Perversione

Scritto da , il 2019-05-25, genere saffico

Dopo avermi scopata come una cagna in calore, prima contro il muro e poi sul tavolo da pranzo, senza neanche togliermi i vestiti, Giancarlo ha firmato il contratto. Due orgasmi e una vendita con una sola fava (e che fava!)...
Dovrei essere soddisfatta; e invece no.
Ho portato via il marito a una ragazza giovane e carina, mi sono sollazzata con lui per un pomeriggio e ho potuto chiudere un ottimo affare, ma in realtà quando torno in ufficio mi mendo conto che ho soddisfatto il mio ego, e per il momento forse anche il mio corpo, ma non la mia mente.
Mentre racconto a mio marito quanto è stato facile concludere il contratto in collina dovrei ripensare al maschio che mi ha montata da vero stallone e al piacere che mi ha dato farmi possedere da lui, e invece ho ancora in testa solo la scena di mia figlia e la sua amichetta che pomiciano mezze nude nel letto disfatto.
Giancarlo mi ha lasciato il suo numero di cellulare.
Lo riguardo sullo schermo del telefonino, e mi chiedo se ne vale la pena.
Cazzo.
Ho ancora voglia...
Il giorno dopo sto rincasando da sola dopo una giornata abbastanza pesante, e comincio ad essere seccata perché non trovo il parcheggio. Mentre faccio per la terza volta il giro dell’isolato vedo mia figlia che torna a casa anche lei assieme alla sua amichetta dopo le lezioni pomeridiane.
Gloria è in jeans e maglietta, fiera del suo culetto stupendo, mentre Claudia indossa un vestitino estivo che le scopre completamente gambe e braccia e che soprattutto esalta il suo seno strepitoso.
Solo a guardarle mi viene l’acquolina in bocca.
Cosa cazzo mi sta succedendo? Sono diventata lesbica, che mi eccito a guardare due ragazzine mentre ho già scordato il maschio che mi ha avuta clandestinamente il giorno prima?
E che razza di madre pervertita guarda con desiderio il culo di sua figlia? O le tette della sua compagna di banco?
Certo che sono davvero delle tette bellissime, così dure e appuntite...

Non mi hanno vista: sono troppo occupate a chiacchierare fra loro. Gloria tiene un braccio intorno ai fianchi di Claudia, e questa si strofina come una gattina...
Le vedo imboccare l’androne del nostro condominio e proseguo oltre finché non trovo il parcheggio.
Memore della volta precedente, entro silenziosamente e sfilo nuovamente le scarpe prima di salire le scale. Gloria sa perfettamente che sto per tornare a casa da un momento all’altro, ma ho come un presentimento...
Infatti: la porta della sua camera è socchiusa e posso guardare dentro facilmente senza essere vista.
Mia figlia è un’esibizionista? Lo ha fatto apposta? La eccita sapere che posso vederla fare la sporcacciona con la sua amichetta?
Difficile dirlo: alla loro età non hanno ancora sviluppato fino in fondo la loro sessualità, e ogni giorno è una scoperta nuova.
Fatto sta che sono lì: sedute sul letto a sbaciucchiarsi come l’altra volta... Solo che il vestitino di Claudia è in terra assieme alla maglietta di Gloria; le due ninfette sono entrambe a seno nudo, una ancora con i jeans e l’altra solo con gli slippini da collegiale.
Dio che spettacolo!
Osservo le lingue che si intrecciano in un bacio proibito mentre le dita scorrono sui corpi acerbi esplorando la pelle liscia e fresca che si offre senza apparenti inibizioni.
Poi è Gloria ad abbassare il capo e a baciare il seno della compagna di classe.
Claudia reclina il capo all’indietro ed emette un sospiro mentre mia figlia le morde delicatamente un capezzolo.
Non ce la faccio più: mi appoggio alla parete con la schiena e mi sollevo la gonna quanto basta da infilarmi una mano nelle mutande.
Mi masturbo lentamente fuori dalla cameretta di mia figlia, spiandola di sottecchi mentre si lesbica la sua amichetta del cuore, e non mi sento minimamente in colpa per questo.
Quando le gambe cominciano a tremarmi devo riscuotermi, o finirò seduta sul pavimento, e sarebbe imbarazzante: corro in camera da letto e mi precipito in bagno ad aprire l’acqua per riempire la vasca.
Finirò il mio ditalino con calma mentre mi faccio un bel bagno caldo.

Sono lì nella vasca ancora fumante con i sali profumati quando sento un grido strozzato da fuori la camera da letto, seguito da un po’ di confusione.
Mi riscuoto dal torpore post-orgasmico (sono venuta da poco sulla punta delle mie dita), e salto fuori: sono pur sempre una madre e ho i miei istinti.
M’infilo l’accappatoio e corro fuori a vedere cosa stia succedendo.
Nel corridoio trovo Gloria, rossa in viso, che guarda verso le scale; è ancora a torso nudo ma con i jeans addosso come quando le ho lasciate mezz’ora prima.
Le chiedo cosa sia successo, e lei scrolla le spalle.
Corro sulle scale e vedo la Claudia che si infila velocemente il vestito all’ingresso.
Quando tira fuori la testa lei alza lo sguardo e mi vede in cima alle scale: i nostri sguardi s’incrociano un momento, e faccio in tempo a leggere la tempesta di emozioni nel suo sguardo.
Poi lei si riscuote, afferra la maniglia della porta e corre fuori sbattendosela alle spalle.
Mi giro verso Gloria con uno sguardo interrogativo, ma lei fa un’espressione come per dire, “Non ho idea di cosa le sia preso”...

***

La sera dopo cena, mentre Mario guarda la tele, riesco a farmi spiegare cosa sia successo.
All’inizio Gloria è un po’ reticente; poi le ricordo che si è già confidata con me qualche giorno prima, e che io sono lì per supportarla, non per giudicarla, e alla fine si apre.
Sabato sera sono uscite insieme. Avevano detto che stavano andando al cinema, ma in realtà c’era una festa a casa di una dell’ultimo anno e loro due erano state invitate per pareggiare il numero delle ragazze con quello dei maschi, che in quinta sono di più...
Alla fine, lei e Claudia sono state corteggiate da due tipi abbastanza fighi e hanno accettato di fare due passi assieme a loro prima di tornare a casa...
Comincio ad essere un po’ inquieta ma mi sforzo di non darlo a vedere.
Tanto, prima o poi doveva succedere... E infatti così è stato.
Hanno pomiciato un po’ sui Navigli, poi si sono separati e ciascuno dei ragazzi doveva accompagnare una di loro a casa... Il ragazzo di Gloria aveva la macchina e invece di portarla subito a casa ha parcheggiato in un posto tranquillo dove... Sì, insomma...
- L’avete fatto? – chiedo, con un nodo allo stomaco.
Gloria annuisce, arrossendo appena un po’: - Sì. Però gli ho fatto mettere il preservativo.
Non so se sentirmi sollevata; forse dovrei.
In fondo sapevo benissimo che Gloria era pronta a fare il salto, quindi dovrei essere contenta che me l’abbia detto e che abbia dimostrato giudizio almeno in quanto a prudenza.
Certo che farlo così, in macchina...
Mi riscuoto: - Va bene, ho capito. Ma questo ragazzo...
- No, non mi ci sono messa insieme. Lui ha già la ragazza, solo che non era alla festa. Mi è sempre piaciuto, ma non ho una cotta per lui... Almeno non credo. Insomma, avevo solo voglia di farlo, e lui era lì; io gli piacevo, e quindi...
- Okay. Quindi non sai se vi rivedrete?
- No, non lo so; vedremo... Intanto mi è piaciuto. Molto...
Sorrido: - Sì, non è niente male.
Ridacchiamo entrambe, complici.
- Ma... E Claudia? Perché era così sconvolta?
Oh, quello! Insomma... Erano venute a casa per raccontarsi come fosse andata, perché al cellulare durante il weekend non avevano avuto tempo. Erano entrambe eccitatissime, e avevano cominciato pomiciando un po’ fra loro come l’altra volta... Poi si erano confidate cosa fosse successo. Claudia aveva sbaciucchiato un po’ con il suo ganzo, e tutto era finito lì. Ma quando Gloria le aveva raccontato di averla data al suo ragazzo, Claudia era saltata in aria.
- Non capisco: è scoppiata in lacrime, mi ha dato della sgualdrina ed è scappata via...
Rimango perplessa anch’io; in effetti è un po’ strano, visto che erano uscite insieme con quei due, chiaramente non solo per farsi riaccompagnare a casa...
Forse gli uomini non hanno tutti i torti: noi donne siamo strane.

***

È confortante che mia figlia si senta di confidarsi con me su certe cose...
Ma è anche l’unica cosa positiva cui mi riesca di pensare in questo momento. Lo spettacolino cui ho assistito di nuovo mi ha riacceso i sensi che la sveltina con Giancarlo aveva appena attenuato, e adesso ho più voglia di prima.
Non mi riconosco più: masturbandomi ho sempre avuto in testa attori o atleti muscolosi e virili, capaci di prendermi e sbattermi come una bistecca lasciandomi senza fiato e soddisfatta in un lago di sperma... Adesso mentre mi stropiccio freneticamente la passera durante la notte mentre Mario russa, oppure in ufficio fra un cliente e l’altro, riesco solo a focalizzare l’immagine di mia figlia che succhia le tette di Claudia, e questa scena mi eccita più di Johnny Depp vestito da pirata.
Cosa diavolo mi sta succedendo?
Oggi, accompagnando un’altra coppietta a visitare un appartamento, mi sono sorpresa a guardare più lei che lui...
Sto diventando lesbica?
Non so più che fare. Se continuo così, mi consumerò le dita, e quel ch’è peggio, anche il clitoride...

Non ho appuntamenti fin verso le cinque, così dopo un boccone rapido con Mario decido di fare un salto a casa: a lui racconto di voler fare un po’ di pulizia, ma in realtà sto pensando a un ditalino.
Il traffico fra Crocetta e Santa Rita è sempre più incasinato, e trovare parcheggio sotto casa ormai è una chimera. Rimpiango di essermi comprata un Cherokee; è vero che ho bisogno di un minimo di capacità fuoristrada, ma se avessi pensato al parcheggio avrei dovuto prendermi una vecchia Panda, così risparmiavo anche un po’...
Alla fine, trovo un posto oltre la mia solita zona e mi rassegno a fare quattro passi per arrivare fino a casa. Spengo il motore, apro la portiera e siccome ho la solita gonna stretta butto fuori le gambe per uscire.
Sto uscendo quando mi vedo passare davanti Claudia sul marciapiede. Lei fa un salto di lato per evitare la portiera che ho aperto un po’ bruscamente, gira la testa e mi riconosce.
- Claudia! – esclamo sorpresa – Cosa ci fai qui a quest’ora? Siete uscite prima da scuola?
Lei spalanca la bocca sorpresa, poi la richiude imbarazzata.
Abbassa lo sguardo, e mi accorgo che mi sta guardando le gambe.
Generalmente non ci farei caso, sono abituata che mi guardino le gambe... Però in questo caso non è semplicemente una ragazza che mi fa un complimento: è la cerbiatta con cui se la fa mia figlia, e che abita le mie fantasie erotiche più sconce da quasi due settimane.
Ho la gonna quasi all’inguine quando esco dalla macchina; nella posizione in cui mi trovo, e da quella in cui si trova lei, è inevitabile che mi veda le mutandine. Ho un momento di imbarazzo, poi decido di fare finta di niente e mi tiro in piedi chiudendo la portiera.
Non siamo dalle parti di casa sua, e anche la scuola è dall’altra parte. Cosa ci fa alle due del pomeriggio con la sacca da scuola sulle spalle?
Lei abbassa il capo: - Ho bigiato.
Alla faccia della sincerità. Non credevo fosse il tipo da saltare la scuola: lei è la perfettina quasi secchiona che di solito uso per spingere Gloria a studiare di più.
- Claudia! Non è da te... Cosa è successo? Hai litigato di nuovo con Gloria?
Lei diventa come un peperone. Ha la pelle molto chiara, e quando arrossisce sembra pronta per la bagna caoda...
Sospiro: - OK, ho capito. È inutile che te ne resti a ciondolare da sola in mezzo alla strada fino alle quattro. Vieni con me, sto andando a casa.
Lei mi guarda strano; poi abbassa la testa e mi segue senza dire niente.

Arriviamo a casa. Scalcio via le scarpe, Claudia lascia la sacca all’ingresso e mi segue in cucina dove le servo qualcosa da bere.
Lei è davvero strana. Però ha sete, e beve avidamente il succo che le verso.
Poco alla volta si scioglie.
Era troppo triste per andare a scuola dopo quello che è successo ieri... Perché, cosa è successo?
Rossore: Gloria non me l’ha detto? Sì, certo, però non ha capito bene neanche lei...
Davvero? Accidenti, che stronza... Scusa, non volevo. Ma il fatto è che io... Noi... Sai...
Sospiro: - Claudia, cosa c’è? Sei imbarazzata perché sei lesbica?
Non so nemmeno io come mi sia uscita così. Non ci avevo nemmeno pensato, ero concentrata su di me...
Lei mi guarda come se l’avessi schiaffeggiata: - Tu... Come lo sai?
Cerco di ragionare velocemente: a volte le adolescenti possono fraintendere mentre sperimentano i loro corpi e le loro emozioni... Magari quello che per Gloria era un gioco quasi innocente, per Claudia era una cosa seria. Magari, magari...
- Mi sbaglio?
Lei abbassa lo sguardo.
- Non lo so... Forse. È che con Gloria... Insomma, so che ci hai viste. Cosa ti ha detto lei?
Mi ha detto che stavate sperimentando... Che poi siete state a una festa e poi siete uscite con dei ragazzi più grandi. Dopo vi siete separate, tu ti sei fatta portare a casa e lei invece...
Esito, incerta se essere troppo cruda.
- Si è fatta scopare! – esplode lei.
Non sono una patita delle serie TV, però so riconoscere una scenata di gelosia.
- Anche tu sei uscita con un ragazzo; Gloria dice che l’hai baciato.
- Ne ho baciati anche altri... È quello che fanno tutte. Non voglio essere additata come una strana; e poi anche io voglio capire come... Come...
- Come funziona, certo. Anch’io ho avuto la vostra età, sai? So come ci si sente. Così, Gloria ha provato, e tu non ancora. È così terribile?
Singhiozzo: - Sì. Ci eravamo promesse di provarlo insieme. Ma lei... Io... Intendevamo una cosa diversa, suppongo. Io volevo che provassimo fra di noi, mentre lei...
- Lei pensava di farlo insieme, sì: ma con due ragazzi. Giusto?
Un equivoco. Un classico dei nostri tempi.
Povera Claudia.

La prendo per mano e la porto in salotto, dove la faccio sedere sul divano; mi accomodo accanto a lei e, visto che continua a singhiozzare, la abbraccio.
Mi sembra così tenera e indifesa: piccolina, esile, con il suo vestitino colorato e quelle tette stupende che tendono il tessuto leggero sfidando la forza di gravità. Non certo l’immagine della lesbica aggressiva e intraprendente tipica dei telefilm degli ultimi anni.
Lei esita un momento, poi risponde all’abbraccio stringendosi a me. Piange.
- Sssst – le faccio – Calma, piccola. Non sei sconvolta perché Gloria è andata con un ragazzo... Sei solo turbata perché ancora non sai esattamente chi sei. Non è vero?
- Io... Suppongo di sì.
La poverina è nello stato d’animo che mi darebbe ragione qualsiasi cosa dicessi. Una gattina sola e spaventata in un mondo troppo grande e difficile per lei.
La sua gamba ora è a contatto con la mia. Siamo entrambe a cosce nude, e la sua pelle a contatto con la mia sembra quasi scottare.
Le sollevo il mento e la guardo negli occhioni lucidi: - Non piangere, Claudia: non c’è niente di sbagliato in te. Non c’è niente di sbagliato neanche nella vostra amicizia: semplicemente, Gloria non ha capito, e come puoi biasimarla se non sei sicura di aver capito bene nemmeno tu?
Lei mi guarda senza dire niente.
Diavolo, non sono sua madre: non dovrebbe toccare a me. Ma d’altra parte...
- Insomma, vediamo se ho capito bene: i ragazzi non ti fanno schifo, ma non ti interessano veramente, giusto?
- Beh... Alcuni sono anche simpatici. So che per essere considerata nel gruppo devo piacere anche a loro... Però hai ragione: non mi interessa andare troppo... Troppo a fondo.
- Già. Invece le ragazze ti piacciono di più...
Lei annuisce.
- Ma soprattutto, ti piace Gloria.
Nuovo cenno di assenso: - Sì. Mi piace molto. Lei, e...
Silenzio.
Esito, un po’ disorientata: - Lei, e?
Di nuovo il peperone da bagna caoda.
Ho un flash. La rivedo il giorno prima, paralizzata per un istante mentre mi fissava quando ero sulle scale. Cosa ha visto? Gloria era in cima, nella penombra: c’ero solo io, tutta bagnata nel mio accappatoio color pesca, un po’ corto...
Cazzo.
È rimasta imbambolata anche poco prima, mentre scendevo dal Cherokee con la gonna sollevata...
- Claudia, a te piacciono le donne... Non c’è niente di male in questo. Devi solo ammetterlo.
Lei annuisce, tirando su col suo nasino minuscolo: - Sì, è vero. Mi piacciono le donne. Mi piacciono molto... Specialmente...
Le accarezzo i capelli castano chiari e le sfioro le gote guardandola dritto negli occhioni nocciola.
Sento la sua coscia nuda che preme contro la mia.
Ci guardiamo senza dire niente, e vedo che lei si morde il labbro inferiore.
Lo faccio anch’io quando voglio essere baciata.
Mi chino leggermente in avanti e le sfioro le labbra con le mie. Sono roventi.
Claudia è come paralizzata.
Non ho mai fatto una cosa simile: la femmina gay dovrebbe essere lei, ma non ha idea di come fare. Io non sono gay per niente, però sto impazzendo dalla voglia di baciarla...
Così lo faccio.

Le forzo le labbra con la lingua, e lei non oppone resistenza. Invado la sua boccuccia e intanto le accarezzo le spalle nude attirandola a me; la sua coscia preme ancora più forte contro la mia.
Poi trovo la sua lingua.
È come una scossa elettrica: le nostre lingue si avviluppano quasi automaticamente, e anche lei sembra sbloccarsi quasi di colpo. Sento la sua mano sfiorarmi il ginocchio, poi accarezzarmi la coscia fino all’orlo della minigonna.
Le piacciono le mie gambe. Proprio come alla maggior parte degli uomini... Sono lusingata.
La bacio in bocca con forza, cercando di fare come mi piace che gli uomini facciano con me, e rimango sorpresa dalla sua reazione: si abbandona completamente, in un abbraccio tenero e delicato. Anche il sapore della saliva è diverso: più sottile, più dolce... Il suo profumo è morbido, pulito: niente a che vedere con l’acre sentore del maschio.
Non è meglio, ma neppure peggio: è solo diverso.
Mi piace da impazzire.
Le prendo un seno nella mano destra: era da settimane che desideravo inconsciamente farlo, e me ne rendo conto solo adesso: se a lei piacciono le mie gambe, io vado pazza per i suoi seni.
Non porta reggiseno: attraverso il tessuto leggero sento il meloncino sodo, compatto della sua carne giovane e tenera. Non provo nessuna invidia, solo desiderio.
Io le palpeggio il seno mentre la bacio, e mentre lei si lascia baciare insinua una manina curiosa sotto la mia gonna, facendola scivolare fra le mie cosce roventi.
Giochiamo così per un po’, baciandoci ed esplorandoci a vicenda, finché non sono sicura che si è rilassata completamente, abbandonandosi a me.
Allora mi stacco delicatamente e torno a fissarla negli occhi.
- Dimmelo... – sussurro, con voce sorprendentemente roca per il desiderio.
- Cosa devo dirti?
- Sono una donna: se ti piaccio, desidero sentirmelo dire.
Lei spalanca gli occhi: - Oddio, Cinzia... Certo che mi piaci! Mi piaci moltissimo...
- Bene – sorrido – Perché anche tu mi piaci: da impazzire...
Lei sembra disorientata: - Ma tu... Tu non sei...
- No: non lo sono. E allora?
- Non capisco. Se tu non sei... Perché?
Ora mi sento davvero sicura di me: - C’è bisogno di un perché?
Lei mi guarda senza parole, ma con lo sguardo sognante: - No. Immagino di no.
- Appunto. Ora vieni qui e baciami di nuovo.

Mi gira la testa.
Sto baciando in bocca una ragazzina della stessa età di mia figlia. Se i suoi genitori lo scoprono, mi denunciano. Se lo scopre mia figlia, mi uccide.
In qualche modo tutto questo è terribilmente sbagliato, lo so... Però, mentre commetto questo peccato immondo, sento dentro di me che non c’è proprio niente di sbagliato in tutto questo, visto che lo desideriamo entrambe, e non facciamo del male a nessuno.
Allargo le gambe permettendo alla manina incerta ma volenterosa di Claudia di raggiungere le mutandine e di verificare che sono inzuppate di desiderio; nel contempo le pastrugno il seno, riconoscendo il turgore del capezzolo eccitato contro il palmo della mano.
Guardo velocemente l’orologio senza smettere di rovistarle la bocca con la lingua: abbiamo almeno un paio d’ore prima che le nostre famiglie reclamino la normalità della nostra presenza.
Comincio lentamente a spogliarla.
Lei mi prende il polso: - No, ti prego...
Mi fermo, improvvisamente dubbiosa: - Claudia... Io ti desidero da impazzire!
- Lo voglio anch’io. Ma non qui... – sorride di nuovo, timida – Portami nel tuo letto.
Mi rombano le orecchie: come quando l’ho fatto per la prima volta con un ragazzo, più o meno alla sua età. Ora anche Claudia sta per spiccare il salto... E vuole farlo con me.
Mi alzo in piedi e le tendo la mano: - Vieni.
Lei sorride, felice. Si alza anche lei e mi segue in camera da letto.
Nessuna di noi due l’ha mai fatto prima...
Ma qualcosa ci inventeremo.

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.