Erotici Racconti

8 uomini su un isola

Scritto da , il 2018-11-08, genere gay

lavoravo con una impresa di costruzioni specializzata in opere marittime,facevamo porti e altro. Lo scorso anno prendemmo un lavoro in una piccola isola del Tirreno,dovevamo fare un molo per fare attraccare le barche,lavoro di almeno 6 mesi.
Premetto che da ottobre a marzo l'isola e'deserta,gli unici abitanti sono tre ragazzi rumeni che i manutentori di varie cose e un guardiano e basta! Poi arrivammo noi,8 operai specializzati,tutti Italiani.Eravamo tre del nord,due del centro e e tre del sud,eta' media 30 anni,il piu' anziano aveva circa 48 anni.
Tutti etero meno io che sono gay anche se non dichiarato,non sono effemminato,e non ho mai parlato a nessuno della mia omosessualita'.
Passano i giorni.le settimane ,e dopo due mesi,senza mai andare a casa,tutti erano nervosi,la fica mancava a loro come a me mancava il cazzo,ma loro erano piu' fissati,erano stressati.Immagino le seghe che si facevano....
Noi dormivamo in due appartamenti,in uno c'ero io e un ragazzo di Roma Matteo e il capo cantiere Pietro.
Un bel giorno Matteo,sbircianto nel mio pc,vide molte cose compromettenti! Chattavo in siti gay,avevo foto gay,e altro ancora.....
Matteo non si tenne per se quello che aveva scoperto,anzi mi sputtano' su tutta l'isola,in un attimo tutti sapevano che ero gay! Iniziarono a fare delle battute,ero visto male,spesso deriso,offeso e insultato.
Io mi incazzai con Matteo,e non parlavo con nessuno,mi avevano isolato su un isola.......
Ma i giorni scorrevano e tutti erano sempre piu' arrapati e nervosi e dopo 4 mesi,forse la fame di sesso di sicuro avevano le palle piene che scoppiavano a tutti,notai che si comportavano piu' amichevolmente con me,anzi Proprio Matteo,il piu' giovane,inizio' a farmi discorsi strani,lo vedevo confuso,ma vedevo che aveva voglia di scaricarsi,e una sera,mentre ero a letto a leggere un libro,lo vidi arrivare in mutande,si sedette sul letto e mi toccava.....(che brutti scherzi fa' il digiuno di sesso per un etero!)lo lasciai stare,ero curioso di vedere cosa voleva fare,ma quando vidi il suo cazzo duro nelle mutande,capii che era eccitato e voleva fare sesso.
Gli chiesi se voleva svuotarsi le palle! ti va' di provare? domandai a Matteo sempre piu' eccitato quanto impacciato,lui non rispose,gli presi il cazzo in mano e dopo averlo toccato per qualche minuto,lo presi in bocca,gli feci una pompa per lui indimenticabile,il primo pompino fatto da un uomo,lui gradi' molto e non impiego' molto a venire schizzandomi in viso un mare di sperma,aveva un bel cazzo,ma anche un bel fisico,lo lasciai riposare ,ma dopo un paio d'ore,mi sveglio' ancora eccitato,mi bacio' e mi ringrazio',il giorno dopo mi inculo' a sangue,era contento di avere trovato un modo per sfogarsi sessualmente!
Sempre lui,non riusci' a tenere la bocca chiusa,si lascio' scappare qualcosa,e stranamente tutti mi guardavano in modo diverso,piano piano cominciavano a farsi coraggio e mi chiedevano qualcosa......
Dopo che feci sesso con qualcuno di loro,il loro linguaggio e il modo di vedermi era diverso,ma adesso mi divertivo io......
Piano piano divenni la loro puttana,mi facevo scopare da tutti,ma ero una vera regina,mi trattavano come tale,mi servivano,cucinavano per me,mi facevano regali,in soldi,e stavano diventando piu sereni,anche se avevo uno che mi piaceva,era un certo Vito,mi ero avevo preso una mezza cotta,mi facevo tutti,ma Vito era super,Calabrese,cazzo doppio e lungo piu' di 25 cm,era un toro,mi faceva impazzire.Di lui il ricordo piu bello......
Lasciammo l'isola dopo 6 mesi e tutti erano molto cambiati,avevano una diverso comportamento verso i gay,ci salutammo,in particolare con Vito che spero di rivederlo,ma sopratutto tornai a casa con un sacco di ricordi,di belle scopate e belle serate,ma anche con molti soldi che mi avevano regalato!

Questo racconto di è stato letto 4 3 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.