Mia moglie e il calciatore -- capitolo terzo

Scritto da , il 2018-12-08, genere tradimenti

''Potrebbe essere un gioco pericoloso, potresti pentirti.'' Queste parole nei giorni a seguire rimbombavano continuamente nella mia testa. Cosa voleva dire mia moglie dicendo così? Voleva forse dire che se il gioco fosse cominciato e, le fosse piaciuto, avrei rischiato di perderla? Questa eventualità mi terrorizzava. Non riuscirei a vivere senza di lei. Mi conveniva pensavo, correre questo rischio, oppure lasciar perdere? La voglia di metterla nelle braccia di Vittorio era tanta, mi eccitava da morire, avrei voluto farlo anche subito ma, poi, il pensiero che se il gioco le fosse piaciuto rischiavo di perderla mi faceva pensare di desistere dal farlo. Dopo tanti tormenti decisi così di lasciar perdere. Lasciai cadere la cosa, mia moglie ea troppo preziosa per correre certi rischi.
Misi così l'anima in pace e, lei, Flavia non me ne parlò più. Finché un giorno accadde un fatto che tornò ad accendere questa mia fantasia. Io e Vittorio siamo diventati buoni amici, ci frequentiamo parecchio. Dividiamo la stessa camera d'albergo nei ritiri durante le trasferte, mai però mi era capitato di incontrarlo sotto la doccia. Questo avvenne un pomeriggio. Finiti gli allenamenti, mentre gli altri compagni andavano via, io e Vittorio fummo trattenuti dal presidente per discutere di alcune cose riguardanti la squadra. La discussione durò oltre mezzora, poi raggiungemmo le docce. Vittorio finì per primo di lavarsi, uscì dalla doccia completamente nudo, si stava asciugando quando anch'io uscì, nel vederlo fui folgorato. Tra le gambe ci pendeva un cazzo spropositato. Oltre 22cm. Rimasi turbato da quella visione. Io davanti a lui con i miei miseri 14cm mi vergognavo. Vittorio si accorse del mio turbamento e facendo finta di niente come se lo stesse asciugando, continuamente lo scapellava, ormai lo aveva semi eretto, mentre il mio, forse per la vergogna,mi si era completamente rientrato. Vittorio mi guardava e mentre continuava a toccarsi il cazzo sembrava divertito, all'improvviso mi chiese, ''Marino come sta tua moglie?'' Non mi aspettavo questa domanda, risposi quasi balbettando, ''sta bene grazie.'' Mi guardava con un sorriso beffardo, continuando a menarlo, l'aveva quasi duro, ( sembrava volesse farmi vedere la sua consistenza), rispose. ''Salutala tanto da parte mia.'' Rientrai a casa parecchio turbato, continuamente pensavo al cazzo di Vittorio e poi guardavo il mio, ''che figura!'' Pensavo, mentre mi toglievo di dosso i vestiti preparandomi per la sera. Pensai così a mia moglie, la immaginavo alle prese col cazzo possente di Vittorio, si tornava ad accendere in me la fantasia.'' Ma perché Vittorio mentre se lo menava davanti a me sfacciatamente mi aveva chiesto di mia moglie? Forse anche lui la desidera? Flavia è molto figa, molto sexy, lui l'aveva intravista quasi nuda quella sera. Era forse rimasto colpito dalla sua grazia? E poi, quel bacio di saluto che io permisi facendolo entrare in camera da letto mentre lei era ancora assonnata, aveva fatto pensare a lui che io ero d'accordo a far succedere qualcosa?''
Mi ponevo tutte queste domande e, il mio piccolo cazzetto rispose con un erezione che faticai a nascondere quando raggiunsi Flavia per la cena. Mangiai poco quella sera e, parlai ancora meno. Nel pensare al grosso cazzo di Vittorio il mio turbamento cresceva e, cresceva anche la voglia di vederlo piantato in mezzo alle gambe della mia Flavia. Volevo questo ma, pensando alle sue parole di qualche giorno prima che, ''avrei potuto pentirmi'', non osavo dirlo a lei.
Fu ancora una volta lei ha capire. Nel letto vedendo la mia eccitazione e il mio mutismo, chiese. ''Ma cos'è questa erezione? Hai voglia di scopare? Perché non me lo chiedi?'', aggiunse poi,'' Questa sera ti vedo strano, è successo qualcosa? '' Aveva intuito, mi prese il cazzo in mano e disse. '' Oggi hai visto Vittorio vero? E questo che ti eccita tanto?'' -- ''Si!'' , risposi, ''l'ho visto oggi per la prima volta nudo uscire dalla doccia...'', non mi lasciò finire, mi chiese, ''Com'è?'', ha un cazzo formidabile, mostruoso, mai visto neppure nei film, mi ha chiesto di te mentre se lo menava, evidentemente le piaci,'' -- ''Davvero? Ti ha chiesto di me mentre se lo menava?'' -- ''Si! Si!'', continuavo a ripetere io. Mi ascoltava e continuava a stringere quello che io ormai consideravo il mio piccolo cazzo, le sborrai ancora una volta in mano, ma lui, il cazzetto continuava a stare duro, mi montò sopra e lentamente comincia a cavalcarmi, parlandomi in un orecchio. ''tè piaciuto così tanto il cazzo di Vittorio? Voi vedermi scopata da lui? Voi diventare il mio e il suo cornuto?'' Risposi ''Si! Siii! Lo voglio, voglio essere il vostro cornuto...'' Fui travolto da un altro devastante orgasmo, mentre urlavo queste parole anche lei un orgasmo lungo e intenso.
Ci abbandonammo per lunghi istanti abbracciati sul letto, fu lei la prima a riprendersi. Era tornata seria. Mi fissò per qualche istante poi disse. ''Ma veramente lo voi? Voi che mi faccia scopare da Vittorio?'' Risposi solo tre parole. '' Si! Lo voglio!'' -- '' Bene...'', disse lei. Se questo è il tuo desiderio lo farò. Invitalo a cena sabato sera dopo la partita!''
Fine terzo capitolo.

Questo racconto di è stato letto 6 0 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.