Erotici Racconti

Il Risveglio della Puttana che è in me

Scritto da , il 2018-10-10, genere tradimenti

Il Glamour è il club privé più grande di Cap, e forse d’Europa. Di sicuro uno dei più belli, ed è anche piuttosto costoso… Naturalmente quelle come Eva e me riescono sempre a entrare gratis, visto che è con le clienti come noi che le serate vengono al meglio.
Adoro gli swinger club: sono il trionfo delle donne. Il posto dove noi singole abbiamo praticamente tutto gratis, le coppie pagano salato e i maschi singoli si svenano per entrare… Come se non bastasse poi, lì comandiamo noi. Un nostro “no” significa decisamente no; e un nostro “forse” provoca risultati strabilianti…
Per non parlare di quando diciamo “voglio”: equivale a una direttiva presidenziale americana.
Questa sera a un certo punto, mentre aveva una mezza dozzina di spasimanti sfigati attorno, Eva ha detto “voglio un drink”… Cinque minuti dopo ha fatto il bagno nello champagne.
Non è una metafora: le hanno portato dodici flute di bollicine, e lei se le è versate tutte addosso, una dopo l’altra, nel modo più languido che avessi mai visto…
Indossava un vestitino bianco cortissimo, che le si è letteralmente incollato addosso diventando perfettamente trasparente. A quel punto si è lamentata che nessuno la aiutava ad asciugarsi…
Quel branco di sfigati si sono precipitati a leccarla come gattoni arrapati.
…E tutto questo, nel bar del club.

Mi sono allontanata disgustata. Non sopporto quando i maschi si lasciano umiliare a quel modo, neanche se sono io a farlo. Se è Eva, è ancora peggio.
Il nostro rapporto è fantastico anche per questo: sono gelosa di lei non perché temo che qualcuno/a me la porti via (non succederà mai), ma in quanto donna, perché è così giovane e tanto più bella di me… E sono anche orgogliosa di lei per lo stesso motivo. Orgoglio e gelosia si mescolano deliziosamente e si trasformano in un piacere perverso, torbido… Solleticano il meglio e il peggio di me.
Il Glam è sempre affollato: non è come certi posti sfigati dove vedi solo torme di singoli che ronzano attorno alle poche donne presenti, magari anche racchie.
Qui ci sono sempre coppie abbastanza piacenti in numero adeguato, pochi singoli e pochissime singole… E anche qualche coppia così così, ma in fondo hanno diritto di divertirsi anche loro.
Uno sfigato sui venticinque pieno di brufoli che non ha avuto la mancanza di dignità – o forse le palle – per unirsi al club dei linguisti di Eva mi guarda con aria da pesce lesso, e io gli dico che voglio un drink.
Non sono Eva: non me ne vedo offrire dodici, però un bicchierino arriva subito.
Bene: ho ancora quel che serve a far scattare i maschi come marionette.
Sorseggio lo champagne (siamo in Francia: un “drink” significa una cosa sola), scarico Brufolo Bill con un gesto annoiato e mi aggiro per il locale cercando con lo sguardo qualcuno che sia sulla nostra lista; oppure qualcun altro da inserirci all’ultimo momento.
Oggi ho ingoiato solo tre maschi oltre a Eva, e non mi sento in regola con i miei standard. Lei probabilmente si porterà in un privé la maggior parte dei membri del suo club di linguisti, ma io sono troppo orgogliosa per approfittare delle sue conquiste.
Inoltre, sembrerà strano, ma i nostri gusti in fatto di uomini non sono proprio gli stessi.
Ecco, per esempio: quella bella coppia che sta ballando in pista… Quarantacinque? Cinquanta? Se li portano benissimo tutti e due.
Vestiti bene, eleganti e sexy senza essere volgari. Lui brizzolato ma con tutti i capelli e senza pancetta; lei longilinea e abbronzata, peccato per le tette rifatte ma ormai sembra che siano più comuni delle ciglia finte.
Mi avvicino sorniona e mi propongo.
Lui abbocca subito; lei è restia… Peccato, mi piace anche lei: sarebbe un bel triangolo, che non dimenticherebbero facilmente.
Insisto, e lui apprezza. Guardo lei e le sorrido amichevolmente: voglio che capisca che non sono una minaccia, e che desidero lei almeno quanto voglio suo marito.
Lei capisce, anche troppo bene.
Fa una smorfia e trascina via il suo povero lui con aria piuttosto decisa.
Omofoba, peccato. Oh beh, non tutte le lei di coppia dei privé possono essere bi.
Sono un po’ piccata. La tentazione di insistere è forte, ma dentro il locale è meglio evitare di dare spettacolo: sarà per un’altra volta.
Proseguo la mia ricerca con calma, la notte è giovane…

Passo davanti a una coppia di quelle che nella scala da uno a dieci arrancano a raggiungere il quattro: lui pelato con la pancia, lei con un chilo di fondotinta, un profumo sbagliato e un abitino di due taglie troppo stretto.
Lui paga con aria triste e lei beve, infelice e rancorosa.
Passo oltre, sentendomi sporcata dallo sguardo libidinoso di lui; lei ormai ha bevuto abbastanza da non vedermi nemmeno.
Eva è scomparsa assieme al suo fan club. Scruto in giro e non ne vedo traccia.
Mi allungo fino al nostro privé preferito e credo di distinguere una sua gamba nel groviglio di corpi e membra maschili che si stanno ammucchiando in maniera disordinata sul lettone rotondo già completamente sfatto.
Eva ha superato sé stessa: oltre ai sei di prima ci sono anche due neri che credevo essere personale della sicurezza del locale.
Esagerata…
Sospiro e torno verso il bar.
- Un drink?
Sussulto, colta di sorpresa. In effetti ho in mano il bicchiere mezzo vuoto, e il pelato di prima ha scelto la scusa più dozzinale del mondo per provarci con me.
Lo guardo come guarderei uno scarafaggio nel mio bagno prima di schiacciarlo con la carta igenica e gettarlo nello scarico, ma lui deve esserci abituato.
- Una signora così bella non dovrebbe andare in giro con un bicchiere vuoto…
Che schifo. Mi ha presa per un’alcolizzata: io non bevo mai un secondo bicchiere. E soprattutto, mi ha chiamata “signora”: lo odio, ma mi controllo.
Detesto perdere il controllo; sono una maniaca del controllo.
Il pelato dev’essere francese, ma almeno ci sta provando in inglese: lo capisco anche troppo bene, e i suoi complimenti mi danno il voltastomaco.
Uomini come questo mi ricordano del perché preferisco le donne.
Il mio repertorio di frasi carine per scaricare gli uomini è piuttosto limitato: fra il classico “no grazie” e un sincero “vaffanculo”, per me il passo è molto breve.
Non capisco come il pelato possa non capire: lo sto praticamente ignorando, e lui continua imperterrito. Dev’essere abituato ai rifiuti e non demorde.
Sta per scattare il vaffa, quando lui improvvisamente sospira: - E va bene, ho capito: pago. Quanto vuoi?
Rimango di sale.
Ce l’ho davvero scritto in faccia? “Puttana”, intendo.
O magari “escort”, che fa più figo ma poi è la stessa cosa…
Però dentro mi scatta qualcosa. Sarà il malumore per la tipa omofoba di prima, sarà il fastidio per l’ammucchiata da record di Eva, però il mio istinto mercenario improvvisamente mi solletica la fica.
Non abbiamo veramente bisogno di soldi, però è vero che l’attracco della Serenissima non è gratuito, e neanche il carburante.
E io sono una professionista seria.
Lo squadro dall’alto in basso (sono un bel po’ più alta di lui, anche perché porto i tacchi) con aria scettica e sparo: - Duemila.
Lui non batte ciglio: - Euro o Dollari?
- Euro. Ti sembro forse americana?
Lui sorride soddisfatto: - No, hai ragione. Va bene, direi che una come te li vale tutti.
Questa è carina: in fondo il pelato non è poi così male.
Il Glam non è un posto da escort: le regole sono severissime e nessuno di noi due vuole correre rischi.
- Hai un posto dove andare? – gli faccio con un sorriso un po’ meno gelido.
- Certo: ho un appartamento con terrazza e vista sulla baia.
Non male. Gli appartamenti con vista sulla baia sono solo sulla punta ovest di Port Ambonne, e sono tutti super lusso.
- Ma tua moglie cosa ne pensa?
- Oh, lei! Non preoccuparti, rimarrà a piangersi addosso al bancone finché non le sarà passata la sbornia. Il personale di servizio la accompagnerà a casa domattina.
Pratico.
Funziona sempre così quando si usano le banconote da cinquecento per soffiarsi il naso?
Il pelato è belga; mi dice il suo nome ma non lo capisco e poi da quando mi ha detto la sua nazionalità per me è semplicemente Poirot: tale e quale.

Bene, Poirot mi scorta fuori dal Glam, e ci avviamo con calma sul lungomare fra Heliopolis e Port Ambonne.
Lui ha pagato due cinquecento in anticipo, quindi non protesto quando mi piazza una mano sudata sul culo.
Indosso il mio abitino nero cortissimo che mi copre il seno (vabbè, per quel che c’è da coprire….) ma lascia la schiena nuda; cammino sui sandali a tacco dodici e ringrazio il cielo di non aver finito il mio primo bicchiere di champagne, così non mi spacco una gamba sulla scalinata che porta ai ristoranti alla punta sud di Port Ambonne.
Passiamo lungo la via dello struscio fra le piscine e mi viene istintivo gettare uno sguardo verso il villino di Roby e Franco; poi svoltamo a sinistra verso la marina dove è attraccata anche la Serenissima, ma non arriviamo alla baia: l’ingresso agli appartamenti più esclusivi di Port Ambonne è a metà del corpo principale.
Saliamo le scale e Poirot mi fa entrare nella sua suite.
Non male davvero: o il pelato è ricco sfondato, oppure è uno spendaccione da paura. L’appartamento è almeno centocinquanta metri, arredato extralusso e ha una terrazza da paura sulla baia.
Poirot fisicamente fa un po’ schifo, ma è galante e abbastanza beneducato. Soprattutto, non puzza di sudore, e questo è un punto a suo favore grosso quasi quanto i duemila euro che è pronto a sborsare per farmisi nel bel letto della moglie racchia.
C’è il rischio che cerchi di baciarmi, così per evitare l’imbarazzo mi inginocchio subito davanti a lui in mezzo alla camea da letto e gli apro la patta dei pantaloni da brava professionista.
Tiro fuori quello che c’è dentro e trasecolo: Poirot è ben fornito!
Mi ritrovo in mano un salame bello turgido di almeno venti centimetri, roba che non si trova al supermercato, e anche al Glam non è esattamente sugli scaffali…
Trattengo un moto di sorpresa e spalanco la bocca per accogliere nelle mie fauci quella sberla di cazzo insospettabile tanto per dimensioni quanto per consistenza.
Non si dovrebbe mai giudicare un cazzo dall’aspetto del maschio che lo porta in giro.
Succhio Poirot da professionista, facendolo uggiolare di piacere, e mi gusto quella verga tosta e saporita che adesso non vedo l’ora di prendermi in pancia.
Sbocchino e sego, sego e sbocchino, e intanto accarezzo quei coglioni gonfi e pelosi che intuisco belli pieni di succo di maschio: succo che intendo sottrarre alla moglie stronza cui spetterebbe di diritto.
- Aah! Sei bravissima… - annaspa il pelato godendosi il pompino professionale della Visentin – Adesso però ti voglio scopare…
Il cliente ha sempre ragione.
Mi arrampico sul lettone a quattro zampe e mi offro da dietro per lui che sta ancora in piedi a guardarmi beato dal mio latomigliore: ovviamente non porto le mutande, e il mio bel cespuglietto biondo spicca sulla pelle abbronzata al di sotto dell’orlo del vestitino nero.
Poirot si avvicina puntando la sua insospettabile virilità contro le mie carni vogliose, e spinge dentro di me senza quasi incontrare resistenza.
- Aahhh… - bramisco io sentendomi riempire la fregna inzuppata di voglia – Avanti, sbatti la tua troia!
Lui la sua troia l’ha pagata, e quindi giustamente se la sbatte quanto vuole. Mi agguanta per i fianchi e prende a fottere come un animale, scavandomi dentro con il suo vigoroso attrezzo.
Ho la faccia affondata nel cuscino della moglie mentre mi masturbo il clito a due mani per raddoppiare l’intensità del piacere che il pelato mi sta regalando con tanta foga.
Quando mi accorgo che sta rapidamente avvicinandosi al dunque lo fermo.
- Vuoi provare anche l’altro buco? – gli offro languidamente – Solo altri mille exra…
Devo ancora trovare un uomo che declina l’opportunità di fottermi il culo.
Poirot grugnisce il suo entusiastico assenso ed estrae l’arnese per riposizionarsi fra le mie chiappe accaldate.
Mi allargo lo sfintere prima con due dita, poi con quattro per facilitargli l’introduzione, e lui spinge contento nel budello umido e muscoloso.
- Ahiaaa! – rantolo io ricevendo il cazzo nel retto – Merda, ce l’hai troppo grosso… Mi fai male!
Non è del tutto vero, ma agli uomini piace da morire l’idea di procurare dolore alla femmina che sodomizzano, e io voglio che il mio cliente sia soddisfatto fino in fondo della mia prestazione professionale.
Fino in fondo, appunto…
- Aahhh!
Sì, adesso ce l’ho dentro fino in fondo.
- T’inculo, puttana – rantola lui, imbufalito – Ti spacco in due…
Io riprendo a masturbarmi con la faccia nel guanciale che sa della sua proprietaria (ma che roba è? Eau de Fogne?), e mi gusto quella monta mercenaria che dovrebbe umiliarmi e invece mi eccita da pazzi.
Ho un improvviso, violento orgasmo clitorideo che mi mozza il fiato mentre lui continua a sodomizzarmi come un pazzo: me lo godo fino in fondo, e le contrazioni delle mie viscere gli strizzano l’uccello con più forza del previsto.
Il mio cliente perde il ritmo, annaspa…
La porta d’ingresso si spalanca e qualcuno entra con passo incerto.
- Ma che accidenti…
Un urlo alle mie spalle segnala la scoperta del fottisterio da parte della padrona di casa, che evidentemente è stata riaccompagnata più presto di quanto pensasse il marito fedifrago.
Rischiamo il disastro, ma io sono una professionista seria e conosco il mio mestiere: contraggo lo sfintere e rinculo con forza contro il mio amante; questi ha un sussulto e mi sborra disastrosamente nel culo proprio davanti alla moglie inferocita.
- Maiale, porco, bastardo! – grida la stronza mentre lo sperma del marito mi riempie l’intestino di schizzi caldi e collosi – Con una troia, nel nostro letto…
Non sono del tutto sicura delle sue parole, ma il significato è abbastanza chiaro.
Beh, è troppo tardi per rovinare tutto, stronza: ormai il rapporto è consumato e la marchetta non me la toglie più nessuno.
Poirot barcolla all’indietro per fronteggiare la moglie incazzata, così il suo cazzo mi sfugge dallo sfintere come un tappo dalla bottiglia, seguito da un fiotto di sborra che va a imbrattare il letto della signora oltraggiata.
Lei se ne accorge perfettamente – la sbronza dev’esserle passata di colpo – e strilla ancora più forte: sembra una femmina di avvoltoio a cui hanno violato il nido in cima alle Ande…
Sento il classico rumore di uno schiaffo, seguito da un grugnito maschile di dolore.
Mi volto e scendo dal letto, lasciando colare sul pavimento un ultimo fiotto di sborra appiccicosa.
La stronza mi sbraita qualcosa da un po’ troppo vicino, e a me girano le ovaie.
Le metto una mano in faccia e la spingo da parte senza troppi complimenti: le loro beghe non mi interessano, però i miei duemila euro di saldo, sì.
Poirot guarda sorpreso sua moglie che barcolla all’indietro, sbilanciata dalla manata che le ho rifilato (è più bassa di me di tutta la testa), e poi guarda me con aria rintronata dalla sberla che si è appena preso.
- Allora adesso fanno duemila, così poi me ne vado e vi lascio alla vostra discussione, va bene?
Devo avere l’aria abbastanza decisa, perché lui non oppone resistenza: prende il portafogli e tira fuori meccanicamente altri quattro bigliettoni mentre io mi alliscio il vestito sui fianchi e tengo d’occhio la moglie che mi guarda stravolta.
Afferro i miei soldi e giro i tacchi verso l’ingresso: sono già fuori dalla porta quando la discussione coniugale riprende più violenta di prima, ma ormai non sono più affari miei.

Questo racconto di è stato letto 5 7 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.