Mia moglie e il calciatore -- Capitolo quarto

Scritto da , il 2018-12-09, genere tradimenti

La miccia era innescata, Flavia mi aveva detto di chiamarlo a cena. Ancora un attimo fui colto dai dubbi: Devo farlo davvero? Ormai non potevo più tornare indietro. Avrei concesso mia moglie a vittorio.
Era solo martedì, arrivare al sabato mancava ancora quattro giorni. Giorni lunghi che non passavano. Tutti i giorni vedevo Vittorio. Tutti i giorni le davo i saluti da parte di mia moglie. A fine allenamento lo aspettavo sempre nelle docce, volevo vederlo nudo. Sentivo forte il bisogno di osservare quel cazzo che fra qualche giorno avrebbe sfondato la mia Flavia. Non so se lui avesse capito? Forse si? Dal momento che uscendo dalla doccia continuava a menarsi il cazzo davanti a me mentre diceva di contraccambiare i suoi saluti.
Combattuto ancora da qualche improvvisa incertezza, ancora non lo avevo invitato a cena per sabato sera. C'erano dei momenti che volevo dirglielo, all'ultimo istante però mi mancava il coraggio e tacevo.
Il sabato della partita, uscendo di casa, fui bloccato da mia moglie sulla porta. '' Ma senti! Cosa facciamo questa sera? Hai invitato Vittorio?'' -- ''Ancora non l'ho fatto...'', di rimando lei. '' Ma che aspetti? Hai forse cambiato idea?'' -- ''Ma no cara, vedi e che...'' non mi lasciò finire.'' -- '' Ma che cosa! Non voi più diventare un cornuto? Mi hai decantato tanto il suo cazzo enorme che ora lo voglio. Questa sera voglio Vittorio a casa, hai capito cornuto?'' Il suo tono non ammetteva repliche, la lasciai dicendo. ''OK!! Questa sera avrai Vittorio.''
Non avevo più scelta, dovevo vincere remore, paure vergogna e portare Vittorio a casa. Quel pomeriggio giocammo una bella partita, vincemmo proprio grazie a un gol di Vittorio che fu uno dei migliori, all'uscita dal campo eravamo molto carichi. Sotto le docce si cantava di felicità, io come al solito vicino a Vittorio guardavo il suo cazzo, lui come al solito se lo menava, aspettavo che mi chiedesse di mia moglie, come lo fece trovai il coraggio e risposi. ''Mia moglie sta bene. Questa sera ti vuole a cena a casa nostra.'' Ce l'avevo fatta, ero riuscito a dirglielo. Nel sentirmi dire dell'invito da parte di mia moglie a Vittorio brillarono gli occhi, ''ringraziala...'', rispose, ''dille che verrò molto volentieri.'' Ci lasciammo così, d'accordo per vederci a casa mia alle 21. Mentre rientravo ero preoccupato e eccitato. Eccitato perché forse stava per accadere quello che da tempo sognavo, ( vederla scopare con un altro uomo), ormai lo davo per scontato che accadesse. Preoccupato perché pensavo a come avesse reagito la mia Flavia di fronte al grosso calibro di Vittorio e, anche per le eventuali conseguenze negative che fossero arrivate, soprattutto per me, nel caso la mia Flavia si fosse innamorata di Vittorio.
Ma l'eccitazione vinse sulle preoccupazioni.
Flavia mi stava aspettando, aveva già preparato la cena, a me sarebbe toccato servirla. Quella sera mi disse lei, sarei stato il loro cameriere e quello di Vittorio, ( oltre che il loro cornuto), anche lei dava per scontato che accadesse, con la sua abile arte seduttrice, l'avrebbe fatto accadere.
Apparecchiai la tavola di tutto punto, come si conviene per un ospite speciale.
Alla 21 mancava ancora un ora, l'ultima cosa rimasta da fare, era quello di vestire lei. Aveva dato l'incarico a me di scegliere i vestiti per l'occasione. Scelsi pochi abiti e molto succinti. Niente reggiseno, i suoi seni sono troppo belli per essere chiusi in un reggiseno, un microscopico perizoma che non copriva niente, una camicetta molto attillata che pressava sui capezzoli, una minigonna blu 10cm sopra le ginocchia, auto reggenti nere a rete, e due scarpe con tacchi altissimi, per finire un trucco leggero abbelliva il suo già grazioso viso. Le 21 erano passate da poco quando suonò il campanello, andò lei ad aprire. Davanti alla porta Vittorio, elegantissimo, un mazzo di rose in mano. Mia moglie subito lo abbracciò dicendo, ''benvenuto in casa nostra,'' Lui contraccambiò con un bacio a mezza via tra la guancia e le labbra. Io osservai la scena leggermente in disparte. '' Benvenuto Vittorio...'', dissi io dopo qualche istante, ''accomodati pure, fai due chiacchere con lei, mentre io finisco di preparare un ultima cosa in cucina.'' Quella di allontanarmi per un po' fu una mossa stabilita con mia moglie per far si che si rompesse il ghiaccio tra loro. Così dicendo andai in cucina.
Veramente era già tutto pronto da servire, avevo così modo di osservare da dietro la porta socchiusa l'inizio del flirt tra loro. Cominciarono subito a parlare fitto, parlavano basso, non potevo sentire cosa dicavano. Potevo però vedere i loro visi soddisfatti. Segno che il primo approccio andava bene.
Fine capitolo quarto.

Questo racconto di è stato letto 6 4 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.