Erotici Racconti

La sacerdotessa Wiggan, altro lieto fine.

Scritto da , il 2018-10-15, genere orge

Non sono tanto presuntuoso da ritenere che abbiate letto tutti i precedenti capitoli dell'Affare Meddy e allora vi riporto la parte interessata, insomma per farla breve vengo interessato alla cosa dal marito della Sacerdotessa:
...ometto la parte precedente e successiva...
***Mi racconta che da tempo la moglie, sono sposati da appena due anni, ha iniziato a frequentare strana gente, ogni mese... in corrispondenza delle notti di luna piena, si allontana per tutta la notte, lui le ha chiesto spiegazioni e lei ha detto che va a delle riunioni religiose, che è una adepta Wicca. Uhm... non mostra di sapere cosa fanno davvero in quelle riunioni e lo lascio nella sua innocente ignoranza! Sapesse come si scopano e si dilettano in mille modi! Ma non è questo che lo preoccupa, cioè l'atteggiamento sessuale della moglie, nossignore! Ha notato che il conto corrente mostra dei ritiri considerevoli e ha preso paura che dia fondo a tutto! La moglie è ricca, lui l'ha sposata per questo, non vuole certo che finisca nella povertà! E che lui, da mantenuto che è adesso finisca per doverla mantenere! Hai capito il marito innamorato? Che si scopi cani e porci nei convegni Wicca va bene! Ma non che sprechi i... “suoi” soldi!***

Rieccomi!
Ho dovuto davvero rifiatare, sapete? E Dahlia (con la h!) mi ha molto aiutato! Che bella e dolce donna è! E morbida. Ma sì, io per morbida intendo che quando l'abbracci non ci senti le ossa! Insomma è davvero tonda nei posti giusti!
Ehm... seno e sedere!
A sua richiesta ho provveduto a scandagliare nel suo intimo e l'ho fatto con molto piacere! Lei avrebbe voluto pagare le mie prestazioni ma ho protestato che mai avrei potuto pretendere del vile denaro da lei! Lei voleva, io non volevo, alla fine il compromesso ed ho accettato un suo regalo. Un orologio Cartier Astrua 1860 in oro bianco e cinturino in pelle di struzzo nero che venererò come una reliqua! Che donna generosa! Parlerò anche dei suoi problemi, alla fine chi non ne ha? E lo farò mentre affronterò la cosa della sacerdotessa.
Ricordate la cena con la mia collega, amica, iniziatrice? Ma si, lei con il complesso materno che ama farsi succhiare i capezzoli da me che fingo di esserle figlio? E' fanatica dell'incesto. Mi diede due numeri di cellulare, uno, quello dell'addestratrice ed un altro. Faccio questo numero e mi risponde una voce a dir poco angelica, mi presento e in breve le racconto cosa vorrei da lei, ascolta e mi stoppa all'istante.
-Quanto c'è da farci?
Accidenti se è venale! Comunque ci troviamo intorno ad un tavolo per metterci d'accordo, a cena al ristorante russo del mio amico Boris! Quando la vedo non posso credere che sia lei! Ma sembra una adolescente! So che ha diciotto anni ma se dovessi giudicare da come è... direi al massimo quindici. Il viso da angelo ma quanto è puttana? Ma le hanno insegnato ad esserlo o è così di natura? Il suo nome? Io le avrei dato volentieri un nome di qualcosa che ha da fare con l'inferno, che ne so? Devilgirl? Ma si chiama Fiore, si proprio così Fiore! Dura tutta la cena la contrattazione, davanti al rapido e continuo passaggio di piatti, per me prima rigorosamente borscht, poi per ambedue crocchette di pollo alla Pozarsky, maiale in crosta, un vinello caucasico e alla fine arriviamo ad un accordo.

Punto primo. Vuole duemila euro di anticipo, subito, sull'unghia, prima di cominciare.
Punto secondo. Vuole il terzo di ogni altra somma che riuscirò a ottenere.
Punto terzo. La cosa le piace da morire! Sapere che sarà la protagonista di una cerimonia di iniziazione, che la violenteranno in gruppo, che la sevizieranno in innumerevoli torture la mandano fuori di testa! Mi dice allusiva che si sta sciogliendo e mi prende la mano e mi fa verificare! E mi scotta le dita!
Durante tutta la cena sono sottoposto a delle occhiate velenose dalle donne presenti e d'invidia degli uomini.
Questa ragazzina è davvero graziosa. E Boris, il gestore, mentre lei è a far pipì non mi risparmia un rimbrotto.
-Sempre più giovani, eh? Più invecchi e più le tue donne sono giovani, sei proprio porco e degenerato! Tra poco le sceglierai nella culla e dov'è Fuffina?-
Invidioso! Decidiamo inoltre che durante “l'operazione Sacerdotessa” lei starà da me. A casa mia. Ci verrà più comodo organizzare la cosa. Le va bene, ha lasciato da poco la casa dei suoi genitori, le stava stretta e se ne è andata e loro per festeggiare l'occasione si sono ubriacati e drogati fino a perdere i sensi per giorni! Non vedevano l'ora che diventasse maggiorenne e sfangasse da casa!
In macchina le spiego cosa faremo, cioè cosa lei dovrà fare ma non è molto attenta, si struscia e mi tocca, me lo tira fuori, si inginocchia sul sedile e prende a leccarmelo!
Non così! Mi fai andare fuori strada! Fai piano!
Fra un ingoio e l'altro con le labbra colanti di saliva mi chiede...
-Ce l'abbiamo a casa la stanza dei giochi?-
Anche questa?
Ma è diventata una mania sta voglia di essere legate, frustate e penetrate con oggetti assurdi! Ma si che c'è la stanza! Figurati! Catene e manette e fruste! Riesco a resistere fino a casa! Nonostante lei ci si metta davvero d'impegno! E' arrivata a tenermi per i coglioni e a sbattermi a bocca aperta per farmi venire!
Un'altra notte negata al riposo!
Lei finisce legata alla panchetta, polsi e caviglie segnati e il culo viola dai colpi. E scopata a sangue, ehm... più volte! Le piace da morire! Ecco! Mi da la prova verificata che è proprio adatta per quello che dovrà fare.
Ma si lo confesso, non era solo una prova, ma ammetterete che io sono previdente professionalmente!
La mattina dopo colazione, oh! Sapete che l'ho fatta dormire sullo scendiletto come una cagnetta? Ma poi, che volete, sono il solito tenerone l'ho fatta dormire nel letto raggomitolata a me, allora dopo colazione, come dicevo, preparata da me perché questa non sa neanche bollire l'acqua, telefono alla nostra sacerdotessa.
Cosa le dico? Vi do un breve resoconto, ok? La faccio breve. Mi presento e le chiedo se può gentilmente concedermi cinque minuti, le dico che sto trattando un caso molto interessante, una giovanissima ragazza che ritiene, in un'altra vita, di aver partecipato a dei sabba e addirittura di essersi congiunta con il diavolo! Le dico che vorrei la sua assistenza durante una seduta di ipnotismo dato che la ragazza vorrebbe tornare a vivere quella esperienza in una riunione Wiggan, che è bellissima e giovanissima e lei ci casca in pieno! Sento da come ansima che la cosa la eccita! Finisco con...
-Può aiutarmi?-
Accetta entusiasta. Facciamo per il pomeriggio. Poi passo un casino di tempo a istruire Fiore, non che sia testona ma capisce solo sesso e sesso. Le dico che fingerò di darle qualcosa per aiutarla a rilassarsi nel momento d'ipnosi, le dico cosa dovrà dire e fare, del sabba che ricorda e del diavolo, di dire che era un caprone munito di un cazzo enorme e del desiderio di riprovare quel piacere assurdo. E lei si eccita, ma stiamo lavorando!
Che poca serietà professionale!
Niente da fare, devo darle una calmata di brutto!
Poi nel pomeriggio cosa NON succede!
Vado con calma, quando suona la sacerdotessa mando Fiore in camera, non deve muoversi fino a quando la chiamerò! Poi faccio entrare lei.
Beh... avrei dovuto immaginare che non era una donna comune, no? Ma tra il caso di Meddy e il resto la mia mente si era un po' distratta. Non solo bella ma diversa, alta e bruna, gli occhi verdi da gatta, il portamento altero, insomma resto a bocca spalancata. La faccio sedere sul divano e il vestito che porta, di un viola fosforescente lungo fino alle caviglie si apre... si apre!
Ha uno spacco da in fondo fino alla vita! Mi riprendo a fatica. Le racconto di Fiore, la mia versione naturalmente, i suoi genitori disperati me l'hanno affidata affinché cercassi di aiutarla a ritrovarsi, ma subito ha mostrato una strana e particolare sensualità... le dico. E a lei le si accendono gli occhi. Vuole sapere altro... è vergine? Chiede. Non più... confermo, o almeno non lo è più nel posto canonico, dice che l'ha sverginata il diavolo. L'hai scopata? Chiede ancora. Si... è successo. la ragazza è pura lava rovente. Non nasconde il suo disappunto, quanto l'avrebbe voluta illibata!
Poi lo spettacolo di Fiore!
Impressionante! Entra con un atteggiamento timido da premio oscar. Non alza neanche gli occhi, la faccio distendere e la
gran fica della sacerdotessa le lascia il posto.
Ah... lei si chiama Xena, nome di ruolo? Chi lo sa? Dovrò chiedere al marito.
Do da bere a Fiore un bicchiere di aranciata, si si... di solito c'è un aiuto chimico ma stavolta è solo aranciata e poi faccio un po' di scena con la solita moneta d'oro attaccata ad una catenella che faccio dondolare davanti ai suoi occhi.
E lei finge benissimo! E inizia il suo spettacolo, prima qualche reticenza e poi parte alla grande, risponde alle domande con dovizia di particolari sempre più osceni, il sabba, il suo coito con il caprone e poi la lunga orgia nei boschi! Lei presa di continuo, legata e torturata e si riscalda, si alza la gonnellina e si mostra, si tocca, si scopre tutta, si inarca, respira forte come fosse sotto orgasmo!
Sono eccitato? Ebbene... Si!
E' eccitata anche Xena? Si... ancora SI!!
Oh... devo riconoscere che la ragazza ci sa fare! E che sia molto disposta al sesso è anche una verità! Non so come succede esattamente ma ad un certo momento le due sono allacciate in uno scontro durissimo di sesso! Si sono spogliate a vicenda con una frenesia estrema e ora si mangiano! Nooo! Più esatto dire che si divorano, il corpo minuto di Fiore e quello di donna fatta di Xena sono incollati, si inarcano e si distendono sotto la libidine estrema che le possiede.
Io? Non intendo parteciparvi, sono troppo belle, vero che sono eccitato oltre ogni limite ma so stare al mio posto in queste occasioni.
Le guardo, le concupisco, le ammiro. Ecco... in questo esatto momento ammiro la curva del culo di Xena, bello e pieno!
Poi... il colpo da maestro di Fiore, pur sotto orgasmo, mentre l'altra le sta divorando la fica tenendola per la testa le dice...
-Ti ho riconosciuta! Si... si! C'eri anche tu in quel Sabba con il nostro Signore e Padrone, eri la più bella e la più depravata, ti ho riconosciuta eri la sua preferita e ora ti ho ritrovato qui!
Brava!
Premio Oscar!
Volete sapere se alla fine mi sono inserito fra loro? Ebbene no, il lavoro prima di tutto, mi conoscete! Ehm... veramente la voglia c'era ma mi devo trattenere, mi capite? Nel momento del commiato, con loro due che si baciano e si ribaciano, lei Xena mi prova che ha ingoiato l'esca e tutto l'amo e mi dice...
-Maestro... è possibile che io possa rivivere il Sabba che ha detto Fiore? So che l'ho vissuto, ne sono sicura, vorrei riviverlo attimo per attimo, puoi aiutarmi?-
-Ci proviamo, abbandonerai temporaneamente questa dimensione odierna per entrare in quella del sabba, ci proviamo Xena...-
-Quando? Voglio il prima possibile...--
-Domani stesso nel pomeriggio...-
Ecco! Visto? Non sono davvero un genio?
Ma si, lo so, senza Fiore non ci sarei riuscito! Ma chi è la mente pensante in questo racconto?
IO!
Dopo? Fiore, sempre nuda, mi si avvicina...
-Sono stata brava?-
-Sei stata bravissima, magnifica!-
-Non merito un premio?-
-Cosa vuoi... usciamo? Una cena? Un regalo?-
-No... voglio andare nella stanza dei giochi-
Ancora?
Oh... merita tutto e tutto ottiene, catene, frusta, pinze e ogni altra particolare attenzione e la scopo a raffica. Da morirci. Questa mi porterà prematuramente alla tomba! Poi il giorno dopo è il momento decisivo.
Xena.
Arriva e la faccio mettere sul divano, lascio Fiore in stanza, altrimenti me la distrae e ricominciano a fare le porche. Le do il solito aiuto e lei si dimostra più che idonea al trattamento, le dico del Sabba, mi insinuo nella sua mente e l'aiuto a vivere il momento, lei si vede nuda in quella notte di orgia, nuda e posseduta a ripetizione e poi il connubio con il suo signore Belzebù e qui lei inizia a tremare in preda a orgasmi sempre più forti. E tutto senza essere toccata! Si strappa i vestiti e apre le gambe fino a divaricarle la sua fica è bagnata da far la schiuma e che posso fare? Se non mettermi fra le sue gambe e prenderla? Sono solo un debole in questo caso! E lei crede ancora di essere sotto il diavolo e mi ricompensa con una altra serie di orgasmi! Urla e smania!
Volto lo sguardo un attimo mentre le sono sopra, sento come una presenza e chi c'è? Fiore! Alla porta che si sta toccando! E questo il modo di eseguire le mie disposizioni?
Non ho finito!
Le mando una occhiataccia ma lei non mi bada, continua a toccarsi. Spudorata! Le devo dare una lezione, ma cazzo! E' proprio questo che le da piacere! Devo insistere con Xena, le chiedo dopo aver goduto, eh si... mantengo comunque la lucidità di spirito, delle odierne riunioni Wiggan e mi dice che si trovano, cantano, si mettono in circolo e ballano e poi inizia il vero gioco. Si congiungono, ma dice, sapeva che le mancava qualcosa, non godeva compiutamente e ora che ha riprovato il vero ORGASMO, sa anche cosa mancava!
Il congiungimento con il DIAVOLO!
Le chiedo dei prelevamenti, cosa sono? Dice che devono comperare un terreno per le riunioni. E il denaro dov'è? Un fondo appositamente creato a nome suo. E' l'adepto anziano del gruppo a spingere la cosa. Uhhhhh! Discorso chiuso!
Ma vuole tornare domani e ancora dopo. Ora sono il suo collegamento con il piacere estremo che ha provato oggi, non mi mollerà mai, dice!
Mi pagherà ogni cifra e chi rinuncia a lei?
Guardo Fiore che mostra di apprezzare, entra e la bacia.
No no... ragazze! Non ricominciamo! Io ho fame, usciamo tutti a cena! Ristorante argentino, carne Angus pregiata, bife de chorizo, el asado de tira e la picanha, vino Lurton Piedra Negra Gran Maltec a 60 euro a bottiglia!
Viva la vita!
Poi TANGO! L'ambiente diventa di fuoco quando lo ballano loro due assieme! Gli uomini presenti hanno i coglioni che vanno a fuoco! Garantito!
Poi? E' notte tarda ma Fiore non demorde e chiede...
-Andiamo tutti nella stanza dei giochi, papino?-
Papino? Ma ho solo 42 anni, cazzo!
Va bè... lo meritate ragazze, lo meritate.
Finisce che giorni dopo ho un colloquio finale e significativo con il marito avido di Xena, gli spiego che il denaro ha solo cambiato sede, c'è ancora tutto ma che dovremo fare. io e lui, un discorso molto convincente al membro anziano dell'esercito Wiggan.
Lo convinco a contribuire significativamente al mio mantenimento, lo fa un po' a malincuore, ah che uomo! Ama più il denaro che la moglie!
Ora do a Fiore la sua parte, parla di voler vivere con me e se è per un po' mi va anche bene, ma fra Xena che continua con le sue sedute lubriche con Satana e la dolce e morbida Dahlia (con la h) che ha bisogno del mio aiuto? Davvero ci sono giorni che sono al limite! Comunque Xena da quando è in trattamento da me ha perso interesse per le riunioni Wigga, peccato! Avrei partecipato entusiasta e altrettanto Fiore ma alla fine è contrario al mio interesse, infatti economicamente torno a star da dio.
Ma come un improvviso temporale che rovina una bellissima giornata d'estate arriva una mail da Fuffina.
E' ferma a Samarcanda e non ha più un soldo ed è stufa di tutti questi cazzi che ha provato, ora vorrebbe solo il mio dice e mi chiede. -Papino mio... sono all'hotel Hilton di Samarcanda, mi mandi da saldare il conto e mi paghi il passaggio aereo di ritorno? Voglio bene solo a te... papino mio.-

Ora il problema è... come farò a spiegare a lei e a Fiore che non sono figlie uniche ma che hanno una sorella?

Ah... le donne! Sempre pronte a complicarti la vita.

Questo racconto di è stato letto 1 3 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.