Racconto della mia amica Giuliana

Scritto da , il 2018-12-29, genere trio


I Parte

Alle 20: 15 sono ancora indecisa se indossare una normale gonna con lo spacco o la gonna di pelle, alla fine opto per la gonna aderente in pelle scamosciata con bottoncini verde militare, un top nero che mette ben in risalto il seno e dei sandali bianchi eleganti infradito con zeppa.
Esco e raggiungo di fretta la fermata del bus, che stranamente è in anticipo e incredibilmente nonostante sia venerdì non sembra molto pieno.
Salgo e mi dirigo verso la prima obliteratrice per convalidare il mio titolo di viaggio, ma è rotta e quindi devo raggiungere quella in fondo.
Sul bus non c’è molta gente, ma la presenza maschile è la maggioranza, lo sento dalla sensazione addosso dei loro sguardi che sembrano apprezzare il mio look.
Oblitero e mi siedo in fondo vicino ad un posto vuoto accanto al finestrino.
Sono invitata a cena, dalla mia cara amica Arabella, per conoscere il suo nuovo compagno di cui mi parla da settimane.
Il bus dopo pochi minuti arriva a destinazione e appena si ferma guadagno la bussola e mi avvio verso la sua casa.
Impiego 5 minuti a percorrere il percorso dalla fermata all'indirizzo, nonostante ciò sono in leggero anticipo; ne approfitto per cercare un negozio dove acquistare del vino e fortunatamente a pochi metri scorgo un’enoteca.
Mi fiondo al suo interno e la commessa mi accoglie molto gentilmente e mi aiuta nella scelta consigliandomi un vino locale che non conosco, mi fido della sua esperienza e acquisto due bottiglie dello stesso, una di rosso e una di vino.
Soddisfatta riprendo la strada verso casa della mia amica e a pochi metri dal portone, decido di slacciare i capelli, sentire i miei riccioli biondi sul collo mi dà sempre un senso di sicurezza e anche di vanità.

II Parte

Suono e dopo pochi istanti, il portone si apre, ma non metto piede all’interno del condominio che già la mia bellissima amica è sulle scale pronta ad accogliermi e tra l’altro non posso fare a meno di non notare la sua eleganza per l’occasione.
Entriamo in casa e lei subito mi guida in cucina dove mi aspetta ai fornelli un uomo con grembiule, poggiato con le braccia conserte al muro accanto al forno.
Con grande enfasi e con un carico tono della voce, Arabella ci presenta
:-Giuliana, ti presento Marco!
Un uomo timido e dai modi garbati mi si avvicina sorridendo e mi porge la mano con cura ed esclama:
:-Piacere!
La sue mano stringe con vigore la mia, osservo le sue dita lunghe, affusolate e ben curate; e ad un primo esame non sembra svolgere lavori manuali.
Poi rincara la dose e con curiosità, afferma:
:- Finalmente conosco la famosa Giuliana, Arabella mi parla sempre di te.
Un sorriso campeggia ora sul suo volto, scoprendo così i suoi bianchi e lucenti denti.
Ricambio il sorriso, ed esclamo diretta:
:-Il piacere è mio! E anch'io sono lieta di conoscere l’uomo tanto celebrato da lei.
Di sfuggita noto un altro uomo che se ne sta seduto sullo sgabello al tavolo a sorseggiare del vino, mentre osserva soddisfatto la situazione attorno a se.
Mi volto curiosa verso di lui, ma Marco mi anticipa:
:- Giuliana, posso presentarti il mio amico Paolo?
:- Certo!
Mi volto verso l’uomo e accenno cordiale:
:-Ciao Paolo, come stai?
Mi avvicino al tavolo festosa e porgo la mano verso questo interessante fusto, che a sua volta stringe compiaciuto e con moderazione -e menomale perché con tutti quei muscoli potrebbe davvero farmi male – la mia mano.
Da vicino noto meglio i suoi occhi di colore chiaro, un bel verde vispo che non passa certo inosservato.
Dopo le presentazioni iniziamo a chiacchierare del più e del meno, osservo nuovamente i due e devo dire che sono proprio due bei ragazzi, anche se mi colpisce la loro palese differenza di età: Marco sembra non avere nemmeno trent’anni, mentre Paolo sembra avere quasi una quarantina d’anni come me; anche fisicamente sono diversi, il primo alto, longilineo, magro, ma con un fisico ben curato; l’altro alto, robusto e con muscoli più slanciati e visibili, tipico di chi svolge lavori più pesanti.
Hanno comunque entrambi dei modi molto raffinati e affabili ed entrare in sintonia con loro è molto semplice.
In attesa della cena, iniziamo a stappare un po’ di bottiglie, Arabella continua a versare vino, che effettivamente non ci manca dal momento che tutti e tre gli ospiti abbiamo portato due bottiglie a testa.
Dopo qualche bicchiere mi sento più a mio agio e anche la conversazione inizia ad essere più sciolta, Arabella ogni tanto ne approfitta per lanciarmi delle simpatiche occhiate di approvazione, mi vede ricettiva ai discorsi di Paolo e questo sembra farle piacere.

III Parte

Per il momento appare tutto perfetto e anche le tanto decantate doti culinarie di Marco sembrano essere apprezzate; infatti da lì a poco la casa è invasa da un profumino che inizia a stimolare l’appetito.
In sala da pranzo prendo posto sedendo al centro del tavolo quadrato in salotto e prontamente il mio dirimpettaio diventa Paolo, mentre Arabella e Marco siedono a capo tavola uno di fronte all'altra.
L’antipasto scorre veloce e con esso anche la terza bottiglia di vino. Arriva poi finalmente il momento di testare la cucina di Marco, che si presenta al tavolo con un fumante piatto di linguine all'astice, da leccare i baffi.
Si chiacchiera allegramente e la compagnia si rivela veramente interessante, scopro che i due lavorano per una ditta di imballaggi in cui svolgono ruoli diversi: Marco si occupa dell’economato mentre Paolo è un operaio.
Intanto oltre alla simpatia dei due a rallegrare l’atmosfera ci sta pensando anche l’abbondante presenza del vino che scorre a fiumi da ore, infatti dopo poco i suoi effetti non tardano a palesarsi.
Dopo il primo pasto Arabella sembra quella ridotta peggio, anche se nonostante le sue risate un po’senza motivo e le sue moine un po’ troppo azzardate verso Marco – assecondate devo dire dal ragazzo in maniera un po’ troppo focosa - l’atmosfera è più che piacevole.
Del resto poi devo ammetter che Paolo è un buon conversatore e oltre ad essere un bel ragazzo è anche simpatico, mi sta facendo ridere sin dall'inizio della serata.
Anche se questo non giustifica la sua mancanza di discrezione: infatti in più di qualche momento durante la serata l’ho beccato con lo sguardo fisso tra le mie tette, ma devo dire che per ora questo non mi sta turbando, anzi mi fa sentire apprezzata…
Dopo aver consumato una frittura di pesce perfetta, arriva il momento del dessert, questo gentilmente offerto da Paolo.


IV Parte

Terminata la cena ci spostiamo in salotto per continuare la conversazione sul morbido sofà, dove Arabella e Marco prendono posto sul lato sinistro mentre io e Paolo sul lato destro.
L’alcol continua a scorrere e siamo alla 5 bottiglia, Arabella visibilmente ubriaca continua a ridere come una ragazzina interrompendo spesso la discussione tra me e Paolo, per ribadire quanto sia bello Marco, che ora un po’ annoiato tenta di tenerla buona.
Dopo pochi minuti inevitabilmente gli effetti si intensificano e le dimostrazioni di affetto cedono il passo a sensazioni di capogiro che allarmano noi presenti. Accompagno la mia amica in bagno e dopo averle dato –ahimè- la possibilità di rimettere la riporto in salotto, ma ormai Arabella non si regge più in piedi e Marco l’aiuta a distendersi sul sofà.
Dopo un po’ di capogiri, la sonnolenza si impossessa di lei e assieme al suo uomo l’accompagno in camera, dove le slaccio le scarpe e la adagio sul letto ancora vestita.
Improvvisamente, presa da un attacco di paranoia, si desta e alzandosi da letto a fatica, mi espone la sua preoccupazione per me; ora non vuole assolutamente che io ritorni a casa da sola vista l’ora; cerco di rassicurarla sul mio stato di salute e le dico che non ha da preoccuparsi, ma con uno linguaggio da ubriaca cerca di far promettere al suo uomo che deve assolutamente accompagnarmi.
Cerco di farla ragionare spiegandole che dopotutto non è così tardi come lei crede, ma non vuole sentire alcuna ragione e minaccia di alzarsi e di accompagnarmi personalmente a casa.
Fortunatamente Marco interviene e divertito dal siparietto della donna, la rassicura promettendo di farlo.
Una volta ottenuta la sua fiducia sembra più serena, tuttavia decidiamo di rimanere ancora un po’ nella stanza, mentre lei continua a ripetere frasi senza senso; finché non chiude gli occhi cadendo in un sonno profondo.
Ormai sicuri dell’evidente fatto che avrebbe dormito come una bambina fino a domani, la lasciamo riposare e scendiamo al piano sotto, dove Paolo ci aspetta.

V Parte

Paolo ora è seduto sul divano, con in mano ancora un bicchiere mezzo pieno di vino e appena ci vede scendere le scale da soli, esclama:
:- Dorme?
Rispondo, con un mezzo sorriso:
:- Si, come una bimba!
Alle mie spalle Marco conferma tra il divertito e il dispiaciuto.
Paolo intanto sta riempiendo i tre bicchieri vuoti sul tavolo con del vino, proponendo un brindisi finale alla serata.
Sono abbastanza brilla e provo a sottrarmi simpaticamente dicendo che non è il caso perché devo rientrare a casa in bus e un altro bicchiere mi causerebbe qualche problemino motorio.
Ma Marco mi risponde subito di non preoccuparmi:
:- Ti accompagniamo noi, altrimenti domani chi la sente la tua amica?
Provo a sottrarmi garbatamente alla proposta, ma lui è irreprensibile e anche a Paolo mi sembra di capire che l’idea non dispiaccia.
Riprendiamo a parlare e per un po’ ritorniamo sulla conversazione interrotta poco prima, sulle affinità zodiacali, un argomento che mi ha da sempre affascinata e anche Paolo sembra esserne interessato. Così ci dilunghiamo ben oltre il bicchiere e quando ormai la bottiglia è vuota, Paolo stappa l’ultima e riprende a riempire i bicchieri vuoti, Così dopo il primo, il secondo e il terzo la bottiglia si svuota e io ora sono ubriaca.
In realtà anche i due maschietti sono leggermente oltre i loro limiti, cerco di sforzarmi per mantenere una postura dignitosa, ma sento che le mie difese stanno per crollare e avverto il bisogno di stendermi: mi slaccio i sandali e mi distendo sul divano, allungando i piedi in avanti e involontariamente o non lo so, mi ritrovo sulle cosce di Paolo, al quale farmi da zerbino non sembra certo dispiacergli.

VI Parte

Svaccata e intontita sul divano, non faccio più caso alla compostezza, anche perché la testa inizia a girare, per via del “mischione” che abbiamo tutti un po’ fatto.
Vedendomi in difficoltà, Marco gentilmente mi adagia dietro la testa un cuscino per farmi stare più comoda.
Lo ringrazio, ma l’alcol inizia a salire e ora anche la temperatura.
Rimango stesa per qualche minuto senza capire cosa stia succedendo, lamentando quanto ho bevuto.
I ragazzi preoccupati mi pongono domande, ma scocciata chiedo loro semplicemente di lasciarmi riposare, e che ho solo mal di testa. Infatti finita di formulare la frase mi addormento all'improvviso.
Rinvengo dopo un’oretta e dopo qualche istante di frastuono mi accorgo che la testa ha finalmente smesso di girare; i due sono ancora accanto a me, non si sono mossi, e ora li rassicuro imbarazzata sul mio stato di salute.
Frastornata sollevo la testa, strabuzzo gli occhi e mi accorgo di aver ancora i piedi su Paolo, mi scuso immediatamente, e provo a ritrarli, ma Paolo prontamente mi ferma e mi assicura che non c’è alcun problema e mi induce galantemente a mantenere la posizione.


VII Parte

Intanto Marco ritorna dalla cucina, con in mano un vassoio fumante con su delle tazze, vedendomi un po’ meglio il caro ragazzo era andato in cucina a preparare una tisana allo zenzero.
Lo ringrazio e inizio a sorseggiare il mio intruglio, mentre accenno una puntualizzazione su quanto si è fatto tardi, ma i due non hanno fretta a quanto pare e mi assicurano che mi accompagneranno soltanto quando mi sarò sentita meglio; effettivamente a guardarli bene, su di loro non pare che l’alcool abbia fatto la stessa presa che ha fatto su di me e Arabella.
Chiedo delle condizioni della mia amica e dopo un breve momento di silenzio, Marco si rivolge a me tranquillizzandomi:
:-Sono salito in camera di Arabella per controllare che sia tutto ok, ed effettivamente dorme pienamente, stai tranquilla!
:- Ah menomale, almeno lei riposa.
Aggiungo intontita mentre stringo tra le mani la tazza.
Poi continuo:
:-Devo dire che questo zenzero è miracoloso, mi sento già meglio!
Marco soddisfatto, apre una conversazione sull'argomento elogiando le immense proprietà mediche dello zenzero.
Lo seguo a fatica, perché la mia testa continua un po’ a rimbombare, ma anche se quest’ultima gira con un juke box, non mi permette di non percepire le mani di Paolo che improvvisamente hanno iniziato a massaggiare i miei piedi; mi volto verso di lui, ma non mi degna di uno sguardo mentre continua intrepido le sue carezze, con lo sguardo rivolto verso il suo amico, che sinceramente ora non capisco se stia facendo finta di non vedere o in realtà non si è davvero accorto delle azioni ardite dell’amico.
Le sue mani accarezzano il dorso di uno dei miei piedi, con un movimento delicato e lento ma costante.
Sembra un approccio timido e improvviso, ma non ho la forza di ribellarmi ora e dunque lo lascio continuare.
La sua è una manualità spontanea, ora mentre continua a conversare le sue mani afferrano pienamente il piede e il massaggio si fa più vigoroso, spostandosi sulla parte posteriore e insistendo sul tallone, per poi dopo risalire lungo la pianta, fino alle dita, massaggiandole con minuzia.



VIII Parte

Ora sono in imbarazzo, ma Paolo sembra completamente a suo agio con le sue mani tra i miei piedi, addirittura ora i suoi strofinamenti sono diventati più vistosi e anche Marco ora sembra essersene accorto. Tuttavia continuano a blaterare sulle proprietà delle spezie e la mia posizione non sembra disturbarli, di colpo Paolo interrompe i suoi massaggi e voltandosi verso di me, mi domanda sornione:
:- Lo sai che lo zenzero possiede anche delle proprietà afrodisiache?
Sorpresa da un dire così deciso, appoggio la tazza ancora mezza piena sul tavolino affianco e abbozzo un superficiale interrogativo di circostanza:
:-Ah si?
Ma la mia concentrazione viene subito catturata dai suoi successivi movimenti, infatti ora la sua mano scivola delicatamente oltre la caviglia e con lentezza continua a salire lungo le mie gambe nude. Mi volto interdetta, con uno sguardo interrogatorio, ma lui continua, a salire con le sue mani mantenendo uno sguardo basso e concentrato sulle mie cosce, e ripartendo dal mio interrogativo aggiunge:
:- Si, è risaputo sin da tempi antichissimi.
Incurante del mio sconcerto, con una gran faccia di cazzo continua la sua lezioncina, mentre la sua mano continua a scivolare, ora è sotto la mia gonna.
:- E’ una spezia originaria dell’India e della Malesia, fu portato in occidente da Alessandro Magno…
La sua mano ora sta varcando il lembo della gonna
:- E già dall'epoca dell’Impero Romano venne usato come medicinale per curare lo stomaco.
Sento stringere con delicatezza il mio interno coscia.
Provo a ritrarmi docilmente, ma questa docilità e quello che forse gli serve per continuare: sento la sua mano frizionare e salire indisturbata oltre la coscia, sfiorando i bordi delle mie mutande.
La sua voce si fa più bassa e intensa mentre continua a parlare.
Mi guardo intorno e invoco con gli occhi un intervento di Marco che ora se ne sta seduto, muto nella poltrona davanti a me, con in una mano la sigaretta e nell'altra un bicchiere godendosi la scena.
Non parla, ma sento il suo sguardo libidinoso penetrare sotto la mia gonna e sul suo volto ora campeggia un ghigno da vero porco, ma questo inspiegabilmente mi sta eccitando.
In parte per curiosità e in parte per via dell’alcol ancora in corpo, non mi sento in grado di accennare ad una reazione, perciò mi lascio andare e concedo campo libero a Paolo.




IX Parte

Paolo non ci mette molto ad approfittare della mia arrendevolezza e in pochi istanti varca il suo, ma soprattutto il mio confine rappresentato dai bordi delle mie mutandine; la sua mano si fa strada al loro interno.
Ogni centimetro delle sue mani lungo il mio corpo fa crescere la sua eccitazione, e da gran porco qual è me la fa avvertire: sento in corrispondenza della patta dei suoi pantaloni l’erezione del suo pene sotto la pianta del mio piede.
Il suo cazzo turgido e pulsante si muove nei suoi calzoni ed ora mi trovo a strofinare la pianta contro il suo membro, la sua asta vibra e percepisco che la sua cappella è in fiamme e pronta a schizzare.
Il suo respiro aumenta e si fa pesante e questi preliminari rendono insopportabile l’attesa anche per lui.
Di istinto si sbottona la patta e tira fuori il suo grosso e robusto uccello dalla cappella rossa viva, e lo incastra tra i miei piedi.
Da questo momento la situazione non lascia più spazio a nulla, non ci sono più regole e infatti in un baleno mi ritrovo Marco affianco che senza tanti formalismi affonda la sua mano nella mia scollatura e incurante mi palpa vigorosamente il seno.
Fino a pochi istanti fa quello stronzetto se ne stava seduto sulla poltrona ad osservare timidamente fino a dove io o il suo amico ci fossimo spinti; il flirt continuo di Paolo nei miei confronti, non lo avevo lasciato indifferente per tutta la serata e credo che l’eventuale esito positivo di un mio cedimento abbia acceso in lui strani appetiti che hanno dato vita in lui, ad un turbine di emozioni che però ora stavano forse troppo velocemente interpellando la sua coscienza; mettendolo così davanti ad una scelta ben precisa: evitare qualsiasi tipo di attenzione verso di me dimostrando di essere la persona innamorata e fedele che soltanto poche ore fa a tavola affermava di essere oppure non farsi sfuggire un’occasione così prelibata come quella di scoparsi la migliore amica separata e arrapata della sua compagna, rischiando poi di essere sputtanato da questa?
Le sue mani tra le mie tette ora stanno cancellando ogni ragionevole dubbio; le sento veloci palpare, stringere e pizzicare le areole, stimolando così la mia eccitazione.
Il suo braccio addirittura mi cinge il collo e le sue labbra si stampano contro le mie guance, mi abbandono nel suo abbraccio; ma un barlume di lucidità mi abbaglia e accende la mia coscienza: penso che non posso fare questo ad Arabella, non è giusto perciò impongo a me stessa di alzarmi da questo maledetto divano e respingere le attenzione dei due maschietti arrapati.
Inizio flettendo il capo dall’altra parte per sottrarmi ai baci di Marco, ma incredibilmente Paolo sembra leggermi nella mente e anticipa ogni mio movimento: si alza in piedi e tira via i suoi calzoni; lasciando penzolare un cazzo in erezione lungo e davvero grosso davanti a me.
Dinanzi a quel pene mi sento frenata e Marco riprende a baciarmi mentre continua a palpare le mie tette continuando ad aumentare la mia eccitazione.
In quel turbine di sensazioni, Paolo con rapidità infila le mani sotto la mia gonna, sfila in modo deciso il mio perizoma e lo getta alle sue spalle.
Senza quella striscia di cotone non mi sento più in grado di fermare nessuno e cambiare le sorti della serata, mi abbandono alle mie e loro voglie; sono due giovani belli e anche forti.

X Parte

Paolo ora mi alza la gonna scoprendo il pelo e sprofonda con il suo viso nella mia fica bagnata. Mi ritrovo con le gambe in aria e con la sua lingua completamente dentro di me, mentre Marco arditamente si sbottona la patta e si libera di pantaloni e boxer.
Sono un lago di umori, le forti mani di Paolo mi tengono spalancate le cosce, mentre le sue papille gustative ingurgitano avidamente tutti i miei liquidi, mi sento una troia e mi piace, perciò appena Marco srotola davanti al mio muso il suo pene, non resisto… il lezzo del suo cazzo mi eccita, ha un forte odore acre e lo sento diretto in gola.
Senza indugiare più di tanto spalanco la bocca e do modo al ragazzo di spingere il membro nella mia bocca.
Inizio a spompinarlo timidamente, ma quel porco evidentemente abituato alle focose pompe di Arabella, mi cinge il capo da dietro e una volta serratolo con la mano inizia a fottermi la bocca in modo prepotente.
Sento la saliva mescolarsi ai suoi sapori e quasi sbavo per l’accumulo che ho in bocca; Paolo ha sospeso il lavoro con la lingua e ora lavora con le dita nella mia figa che è letteralmente è diventata una piscina che inevitabilmente ha finito per sgorgare e insozzare il sofà di Arabella.
Marco mi dà un po’ di tregua, finalmente estrae il suo cazzone pulsante dalla mia bocca e riesco ad ingoiare l’eccesso di saliva; ingurgito subito quel miscuglio, sollevando la testa dal bracciolo, ma le dita di Paolo veloci e costanti nello sgrillettare la passera mi fanno raggiungere l’orgasmo e vengo urlando davvero senza contenermi.



XI Parte

Soddisfatta poggio la testa sul bracciolo, ma i due non mi danno il tempo di riprendermi, e mi fanno alzare in piedi. Non ho più il top addosso, mi è scivolato durante le concitate fasi e ora arrotolato cinge i miei fianchi, mentre i bottoni della gonna sono saltati, scoprendo parzialmente le gambe.
Mi lascio togliere senza protestare ciò che mi è rimasto addosso e rimango nuda davanti a loro. Marco delicatamente mi poggia le sue mani sulle spalle e mi spinge verso il basso, ora sono in ginocchio e davanti ho due cazzoni richiedenti le loro parcelle.
Sono due cazzi davvero notevoli grossi e lunghi e inizio ad accarezzarli con delicatezza prima di iniziare a masturbarli.
Ma Paolo ora pretende la mia bocca e me lo sbatte in bocca, assaggio il suo pene e devo dire che il suo sapore mi piace più di quello di Marco, ha un sapore meno intenso e meno stringente; sono un po’ arrugginita e pompo con lentezza, ma Paolo è più paziente di Marco e mi lascia fare, almeno finché questo non si scoccia di gingillare i miei seni e con irruenza mi prende per i capelli, staccando la bocca dal cazzo dell’amico e indirizzandola verso il suo.
:- Ora fai godere noi! Mi urla eccitato.
E ricomincia a fottermi la bocca con intensità, dopo un paio di cappellate in bocca mi volta il viso verso l’altro cazzo e inizia una sequela di avvicendamenti di cazzi nella mia bocca. Mi sottopongo senza fiatare al loro volere, ogni tanto lancio un’occhiata verso i loro visi e noto quanto siano soddisfatti e compiaciuti mentre le loro mani continuano a strizzare i miei capezzoli con foga.
In un momento penso ad Arabella e alla faccia che farebbe nel vedermi nuda nel suo salotto con il cazzo in bocca del proprio uomo e del suo amico, ma so che è troppo sbronza e che non si sveglierà prima di domani, so che quello che sto facendo è veramente schifoso, ma ormai non posso fermarmi e domani so che dovrò fare i conti con la mia coscienza, sempre che a questo punto io ne abbia una.
Intanto quel maiale del suo uomo non mi fa certo sconti e quando ho il cazzo di Paolo in bocca mi sbatte il pene sulla faccia e mi etichetta con parole non proprio carine; alla faccia dell’iniziale timidezza.
Paolo si sta godendo gaudente la mia lingua sul suo uccello e continua a pronunciare parole di incoraggiamento: dai, così, tutto dentro, siiii, aaaah...
Ho di nuovo la fica in fiamme, ma devo tornare da Marco, così stacco le labbra dalla cappella di Paolo e mi volto verso Marco che ora si è seduto sul divano e continua a menarselo da solo, mi giro verso di lui e glielo prendo in bocca; subito reclina il capo all'indietro e con grande soddisfazione si lascia spompinare mentre le sue lunghe mani avvolgono e palpano di nuovo le mie arrossate tette che ora ballonzolano libere sulle sue ginocchia.
Paolo da dietro intanto mi afferra per i fianchi e fa scivolare le sue mani sulla mia pancia, lo sento esercitare su di essa una leggera pressione e mi spinge - senza darmi modo di staccare la bocca dal pene di Marco - a fare un passetto indietro; dopo pochi istanti realizzo di essere a pecora.
Continuo a succhiare il bel succulento cazzone di Marco senza fermarmi, quel porco non smette di darmi della troia e forse ha ragione davvero, perché le sue parole per quanto forti mi stanno regalando delle belle sensazioni.
Ora ho il suo cazzo piantato in fonda alla gola e sento le sue mani correre dietro al mio collo, il porco vuole sfondarmi la gola: spinge la testa e io molleggio e poi riprendo a lubrificare l’asta.
Paolo da dietro si sta preparando, lo sento le sue mani mi stanno palpando le chiappe e lo sento decantare le mie doti.
Avverto il calore del corpo avvicinarsi e poi la cappella contro il clitoride, la sento sbatterla contro…sono bagnata, lui lo sa e in tinge nel mio liquido la cappella, me la fa desiderare e con lentezza la sento farsi spazio dentro la mia sorca piacevolmente bagnata.
Sento le mani di Paolo arpionare i miei fianchi, mentre il suo pene si fa spazio dentro me con veemenza, lo sento scivolare interamente in fondo alla mia fica.
Eccolo, ora si è sistemato e ha trovato la giusta posizione
:-Mmmmmmmmm….glu glu mmmff
Non posso urlare, questo figlio di puttana mi tiene la testa sul cazzo, ma vorrei urlare come non mai.
Questo cazzo di Paolo è un macho e scopa divinamente.
Paolo mi penetra con costanza e sta dando vita anche lui ad un turpiloquio che mi imbarazza, ma mi eccita tantissimo.
Sento i loro respiri affannati e ancor più distintamente le loro mani su di me: quelle di Marco una tra i miei seni e l’altra salda sul mio capo; quelle di Paolo anch’esse una tra le mie tette e l’altra sotto la passera.
Tutto il mio corpo è battuto dalle loro mani…
Secondo me hanno capito oppure lo sanno che non scopo da anni, magari gliela ha detto proprio Arabella e se così fosse stasera si è beccata la peggiore delle punizioni per avermi sputtanata.
Paolo continua a darmi della troia, lo sento urlare:
:-Ti piace troia, eh? Vero? Non vuoi parlare, eh? Non vuoi mollare il cazzo che hai in bocca eh? Sei una gran puttana.
Più dice minchiate del genere più mi arrapo.
Sento la figa dilatarsi sempre più sotto i suoi colpi.
Ad un certo punto le gambe di Marco si irrigidiscono e i muscoli si contraggono, la pressione sulla mia testa aumenta, e lo sento urlare:
:-Vengo, vengoo, vengooooooooooo!
Un liquido caldo e abbonante invade la mia bocca e non posso fare altro che ingoiarlo, anche perché questo bastardo non ha alcuna intenzione di mollarmi la testa e pretende l’ingoio.
Con la testa ancora serrata tra i suoi genitali, ingoio fino all’ultima goccia del suo sperma, ha un sapore quasi dolce e questo fortunatamente non mi crea tanti problemi a ingoiarlo.
Sento finalmente la pressione della sua mano scemare e l’effetto della presa venire meno, finalmente posso alzare la faccia dal suo cazzo ormai moscio, ma mi puntello alle sue ginocchia per contrastare i colpi da dietro di Paolo, che continua a impalarmi come un ossesso.
Con gli occhi stravolti mi abbandono su Marco, che con dolcezza prende il mio viso tra le sue mani, proprio qualche attimo prima del mio mega orgasmo.
Vengo per la seconda volta, questa volta in maniera talmente smisurata che Marco mi serra la bocca con una mano per non farmi urlare, dopo pochi minuti anche Paolo viene copiosamente svuotando tutto dentro di me.
Nuda e sfinita crollo su Marco, che accende una sigaretta e gentilmente me ne porge una, mentre Paolo si riveste.
Rifiuto la sigaretta, ma strappo dalle sue dita la paglia fumante tiro una boccata abbondante e gliela restituisco.
Arabella dorme ancora e per quanto ha bevuto è impossibile che abbia sentito qualcosa.
Ancora incredula, ma in preda ai sensi di colpa mi alzo e vado a cercare le mie mutande, si è fatta quasi mattina e manca poco all'alba è giunto il momento di tornare a casa.

Questo racconto di è stato letto 3 2 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.