Ma che bella la gelosia

Scritto da , il 2019-11-27, genere etero



Apri la porta della nostra camera arrabbiato.
“Mi dici che hai?”- ti chiedo sorpresa.
“Ancora con il telefono, tu?”- mi rispondi scocciato.
“Stavo scrivendo. E allora?”

Non dici più nulla. Ti butti a letto e mi dai le spalle. A me però manca il tuo abbraccio, mi manca appoggiare la testa sul tuo petto, mi manca la tua carezza sui miei capelli, il bacio sugli occhi, con cui me li chiudi ogni sera col calore delle tue labbra.

Mi avvicino a te, li pretendo. È il nostro rituale, il modo come mi hai abituata già dalla prima volta che abbiamo dormito insieme. E lo abbiamo fatto anche in pieno caldo, con il sudore che si appiccicava alla mia guancia sinistra, ai nostri corpi. A volte ci scherzavo su dicendo: mi sembra di dormire con un termosifone acceso al massimo, talmente sei caldo.
E pure non mi sono mai sottratta, mai lamentata, perché, perché ormai per me è diventata una necessità, un bisogno.

Butto la mia gamba sulla tua. Sono in pigiama. I pantaloni neri morbidi di ciniglia, la maglietta bianca con un simpatico gattino nero davanti. Questo pigiama l’ho comprato da poco e subito hai cominciato a prendermi in giro perché continuo a vestirmi ancora da ragazzina nonostante quell’età l’abbia passata da anni ormai.
Ti diverti a prendermi in giro per come mi vesto quando sono a letto, e io rido.
L’ho sempre saputo come mi vuoi, ma amo il calduccio e siccome a letto sto ferma, il mio pigiama non è mai stato sexy.
I primi tempi mi regalavi dei baby doll o altre cianfrusaglie assurde che per te erano belle e che, sempre secondo te, mi sarebbero state bene, ma che non ho mai messo. Ci hai rinunciato a regalarmeli da un sacco di tempo ormai, lo sai benissimo che con me sono soldi sprecati.
Questo penso mentre cerco di accarezzarti il petto con una mano, che tu allontani infastidito.
“Lasciami dormire. Ho sonno”.- Mi dici, ma il tono della tua voce non è tra i migliori e io so di chi è la colpa, che proprio di colpa non si tratta.
“Anche io ho sonno -ti rispondo- quindi girati perché devo mettere la testa sul tuo petto”.

“Non sono il tuo cuscino. Comunque vai a chiedere ad Alberto. Lui sarebbe ben felice di coccolarti visto che prima ti ci sei seduta quasi in braccio”.
Questa mi è nuova.
“Ma che cavolo dici? -ti domando sorpresa- quando mai mi sono seduta in braccio ad Alberto io? Hai bevuto per caso?”

Lo so che voi che mi state leggendo non state capendo nulla dei discorsi che sto facendo con il mio lui ed è comprensibile. Manco io ci sto capendo nulla. Poi ho cominciato dalla fine per arrivare all’inizio. Sì, è un modo insolito di narrare, e scusate se vado a salti nel tempo, ma sono un po’ fuori allenamento con le scritture, quindi sono giustificata. Comunque con un po’ di pazienza ci arriverò.

Prima di tutto vi presento Alberto. Lui è un amico... era un amico fino a tre anni fa. Avevamo tanta confidenza, tanta intesa tra noi. Era l’unica persona con la quale la mia dolce metà (che oggi di dolce non ha nulla) non dimostrava gelosia, anzi stava bene in sua compagnia, anche se Alberto era più amico mio, che suo. Non ci siamo mai frequentati fuori dall’ambiente del lavoro, almeno fino al giorno in cui ho dovuto lavorare con lui su un progetto per una presentazione pubblica. Alberto ci aveva invitati spesso a casa sua, invogliandoci con delle sue ricette da bravo cuoco, poichè riteneva di esserlo, e io non ho mai avuto motivo di dubitare che lo fosse.
Non so perché, ma non ho mai accettato.
Quando però avevamo dovuto realizzare il progetto, lo facemmo a casa mia, mai da soli. Ogni volta feci in modo che fosse presente anche la mia capa, per non stare da sola con lui. Inconsciamente avevo timore di qualcosa... Forse che ci provasse? O che io cedessi alle sue avances così raffinate e impeccabili?
A casa mia, di nuovo inconsciamente, alzai un muro tanto alto. La nostra confidenza si interruppe. Mi sentivo a disagio.
Forse avevano contribuito le frecciatine che in quel periodo mio marito, sapendo che avrei lavorato con lui, mi tirava ogni volta.
Fatto sta che non abbiamo parlato d’altro, all’infuori del lavoro che stavamo svolgendo.

Arrivò il giorno della presentazione. Fu bello, bellissimo! Tanta gente, e Alberto, nonostante fosse la prima volta che faceva quel genere di lavoro, fu bravissimo.
Oltre quello, fu un vero gentiluomo. Mi mise sempre davanti, riconoscendomi i meriti e alzandomi su un piedistallo. Stetti proprio bene. Ricevemmo tanti complimenti, io in più, anche per la scelta del collaboratore, che era stato al top delle nostre aspettative. Ringraziai orgogliosa Alberto per il lavoro svolto e ci allontanammo. Un po’ prima, i miei colleghi, l’avevano invitato alla cena di fine anno, prevista la settimana dopo, e lui accettò.
Avevo un po’ di robe da portare in macchina, ma non me lo permise. Me le portò lui.
Di solito sono una che sbriga tutte le faccende da sé. Non mi aspetto aiuti da nessuno, ma vi confesso che mi fece molto piacere questa attenzione nei miei confronti. Una volta arrivati alla mia macchina, mi diede un bacio sulla guancia, ringraziandomi per la bella esperienza, ci salutammo e andò via. Arrivò verso sera nel mio ufficio. Avevo la sensazione che mi volesse dire qualcosa, ma non aprì bocca.
Non seppi che pensare. Alberto era di parlantina facile, quindi per me era una novità. Mentre stava per uscire, gli dissi:
“Ai miei colleghi sei stato molto simpatico, tant'è che ti hanno invitato a cena con noi.
Verrai, vero?”

“Sì sì. Ho detto anche alla tua coordinatrice che vengo”.
“Bene. Sono contenta. Allora ci vediamo. Ciaooo”.

Non lo vidi più né alla cena, né al lavoro... sparito come il sale nell’acqua. Un paio di volte lo notai da lontano per strada, che cambiò per non farsi salutare.
La sera della cena gli scrissi al cellulare, ma mi rispose solo che sarebbe venuto per il dolce, ma poi manco quello è venuto a prendere. Non sapevo cosa rispondere alle domande dei miei colleghi che mi chiedevano di lui. Guardavo il suo posto vuoto, che avevo voluto accanto al mio per farlo stare a suo agio.
Alberto non si fece proprio vedere e non mi scrisse nemmeno un messaggio per chiedermi scusa della sua assenza.
Cercai di giustificarlo dicendo agli altri che aveva avuto un contrattempo, ma dentro di me ero nervosa. Non ci si comporta così. Non l’avevo conosciuto questo aspetto del mio amico ed ero delusa.

Alla fine, la sua assenza è durata tre anni.
Anche mio marito mi chiedeva sempre come mai Alberto non venisse più a trovarci al lavoro. Anche a lui dissi che non lo sapevo.
Arrivò a supporre e a dirmi chiaro e tondo che Alberto si era finalmente dichiarato e che io non avevo accettato. Ho cercato in tutti i modi di dissuaderlo che non era stato così, ma lui non se ne convinse.
Alla fine lo lasciai alla sua convinzione. Che credesse quello che voleva, non mi interessava.

Non posso dire lo stesso dell’ assenza di Alberto. Lui mi mancava. Era piacevole conversarci e scambiare opinioni, confidenze, anche sulle sue conquiste. Non era un don Giovanni, capiamoci, ma era nell’età in cui un uomo cerca la donna giusta per passare la vita e guarda tutto con occhio critico, perché non c'è più lo spirito di adattamento dei trent’anni, lui si confidava e io dicevo la mia. In poche parole confidenza e fiducia a 360 gradi.

Alberto, come dicevo prima, per tre lunghi anni non si fece più vedere, né di persona, né per telefono. Non lo stressai. Accettai la sua scelta.
Un giorno, un paio di mesi fa, si presentò al lavoro ma io non c’ero. Chiese a mio marito di me e gli disse di salutarmi tanto. La stessa sera lo vidi per strada, ma sembrò che non si fosse accorto di me, anche se ebbi di nuovo la sensazione che mi stesse evitando.

Un mese dopo venne di nuovo al lavoro. Questa volta capitò che ci fossi, e lui mi disse come se nulla fosse: “Chi si vede!”
A dire la verità, pensai che questa esclamazione l’avrei dovuta fare io, ma non lo dissi ad alta voce.
Sull momento, ero impreparata e rimasi lì imbambolata, lui mi tirò fuori da questa situazione con un: “Vieni qui. Fatti abbracciare!”
Mi strinse forte, mi diede due baci sulle guance e mi seguì nel mio ufficio. Non salutò mio marito, nonostante ci fossimo passati davanti, ma io ero felice di averlo ritrovato e non prestai attenzione a questo piccolo particolare.
Riprese a raccontare di sé, del suo lavoro, del secondo corso universitario che stava seguendo, mi parlò delle cose belle che faceva nel lavoro e io cominciai a raccontargli delle mie novità e dei miei piccoli successi. Si fermò a lungo e poi alla fine fece una risata forte, fuori luogo, sia per i discorsi ma anche per il posto dove ci trovavamo.
Capì d’aver esagerato e andò via.
Se lui si rese conto di aver esagerato con quella risata isterica, io capii che Alberto stava cercando di sembrare spontaneo e a suo agio, ma che in realtà così non era.
Temetti che si sarebbe perso di nuovo, invece dopo un po’ di giorni venne ancora a trovarmi, anche se per un attimo.
Fu quella volta che gli chiesi un aiuto per il Pc rotto che avevo in casa. Mi servivano dei dati da recuperare e urgentemente.
Si offrì di venire la sera stessa a casa mia.
Concordammo l’ora dell’incontro. Mio marito aveva una riunione di lavoro e non ci sarebbe stato, ma c’era a casa mio nipote di 15 anni che era venuto a stare un po’ di giorni da noi.
Prima, mi scrisse un messaggio per avvisarmi che stava arrivando. Siccome ero per strada anche io, lo aspettai sotto casa mia. Rientrammo e questa volta percepii il suo nervosismo. Cercai di essere discreta e metterlo a suo agio, senza fargli delle domande inopportune e senza partire in confidenze. Dentro di me, avevo capito che quel tempo era finito ormai.
Gli chiesi se volesse da bere, ma gentilmente rifiutò. Si mise subito al PC e cercò di aggiustarlo, ma non ci riuscì.
Secondo lui ormai era andato. Ero allarmata. Oltre alle foto e video che avevo e alle quali avrei pensato in un secondo momento, c’erano all’interno, le diapositive che mi sarebbero servite per il mio lavoro, due giorni dopo. Glielo dissi e mi rassicurò che li avrebbe recuperati usando un sistema operativo che aveva nella sua chiavetta, ma che per farlo, sarebbe dovuto andare a casa sua a prendere il suo portatile.
Andò e tornò subito, salvò solo lo stretto necessario che mi sarebbe servito per il lavoro, e al resto, disse che ci avrebbe pensato un’ altra volta. Ci voleva molto più tempo e sarebbe servita una memoria esterna per salvare tutto il materiale.
Lo ringraziai riconoscente. Ormai avevo ciò che mi serviva per il lavoro che dovevo svolgere ed ero tranquilla.

Dopo una settimana mi scrisse di nuovo per chiedermi com’ero messa il sabato. Lui aveva un’oretta di tempo per cercare di recuperare il resto dal mio Pc.
Dissi che eravamo in casa tutti e due all’ora di pranzo, e se voleva poteva pranzare con noi. Ovviamente non accettò.

Eravamo insieme a mio marito, che continuava a tirare frecciatine e questa volta non era per niente divertente.
Prima che arrivasse, gli avevo raccomandato di essere gentile con Alberto perché ci stava facendo un favore, in amicizia, e che non doveva mettere me o lui a disagio, più di quanto già lo fossimo. Brontolò qualcosa tra i denti, ma non gli prestai attenzione.
Il momento in cui Alberto entrò, fu il più imbarazzante per tutti e tre.
Io ero sulle spine, mio marito idem, e Alberto se avesse potuto, sarebbe scappato dalla finestra. Lo salutammo senza nemmeno dargli la mano, ma neanche lui ce la offrì. Mio marito era nervoso e cercò di vedere una partita su Sky, sedendosi sul divano in soggiorno, accanto ad Alberto che si era già messo a guardare il computer per togliersi dall’imbarazzo. Io stetti per un po' in piedi, a guardare loro due, poi andai in cucina, per lasciarli a sbrigarsela da soli.
Sentii che avevano ripreso a parlare. Poi mio marito venne in cucina dicendomi che sarei dovuta andare di là ad indicargli il materiale da salvare.
“Ok, ma tu fai gli onori di casa” - gli dissi dandogli in mano due birre con il cavatappi.

“No. Fallo tu. È tuo amico ed è venuto per te.”

“Prova a non offrirgli da bere e vedrai cosa ti faccio!” - lo minacciai arrabbiata, anche se a voce bassa.

Non so cosa gli avrei fatto, ma la minaccia funzionò. Mentre ero con Alberto che guardavamo i file, mio marito venne con le birre e un piattino di mandorle tostate e gliele mise davanti.
Per comodità mi ero seduta sull’angolo del divano vicino ad Alberto, che continuava a smanettare con il Pc.
In quel momento mi squillò il telefono e mi alzai per poter parlare in privacy. Siccome la telefonata durò un pochino, mio marito mi rimproverò davanti ad Alberto, dicendomi che avrei potuto telefonare dopo e che avrei dovuto prestare attenzione a ciò che il nostro amico stava facendo.
Mi scusai e mi rimisi di nuovo sull’angolo del divano, questa volta un po’ più vicino ad Alberto, per indicargli col dito cosa doveva salvare.
Credo sia stato questo il momento in cui il mio lui, provò fastidio. Siccome per i suoi gusti, siamo stati troppo vicini, adesso a letto mi sta rinfacciando che mi ci sono seduta in braccio.
Robe da matti.
“Tu sei fuori di testa!” - gli rispondo arrabbiata e divertita per questo scatto di gelosia ingiustificabile.

“E tu una finta ingenua.” - risponde lui musone.
“Girati e abbracciami, che ho sonno”. - ripeto io.

“No”. - testardo com’è continua a perseverare nella sua posizione.

Cambio tattica. Non mi piace arrabbiato.
“E se ti dicessi che ho voglia di te? Se ti dicessi che vedendoti così geloso e possessivo, mi accendi i sensi?” - ricomincio a toccargli la schiena, passo la mano davanti sul petto.
Me la spinge via con forza, arrabbiato.
“Ti ho detto di no. E adesso lasciami dormire, altrimenti vado sul divano”.
Questa volta è veramente dura da vincere.
“Guarda che, o ti giri, o altrimenti non la vedrai più per una settimana, un mese, un anno. Ti sto dicendo che ho voglia di te. Io non mi sono mai tirata indietro di fronte alle tue voglie. Lo stesso mi aspetto che faccia anche tu”.

“Alba, se hai voglia, fai una chiamata ad Alberto e vedrai che sarà ben felice di appagarti. Adesso, ripeto, o mi lasci in pace, o me ne vado sul divano. È tardi e io sono stanco e ho sonno”.

Di colpo un’idea maliziosa si fa strada nella mia testa.
“Ok -gli dico- come vuoi.”
Vicino al suo corpo, ma senza nemmeno sfiorarlo, comincio a toccarmi da sopra il pigiama. Tengo una mano tra le cosce e l’altra sotto la maglietta e mi massaggio delicatamente. Aumento la velocità, massaggiandomi con più vigore. Sono sicura che mio marito percepisce i movimenti. Non sta più fiatando. Comincio a spogliarmi, i pantaloni li tolgo velocemente ma con gli slip ci gioco un po’ prima di levare anche quelli.
Poi tocca alla maglietta, alla canottiera... man mano che mi libero di un indumento, aumento il ritmo delle carezze, il rumore dei sospiri. Presto attenzione alle mie parti scoperte desiderosa, vogliosa, vendicativa. Di nuovo una mano tra le cosce e l’altra sul seno. Torturo il capezzolo, tormento il clitoride, aumento i gemiti... se all’inizio stavo simulando il piacere, adesso invece sono in estasi.
Sono un lago tra le gambe. In quel momento sento il respiro affannoso di mio marito. Comprendo che lo spettacolo che gli sto offrendo non gli è indifferente. Comincia a toccarmi, una sua mano mi tocca il sedere, poi piano piano spinge via la mia da davanti e la sostituisce con la sua. I miei mugolii di piacere echeggiano nel silenzio della notte. Cerco con la mano di accarezzare il suo membro. Gliela passo sotto, sui testicoli tirati al massimo, li soppeso, glieli avvolgo a cucchiaio. Si avvicina di più a me. Tiro su una gamba e affamata e desiderosa, guido il suo membro nella mia intimità. Un gemito di piacere dal sentirmi piena mi scappa dalle labbra. Sento anche il suo grugnito. Con due dita gli tengo l’asta dentro me. Gliela stringo forte. Comincia a muoversi impazzito nel mio lago caldo. Le dita continuano a premere sulla base del pene per controllare il ritmo, per guidarlo, per succhiarlo. Scivolano quasi dentro alla vagina ogni volta che le spinge con più vigore. Si attacca ai miei seni con la bocca. Succhia come un bambino mai sazio. Mi sto contorcendo dal piacere. Le dita mi fanno male ma non voglio toglierle. Lui spinge a ritmo dei miei movimenti aumentando il nostro piacere. La sua bocca mi sta regalando emozioni uniche.
“Ancora... ancora... ancora... Sììì” - gli dico e con l’ultima spinta vengo, coperta dal sudore nonostante il freddo, nonostante sia nuda. Il piacere ha avvolto entrambi nello stesso istante. Mi bacia standomi ancora dentro e io calmo i battiti del cuore nel suo petto.

Ci giriamo guardandoci negli occhi, nonostante
il buio vedo i suoi brillare.
Ci sfioriamo le labbra ma senza baciarci, dispettoso, con l’indice, mi schiaccia forte il naso e sussurra:
“Ehi, ma doveva venire Alberto a casa nostra per farti dare di matto e farti fare quello che hai fatto? A saperlo, lo avrei invitato prima.”

“Guarda che se lo nomini ancora in questi momenti, ti tiro un calcio nelle parti basse”. - rispondo stufa.

“Certo che non fatico a crederci che lo faresti. Le “mie parti basse” come le chiami tu, non ti servono più. Ormai hai le mani, le dita, e se non dovessero bastarti...” - qui esita un po’.
“... chiamerò Alberto!” - completo la frase per lui.
Ridiamo a voce alta e solo in quel momento ci rendiamo conto che sono le due passate. Con fatica, riusciamo ad addormentarci, io con la testa nel suo petto, lui con le labbra sui miei capelli, come una volta, come ogni volta, sempre come fosse la prima.

Questo racconto di è stato letto 4 1 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.