Chi è la più Zoccola?

Scritto da , il 2020-03-16, genere trio

Ormai è guerra.
Gloria e io ci contendiamo lo stesso ragazzo, e non cerchiamo neanche più di nascondercelo. L’unico che non si rende conto di quel che succede, come al solito, è il cornuto; mentre chi beneficia a costo zero della situazione è Ale.
Quando torniamo in spiaggia a metà mattina andiamo a sistemarci di comune accordo vicino all’ombrellone dove si sono piazzati Ale e i suoi amici senza che il Mario - che vorrebbe un posto più tranquillo - abbia alcuna voce in capitolo.
Poi, una volta sistemate, ci sfiliamo tutte e due il reggiseno e anche in questo caso le sue rimostranze vengono messe da parte senza neppure essere prese in considerazione.
Mentre lui mugugna indignato come una pentola di fagioli, noi ci ungiamo di olio protettivo bello lucido e ci mettiamo in bella mostra.
Mezza spiaggia si è accorta che siamo entrambe in topless (mica è proibito, no?), e catturiamo un bel po’ di attenzione... Compresa quella di Ale e dei suoi compari, che è quello che a entrambe premeva.
Da quel momento in avanti, ognuna di noi fa il suo gioco, in base al proprio stile.

Vedo che Ale mi sta guardando, e avverto il suo sguardo sulla pelle come fosse una carezza... Fremo, e mi sento immediatamente indurire i capezzoli.
Hmmm...
Devo battere il ferro finché è caldo; mi alzo e ancheggio verso la battigia lasciandomi guardare: normalmente rimetterei il reggiseno per fare il bagno, ma questa volta no.
Passo davanti al mio maschione gettandogli un’occhiata infuocata e mi godo le occhiate spermatiche che scivolano sul mio corpo coperto di olio solare; poi proseguo verso la riva offrendo ai tre marpioni lo spettacolo del mio lato B mentre metto i piedi a mollo e mi rinfresco.
Faccio finta di ignorare il mondo mentre mi espongo disinvoltamente agli sguardi di disapprovazione, di invidia e/o di desiderio di chi ho intorno, poi mi immergo fino al collo nell’acqua fresca e comincio a nuotare lentamente a rana, rilassandomi e guadagnando tempo...
Ale ormai dovrebbe essere in acqua anche lui.
Aspetto che mi si avvicini abbastanza prima di voltarmi per fingermi sorpresa... Chissà, magari sott’acqua ci scappa anche qualche giochino sconcio.
Ancora non si vede.
Mi volto e vedo i suoi amici ormai poco lontani da me, che mi occhieggiano con i loro sguardi spermatici e facendo finta di niente, ma di Ale non c’è traccia.
Magari sta nuotando sott’acqua per sorprendermi?
Forse adesso mi afferra le caviglie...
No.
Cazzo, mi ha ignorata?
Al diavolo! Mi tiro su incazzata ed esco velocemente dall’acqua. Ora i capezzoli ora mi tirano in modo quasi doloroso, ma non certo per l’eccitazione... Dov’è l’asciugamano? Ho freddo!
Ale non è sul suo lettino; i suoi compari sono ancora in acqua, un po’ delusi della mia frettolosa uscita di scena, ma lui è scomparso.
E non è il solo. Il Mario si sta rosolando con gli occhi chiusi, ma Gloria non è più sulla sdraio: mi sa che ho sbagliato i conti.
Mi strofino velocemente con l’asciugamano, rimetto il reggiseno, avvolgo lo scialle intorno alla vita, inforco gli occhiali da sole e mi metto stupidamente in caccia.
Stupidamente, perché se anche li trovassi, cosa potrei fare, darmi le arie da madre indignata?
Tanto lo so che non li troverò, ma ho bisogno di sfogarmi facendo due passi.
Vado dritta al bungalow, che naturalmente è vuoto, poi proseguo per il combo dei ragazzi, ma non sono nemmeno lì.
Scornata, mi fermo il bar a prendere un ghiacciolo, un po’ per darmi un tono tornando in spiaggia e un po’ perché ho sete. Poi mi avvio di nuovo in direzione della spiaggia, succhiando il ghiacciolo al mango come fosse un cazzo.
Imbocco il sentiero che scavalca le dune coperte di cespugli che proteggono la spiaggia, quando avverto dei sospiri.
Getto un’occhiata nei cespugli, e li vedo.
Ale è in piedi a gambe larghe e occhi chiusi, con le mani appoggiate in testa a mia figlia che gli tira un pompino in ginocchio davanti a lui.
La sgualdrina non si è nemmeno rimessa il reggiseno.
La osservo mentre si smascella a sbocchinare quell’arnese di dimensioni decisamente superiori al normale (io me ne intendo!): con una mano gli accarezza la gamba muscolosa, poi le palle; con l’altra lo sega lentamente, e intanto succhia la larga cappella violacea che le sta a stento dentro la bocca...
Lo spettacolo mi eccita da morire.
Dovrei essere oltraggiata: mia figlia che fa un pompino praticamente in pubblico a un tipo che ha quasi dieci anni più di lei... Che fra l’altro è anche lo stesso che mi ha scopata la sera prima.
Invece sono sì arrabbiata, ma perché in ginocchio davanti ad Ale dovrei esserci io; ma soprattutto, sono ingrifata da pazzi.
Smetto di succhiare il ghiacciolo e me lo passo sui capezzoli, rabbrividendo. Poi, quasi senza rendermene conto, mi infilo la destra nello slippino del costume e comincio a toccarmi.
Mi sfugge un sospiro, e Ale riapre gli occhi, vedendomi davanti a lui, a pochi metri e con una mano nelle mutandine.
Dopo un istante di stupore mi sorride e ammicca, come a complimentarsi per le capacità di ciucciacazzi di mia figlia.
Stronzo.
Se non fossi così infoiata gli tirerei il ghiacciolo in testa.
Invece mi sfilo il reggiseno e torno a adoperarlo per accarezzarmi le punte durissime... Fremo di piacere, e ricomincio a masturbarmi senza ritegno mentre assisto alla spudorata fellatio della mia bambina.
Per fortuna il sentierino è deserto: la gente preferisce il vialetto d’accesso piastrellato, specialmente a quell’ora quando il sole picchia così forte...
Guardo la Gloria che passa voluttuosamente la lingua lungo la verga di Ale, dallo scroto fin su alla base del glande, per poi serrare nuovamente le labbra intorno alla cappella e succhiare saporitamente...
Dio, che voglia che ho!
Mi tiro di lato il costumino scoprendomi la passera umida e aperta, e mi tocco con il ghiacciolo.
Sussulto al contatto gelido del ghiaccio sulla mia intimità bollente, ma è un tormento delizioso...
Non so come mi viene in mente: spingo il ghiacciolo dentro di me, e quasi grido per la violenza della sensazione che provo sentendomi penetrare da quell’oggetto così duro, freddo e vischioso.
Una sensazione nuova, diversa, crudele e deliziosa allo stesso tempo: non avrei mai pensato di scoparmi con un ghiacciolo al mango...
Ale mi guarda con occhi sgranati, e chiaramente apprezza lo spettacolino sconcio che gli sto offrendo, perché smette di subire l’iniziativa orale di mia figlia e comincia a scoparla in gola come si fa con le zoccole: tenendola per le orecchie e per i capelli, e infischiandosene che lei respiri o no.
Poi lui getta la testa all’indietro ed emette un rantolo; vedo la gola di mia figlia contrarsi ripetutamente mentre il porco ansima: - Aahh... Sì, bevi! Bevila tutta...
Hai capito la sgualdrina: non la sputa, la ingoia! Che fogna... Guarda come la butta giù!
L’idea di una figlia zoccola invece di farmi incazzare, mi eccita ancora di più.
Accelero il movimento con il ghiacciolo, decisa a venirmene anch’io.
Quando Gloria ha finito di inghiottire l’abbondante venuta del suo ganzo, questi le sottrae il cazzone ancora durissimo e la guarda negli occhi: - Bravissima... Adesso però torna in spiaggia, svelta. Io ti seguo fra poco: se tornassimo insieme i tuoi potrebbero insospettirsi.
Hmmm... Mica scemo, l’astigiano.
Mia figlia si forbisce la bocca, raccatta il suo asciugamano e si avvia sculettando su per la duna, sparendo rapidamente alla vista fra i cespugli.
Io continuo a masturbarmi mentre Ale mi guarda arrapato, e non posso fare a meno di notare come il suo magnifico uccello rimane bello duro mentre mi fissa...
Smetto di scovolarmi la passera e mi porto il ghiacciolo alla bocca per una saporita succhiata che sa di mango e di fica. Buono...
Però il cazzone di Ale mi sembra anche più invitante.
Getto il poco che resta del ghiacciolo e mi avvicino al maschio che mi guarda a cazzo duro. Lui mi agguanta per i fianchi, io gli getto le braccia al collo e ci baciamo in bocca roteando la lingua.
Adoro premere i seni nudi su un petto muscoloso: strofinare i capezzoli duri sulla pelle ruvida e abbronzata del maschio mi fa bagnare, specialmente mentre lui mi palpa il culo.
Sento la sua erezione prepotente premermi contro lo stomaco, e non capisco più niente; sempre facendo lingua in bocca abbasso una mano e mi impadronisco della verga durissima che cerca di sverginarmi l’ombelico; è ancora piacevolmente intrisa della saliva di mia figlia, e la sola idea mi fa impazzire.
Mi tiro lo slippino di lato e porto la cappella già ben lubrificata da Gloria fra le mie grandi labbra fradice di voglia, poi sollevo una gamba e mi aggancio al mio uomo mentre lui mi tiene saldamente fra le sue forti braccia; sento il cazzo che mi scivola facilmente dentro, penetrandomi praticamente da solo.
- Hmmm... – ansimo a bocca piena, sentendomi farcire la vagina da tutta quella carne tostissima.
Le forti dita del ragazzo mi serrano le chiappe, e lui comincia a fottermi all’inpiedi, con me sempre aggrappata alle sue spalle larghe e fermissime...
Mi faccio sbattere così, in mezzo ai cespugli, proprio come un’adolescente in fregola. Speriamo che non venga in mente a nessuno di passare da lì proprio in quel momento...
Lui è saldamente piantato sulle gambe, e io sono leggerina: mi tiene con sicurezza, e nel contempo spinge con forza dentro di me scopandomi con ritmo e decisione senza smettere di baciarmi in bocca: una sveltina in piena regola, di quelle brucianti.
Il posto particolare, il momento, la situazione intrigante e soprattutto l’idea di portare via il ragazzo a mia figlia... Per non parlare della consistenza e delle dimensioni del cazzo che sto prendendo in pancia: mi sento sbalzata al settimo cielo nel giro di pochi minuti.
Getto la testa all’indietro ed emetto un grido strozzato, godendo quasi all’improvviso mentre lui continua a trapanarmi con forza, del tutto indifferente al mio orgasmo.
Mi affloscio come un palloncino bucato, e probabilmente divento meno agevole da scopare in quel modo, ora che le mie gambe non mi sorreggono più, così lui che ha le palle vuote e il cazzo ancora durissimo mi mette a terra a quattro zampe, con la faccia verso il mare e i gomiti nella sabbia sul ciglio della duna.
Mi sento agguantare per i fianchi come una pecorella, poi il tronco nodoso di Ale mi trafigge di nuovo, questa volta da tergo, impalandomi completamente nella vagina ancora guazza e sussultante per il piacere.
- Aahh! – rantolo, sentendomi riempire di colpo per la seconda volta, e finisco quasi con la faccia nella sabbia fra gli arbusti.
Poi, mentre Ale ricomincia a scoparmi con forza alla pecorina, risollevo la testa e osservo la spiaggia da sopra il limite della duna: siamo nascosti fra i cespugli, ma posso vedere benissimo i nostri lettini, con Gloria che si sta stendendo accanto al Mario, sempre addormentato.
Che strano, guardare mio marito mentre il mio ragazzo mi scopa da dietro: non provo nessuno senso di colpa, solo eccitazione... Eccitazione e piacere fisico animalesco, caldo, profondo.
Il giovanotto che mi sta montando ha le palle vuote ma è pieno di energia: la nostra pecorina sembra interminabile, e a me sembra davvero di essere in paradiso.
Ale allunga le mani ed afferrarmi le tette che mi ballano sotto al ritmo dei suoi colpi, e me le sento spremere piacevolmente mentre il suo ariete di carne mi scava nel ventre cercando di farsi largo fin dentro l’utero e facendomi sbrodolare tutta...
- Aahh... Aahhh...
Alla fine mi viene dentro, annaspando senza più fiato: avverto il cazzone che mi pulsa dentro, schizzandomi l’interno della vagina con lo sperma appena prodotto dai suoi testicoli stremati: è la seconda volta che mi insemina in meno di ventiquattr’ore... Meno male che sono protetta.
Mi cade addosso, schiacciandomi nella sabbia calda.
Poi, ripreso il fiato, ci rotoliamo di fianco e ci baciamo di nuovo in bocca, languidamente...
- Adesso torna dai tuoi amici – gli sussurro – Non voglio che mio marito e mia figlia ci vedano tornare in spiaggia insieme. Magari ci vediamo più tardi?
- Hmmm... – fa lui, baciandomi di nuovo mentre mi tormenta un capezzolo sovreccitato – Questa sera ho appuntamento con Gloria. Ti secca?
Lo guardo storto: mi ha scopata, ma ha già un impegno con un’altra? Ma non posso ammettere di essere gelosa di mia figlia.
- Fai come ti pare. Non sono mica tua moglie: io voglio solo divertirmi... Adesso vai, svelto!
Praticamente lo caccio via.
Lo guardo passare con indifferenza davanti alla mia famiglia, e intanto mi sistemo il costume e rimetto il reggiseno: Gloria sembra un po’ perplessa nel vederlo arrivare solo adesso, ma probabilmente pensa che sia passato per il bagno.
Recupero lo stecco del ghiacciolo e vado a gettarlo nel cestino, poi mi fermo alle docce per far sparire tutta la sabbia e le tracce di sborra che ho sullo slippino e fra le gambe.
Quando raggiungo i lettini, mia figlia mi ignora facendo finta di prendere il sole e mio marito sta ancora dormendo: è tutto rosso, e stanotte romperà sicuramente i coglioni per la scottatura; meglio, così non sentirà il bruciore delle corna.

Come prevedibile, in serata il Mario comincia a piagnucolare per l’insolazione.
Prima lo rimbrotto per non aver usato la protezione solare, poi lo ungo con la lozione doposole in modo che somiglia a un porcellino prima di andare in forno (mancano il limone e il sedano), e infine gli misuro la febbre.
Ha una bella febbre: il tempo di asciugare la lozione e poi a letto... La cena? Un po’ di dieta gli farà solo bene, comunque gli porteremo qualcosa da sgranocchiare.
Gloria si lava le mani del problema, così io da mogliettina premurosa mi affretto ad andare a prendere qualcosa al supermarket e preparo la cena nel cucinino per tutti, così il maritino non si può lamentare quando gli annunciamo che usciamo per un po’ a goderci la serata mentre lui si riguarda.
Libera da responsabilità, la Gloria mi batte sul tempo e se ne va quasi senza salutare.
Maledizione.
Infilo velocemente un vestitino corto che mi metta in mostra le gambe, salgo sui sandali con i tacchi, saluto il maritino rincoglionito al letto per la febbre, e mi affretto sulle tracce di mia figlia mentre l’intero villaggio si riversa in strada per la serata.
Mi ha fregata.
Quando arrivo al bar, Gloria è già seduta sul trespolo accanto ad Alessandro insieme ai suoi due compari, e lui le tiene una mano sul culo con aria da padrone. Cazzo.
Non ci sto a fare scenate... Ma nemmeno a lasciar perdere.
Devo ricordarmi dei miei vantaggi: lei sarà più giovane e fresca, però io sono una donna adulta e ho più esperienza, e molte più frecce di lei al mio arco.
Mi avvicino con un sorriso sicuro e l’aria rilassata, come se io e Gloria fossimo d’accordo: saluto e mi accomodo su un altro sgabello, senza cercare di mettermi accanto ad Ale: anzi, per darmi un contegno, vado a mettermi fra i suoi due amici.
- Ciao Ale – gli faccio con allegria – Ciao, ragazzi... Ci siamo già visti ma ancora non so i vostri nomi: io sono Cinzia.
Quelli mi guardano sorpresi e si affrettano a presentarsi: Enrico e Andrea. Non sono due strafighi come il loro amico, ma non fanno nemmeno schifo: Enri è alto, snello, un po’ nasone; Andre ha qualche chilo di troppo ma in compenso ha un bel faccione simpatico e una barbetta biondiccia che fanno un po’ vichingo del Monferrato.
Ale è un po’ sorpreso della mia intraprendenza e Gloria è chiaramente seccata, ma ormai ho trovato una sponda, anzi due, e quindi mi siedo di diritto insieme a loro: i due ragazzotti sono ben contenti di avere anche loro compagnia femminile e di non dover solo reggere il moccolo all’amico più atletico e alla fine sono anche abbastanza simpatici.
Mi offrono una birra e mi affretto ad accettare. Metto un po’ in mostra la merce, tanto per ricordare ad Ale cosa si sta perdendo a preferirmi Gloria: accavallo le gambe e mi ravvio i capelli lasciando vedere le ascelle scavate e le tette libere sotto il vestitino grigio che indosso a pelle, e i miei cavalieri apprezzano piuttosto chiaramente.
Gloria reagisce chiedendo ad Ale di farla ballare; in effetti c’è un po’ di musica latina e lo spiazzo invita, ma non c’è nessuno a dimenare le chiappe... Quelli che aprono le danze di solito sono un po’ sfigati, comunque Ale non ha il fegato di dire di no, così i due si alzano e vanno a dimenarsi poco più in là.
- Voi non mi invitate a fare quattro salti? – chiedo maliziosa scolandomi la birra da donna vissuta.
Ste chiede un po’ imbarazzato se non ho un’amica...
Io sorrido e gli metto una mano sui pantaloncini, appena al coperto del tavolino: - Non ce n’è bisogno ragazzi: basto io per tutti e due...
Il poveraccio deglutisce a vuoto afferrando cosa intendo dire.
Per mettere le cose ancora più in chiaro ammicco anche a Enri, senza smettere di palpeggiare Andre.
- I quattro salti pensavo di farli sotto la vostra tenda – puntualizzo sorridendo – Immagino saprete che la conosco già...
Figuriamoci se Ale non ha raccontato agli amici di avermici già scopata...
Anche Enri deglutisce arrapati, e salta giù dallo sgabello. Andre ha qualche problema in più, perché dopo il breve lavoro di mano che gli ho fatto è già in piena erezione.
Lasciamo Ale e Gloria ad agitarsi da soli sullo spiazzo e ci avviamo verso la zona campeggio, con me in mezzo ai due e le braccia sulle spalle di entrambi.
Mentre camminiamo si decidono a mettermi le mani sul culo, uno per chiappa, così chiunque ci guardi allontanare può immaginarsi cosa stiamo andando a fare.

E’ la prima volta che vado con due uomini: non mi era mai capitato prima. Ci avevo pensato più volte in passato, ma non mi si era mai presentata l’occasione: sono eccitatissima all’idea di avere due cazzi, e per di più così giovani a mia disposizione. Mi dispiace un po’ per Gloria che dovrà accontentarsi di uno solo, ma l’età ha i suoi privilegi...
Ci infiliamo sotto il combo sotto lo sguardo scandalizzato di una mamma che mette la mano sugli occhi del figlioletto per non fargli vedere la donnaccia che si infila nella tenda con due ragazzi che fra tutti e due fanno la sua età: invidiosa.
Nessuno dei due mi attrae particolarmente: niente a che vedere con quel fusto di Ale, ma insieme mi arrapano da pazzi. Appena al coperto getto le braccia al collo di Enri e gli metto la lingua in bocca per un primo bacio succoso, poi prima di creare equivoci passo ad Andre e bacio alla francese anche lui: è il binomio che mi interessa, non uno specifico dei due.
Finiamo sul materasso gonfiabile dove sono già stata presa da Ale il giorno prima, aggrovigliandoci con me in mezzo e loro che cercano goffamente di spogliarmi e di baciarmi contemporaneamente.
Alla fine Andre riesce a sfilarmi le mutandine mentre faccio lingua in bocca con Enri, poi questi si sfila la maglietta mentre io apro i pantaloncini di Andre e sfodero l’arnese con cui ho già giocato al bar e comincio a segarlo con passione. Non è niente di speciale, anzi forse un po’ più piccolo del normale, ma s’intosta a tempo di record: peccato per i rotoletti di grasso, ma tanto mica devo mettermici insieme.
Mentre sego e sbaciucchio Andre, Enri mi infila una mano fra le gambe e raggiunge la fica: è un po’ maldestro ma riesco ad evitare di scoraggiarlo finché riesce ad aprirmi le labbra e a ficcarmi un dito dentro, e allora comincia a sditalinarmi abbastanza bene. Lo ringrazio baciando anche lui, poi mi fermo per sfilarmi del tutto il vestitino prima di ridurlo come uno straccio come è successo il giorno prima.
Rimango nuda, con solo i sandali ai piedi e un po’ di bigiotteria dorata al collo e ai polsi che stacca bene con l’abbronzatura. Loro mi guardano, e io mi crogiolo sotto i loro giovani sguardi arrapati.
Spero che Gloria si stia godendo la musica, al bar...
Prendo un cazzo per mano e li smanazzo un po’, saggiandoli a dovere: Andre sembra un paletto di frassino per quanto è duro; Enri ce l’ha più lungo, bello nodoso, ma ancora non del tutto intostato.
Li bacio a turno senza smettere di segarli mentre finiscono di spogliarsi, e mi lascio toccare senza sciocche ritrosie: mi piace sentire le loro mani che frugano il mio corpo esplorandone ogni anfratto...
Mi rivolgo ad Andre, che è pronto: - Mettimelo dentro da dietro...
Mi offro a pecorina sul materasso gonfiabile, mentre mi volto per prendere Enri in bocca. Sto già succhiandogli golosamente la larga cappella turgida quando sento il paletto di frassino di Andre che mi scivola facilmente nella fica sgocciolante di voglia: è un po’ imbranato, ma io sono già aperta e in fondo non sono passate troppe ore da quando Ale mi ha scopata fra le dune, così riesce a spingermelo dentro.
Mi sento afferrare per i fianchi, e poi il biondino comincia a sbattermi con poca tecnica ma con un entusiasmo encomiabile.
Il cazzo di Enri si indurisce abbastanza in fretta una volta che ce l’ho in bocca, così adesso ho due cazzi duri in corpo, e mi sembra di essere in paradiso invece che in un combo incasinato con due ragazzini sudati e ansimanti.
Un cazzo in fica e uno in gola... Sì, Gloria può anche tenersi Ale per questa sera: sarà anche un figo, ma ha un cazzo solo; e per me uno solo non è sufficiente.
Sì, adesso Andre mi sta scopando bene: con il cazzo di Enri che mi scovola l’esofago, mi sembra di averne dentro solo uno che entra dalla fica ed esce dalla bocca...
- Hmmm... – annaspo cercando aria mentre i due ragazzi mi scopano dalle due opposte estremità, sentendo il piacere che monta deliziosamente dentro di me.
Perché ho come la sensazione che tutto il combo cigoli e ondeggi pericolosamente? Col casino che stiamo facendo, ormai l’intero campeggio si sarà accorto che mi sto facendo scopare là dentro da due ragazzi insieme.
La lampo della tenda si alza all’improvviso con un suono secco che mi distrae, subito seguito da un’esclamazione soffocata.
Mollo un momento il cazzo di Enri e giro la testa in tempo per vedere mia figlia e il suo ragazzo che ci guardano a bocca aperta. Andre non si è accorto di nulla e continua a scoparmi da dietro come se non ci fosse un domani, e lo spettacolo che offro allo sguardo della mia bambina è decisamente sconcio: sua madre nuda a pecorina su un materassino gonfiabile, che si fa sbattere in una tenda da due ragazzi contemporaneamente.
- Mamma! – esclama infatti lei, senza troppa fantasia – Ma che cosa stai facendo?
- Hmmm – grufolo io da perfetta porca prima di ricominciare a ciucciare il cazzo che ho davanti – Dopo te lo spiego tesoro...
Enri si gira verso l’apertura e fa con tono sbrigativo: - Oggi tocca a noi, Ale. Cercatevi un altro posto per scopare.
Incrocio un istante lo sguardo ammiccante del maschione astigiano, poi lo vedo afferrare per un braccio la sua ragazza e trascinarla fuori oltraggiata.
- Scusate l’interruzione ragazzi... Ci vediamo poi.
La zip si richiude e sentiamo i passi sulla ghiaia che si allontanano.
Prima che scompaiano in lontananza sento mia figlia che esclama stizzita: - Ma che puttana! Due alla volta... Che schifo.
Sì, lo so: sono un esempio di madre.

Enri adesso è duro come una stanga di ferro: mi sembra il momento di cambiare cazzo. Mi sento come un’ape regina: avere due cazzi a disposizione significa anche essere assolutamente in controllo di due maschi... E’ perfetto.
- Scambiamoci – dico ai due, staccandomi da entrambi.
Mi stendo sul fianco per farmi prendere a cucchiaio da Enri mentre prendo in bocca il cazzo di Andre che si è messo in ginocchio davanti al materasso. Mmmh, com’è buono: è intriso dei miei succhi!
- Oooh! – mi lamento, sentendomi infilzare da Enri, che ce l’ha notevolmente più lungo e mi arriva fino in fondo dove Andre non era arrivato ad aprirmi – Che bello...
Mi faccio scovolare la fica per almeno un quarto d’ora, poi ho l’impressione che il secco sia prossimo a venire e così decido di cambiare ancora.
Faccio stendere Andre di schiena e mi siedo su di lui, infilandomi il paletto di frassino nella pancia; Enri si piazza in piedi a gambe larghe e me lo caccia in gola per farsi spompinare di nuovo: mi aggrappo alle sue chiappe magre e pelose e succhio di gusto, più in controllo che mai.
Avere due cazzi è fantastico, però essere sempre in posizione dominante mi distrae un po’: non riesco a godere fino in fondo. Però mi diverto da pazzi.
Quando il moro alto e magro ha superato il momento di crisi e il suo compare biondo e rotondetto comincia a spasimare, li faccio scambiare di nuovo: questa volta mi faccio chiavare da Enri alla missionaria, stringendolo fra le mie cosce, e intanto rovescio la testa all’indietro fuori dal materasso e mi lascio riempire la bocca da Andre che mi tiene per la mascella.
Il sangue mi va un po’ alla testa, ma finalmente perdo il controllo e sono loro a fottere me: sento l’orgasmo che mi monta dentro, e me ne vengo quasi all’improvviso, senza neanche poter gridare perché ho la gola piena del cazzo di Andre. Credo che i due non si accorgano neppure che sto godendo, occupati come sono a fottermi.
Infatti anche loro arrivano rapidamente al dunque: Enri si sfila da sopra di me e mi si arrampica addosso avvicinandomi anche il suo arnese alla faccia mentre Andre mi schizza direttamente in gola.
Afferro l’uccello di Enri e me lo sego in faccia mentre annaspo e sputo la sborra del biondo, e anche il moro mi viene addosso, sborrandomi in faccia e sulle tette...
Che casino.
I due sono giovani, e probabilmente non si svuotavano le palle da un po’: si tratta di due sborrate alluvionali. La venuta di Andre la sputo quasi tutta lasciandomela colare giù dal mento e lungo il collo, mentre Enri continua a spruzzarmi addosso un fiotto dopo l’altro di sperma bianco e colloso che mi imbratta prima la faccia e poi il petto: con gli ultimi schizzi prende perfino la mira per colpirmi i capezzoli scuri e duri come noci facendomi impazzire.
Mi sgrilletto eccitata, mentre sento tutta quella sborra giovane e calda che mi cola addosso disastrosamente: meno male che avevo tolto il vestito prima di farmi scopare.
Cazzo, il primo spruzzo di Enri mi è finito anche nei capelli... Adesso come faccio a tornare al bungalow?
Mi scrollo le dita grondanti di liquido seminale denso e viscoso: ce l’ho anche sulla fede nuziale, credo sia di Andre... Che casino, davvero.

I ragazzi sono spenti, ma cercano goffamente di aiutarmi. Enri alla fine mi porge un asciugamani e lo uso per ripulirmi alla meglio almeno superficialmente.
Ormai sono quasi le ventiquattro.
Mi infilo di nuovo il vestito sul corpo tutto appiccicoso, li bacio entrambi sulle labbra (Enri ha un moto di ribrezzo perché lì sono ancora sporca), poi scivolo fuori dal combo.
La mamma con bambino è ancora lì davanti alla sua tenda e mi guarda con disgusto.
- Che schifo – mi fa la stronza.
Arriccio il naso: avrà al massimo la mia stessa età, ma ha l’aria di una che ha già messo la fica in naftalina.
- E’ vero – le rispondo – Tenere un bambino piccolo alzato fino a mezzanotte fa davvero schifo...
Poi mi affretto verso il bungalow cercando di tenermi in ombra per non far notare troppo come sono ridotta.
Penso quasi di averla fatta franca quando mi imbatto in Ale che rientra dalla spiaggia, chiaramente soddisfatto. Anche lui fa un salto riconoscendomi all’improvviso nella penombra, poi tutti e due scoppiamo a ridere per superare l’imbarazzo.
Lui fa lo spiritoso chiedendomi perché ho i capelli così scarruffati e appiccicosi, e io osservo che in spiaggia deve essere inciampato perché è tutto sporco di sabbia...
Poi mi chiede se Enri e Andre si sono fatti onore, e io sospiro ammettendo che devo aver sviluppato una dipendenza da cazzo giovane...
Lui ammicca: - Problema interessante... Magari domani possiamo approfondirlo.
Ho uno spiraglio per sottrarlo alla Gloria: gli piace vedere quanto sono porca.
- Mi sembra un’ottima idea... Sai, alle donne adulte piace andare a fondo nelle cose - lo dico con tono allusivo, e gli vedo brillare gli occhi, al maschione... Poi aggiungo: - E le ragazzine come si comportano?
Ale ammicca di nuovo, allusivo a sua volta; poi però aggiunge: - Però non amano molto sperimentare. Le ho proposto di... Ehm, di girarsi, ma lei non ne ha voluto sapere.
Cazzo. Il bestione voleva inchiappettarsi mia figlia e lei non c’è stata.
Dovrei dargli una ginocchiata nei coglioni per assicurarmi che non ci provi più? Però...
- Hmmm... Ma guarda che schizzinosa – gli faccio – Sai, con le donne adulte questi inconvenienti non capitano. Come dicevo, a noi piace andare fino in fondo...
Poi gli accarezzo un braccio muscoloso, e proseguo lasciandolo meditare sulle sue scelte future.

Questo racconto di è stato letto 8 0 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.