di attrarli mi piacciono ancora di più.
Strano, adesso che Mario ha ricominciato a fare il suo dovere dovrei essere meno irrequieta, ma non è così. Sono una donna calda, e devo farmene una ragione.
Più ne prendo, e più ne voglio, non c’è niente da fare... Magari se stessi a stecchetto per un anno o due, poi mi calmerei, chissà. Ma per saperlo dovrei ritirarmi in un monastero in Tibet e restarci.
È una falsa idea degli uomini, che per tenersi una donna bisogna soddisfarla spesso e bene.
Una donna vuole essere farcita, e ci prende gusto ogni volta di più... Sicuramente è una buona cosa che mio marito provveda adeguatamente; ma siccome una ciliegia tira l’altra...
Hmmm, guarda che bel ciliegione che si deve nascondere nei bermuda di questo qui! Peccato che sia con la fidanzatina da sballo... Quasi quasi lei mi piace quanto lui.
Sto diventando una ninfomane.

Mario è proprio in forma: adesso vuole andare a giocare a beach volley come quando aveva vent’anni... Lo sa che io sono pigra: è già molto che faccia jogging tutti i giorni, gli sport competitivi non mi piacciono...
Va bene, veniamo a guardarti mentre ti riempi di ridicolo con i ragazzi più giovani di te.
Gloria e io ci sediamo nella sabbia assieme alle altre ragazze e ci godiamo lo spettacolo di tutti quei bei muscoli abbronzati in azione.
Adoro l’essenza della pelle maschile sudata e del fiatone degli atleti in azione... Mario è il più vecchio di tutti, gli altri vanno dai venti ai trenta, e sono tutti splendidamente in forma.
Vedo che anche Gloria si sta godendo lo spettacolo. Cerco di seguire il suo sguardo per capire chi è il tipo che le piace di più... Direi che è il ragazzone castano con gli occhi azzurri che gioca accanto a Mario. Ottima scelta, tesoro: muscoloso ma non troppo, agile, abbronzato e con lo sguardo intelligente. Gioca anche molto bene... Ma non pensi che sia troppo grande per te?
Ehi, il Mario ci sta dando dentro alla grande: altro che ridicolo, lui e il ragazzone che piace a Gloria sono i pilastri della squadra!
Viene quasi il dubbio che mio marito stia cercando di fare colpo... Ma su di chi?
Mario fa un tuffo e finisce con la faccia nella sabbia, ma salva il punto; il ragazzone chiude in schiacciata, e i due si scambiano un cinque, poi mio marito si volta e mi abbraccia.
Cazzo, sta cercando di impressionare me! Direi che si merita una scopata extra...
Certo che me la farei più volentieri con il suo partner più giovane... Ma mi accontenterò.
L’altra squadra segna un punto davvero spettacolare, e una delle ragazze che fanno il tifo si toglie il reggiseno e lo lancia in aria per celebrare... Sfacciata.
Belle tette però... Quasi come quelle di Claudia.
Vedo che attirano lo sguardo del ragazzone che gioca con mio marito.
L’oca grida anche, decisa ad attirare l’attenzione e magari a distrarre gli avversari del suo ganzo.
Non funziona: Mario chiude un altro punto, ed è match ball.
Salto in aria e grido anch’io, assieme a Gloria e a un altro paio di ragazze... Non so cosa mi passi per la testa: mi sgancio il reggiseno e lo lancio in aria anch’io, come se fossi in competizione con l’oca di prima.
Gloria mi guarda a bocca aperta, ma io me ne frego e corro ad abbracciare mio marito: se l’è meritato...
Mentre mi strofino con il Mario, incontro lo sguardo del suo giovane compagno di squadra: ha degli occhi blu incredibili per uno così moro e abbronzato... Sta guardando me invece dell’oca che fa di tutto per attirare la sua attenzione, e io decido di premiarlo sfiorandolo col culo nella confusione. Lui mi sorride, e io gli faccio l’occhiolino mentre bacio mio marito.
Dio come mi piace piacere... Soprattutto ai ventenni!

Il giorno dopo il mare è mosso e tira vento: in spiaggia la sabbia ti va negli occhi e si appiccica alla pelle unta di crema solare. Il bello del villaggio è che ha la piscina, e io mi trasferisco con calma su un lettino non troppo lontano dal bar. La Giorgia viene con me perché anche lei detesta la sabbia negli occhi, così alla fine anche il Mario si adegua.
Sono lì che sorseggio la mia granita al limone, e individuo il ragazzone moro del giorno prima.
La sorpresa è scoprire che non ha la ragazza: è lì con due amici, probabilmente per cuccare senza impegno... Mica scemi.
Lo guato mentre ride e scherza con i suoi compari, saltando dentro e fuori dalla vasca, e poi esibendosi al trampolino. Hmmm... Che begli addominali!
Il Mario si riferisce a lui come Alessandro; pare che lui e i suoi amici siano di Asti, ma frequentino il Poli a Torino: universitari in vacanza.
La Gloria s’informa sulla loro età, ma il Mario non sa cosa rispondere: potrebbero essere ovunque fra i diciannove e i venticinque... Io scommetto per i ventiquattro. La Gloria per spirito di contraddizione dice venti spaccati.
Il Mario torna ad immergersi nella lettura dalla Gazzetta dello Sport, svicolandosi da quella che immagina essere un’altra potenziale lite fra madre e figlia, e in effetti Gloria sembra già carica anche se non capisco perché.
La sfido ad andare a chiederglielo: quella che si è avvicinata di più paga il gelato.
Lei sbuffa, convinta che io non creda che abbia il coraggio di farlo, così si alza e va dritta da lui.
Bene: così avrò l’informazione senza dovermi scomodare...
Osservo mia figlia mentre si accosta al trampolino e ferma Occhi Blu per chiedergli quanti anni abbia: decisamente la faccia tosta non le manca.
Però fa un errore: nel fargli la domanda mi indica con un dito, come a dire che l’idea è stata mia. Così lui guarda dalla mia parte e mi riconosce.
Io sollevo un attimo gli occhiali da sole e faccio un cenno di saluto, poi riabbasso il capo come se non fossi interessata dal seguito.
L’Alessandro torna ai suoi tuffi (immagino che di squinzie come la Gloria ne abbia a bizzeffe), e lei torna al suo lettino con aria trionfante: - Ventuno e mezzo! Ho vinto io...
Sospiro, facendo la faccia rassegnata e mi alzo per andare al bar. La Gloria deve ancora mangiarne di pancakes, prima di diventare maliziosa come la sua mamma!
Ora non solo conosco l’età di Ale, ma ho anche attirato la sua attenzione...
Ancheggio un po’ andando al bar, e poi ancora tornando indietro con i gelati in mano. Occhi Blu si sta giusto riarrampicando sul trampolino, e incrocio il suo sguardo di nuovo da sotto gli occhiali, così lui non si accorge che lo guardo: sì, mi sta guatando le gambe... Bravo ragazzo.
Mi piego più del dovuto per porgere il cornetto a Gloria, offrendo una buona inquadratura del mio lato B a chi si trova nei pressi del trampolino, poi mi stendo di nuovo con un sospiro e mi ripasso un po’ di lozione solare sulle cosce, come se ne avessi bisogno...
Questa volta è un po’ smaccata. La Gloria non è stupida e si accorge che sto civettando un po’, così rilancia in maniera esagerata, da brava adolescente troppo sicura di sé: si sfila il reggiseno e si passa l’olio fattore 50+ sulle tette nude.
Io non dico niente, fingendo di non accorgermi di nulla da sotto gli occhiali: vedo che Ale sta occhieggiando senza troppo pudore verso di noi, ma siccome siamo una accanto all’altra ci vede entrambe. Lascio che sia il Mario a rimbrottare sua figlia e a ordinarle di ricomporsi, così non tocca a me fare la parte della madre giurassica...
L’alterco fra la figlia sporcacciona e il papà terrone che ne deriva mi fa un po’ vergognare e me ne estraneo facendo finta di dormire.
Alla fine la Gloria si alza stizzita, rimette il reggi e se ne va brontolando che torna al bungalow.
Quando se n’è andata, il Mario mi rimbrotta di non averlo sostenuto; io mi risento, dicendogli che per quel che mi riguarda non vedo cosa ci sia di male a togliersi il sopra del costume e abbronzarsi un po’ anche le tette: non lo faccio solo per evitare stupide liti in pubblico.
Lui mi dice che sono più troia di mia figlia, e io gli do del terrone retrogrado. Poi lui torna sulla sua stupida Bibbia Rosa e io riabbasso gli occhiali.

Passa un’ora e la Gloria non è tornata.
Strano, è quasi ora di pranzo: la gente comincia a migrare verso i ristoranti o gli alloggi, e anche il gruppetto di Ale è scomparso. Di solito la Gloria è la prima a premere per uno spuntino...
Mi insospettisco.
Mi alzo in piedi e annuncio che vado a cercare nostra figlia, così poi possiamo andare a mangiare un boccone tutti e tre. Il Mario grugnisce la sua approvazione e continua a leggere del calciomercato.
Mi allaccio il foulard arancione intorno ai fianchi, metto la sacca con l’asciugamano e la crema solare in spalla e mi avvio languidamente in direzione del nostro bungalow.
Come immaginavo, la Gloria non c’è.
Comincio a curiosare in giro, fra i bungalow dove le famigliole pranzano rumorosamente, e mi spingo verso la zona più economica dei caravan dove si trovano i clienti più giovani.
Sto camminando un po’ perplessa lungo il vialetto, quando riconosco gli amici di Ale che bighellonano ridacchiando nei pressi di un combo roulotte-tenda.
Mi insospettisco e gli passo di lato per curiosare dentro attraverso la finestrella laterale, e mentre mi avvicino di soppiatto avverto i primi inequivocabili gemiti.
Altri due passi, e riconosco la voce di mia figlia: - Hmmm... Sì, spingi! Aahhh...
Getto lo sguardo dentro e li vedo in azione: lei a terra di schiena sul materassino, con gli occhi chiusi e le gambe spalancate, e lui sopra che ci dà dentro gagliardamente strappandole gridolini strozzati ad ogni affondo.
Per terra, accanto al materassino, c’è un pacchetto di preservativi aperto.
Almeno ci stanno attenti, sospiro sollevata.
Non è la prima volta che sorprendo mia figlia che si fa sbattere da un maschio più grande di lei: ormai lo so che è una sgualdrina e la cosa non mi fa più effetto. Mi scoccia solo che sia arrivata prima a prendersi lo stesso cazzo che ormai voglio anch’io.
...
Mi allontano prima di essere scoperta, poi aspetto che Ale e Gloria abbiano consumato il loro rapporto, e come per caso intercetto mia figlia mentre torna al bungalow, per trascinarla a pranzo.
Lei cerca di defilarsi, ma io non sento ragioni: lo so che vorrebbe andare a sciacquarsi la fica scopata di fresco, ma la sua punizione sarà proprio doversene stare seduta per un po’ al ristorante mentre le prude disperatamente senza poterci fare niente...
Sono una madre sadica, lo so.

Questo racconto di è stato letto 7 5 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.