Raccontami tutto.

di
genere
etero

Era una sera di maggio, una festa in spiaggia e alcool a fiumi.
So solo che un momento prima ero con le mie amiche, un momento dopo lui mi stava trascinando lungo la parte di spiaggia piena di sdrai e ombrelloni chiusi.
La cosa un po’ mi imbarazzava, ma passó subito, perché pensai che alla fine era una cosa molto eccitante e che non avrei dovuto fare.
Fatta, sentivo già il basso ventre fremere.
Continuai ad essere trascinata, fino a quando senza troppe cerimonie, mi sbattè su uno sdraio.
Seduti una di fronte all’altro, l’elettricità dei nostri corpi era palpabile, l’attesa duró poco e mi mise la lingua in gola.
Muoveva divinamente quella lingua dentro alla mia bocca, con le mani sotto alla maglietta, non la finiva di dilagnarmi i seni e io ero già allo stremo.
Proprio mentre pensavo di essere ben presente nella situazione, la mia mente inizió a vagare, come solito.
Iniziai a pensare a Max, al mio compare di scopate virtuali.
Improvvisamente mi dava fastidio essere lì con lui, che tra una slinguata e l’altra, parlasse.
“Ma che cazzo hai da parlami ? “ pensavo, e continuavo ad affogargli la bocca con la mia lingua, succhiandogliela e sputandogli in bocca.
“ ah ma sei proprio zozza “ mi disse.
“ no, è che così almeno stai zitto e posso fantasticare in pace!”, risposi tra me e me.
Lui capì l’antifona, incominció a passare ai fatti.
Inizió a scendere lungo il mio corpo, fino a mettermi una mano dentro alle mutande, dove mi scopri già piena di umori e calda.
Si fece spazio tra le mie grandi labbra, evitando accuratamente il clitoride che già pulsava senza fermarsi. Per poi infilarmi, senza ritegno e con foga, un dito dentro di me.
Mi sgrillettó senza pietà, fino a quando sentii l’orgasmo montare, non riuscivo più a pensare a nulla.
Ci vivrei in quella sensazione pre orgasmo, fantastica e meravigliosa, cerco sempre di trattenerla il più a lungo possibile. Alla fine, come sempre, lasciai andare il piacere.
A questo punto ero desideriosa di ricambiare, iniziai a toccargli il cazzo.
Lo sentivo in difficoltà da sopra alla sua patta, così glielo tirai fuori, ci sputai sopra e inizia a segarglielo.
con la lingua gli leccavo un orecchio senza pietà. “ Piantala ti prego, o ti sborro in mano “, riuscì a dirmi a fatica.
“ Hai ragione, ora te lo prendo in bocca” , gli sussurrai.
Inizia a leccargli la cappella lentamente, era straziante per me quel ritmo, non immagino per lui.
Dopo qualche minuto mi mise tutta l’asta in bocca, fino in gola, con movimenti ritmici iniziò a scoparmela.
Piano piano lasciai andare il cazzo, per dedicarmi alle sue palle.
Gliele presi in bocca, le leccavo e le succhiavo.
“ Ti prego non ce la faccio più”, mi disse quasi rantolando.
Così tornai a prenderglilo in bocca, ma stavolta il risucchio delle mie labbra e della lingua duró poco e lui mi venne direttamente in gola.
Degluttendo senza fiatare, gli misi subito la lingua sulla sua.
La mia era ancora sporca, del orgasmo che gli avevo appena fatto provare.
Lui non si ritrasse, anzi era compiaciuto di sentire il suo sapore misto alla mia saliva.
Finito tutto, decidemmo di tornare alla festa.
“ Magari continuiamo domani sera “ mi salutò.
“ Per me può finire qui “ pensai.

Tirai fuori il cellulare, ormai quel numero lo sapevo a memoria.
Erano le due di notte, ma la risposta sapevo sarebbe arrivata.
“ Pronto ?”
“ Ciao Max, sono abbastanza troia se ti ho pensato tutto il tempo mentre spompinavo un altro ?”
“ Siamo oltre, mi hai anche svegliato nel cuore della notte, devi pagarla “
“ In che modo ?”
“ Nel modo che ho già un cazzo duro come il marmo”
“ come potrei aiutarti ?”
“ Raccontami tutto, voglio tutto nel minimo dettaglio finché non sborro. Troia che non sei altro “.





scritto il
2018-05-07
5 . 6 K
visite
0
voti
valutazione
0
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.