Un sottoscala

Scritto da , il 2019-09-29, genere etero

Mi è sempre piaciuto ridurmi all’ultimo per fare i regali di Natale, l’angoscia di dover trovare qualcosa mi aguzza l’ingegno. Cose piccole, certo, ma qualche idea carina ce l’ho ogni volta. E’ vero, il 23 dicembre forse è un po’ troppo “all’ultimo”, ma ho praticamente finito, mi manca solo il regalo per mia sorella Martina e so già quale sarà. Il problema però è che Viola aveva promesso di accompagnarmi all’Apple store di Porta di Roma con il suo motorino, ma all’ultimo mi ha dato buca. L’influenza. E quindi cazzo, mi tocca andarci in autobus. Dice il sito che ne passa uno ogni venti minuti e poi da lì ce ne vogliono altri venticinque-trenta. Sì, magari, come no. Scema io che vivo in una città dove non riescono nemmeno a montare un albero di Natale decente e penso che gli autobus funzionino. Mi metto in cuffia i Vamps e aspetto. Gelo e aspetto. Poi, a un certo punto, ascolto quel pazzo di Calcutta cantare “tutte le strade mi portano alle tue mutande” e viaggio. Stretta come una sardina, tra l’indiano che puzza di curry e l’italiano di ascelle rancide che non si capisce come cazzo faccia a passare quell’odore attraverso camicie, maglioni, giacconi… Ahò, guardate che la siccità è finita! Li ho sempre odiati, gli autobus. Quello che ti tocca il culo e quell’altro che prova ad allungare le mani nello zainetto. Per questo ogni volta che posso vado a piedi. Che poi per lo zainetto passi, ma se permettete da chi farmi toccare il culo lo decido io.

Comunque sia, arrivo viva. Sull’autobus era impossibile, ma adesso che sono scesa posso divertirmi a fare un po’ l’oca. Il problema è che per strada non ce n’è uno che valga la pena, tranne un tipo un po’ grande e ben vestito, con un bel cappotto lungo e nero sotto il quale si intravede una cravatta. Gli uomini con la cravatta, soprattutto se un po’ grandi, iniziano a intrigarmi, non so perché. Lo guardo un po’ a lungo, il tempo giusto per una che sta zoccoleggiando, appunto, non per una brava ragazza che si fa gli affari suoi. Non intendo farci niente, sia chiaro. Mi diverto. Lui però non mi si fila nemmeno di striscio. Ehi, ma sono una ragazza anche più che carina! Non mi vuoi desiderare almeno un po’? Sei cieco? E che cazzo, sono abituata a occhiate di tutti i tipi, vuoi venirmi a dire che sono diventata trasparente? Ma vaffanculo, mi ci sento davvero trasparente…

Vabbè, pensiamo al regalo che è meglio. Mi immergo nel fiume di gente del centro commerciale e anche qui non mi caga nessuno nemmeno per sbaglio. Sono tutti impegnati a correre da un negozio all’altro e persino i mariti in giro con le mogli, quelli che di nascosto ti lanciano sguardi di pura e esclusiva voglia di farsi una fica diversa ogni tanto, mi ignorano.

Quando mi allontano dalla cassa dell’Apple store dopo aver fatto il mio acquisto, sono vagamente sotto shock, con i pensieri che vagano senza una meta precisa. E meno male che la fretta ti aguzza l’ingegno, Annalì… Sono stata cretina a non controllare il prezzo su internet, ma chi cazzo se l’aspettava? 180 euro per gli Air Pods, le cuffiette senza fili, e passa la paura. Benissimo, adesso posso anche andare a chiedere l’elemosina davanti ai bar o mettermi a fare la zoccola. Che però potrebbe anche non essere una cattiva idea, penso: chissà quanto potrei alzare con un pompino? Oppure, già che scema, adesso che ho rotto il ghiaccio (diciamo il ghiaccio) quanto potrei alzare pure dandola via? Chissà quali sono le tariffe? Dovrei ribeccare quel tipo che mi aveva preso per un’escort, quello cui questa estate ho succhiato quell’uccello enorme all’autogrill, per farmelo dire, magari lui lo saprà.

Che poi no, mi dico, ma no. Non ne sarei nemmeno capace. Per succhiargli il cazzo uno mi deve un minimo piacere, non dico che debba essere Brenton Thwaites ma insomma… non mi ci vedo proprio inginocchiata davanti a un ragioniere grasso e sudato che si eccita a svuotarsi i coglioni nella bocca di una ragazzina prima di tornare a cena in famiglia. Figuriamoci farsi scopare, poi. Ci ho messo una vita per trovare quello giusto… Però l’idea in sé mi ha sempre un po’ eccitata, quella di farsi pagare in cambio di sesso, voglio dire. Troia, no? Visto che mi piace un sacco farmelo dire gratis chissà come sarebbe mettendoci dei soldi sopra. Ma ripeto, sono cose che si pensano. Un po’ come sgrillettarsi immaginando di essere violentata. Io di certo non vorrei essere violentata, eh? Siamo matte? Ma ditemi se esiste una donna che mai, nemmeno una volta, non ha pensato di essere presa contro la sua volontà e sistemata per bene. Eddai, siamo oneste. Sistemata per bene, conciata per le feste, sbattuta… Ho voglia di rifarlo, di riprovare. Dopo la notte con Tommy sento che mi sta risalendo la febbre di qualche mese fa, quando facevo pompini a raffica. Solo che adesso non ho soltanto voglia di fare un pompino: ho voglia di fare un pompino e di essere scopata. Voglio dire, non ora, non qui in mezzo all’Apple store, non siate stupidi. In genere, intendo.

Solo che, sempre in tutta onestà, è vero che a Tommy ho detto che gliela do quando vuole, ma vista la distanza che ci separa chissà quanto tempo passerà prima di rivederlo, se ci rivedremo. E di aspettare io non ho tanta voglia. Anche perché lui se si trova qualche sgualdrina da portare a letto di certo non si tira indietro. La cosa mi fa girare i coglioni, ma del resto il nostro patto è questo.

Mentre questa sventagliata di cazzate mi attraversa il cervello sento una mano che si aggrappa alla manica del mio giaccone. Mi volto un po’ tra il sorpreso e il furibondo e per un attimo mi blocco. E’ un ragazzo, altissimo, con due spalle così e un petto che sembra piazza Navona che si nota benissimo sotto il suo North pole aperto. Un ciuffo delizioso e un accenno di barba sotto le basette che incorniciano un viso che, se non fosse per quei quattro o cinque brufoli che lo offendono, potrebbe essere quello di un angelo dai capelli e dagli occhi scuri. Se avessi quattordici-quindici anni gli esclamerei in faccia: “Oooooh!” mentre le ginocchia mi tremano e le mutandine mi si infradiciano. Invece, dato che non ho più quattordici-quindici anni, gli dico semplicemente:

– Cazzo vuoi?

– Ti è caduto questo…

Oh porco Giuda il pacchetto per Martina! Ma come cazzo ha fatto a scivolarmi dallo zainetto? Lo ringrazio, pentendomi un po’ della mia scorbuticità. Ma poco, eh? Sono ancora scossa dalla esosità della Apple.

– Cosa è? – mi chiede.

Poiché sono stata acida mi vergogno a dirgli “fatti i cazzi tuoi”. E poi, lo ammetto, mica mi dispiace avere l’occasione di osservarlo ancora un po’. Ma quanto sei figo, mi verrebbe da dirgli. Invece gli dico:

– Cuffiette, un regalo per mia sorella.

– Ah, e costano molto?

– Troppo, lascia stare. A fare una cazzata ci ho già pensato io…

Lui sorride un po’ imbarazzato.

– Sto cercando un regalo per la mia ragazza, ma non ho grandi idee, e poi qui costa tutto decisamente troppo per me…

Lo dice con un’aria così desolata che viene voglia di consolarlo. E a parte il fatto che la prima cosa che mi ha detto è che ha la ragazza, non mi sembra nemmeno un lumacone. Purtroppo. Magari lo fosse almeno un po’. Ma del resto è anche statisticamente difficile che uno così lo lascino a secco, le ragazze. Non hai voglia di provarci almeno un po’? Così, tanto per giocare un pochino.

No, nulla, non ce l’ha. Mi verrebbe da specchiarmi in qualche vetrina per controllare se nel frattempo, che ne so, magari mi sono spuntati i baffi o cose del genere. Ma com’è che oggi nessuno mi si incula?

Comunque, mentre ci avviamo verso l’uscita dell’Apple store, gli consiglio di cambiare un po’ genere, anche perché magari la sua lei, a meno che non sia proprio una fissata dell’hi tech, desidererebbe qualcosa di meno freddo, meno impersonale.

– Tipo? – mi chiede.

– Boh, non lo so. Anche un maglione, una sciarpa, un coordinato maglione e sciarpa…

– No, vedi lei – replica – è un tipo da cachemire, un po’ perché le piace un po’ perché la lana le pizzica…

Cazzo, vorrei avere io la lana che mi pizzica e beccarmi solo cachemire… E comunque c’è anche, che ne so, il pile. Nemmeno il pile va bene, e in sequenza non vanno bene neanche libri, coupon per scaricare musica, buoni per Netflix, altri tipi di abbigliamento.

– Intimo? – gli chiedo passando davanti a una vetrina – a me piacerebbe se il mio ragazzo mi regalasse dell’intimo, magari un po’ malizioso…

– Te l’ha già regalato? Che intendi per malizioso?

– No, non me l’ha mai regalato anche perché non ho il ragazzo…

– Non hai il ragazzo?

– No, vabbè, mica è obbligatorio…

– Ma se ce l’avessi e te la regalasse, tu ti metteresti quella roba lì?

“Quella roba lì” è un perizoma nemmeno troppo ridotto con un push up indossato da un manichino, nero, con le trasparenze al punto giusto. Obiettivamente carino.

– Beh, sì, perché no?

– Un po’… come dire, si vede tutto…

Resto un po’ basita per questa sbroccata di moralismo da parte di uno dell’età sua. Già, scusa ora che ci penso, ma quanti anni hai?

Esce fuori che si chiama Paolo, ne ha uno meno di me e va ancora al liceo, e questo me lo fa sentire un po’ cucciolo. Io che ho iniziato l’università da tre mesi, vuoi mettere? Ma soprattutto esce fuori che lui e la sua famiglia fanno parte di una comunità religiosa abbastanza integralista che a quanto ne so fa capo a una parrocchia vicino casa sua, che non è per nulla lontana da casa mia. E che naturalmente la sua ragazza l’ha conosciuta lì. Molte cose si spiegano, ora.

Ci sediamo a un tavolino appena lasciato libero e ci prendiamo un cappuccino. Offro io, con le ultime esangui finanze. E per un po’ mi perdo nella sua descrizione di questo magico mondo di comunità dove si prega insieme, si fanno un sacco di cose sempre insieme, tutti insieme, e via dicendo. E dove soprattutto, è scontato, non si scopa, a meno di non essere uniti in matrimonio. Ciò che mi fa riflettere su come un ragazzo e una ragazza possano fare coppia escludendo dal proprio orizzonte la questione sesso.

– Senza essere inopportuna – gli chiedo – ma in che modo state insieme tu e la tua ragazza? Cioè, non vi manca qualcosa?

Ride accondiscendente, perché è chiaro che lui e quelli come lui questa obiezione che gli viene dal “mondo di fuori” devono averla sentita ormai un milione di volte.

– Innanzitutto il legame spirituale è molto forte, è amore. E poi non è che ci stiamo proprio fermi fermi – ride – ci baciamo anche noi, ci stringiamo anche noi. Cioè, siamo come tutti! Solo che facciamo ciò che crediamo giusto fare. E tu per esempio che non hai il ragazzo? Come fai?

– Eh, non faccio perché non posso fare – gli rispondo – ma se l’avessi magari farei…

Mento, naturalmente, ma proprio non me la sento di dirgli che pur senza avere relazioni più o meno stabili ho succhiato un numero imprecisato di cazzi e che mi sono praticamente appena fatta deflorare da un ragazzo che vive tra Parma e Bologna e che non so nemmeno se rivedrò più, ma con il quale fino all’altro giorno mi sono sparata dei formidabili ditalini smessaggiando su WhatsApp. Mento inventandomi invece un altro ragazzo con cui sono stata due anni quando ero al liceo e con il quale, certo, l’unione spirituale era molto forte, come no, ma ogni tanto ci si lasciava andare anche alla passione. Un po’ più spinta, diciamo, dei baci e degli abbracci.

Lui risponde che sì, sa benissimo come vanno le cose, e che per esempio anche la sua ragazza gli dice che certi desideri li ha anche lei e che di per sé non sono nemmeno sbagliati, sono umani. E mentre parla io devo combattere una vera e propria battaglia con me stessa per costringermi a non domandargli: scusa, ma non ti ha mai fatto nemmeno una sega?

Battaglia persa, purtroppo.

– Scusa, ma non ti ha mai fatto nemmeno una sega? – gli chiedo, ma a bassa voce.

– No, la mia ragazza dice che è contrario ai comandamenti… Ha ragione. Sono regole di vita, ognuno le ha, noi rispettiamo quelle.

Qui comincia a starmi un po’ sul cazzo, debbo dire, se non altro perché inizia a ripetere le cose a pappagallo e questo mi infastidisce sempre un po’. Ma lo perdono perché è così carino, preferisco prendermela con la sua ragazza. Quella sì che mi sta sul cazzo, ormai. Non lo so se mi va di aiutarlo a cercare un regalo per lei. Resisto, stavolta con successo, alla tentazione di dirgli di regalarle un viaggio a Medjugorje. O a Lourdes, che sarebbe anche più appropriato. Gli dico invece che farebbe meglio a svegliarsi presto domani mattina e a farsi un lungo giro per negozi, per vedere se gli viene un’idea. Anche perché, vista l’ora e i tempi degli autobus, per me si è fatto abbastanza tardi e devo tornare a casa.

– Ma se vuoi ti do un passaggio io – mi fa.

E io accetto subito. Primo, perché non mi va proprio di tornare in autobus. Secondo, perché l’idea di piazzarmi sul sedile di dietro di un motorino a stretto contatto con quella sua schiena così dritta e ampia non mi dispiace per nulla.

Lui però non ha la moto, ha uno scaldapizzette, una di quelle microcar nelle quali si rischia a ogni incrocio di essere schiacciati da un monopattino e si sta stretti stretti. Cosa che, appunto, non mi dispiace per niente. Il mistero semmai è come cazzo faccia a entrarci lui.

Mentre ci avviamo al parcheggio stronco l’ultimo tentativo di conversazione a sfondo religioso, anche perché mi sono ormai rotta i coglioni, quando lui mi chiede se non mi andrebbe di venire una volta alle loro…. seee.

Gli rispondo che no, che ho fatto altre scelte ma che comunque sono andata fino a tutte le medie a scuola dalle suore, con la camicetta e i calzettoni bianchi, la gonna blu plissettata e tutto il resto. Il che forse fa di me ai suoi occhi una pecorella smarrita ma non troppo. Non gli dico che ho deciso di mollare tutto quando ho scoperto che ai ragazzini della mia età piaceva infilarci le mani sotto, alla mia gonna plissettata, e che anche a me sentirmi toccare le mutandine in quel punto piaceva un sacco. E non gli dico nemmeno quanto mi piacerebbe adesso rimettermi quelle cose addosso e soprattutto cosa mi piacerebbe farci con quelle cose addosso: avete presente i porno manga giapponesi?

Per il resto, invece, il viaggio verso casa va benissimo e finalmente parliamo di cose amene: musica, libri, cinema, serie tv e persino qualche pub. Mi affascina, lo capisco d’un tratto, il suo tono di voce. E’ una cosa alla quale sono parecchio sensibile. E mi affascina la sua bellezza, la sua prestanza, ma questo ve l’ho già detto.

– Abitiamo nello stesso quartiere e non t’ho mai visto, altrimenti ti ricorderei – gli dico un po’ sfacciata. Lui sorride e arrossisce e io penso che è delizioso pure quando arrossisce e che, insomma, il vero peccato è che sia così intruppato in quelle sue convinzioni, non quello di fargli una sega come dice quella stronza della sua fidanzata.

Non ho cattive intenzioni, giuro. Anzi mi sento quasi materna. No, ok, esagero, materna no. Ma insomma, so benissimo che mi sono goduta esteticamente un bel manzo per un pomeriggio e tra un po’ il giochetto sarà finito. Peccato-bis.

Riconosco il quartiere e anche la strada nella quale rallenta.

– Io sarei arrivato, ma se mi dici dove abiti ti ci porto – mi fa.

– Non ti preoccupare, grazie, vado a piedi.

Ho davvero voglia di andare a piedi a casa, saranno cinquecento metri, e di lasciarmi divertita alle spalle questo tipo. In fin dei conti, mi dico, è stata un’esperienza anche questa. Lui parcheggia tra due cassonetti e scendiamo.

– Senti… – dice lui un po’ incerto mentre sto per congedarlo – io però dovrei fare una cosa, dovrei proprio…

– Cioè? Ok, dimmi…

Di colpo mi si butta addosso, mi afferra la testa tra le mani e mi bacia. O meglio, non è nemmeno un bacio visto che i suoi denti sbattono sui miei tanta è la foga, però mi infila la lingua in bocca e inizia a rotearla come un matto. E poiché mi schiaccia anche un po’ le narici io non ci metto molto a finire in apnea. Quando finalmente mi molla ansimo come un mantice, devo avere lo sguardo stravolto dalla sorpresa e dalla mancanza d’aria. Il suo, di sguardo, è anche peggio. Sembra impaurito di quello che ha fatto e incerto su cosa fare adesso. Anzi, diciamola meglio: ha proprio l’espressione di uno che si è reso conto di avere fatto un’enorme cazzata. Chissà che gli è preso, forse non dovevo chiedergli se la sua ragazza gli ha mai fatto una sega.

A me invece scatta qualcosa dentro. Poche ore fa mi ero sentita trasparente e nemmeno degna di uno sguardo allupato, ora non mi ci sento per niente. E poi ok, è un puritano del cazzo ma fisicamente attizzerebbe chiunque, tranne la sua fidanzata a quel che capisco.

Ma questo non sarebbe sufficiente a farmi fare ciò che sto per fare. C’è un’altra molla che mi spinge verso di lui, molto più forte. E’ la voglia di fargli fare qualcosa per cui sentirsi in colpa. Fargli assaggiare la mela proibita. Sono quella troia di Eva, piccolo.

Avanzo verso di lui e stavolta sono io a prendergli la testa tra le mani, gli faccio capire cos’è un vero bacio e che a volte fare qualche cazzata ha un suo perché, gli faccio capire cosa significa avere una che gli si struscia addosso. Sono esplosa anche io. E anche se l’esplosione rimarrà sul marciapiede, sticazzi.

Non so nemmeno come faccia, perché mi sto schiacciando su di lui e ho gli occhi solo su di lui, ma apre il portone e nasconde quella che sta ormai diventando una limonata in piena regola agli sguardi dei passanti. Attraversiamo un piccolo androne e poi sfociamo in un cortile, dove si affacciano una serie di palazzine. Apre trafelato il portoncino di una di queste mentre con l’altra mano mi palpa il culo da sopra i leggins. Proprio così audace non me l’aspettavo, intendevi questo quando dicevi che tu e la tua ragazza vi baciate e vi stringete? Ma godo di quell’artiglio, sia chiaro, mi stringo di più a lui e cerco di passargli la mano su quella piazza d’armi che è il suo petto. Mi sto bagnando, lo sento distintamente.

– Vieni, vieni, vieni – mi fa strattonandomi, tirandomi per un braccio. Non so chi sia il più arrapato dei due.

Non ho la minima idea di cosa voglia fare una volta varcato il portoncino, penso che mi porti su da lui, che quella sia casa sua (e lo è per forza, ha le chiavi!). Lui, invece, ha un’idea da matti, almeno per me. Mi trascina baciandomi verso una scala dietro il vano ascensore, di quelle che scendono giù alle cantine, non so se avete presente. Si blocca a metà discesa e praticamente mi appiccica alla parete. Mette le mani sotto il mio maglione e travolge il reggiseno, mentre mi strizza le tette mi infila la lingua in bocca e mi invade che è un piacere. Io non sono bassa, ma in questo momento mi sento come sovrastata.

Poi scende giù con la mano dentro i leggins, dentro le mutandine e mi trova così come sono: fradicia. Vorrei che indugiasse, cioè credo che vorrei che indugiasse, in realtà non so più bene un cazzo. Ma ad ogni modo mi infila di colpo un dito dentro. Credo proprio che sia la prima volta che lo fa, e lo fa male.

– Ahia! – cerco di strozzare un grido.

Ma porca troia, ho preso il mio primo cazzo l’altro giorno, sono stretta! Non è che perché ti ho detto quelle cose prima ce l’ho aperta come un traforo! Vorrei dirglielo, ma ovviamente lascio perdere anche stavolta. Gli chiedo solo singhiozzando di fare piano, quasi scusandomi persino. Sotto i miei capelli biondi devo proprio avere qualcosa che non funziona.

Lui non so nemmeno se mi sente, continua a scavarmi con il suo dito, mi lecca il collo e poi mi sussurra all’orecchio:

– Dice la mia ragazza che quelle che se la depilano sono delle puttane…

Ma basta! Ma chi cazzo è la tua ragazza, Madre Teresa di Calcutta? E poi che me ne frega a me? Pensa te che per colpa della tua ragazza è la prima volta che mi chiamano puttana e non mi eccito nemmeno! L’ultima persona di cui voglio sentire parlare in questo momento è la tua ragazza! Non voglio proprio toccare l’argomento.

Quello che invece voglio toccare è il suo cazzo.

Gli slaccio la cintura e gli abbasso la zip. Glielo tiro fuori a fatica, maledetti boxer troppo attillati. E’ un trionfo, è bello duro e caldo nella mia mano. E’ un regalo di Natale con un giorno di anticipo.

– Fatti scopare, voglio scopare… – ansima lui appena glielo scappello. Mi si spinge addosso, mi schiaccia.

Ve lo ricordate il ragazzino cattolico e timorato che ho incontrato al centro commerciale un paio di ore fa? Beh, è diventato grande. All’improvviso. Non solo mi è saltato addosso ma mi ha portata in un sottoscala e ha iniziato a perquisirmi la fica. Pensavo al massimo a un ditalino e invece no… Questo mi vuole proprio… beh sì, l’ha usata lui quella parola: scopare.

– No, no! Non qui, sei matto? – gli dico.

E glielo dico perché sono una vigliacca. Perché in realtà vorrei che mi prendesse di forza, mi trafiggesse, che mi ci inchiodasse al muro con il suo bel cazzo.

E anche lui è un vigliacco perché si ferma davanti ai miei no, perché non mi strappa via tutto e non mi fa capire chi comanda.

Ok, devo prendermi le mie responsabilità, da ragazza più grande, mettiamola così. Non senza avergli prima fatto capire che con Madre Teresa di Calcutta, in questo momento, si starebbe divertendo molto di meno.

– Adesso ti faccio vedere cosa fanno, le puttane… – gli dico guardandolo negli occhi mentre mi inginocchio.

– Sì! – fa lui stravolto – fammi un pompino…

Beh, ok, almeno la teoria la conosce. Glielo imbocco mentre mi domando dove abbia imparato queste cose, in chiesa no di sicuro. Ma appena sento la punta bagnata del suo uccello non penso ad altro e comincio a succhiare, leccare, stimolargli la parte sotto il glande. Dove è più sensibile, dove freme, dove trema poggiandomi una mano sulla testa.

Mi fermo un attimo tenendoglielo in mano e guardandolo dal basso verso l’alto. E’ davvero lungo, imponente. E io per giunta sono pure inginocchiata un gradino più sotto. Ma sono io ad averlo in pugno. Saranno pure due bacchettoni, lui e quella sua cazzo di ragazza, ma la verità è che in questo momento sto spompinando un gran figo.

– Allora – gli chiedo – sono una puttana?

– N-no – fa lui incerto, impaurito.

– Sì, idiota. E tu me lo devi dire mentre ti succhio il cazzo, altro che quella zoccola repressa della tua ragazza.

Mi rituffo a pompare come una forsennata fino a farmelo sbattere in gola e a gorgogliare. Chissenefrega se entra qualcuno e ci sente. Infilo una manina nelle mutandine e cerco di darmi piacere da sola. Ma lui oltre a sospirare non dice niente, e dura anche troppo poco. Dopo un po’ di affondi scoppia, letteralmente. Mi spara dentro una tale serie di scariche di sperma che non riesco a mandarlo giù tutto. E per di più lui inizia a spingere, a scoparmi la testa. Per istinto, credo, più che per perversione vera e propria. Magari fosse quella.

Sia come sia, mi annega, mi manda in apnea, ne schizza troppa. E che cazzo, ma fattela una sega ogni tanto, no? Da quanto tempo non sborri? Da mai?

Più spinge più il suo seme trabocca, schiuma, mi cola sul mento e poi per terra. Del resto se dalle mie parti questo si chiama spumone un motivo ci sarà, no?

All’improvviso succede una cosa che non capisco. Si arresta, come fulminato e mi guarda quasi con terrore. No, anzi, la parola giusta è orrore.

– Oh cazzo cazzo cazzo – dice mentre se lo rimette dentro e si aggiusta i pantaloni.

Poi si volta e inizia a correre su per le scale, sento il rumore sordo dei suoi passi, anzi dei suoi salti, fino ai piani superiori. E quando mi riprendo dallo stupore… e niente, ho la conferma di avere incrociato un deficiente. Mi ripulisco il muso dal suo sperma con un dito, me lo succhio e mi dico che però non c’è male. Almeno in quanto a sapore e quantità. Com’è che si dice? Ottimo e abbondante?

Questo racconto di è stato letto 3 4 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.