Le interviste di Radio ER: la sensualità di Malena N.

Scritto da , il 2019-04-23, genere interviste

Giulia BombeSode, la biondina conduttrice di Radio ER, mi aveva preso in simpatia (e non solo) e proposto di condurre con lei in studio una serie di interviste ai diversi autori di ER. Il programma era molto seguito e commentato: la settimana precedente avevo fatto io stesso da apripista, sottoponendomi al fuoco di fila delle sue domande. Oggi Giulia – che in onore al suo nome d'arte, possedeva due bombe di almeno cinque taglie – indossava l'abituale giacca in pelle nera, con camicetta scollata, jeans e tacchi a spillo.

Da quando avevo saputo il nome della nostra ospite speciale, ero emozionatissimo e particolarmente eccitato! In diretta avremmo avuto con noi una vera star di ER, un'autrice che – a giudicare dai commenti e dal numero di lettori – in molti amano per la potenza dei suoi testi e l'energia del suo linguaggio.

In attesa del suo avvento ("Pifferaio sto arrivando, venti minuti e sono lì da voi"), per rilassarmi ed essere pronto a entrare in studio, avevo seguito il consiglio di Giulia, che la volta prima si era offerta di farmi conoscere la sublime arte dei suoi pompini. In camerino avevo così sperimentato una tecnica anti stress vecchia come il mondo, ma efficace e corroborante come poche altre.

Mentre ci sistemiamo le cuffie audio e i fogli con gli appunti, al di là del vetro ecco arrivare la nostra ospite trafelata. Malena N emana un fascino che non passa inosservato, gli assistenti in regia balbettano confusi. Lei saluta entrambi con un bacio casto sulla guancia, si ravviva i capelli color castano rame e ci guarda incuriosita.

– Quarantacinque secondi e siamo in onda – ci dice BombeSode col suo solito piglio, mentre osservo incantato la tonalità di verde degli occhi di Malena. In attesa di essere intervistata, la giovane napoletana sembra perfettamente a suo agio, sebbene in radio faccia molto caldo. Per l'occasione indossa una canotta morbida in seta bordeaux con bordo di pizzo sul seno. Jeans neri stretti alla caviglia e stivaletti scuri con tacchi che ipnotizzano la mia attenzione.

– Eccoci qua, scrittori e lettori di Radio ER, l'unica emittente che continua a farvi risparmiare in medici e medicine... Sono la vostra Giulia BombeSode che da oggi condurrà le tanto attese interviste insieme a un esperto in materia di domande. Ciao Pifferaio Magico, benvenuto in studio!

– Ciao Giulia, un saluto a tutti i radioascoltatori – dico rifugiandomi in un classico esordio da diretta, in parte distratto dalle lentiggini di Malena e in parte ancora sottosopra per il rimedio anti stress di poco prima. L'ospite sorride, scioglie la tensione giocherellando con un sottile braccialetto d’argento. Mi ricordo solo ora che tocca a me introdurla.

– Allora Pifferaio, chi ci hai portato oggi in studio? Vedo qui di fianco a noi una splendida ragazza dallo sguardo vivace e dalla penna davvero erotica!

– Eh sì Giulia, certamente! È un onore poter intervistare Malena N, una delle autrici più popolari di ER... Come stai, Malena? Grazie di cuore per aver accettato il nostro invito!

– Benone, grazie! Siete una bella coppia, Giulia e Pifferaio. Immagino abbiate preparato una serie di domande stuzzicanti... Jà, sono pronta!

– Fantastico Malena – attacca BombeSode – siamo pronti anche noi. Ci hai chiesto di mandare questa intervista in una fascia oraria protetta. Noi rilanciamo e vorremmo definirla "fascia oraria protettissima"..!! Sentiti libera di spaziare senza freni.

– Vedremo – sorride Malena – dipende da voi e dalle vostre domande...

– Allora Malena – riprendo io – i numeri del tuo percorso in ER parlano da soli: 51 racconti pubblicati in due anni e due mesi, da febbraio 2017 a oggi. Come ti sei imbattuta in ER?

– Cinquantuno racconti in due anni? I numeri mi hanno sempre messo ansia. Eppure è così. Mi sono data proprio da fare! ER nasce come una sfida, un gioco. Mi è sempre piaciuto scrivere. Non avevo ancora mai scritto di erotico e un giorno, per eccitare il protagonista dei miei racconti, sono approdata sul sito. Già lo conoscevo, come conoscevo altri siti, ma ER mi è sembrato il più sicuro.

– Che emozione provi quando pubblichi un nuovo racconto?

– Mi avete assicurato la fascia protetta, giusto? Ahahahahahah... Che emozione provo... Mi eccita sempre pubblicare. Mi eccita scrivere e poi rileggermi sul sito scoprendo cosa ha messo insieme la mia mente malata. Mi eccita il pensiero che lui possa leggere e rivivere certe cose. Mi eccita mettermi nero su bianco. Lo faccio prima di tutto per dare piacere a me stessa. Mi bagno, insomma. Prima e dopo.

Mi asciugo il sudore con il fazzoletto. Giulia è entusiasta di questo inizio a temperatura tropicale. Malena beve un bicchiere d'acqua e ci guarda divertita. La sfida è solo cominciata.

– E che emozione provi quando leggi i commenti?

– I commenti mi incuriosiscono e non poco. Mi lusingano addirittura a volte. Capire cosa è arrivato di me a chi legge è sempre affascinante.

– In che momento della giornata o nottata scrivi?

– Scrivo quando sono ispirata. Non c'è un momento della giornata che prediligo anche se, lavorando la sera, ho decisamente più tempo la mattina. Ma anche questo non fa testo. Mi è capitato di scrivere mentre ero al lavoro. Molte volte ho scritto poche ore prima di pubblicare. A caldo, ecco.

– I nostri ascoltatori ci hanno chiesto su cosa scrivi: computer, iPad, smartphone?

– Ma ci credi se ti dico che ho quasi sempre scritto su fogli random trovati in giro? Io adoro penna e foglio. Ma impazzivo poi a ricopiare direttamente su ER. Una follia! Soprattutto perché lasciavo distrattamente i fogli in giro ahahah... Poi qualcuno mi ha insegnato a fare diversamente. Eeeh la tecnologia... questa sconosciuta!

– Come procede la stesura dei tuoi testi? Hai un metodo, ti interrompi o scrivi tutto di fila?

– Tutto di fila. Quasi sempre senza interruzioni. E se ci sono, sono brevissime. Non mi piace perdere il filo. Butto giù istintivamente, senza alcun metodo. Poi ovviamente “sistemo” prima di pubblicare.

– Qualcun altro rilegge oltre a te?

– Premetto che non amo “anticipare” né chiedere permessi o approvazioni. Ciò che scrivo deve piacere a me per prima perché sono questa, e mi sento libera di esprimermi come meglio credo. L’unica a cui ho fatto leggere molte volte i miei racconti in anteprima è Bimba79, che ho conosciuto su ER. Questione di pelle, affinità.

– Da dove trai ispirazioni? Quanto la realtà influenza la tua scrittura?

– Ehi Pifferaio... Tutto ciò che ho scritto è strettamente legato alla realtà. I miei sono più sfoghi che racconti, forse. A tratti ho “romanzato” fatti accaduti. Altre volte ho riportato cose così come sono avvenute. Tutto è successo però. La mia ispirazione è lui. Il nostro rapporto, i nostri giochi.

– In che cosa ti senti diversa rispetto agli altri autori e autrici?

– In cosa mi sento diversa...? Innanzitutto nella necessità che non ho di sperimentare generi che non mi appartengono. A costo di essere ripetitiva e forse anche noiosa, pago lo scotto di essere sempre Malena. Io ho bisogno di esternare la mia sessualità, di parlare di me. Essere me stessa mi fa sentire già diversa.

– Di solito pubblichi nel genere Masturbazione ed Etero: casualità o predilezione?

– Di certo predilezione per la masturbazione. L’autoerotismo fa parte delle mie giornate. Molte persone associano la masturbazione alla scarsità di rapporti sessuali. Io non la vivo così. Più il rapporto è soddisfacente, più ho voglia di ricordare il piacere fisico che ho provato. E poi esplorare il mio corpo mi rende più consapevole di ciò che mi piace. Così poi posso chiederlo... Ahahahahahahaha... Per il resto non sono legata a nessun genere in particolare. Di sicuro sono banditi Zoofilia e Incesti.

– Bene amici..!! – irrompe Giulia BombeSode – è il momento per una piccola pausa. Qui come potete aver capito, la temperatura si sta facendo sempre più bollente. Noi ci facciamo portare tre bibite ghiacciate... Voi restate lì in ascolto, ci ritroviamo tra due-tre minuti... Perché il bello deve ancora arrivare..!!

E meno male che il bello deve ancora arrivare, penso io tracannando il bicchiere di Coca-Cola. Malena è entusiasta, chiacchiera senza sforzo con Giulia, aspira dalla cannuccia. Io le osservo il reggiseno sotto la canotta: un balconcino nero senza bretelle, né coppette o imbottiture. Naturale e spontanea, nel fisico così come nella comunicazione. Il binomio occhi verdi e lentiggini mi accompagnerà per molte notti.

– Eccoci ragazze e ragazzi..!! Per chi si fosse perso la prima parte, e mi dispiace per voi, vi dico che oggi in diretta a Radio ER abbiamo Malena N... E ho detto tutto! Qui è sempre la vostra Giulia, insieme al simpatico e sbarazzino Pifferaio, a intervistare la nostra erotica ospite. Parliamo un po' di Malena lettrice: in che momenti ti capita di leggere i racconti dei tuoi colleghi su ER?

– Mi viene da dire che leggo ER quando ne ho voglia. Molto spesso di notte quando torno a casa dopo il lavoro. Altre volte la mattina quando mi sveglio come un maschietto con... l’alzabandiera! Ahahah... Anche in mezzo alla gente. E ti accorgeresti che sono particolarmente applicata nella lettura dal fatto che la mia mano passa continuamente sull’orecchio e nei capelli.

– Cosa ti piace di ER, cosa ti diverte?

– Di ER mi piacciono sicuramente gli scambi interessanti che ho con le persone conosciute anche solo attraverso i commenti. Sono attratta dalle varie identità e personalità. Mi piace il confronto sulla diversa visione che ognuno ha del sesso... Mi diverte la follia di qualcuno. La faccia di culo di altri. Più di tutto mi piace leggere tra le righe, capire chi si nasconde dietro una storia. Condividere gusti e deviazioni.

– Che tipo di personaggi preferisci, Malena?

– Ehm... Mi piacciono i personaggi meno “personaggi” possibile. Quelli che mi trasmettono passione, che si divertono e mi fanno ridere. Quelli che non sono perfetti, che sbagliano tutto. E quelli che mi emozionano. Poi anche quelli che non sanno mai qual è la cosa giusta da fare e che quando lo sanno... non la fanno comunque! Quelli che mi mettono addosso una fottuta voglia.

– Quali invece non sopporti o non leggi?

– Non mi piacciono le madri e i padri che sbavano dietro ai figli e viceversa. Non mi piacciono le donne che si sono scopate tutta la settima discendenza compresi gli animali domestici. Non mi piacciono gli uomini e le donne che nelle donne e negli uomini che hanno di fronte vedono solo un cazzo o una fica. Non mi piacciono le “ciao sono Jessica, sono alta 1.60, ho la quinta di tette e un culetto veramente sodo...”. Più di tutto non mi piacciono i personaggi buonisti, quelli che mangiano pane e moralismo a colazione. Quelli che ti fanno sempre la lezioncina con morale della favola annesso. Questo è un mio limite forse. Io non dimentico mai dove sono. E da ER mi aspetto leggerezza. Sono approdata qui per scrivere e leggere di sesso, amore, passione.

– Immagino – riprende BombeSode – che all'interno di ER tu abbia un autore o un'autrice preferita. Ci puoi dire chi è?

– Ahahahahahah – esplode Malena con una risata – che cazzo di domanda mi fai? È come se mi avessi chiesto di scegliere una SOLA COSA fra tutte le cose che mi piace fare a letto e non solo! Ahahah... Certi giorni ho bisogno di essere presa con forza, di essere scopata. Ho bisogno di sentirmi sporca, di dire parolacce. Altre volte mi viene voglia di fare l’amore e quindi pretendo compostezza erotica, raramente ma succede anche questo, ahahahahaha... Quindi cosa mi stai chiedendo..?!? Mi sento come una che deve scegliere fra un violento anale e un dolce missionario! Dolce! Ma ho detto dolce...?!? Cazzo! Ahahahahah...

I tecnici della regia si divertono come matti. Uno di questi, con la bocca ancora aperta, sembra quasi sbavare dietro al vetro... La presenza di Malena ha generato una carica erotica senza paragoni. Sul monitor inizia a scorrere un lungo elenco di messaggi in arrivo dagli ascoltatori.

– A proposito di lettura: quale genere o categoria preferisci in ER?

– Non è solo la categoria che “scelgo”. O meglio non sempre. Se ci fosse la categoria “anale” sarebbe tutta un'altra storia ahahahaha...!! Di un racconto mi può attrarre anche il titolo o la firma degli autori che mi piacciono e che leggo. Come ho detto prima, di sicuro non sceglierò mai zoofilia o incesti.

– Scusaci Malena – interviene BombeSode – un ascoltatore ci chiede cosa ti spinge a commentare i racconti degli altri?

– Ti dirò... Ho sempre commentato con il piacere di farlo. Non mi sono mai sentita obbligata. Commento quando ho qualcosa da dire, quando provo un sentimento, anche se quel sentimento è negativo... Commento per esprimere ciò che mi ha trasmesso il racconto, quello che ho percepito.

– Ma – intervengo pensando alla Malena di tutti i giorni – nella vita vera scrivi altre cose, per diletto o per lavoro, o solo qui su ER?

– Nella vita vera, come la chiami tu, scrivo anche di altro. Scrivo per passione. Racconti. Diari. Sono molto ironica, mi diverto anche a tracciare il profilo psicologico di chi mi circonda. Prendo spunto da un atteggiamento, da come una persona sta a tavola. Da quello che mangia. Mi diverte molto..!! Stai attento Pifferaio, che ti sto osservando ahahahahahaha...

Accetto la provocazione, sorridendo a Malena.

– E quindi porti avanti altre... espressioni hobbistiche?

– Dimmi la verità! Hai usato “espressioni hobbistiche” perché il plurale di hobby non piace neanche a te ahahahahahah! A me non piace proprio la parola hobby. Faccio un sacco di cose. Leggo molto e non solo erotico. Mi piace l’arte, la musica. Pratico sport a tratti. Passo molto tempo fra negozi di intimo e sexy shop. Quest’ultima è proprio una mania che mi porterà alla bancarotta!

– Parliamo di Malena donna – domanda Giulia – qual è la frase più sentimentale che ti hanno detto?

– Non so che cosa intendi di preciso quando parli di “sentimentale”. Però so che la tua domanda mi ha fatto subito pensare a una frase. Preferisco non dirla, è troppo intima.

– E la frase più idiota? – dico io.

– La più idiota è sicuramente “che begli occhi che hai” pronunciata guardandomi le tette! Ahahahahahaha..!!

– E quella più erotico-sensuale?

– So che per molte donne le parole “troia” o “puttana” non hanno nulla di erotico. Per me, invece, racchiudono il senso di ciò che una donna è disposta a fare per godere del suo uomo e CON il suo uomo. Quindi lascerei alle bigotte l’accezione negativa del termine e darei la risposta definitiva. La cosa più erotica che mi hanno detto è che sono una troia. Non c'è niente di più sensuale che sentire la sua voce calda ed eccitata pronunciare “sei una troia”.

Io e Giulia ci guardiamo. BombeSode sposta lo sguardo verso la regia. I messaggi che giungono via WhatsApp e social sono decine. L'energia di Malena ha sparigliato la mappa del programma. Bevo un sorso di Coca-Cola mentre Giulia cerca di volteggiare in equilibrio.

– Cosa fai con un potenziale partner? Come lo conquisti? Come ami farti conquistare? – chiede Giulia con un tono alla Barbara D'Urso...

– Non mi sono mai posta tante domande in proposito. So che di un uomo mi colpisce lo sguardo, devo sentire i suoi occhi addosso, la sua presenza. Sono attratta da un gesto, dalla sensualità. Un uomo deve ispirarmi sesso. Non deve essere un gran chiacchierone, preferisco il linguaggio del corpo. Come lo conquisto? Nessuna strategia.

– Qual è per te l'amante ideale?

– L’amante ideale... È un amante curioso. Sa fare l’amore e sa scopare. È un uomo aperto e di larghe vedute, che ama sperimentare e soprattutto non è egoista. L’amante ideale mi lascia libertà di espressione. È un uomo che sa godere del mio corpo per il piacere di entrambi. Si concede senza riserve: mi guarda negli occhi e lascia la luce accesa.

– E qual è l'amante da prendere a calci? – provo a sdrammatizzare un po'. Ma Malena riparte con energia.

– L’amante da prendere a calci? Ahahahahahahaha... potrei fare una lista infinita. I signori “secondo me con me ti divertiresti” sono i miei preferiti. Di solito mi viene una fottuta voglia di dargli una lezioncina di quelle come si deve, ma per fortuna desisto. L’amante da prendere a calci è quello noioso. È quello che pensa che la donna abbia necessariamente bisogno di parole carine e infiniti preliminari. È quello che fa l’amore solo sul letto e alla sera. È quello che non sa “giocare”. È quello che non sa intrigare. Provocare. Sedurre. Istigare.

Mentre si dissolve l'immagine di un ipotetico amante preso a calci, chiedo a Malena quali siano i suoi sogni erotici.

– Oh Dio Pifferaio..!! Un sogno erotico?!? Ahahahahahaha... Per dirti ciò che sto per dire dovrei spiegarti tutto dall’inizio! Ma facciamo che te lo dico e basta! Anche perché potrei scriverci un racconto. Sogno che mi venga strappato di dosso un abitino rosso molto sexy, che ho comprato recentemente. Siccome in un'occasione particolare mi è stato chiesto di toglierlo lentamente e mi sono rifiutata, ora vorrei che mi venisse strappato con furia per punizione. Ah! Il sogno prevede anche che lui mi tolga le scarpe e mi infili in tutti i buchi il tacco dodici della mia décolleté nera ahahahahahahah...

BombeSode è incerta se mandare la pubblicità. Prima che prenda iniziative, le faccio capire che bisogna surfare sull'onda più grande.

– Malena, i nostri ascoltatori vorrebbero sapere qual è la tua biancheria preferita...

La nostra ospite si aspettava la domanda.

– Non è più un segreto ormai. Ho una vera e propria fissazione per l’intimo. Amo la biancheria nera in pizzo. E così tutti i giorni, anche se indosso jeans e maglietta, da qualche parte, sotto, devo avere anche solo un bordino in pizzo! Ahahahahahah è una malattia! Nel sesso poi è un'altra storia ancora. Mi piace osare. Mi piacciono i travestimenti. Uso autoreggenti, vestitini molto sexy. Anche body. Intimo da mignotta... Si può dire...?!? Ahahahahahaha!

Giulia si sgancia per un attimo cambiando tema. Eppure la facevo pronta a questo ping-pong erotico.

– Malena, il tuo cibo preferito?

Lei capisce e gioca come un gatto con il topo.

– Cosa mi piace mangiare...?!? Ma una domanda di riserva?!? Ti dirò che amo mangiare, il cibo è una delle mie più grandi passioni insieme al vino. Passo dallo street food a piatti sofisticati di ogni genere, senza scordare la pizza, ovviamente!

– Quindi possiamo chiederti quale marca di champagne ti appaghi di più e perché?

– Lo champagne... Le bollicine mi mettono allegria. Passando sopra a tutti gli abbinamenti, in certe occasioni, mi piace come accompagnamento all’intera cena. Se nomino qualche millesimato di Bollinger... devo necessariamente spiegare perché mi piace...?!? Magari te ne offro un calice e non devo più spiegarti nulla! Cameriere... champagne! – dice alzando la mano divertita all'indirizzo dei ragazzi in regia.

– Un noto settimanale (7 del Corriere) ha una rubrica surreale: si chiama "Se tu fossi l'imperatrice del mondo". Quali sono le tre cose che faresti il primo giorno, Malena, se fossi tu l'imperatrice?

– Se io fossi l’imperatrice del mondo, il primo giorno abdicherei in favore del mio uomo. Mi piace di più essere la grande donna che si nasconde dietro un grande uomo. E poi vuoi mettere il divertimento? Fargli un pompino mentre... è in tensione per decidere le sorti del mondo ahahahahahaha..!!

La trasmissione volge ai minuti finali. Sarebbero molte le domande rimaste in sospeso, sia da parte nostra che dal pubblico che ascolta. Chiediamo entrambi a Malena da dove arrivi il suo nickname.

– Malena Enne? Malena l’ho scelto perché sono un amante del porno e l’intenzione era scegliere il nome di un'attrice di film hard. Poi se mi chiedi perché ho scelto Malena piuttosto che Moana o un altro ancora, la spiegazione è molto semplice. Nel periodo in cui sceglievo il nick per ER, Malena compariva praticamente dappertutto perché era la concorrente di un reality. Enne è una lettera che mi sta a cuore. E poi non dimentichiamoci che sono di Napoli!

Malena Enne mi fa venire in mente Madame Elle, un personaggio dei miei racconti. Malena nei commenti mi aveva scritto di sentirsi apparentata con la mistress dagli occhi di ghiaccio.

– A proposito di Madame L – chiedo – c'è una forza dominante che ti stimola?

– Madame L... Ahahahahaha, mi sta troppo simpatica. È una donna che sa il fatto suo e la sua indole da mistress mi affascina parecchio. Ci accomuna l’audacia sicuramente! Ma anche l’aver bevuto sperma da un calice. Lei lo ha usato come selz... Nel mio caso me era in purezza! Ahahahaha! Per quanto riguarda la dominazione non ne amo gli stereotipi. C'è in me una forza dominante che aspetta solo di essere dominata! In verità, mi piacciono i testa a testa.

Ritorno su un gioco scherzoso già fatto in passato.

– Malena, quando si inaugura il tuo FanClub?

– Ahahahahah il mio fan club... Tutto quello che posso fare io è partecipare all’inaugurazione e firmare gli autografi, indossando uno dei miei vestitini succinti. Fammi sapere quando...

BombeSode vede i gesti dalla regia e cala la domanda finale.

– Quando facciamo partire la sezione audio di ER? Ti sentiresti portata?

– La sezione audio su ER mi piacerebbe un sacco – esplode di entusiasmo Malena – Non è che mi "sento" portata: SONO portata..!! Ho anche i testimoni ahahahahahah. Vuoi che te ne legga uno qui, su radio ER..??!

Malena forse non sospetta che sono arrivato preparato. Fra i miei appunti ho un foglio con due racconti stampati. Entrambi scritti da lei.

– Dai Malena, quale scegli di leggere qui in diretta per i nostri ascoltatori? Questo qui davanti si chiama "Leccami", quello stampato dietro è invece titolato "Cazzo, Malena, cazzo"...

Lei prende il foglio tra le mani, lo gira due o tre volte avanti e indietro. Mi guarda con quegli occhi verdi che non danno scampo. Allunga una mano toccandomi il polso.

– Leggo questo, mettiti comodo. Mettetevi comodi voi a casa.

– Attenzione amici – prova a intervenire Giulia con la grazia di un elefante fuori contesto. La fulmino con uno sguardo. Anche lei ogni tanto capisce quando deve stare zitta. Malena avvicina le labbra al microfono e trova un tono più basso, suadente. La sezione audio è ufficialmente partita.

– E sono qui. Mi guardi soddisfatto e sicuro con l'aria di chi sapeva già che mi avrebbe trovata qui, dove mi aveva lasciata. Non la capisco questa voglia. È malata, indecente. È perversa, immorale. Sono calda. Toccami. Calda e smaniosa. Smaniosa e impaziente. E impaziente come la fica gonfia e fradicia che, attaccata alle mutande, pulsa e sbatte senza tregua. Vuole essere succhiata. Mi guardi negli occhi senza aprire bocca, perché, adesso, se tanto voglio quello che ti ho detto di volere, devo prendermelo senza esitazione. E sono oscenamente eccitata. Fremo fra le cosce e tremo in corpo perché mi lasci fare...

– Wow – riesco a solo a dire.

– Wow – mi fa eco BombeSode, che si ricorda di lanciare la sigla finale – Per oggi è tutto... Grazie di cuore Malena, perché ci hai appena regalato un'intervista con un finale pazzesco! Grazie a te Pifferaio, sei stato un collega prezioso. Anche prima di iniziare la trasmissione ahahah. Ricordiamo a tutti voi in ascolto di scriverci all'indirizzo che già vi abbiamo dato l'altra volta. Prendete nota di questa email...

solopifferaio@gmail.com

... e mandateci i vostri messaggi, la disponibilità a farvi intervistare nelle prossime puntate. Ma da oggi, potete mandarci in allegato anche i vostri file audio o i vocali con la lettura di qualche passaggio dei vostri racconti preferiti su ER. Man mano che questo archivio si forma, troveremo il modo di metterlo a disposizione di tutti. Grazie Malena, grazie Pifferaio! Il mio manicure personale mi aspetta. Un bacio a voi ragazze, una palpatina a voi maschietti dalla vostra Giuliaaa! CiaoCiaoCiao..!!

BombeSode si toglie la cuffia soddisfatta. Malena sorride e mi fa cenno di avvicinarmi a lei.

– Pifferaio, ti devo ringraziare – dice sottovoce – Mi sono divertita tantissimo. E non solo divertita. Ho pensato a un regalo per te.

Deglutisco senza riuscire a proferire parola.

– Sblocca il codice del tuo iPhone e dammelo – mi dice sistemandosi i capelli color rame. Eseguo senza più neanche deglutire. Lei prende il mio smartphone e il foglio che ha appena letto in diretta. La guardo dirigersi in camerino.

Resto da solo sullo sgabello dello studio. I ragazzi della regia mi guardano come per dire "sgomma". Giulia sparisce per immergersi nel magico mondo del suo personale manicure. Ne approfitto per finire la Coca-Cola, ormai diventata brodino tiepido per malati.

Dopo una decina di minuti (ma potrebbero essere stati 5, 50, 500...) Malena ricompare vicino all'uscita. Mi riconsegna il cellulare, insolitamente caldo.

– Il mio regalo si trova in questi file audio. Malena 1 e Malena 2. Ciao Pifferaio è stato davvero un piacere – mi sussurra sfiorando le sue labbra sulle mie – Non sai quanto.

Resto sulla porta con il cellulare tenuto a mo' di fiaccola olimpica. Non so cosa pensare. Ci sono altre parti del mio corpo che lo fanno al posto della mente... Mi ritrovo non so come in camerino, chiudo la porta a chiave. Rovisto nello zaino fino a trovare gli auricolari. Premo play sul titolo "Malena 1". La sua voce è ancora più calda di prima.

– Per te, Pifferaio. Le prime righe del racconto "Cazzo, Malena, cazzo".

Sembra schiarirsi la voce. Dopo qualche secondo di silenzio, attacca.

– Sei nudo, completamente e meravigliosamente nudo. Il tuo corpo bianco e perfetto troneggia sulla poltrona in pelle bordeaux che è al centro di questa stanza dai pavimenti neri e lucidi. La luce è calda, bassa. Ti guardi prima intorno, curioso, impaziente, poi mi guardi. Sono di fronte a te, in piedi, in perfetto equilibrio su sandali dal tacco altissimo e con addosso solo un completino in pizzo nero. Lui è alle mie spalle, sento il suo respiro sul collo, il suo naso mi sfiora la nuca che ho lasciato scoperta raccogliendo i capelli castani lunghi e folti. È questo il tuo posto, in prima fila, non potrebbe essere altrove. L'ho riservato a te perché tu possa guardarmi bene, l'ho riservato a te perché voglio sentire i tuoi occhi addosso. [...] Quante volte l'ho ripetuto? Sono una troia, la tua troia e voglio esserne all'altezza. È questo che vuoi no?...

– Wow – riesco solo a dire per la seconda volta. Mi guardo intorno come in una bolla spazio-temporale. Le pulsazioni sono quelle di un maratoneta. Decido di premere "Malena 2". Le sue parole sono le note di un flauto celtico nell'Irlanda medievale.

– Ehi Pifferaio? Piaciuto il secondo racconto? Sono felice che l'intervista sia andata così bene... E sono felice di essermi fidata del tuo invito a farmi intervistare. Può essere che ogni tanto decida di mandarti via email qualche altro file audio, così mi dirai cosa ne pensi....

Uso il polso per asciugare le tempie. Tolgo la pausa e ascolto la parte finale.

– Ah, dimenticavo: c'è una sorpresa anche fra le foto del tuo iPhone. È una singola immagine, un selfie allo specchio molto particolare, solo per te. In trasmissione mi ero dimenticata di dire che sotto indossavo una brasiliana nera in lycra e pizzo.... Ti piacerà! Ora ti devo salutare.... Eheheh birichino. So cosa stai pensando. Altre immagini in futuro? Mmmm ci devo pensare. Ciao Piff. Aspetto i tuoi racconti e i fuori onda, che mi piacciono tanto.

Fuori onda? Cos'avrà voluto dire? Scivolando sul display, il pollice riesce ad aprire la sezione "Foto". Guardo l'immagine. Prima a tutto campo, poi zoommando su un paio di dettagli. Il mio iPhone senza custodia è un po' sudato. Spengo tutto. Poi lo giro dalla parte della scocca metallica. E lo vedo. Il segno delle labbra col rossetto. La mia nuova cover personale. Questa è Malena. Grazie Malena.

Questo racconto di è stato letto 1 6 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.