Erotici Racconti

La Coinquilina cap.4

Scritto da , il 2018-01-27, genere esibizionismo

Non era la prima volta che Gustavo si masturbava in un bagno. Da adolescente era successo in diverse occasioni: a scuola, a casa dei suoi genitori e soprattutto d’estate a casa dei nonni materni, circondato dalle due cugine più grandi che giravano sempre in bikini o pareo.
Ma era un ragazzino, rientrava tutto nella normale evoluzione sessuale di un uomo.
Fece mente locale e si ricordò di essersi masturbato sotto la doccia, nel bagno di casa sua, diverse volte, soprattutto di mattina, come fa la maggior parte degli uomini e senza particolari pensieri erotici estremi. Di solito fantasticava sulle sue ex fidanzate o al massimo ricordava qualche video porno visto al pc, anche se non era un grosso fruitore.
Ma toccarsi in un bagno di un supermercato per non poter sopportare più un’erezione….no, forse neanche da ragazzino gli era successo. Questa cosa lo spaventava, dopo la vergogna dei primi istanti, pensava razionalmente al motivo di tanta eccitazione e non riusciva a capire.
Sara era sicuramente una donna disinibita e dalle forme molto generose, ma no era il suo tipo, si convinse Gustavo. Non avrebbe mai potuto avere una relazione con lei, neanche superficiale, neanche solo sessuale. Smise di pensarci quando il suo capo gli ordinò di andare da 3 clienti che avevano problemi con il server dell’azienda.
A pranzo, Gustavo andò al bar da Fabrizio. Fabrizio era uno suo ex compagno delle superiori. Insieme avevano frequentato i primi 3 anni dell’istituto tecnico, poi Fabrizio aveva smesso. Suo padre aveva un bar in centro e lui si era scoperto molto più zelante nel lavoro che nello studio e da allora, da quando aveva all’incirca 17 anni, gestiva quel bar insieme al padre. Quest’ultimo ormai si vedeva di rado, veniva solo per aiutare il figlio quando c’erano le partite e il locale si riempiva.
“Ohhh Gus!!! Vieni che oggi ho i panini con il prosciutto di Norcia!”
“Fabri, grandioso, era un po’ che non te li portavano, finalmente!”
Gustavo si sedette al tavolino davanti al bancone del bar. Mentre l’amico gli stava preparando il piatto con il panino e la sua solita Coca Cola Zero, dette uno sguardo veloce alle notizie locali sul quotidiano.
“Eccoti servito. Oggi è fiacca, poca gente, c’è sciopero generale. Meglio, così riposo un po’”
Si sedette con Gustavo al tavolo.
“Allora, come va? Ti hanno mandato di nuovo in giro a fare la trottola ehh??!!”
Gustavo alzò gli occhi al cielo in segno di rassegnazione mentre addentava il suo panino.
“Ahh a proposito, come va con il coinquilino, lo hai trovato?”
“Sì, è una donna, Sara. Si è trasferita ieri”
“Una donna?? Ma è giovane? Com’è?? Ohh non fare l’egoista, presentamela!!” Rise di gusto Fabrizio.
Gustavo lo guardò sorridendo, si ricordò di quando, in gita a Matera, in albergo si erano limonati tutti e due la stessa ragazza.
“Bah, non so, ancora non la conosco bene, sembra a posto comunque” disse in maniera vaga.
“Sì ma è bona???” insistette Fabrizio
Gustavo provò un senso di disagio per quella domanda. Non seppe spiegarsi il perché, ma non gli era piaciuta per niente.
“Non è il mio tipo, comunque sì, carina”
“Beh allora invitami a cena, ci conto ehh”
Gustavo pensò che non lo avrebbe mai invitato a cena fino a che Sara fosse stata in quella casa.
Non era certo gelosia, la conosceva appena, forse era più la paura del giudizio degli altri, su cosa avrebbero potuto pensare che combinassero quei due in casa da soli.
Lasciò rapidamente l’argomento Sara per buttarsi su quello calcistico.
Tornò a casa alle 19.30. Vide il cappotto di Sara appeso nel corridoio ma non c’era traccia della sua coinquilina né in salotto né in cucina e il bagno era aperto e spento.
“Saretta, ci sei?” chiese con voce moderatamente alta Gustavo.
Nessuna risposta. Si avvicinò alla sua camera, era chiusa, fece per bussare ma subito sentì dei fragorosi colpi di tosse provenire da dentro.
“Sara, stai bene? Posso entrare?”
“Sì entra pure….”
Gustavo varcò la porta della camera di Sara e alzò lo sguardo sul letto a soppalco. Intravedeva solo un fagotto deforme di coperte, e piumone. Là sotto doveva esserci lei.
“Che succede, non ti senti bene?”
Sara si girò e da sotto le coperte apparsero due occhi lucidi e semichiusi
“Ho una forte tosse e un po’ di febbre”
“Certo, ieri quando ti sei bagnata al supermercato….” Il supermercato….e il ricordo di Gustavo riandò di nuovo al bagno, agli abiti di Sara, ai guardoni….Si schiaffeggiò mentalmente e tornò a guardarla.
“Hai preso qualcosa? In bagno dovrebbero esserci dei medicinali”
“Ho guardato ma….c’era solo un paracetamolo e...” fu interrotta di nuovo da un grosso attacco di tosse.
Gustavo si sentì invaso da un sentimento di protezione e tenerezza nei suoi confronti e non ci pensò due volte.
“Torno subito, tu non ti muovere e stai al caldo”.
Scese in fretta le scale e attraversò la strada. Entrò in farmacia e comprò sciroppo per la tosse, tachipirina, aspirine e altro paracetamolo.
Tornò velocemente a casa e mise a scaldare dell’acqua. Si ricordava di avere una tisana allo zenzero . Lo zenzero è una mano santa contro i sintomi influenzali.
Bussò alla porta di Sara. Entrò con un vassoio e le disse di alzarsi un pochino sul letto.
Sara si voltò, si alzò appoggiandosi sui gomiti e vide quell’uomo sotto di lei con un vassoio pieno di roba, medicinali, una tazza fumante, dei biscotti….
“Gus...ma...grazie!! Cos’è tutta questa….??”
“Aspetta, vediamo se riesco a portartelo su senza fare casino, tu aiutami”
Cercò di tenere il vassoio con una mano, memore del suo passato da cameriere durato ben 14 mesi quando aveva 21 anni, e con l’altra di appoggiarsi per salire le scale.
Arrivò all’ultimo gradino un po’ sbilanciato ma Sara afferrò subito il vassoio. Sporto in avanti, il volto di Gustavo era a 5 centimetri da quello di Sara. Si guardarono in silenzio per pochi secondi, poi lei prese il vassoio e lo accomodò sul letto.
Si era ormai messa a sedere appoggiata ai cuscini. Addosso aveva una canotta verde oliva, di cotone. Gustavo riusciva a vedere i suoi grossi seni là sotto. A causa del freddo improvviso per essersi scoperta, i suoi capezzoli erano diventati duri e sembrava che stessero per bucare quella canotta.
Si fermò a guardarli mentre Sara dava un’occhiata ai medicinali. Avrebbe voluto toccarli, palparli per un secondo, sentire la loro morbidezza sulle sue mani e vederla godere per quel gesto.
“Grazie Gus”
Sara interruppe quel mini sogno erotico, guardandolo con dolcezza.
“Figurati, ora mangia qualcosa, prendi le medicine e fai una bella dormita”
Gustavo non riusciva a spiegarsi bene del perché avesse fatto quel gesto. Quella donna lo attraeva qualsiasi cosa facesse. Gli provocava estrema eccitazione da una parte e poi tenerezza fraterna dall’altra. Cominciava ad essere confuso. Anche lui aveva bisogno di una bella dormita.
La settimana passò velocemente. Sara si riguardò per 4 giorni di seguito, senza mai uscire di casa e senza strapazzarsi.
Il venerdì era completamente guarita, ma decise comunque di stare a casa. Gustavo la lasciò verso l’ora di cena per andare ad un aperitivo con dei colleghi.
Sara era sdraiata sul divano, con una coperta addosso, molto presa da un documentario in tv.
“Vai, buon divertimento!”
Il giorno dopo, sabato, Gustavo e Sara non si videro in tutto il giorno. Lei era in casa ma lui decise che era venuto il momento di passare del tempo con i suoi genitori.
Erano ancora in ottima salute, tutti e due pensionati ma assolutamente autosufficienti. Vivevano nella stessa città ma si vedevano di rado, come spesso succede. A pranzo anche loro fecero domande su Sara, ma Gustavo glissò in maniera vertiginosa.
“Lavora tutto il giorno e spesso la sera è a cena da un’amica. Praticamente non la vedo mai. La coinquilina perfetta!” Da quel momento su Sara calò un velo e non venne più trattato l’argomento.
Tornò a casa dopo cena verso le 23. Sara non c’era. Probabilmente era uscita e Gustavo si riappropriò delle sue mura. Si mise un pigiama, guardò un po’ di tv sorseggiando vino e rispose ad un paio di email. Postò qualche cavolata su Facebook e decise che poteva tranquillamente andare a dormire.
Era immerso in un sonno profondo quando fu svegliato all’improvviso da un suono sordo e fastidioso. Si alzò di soprassalto e aprì la porta di camera sua. Vide la luce del salotto accesa. Si affacciò e vide la sagoma di Sara appoggiata ad uno dei mobili. Lei si accorse subito della sua presenza e si voltò
“Gus scusa ti ho svegliato..mi è caduto il posacenere, ma guarda non si è rotto!!” sghignazzò.
Gustavo si strofinò gli occhi ancora addormentati e guardò l’orologio a muro. Erano le 4 del mattino. Si sentì infastidito e arrabbiato, diresse lo sguardo verso Sara per rimproverarla ma, ancora una volta, rimase immobile e muto.
Sara aveva addosso uno di quei vestiti che aveva visto nell’armadio giorni fa. Era quello bianco a tubino, semitrasparente. La vide in piedi davanti a lui un po’ barcollante. Quel vestito la fasciava come un guanto. Aveva le spalle totalmente scoperte così come le cosce. Solo le gambe erano coperte da delle francesine nere che le arrivavano poco sopra il ginocchio.
“Dai siediti, sei ubriaca?”
“No….cioè solo un po’…...”
Non mentiva. Non sembrava completamente intrisa di alcol, sicuramente aveva alzato un po’ il gomito ma non così tanto da non riuscire a muoversi da sola.
Si sedette sul divano e con gli occhi chiusi si appoggiò allo schienale tirandosi indietro i capelli. Gustavo fu come calamitato e si sedette davanti. Con la luce indirizzata verso di lei, vide meglio le trasparenze di quel vestito. Era senza spalline e le arrivava fin sotto le ascelle. Sotto si scorgevano subito i suoi seni indubbiamente nudi. Con quella luce riusciva ad intravedere le aureole dei suoi capezzoli e scendendo vide chiaramente anche la forma del suo ombelico. Le gambe, da chiuse, si divaricarono leggermente. Quel vestito era estremamente corto, ma stando seduta lo era diventato ancora di più.
Sara riaprì gli occhi e lo vide con lo sguardo concentrato fra le sue gambe. Senza che lui se ne accorgesse, divaricò ancora di più le gambe. Gustavo poteva vedere il suo sesso fare capolino, nudo, con quella peluria nera che comunque faceva intravedere due labbra carnose.
Gustavo arrossì, sentendosi eccitato ma imbarazzato. Sara non si fece scappare l’occasione.
“Sei diventato tutto rosso….che succede?” disse con un tono di voce tra il serio e il seduttivo.
“N..niente, perché..?”
Sara vide che i pantaloncini del suo pigiama si erano gonfiati e divaricò ulteriormente le gambe. Adesso il suo sesso era lì, poteva vederlo interamente senza nessuno sforzo.
“S..Sara ti prego…..”
Sara rise, continuando a fissare la sua erezione.
Gustavo non poteva crederci, va bene, forse era un po’ ubriaca, ma tanta sfacciataggine….e poi...lei era uscita così, con quel vestito striminzito e semitrasparente..non si era certo tolta le mutande appena entrata in casa. Era di nuovo senza slip.
Il suo istinto, questa volta, prese il sopravvento.
“Sara ma…..perché non porti gli slip? Del reggiseno lo so ma…le mutande...non è la prima volta che me ne accorgo..”
Sara scoppiò in una risata fragorosa, un misto tra lo scherno ed il liberatorio.
“Sapevo che prima o poi me lo avresti chiesto….Qualche anno fa ebbi una piccola irritazione dovuta a degli slip di pizzo. Il ginecologo mi disse che probabilmente ero allergica e mi consigliò di non portare mutande per qualche giorno e di ritornare in seguito solo a quelle di cotone. Dopo una settimana senza slip mi ero ormai abituata, la sensazione mi piaceva, sentire l’aria che passa di lì è così divertente..e poi scusa.. è obbligatorio mettersele in questa casa? Me lo avresti dovuto dire..”
Gustavo era a quel punto disarmato. Non voleva passare per il bacchettone di turno, ma allo stesso tempo quella sfacciataggine lo disturbava e lo eccitava allo stesso tempo.
“Beh, ovvio che quando faccio i colloqui per affittare una stanza non mi metto certo a chiedere particolari sugli indumenti intimi delle persone, sembrerei un maniaco morboso”
“E allora che ti importa di cosa metto o non metto..o ti interessa o non ti interessa..”
“Uhm, aspetta. Ora non mi far passare per quei maniaci che vanno per strada a filmare sotto le gonne delle donne..però cavolo, se in una settimana mi è capitato di osservare questa cosa già tre volte..forse quantomeno sei un po' sbadata. E poi scusami, capisco che le altre volte...potessero essere 'incidenti'..ma stasera ti sei messa un vestito veramente osceno”
L'espressione di Sara si fece seria; si alzò in piedi e si passò le mani sui fianchi, per enfatizzare quello che stava per dire.
“Ah si? E cosa avrebbe il mio vestito di così osceno? E' solo un vestitino che uso per uscire di sera, in dei locali notturni con pochissima illuminazione”
Gustavo la guardò. Saretta era sotto i riflettori. La luce proveniente dai faretti della sala, esattamente sopra di lei, le si infilavano lungo tutto il corpo, come se una doccia di particelle luminose la stesse avvolgendo, aumentando la lieve trasparenza del suo piccolo vestito. Attraverso di esso poteva non solo vedere perfettamente la forma dei suoi seni, ma poteva scorgere anche l'ombra scura del suo pube. Pensò che Sara fosse o molto inconsapevole o molto esibizionista.
Decise di affondare il colpo, per metterla alla prova:
“Beh..dal mio punto di vista, attraverso quel vestito, posso praticamente vedere tutto il tuo corpo nudo. Credi che io abbia i raggi x?”
Sara, si fece a quel punto sprezzante:
“Ah sì, e sentiamo, mr. Superpoteri: cos'è che vedresti?!?”
Gustavo sentiva che questa discussione stava prendendo una piega surreale:
“hem...vedo..dai, su non mi far fare la descrizione delle tue parti anatomiche”
“no, davvero, voglio sapere COSA VEDI!” disse Sara, facendo una mezza piroetta su se stessa.
“uff..cosa vedo..davvero vuoi che te lo dica? Vedo la forma dei tuoi seni, vedo la forma dei tuoi capezzoli, vedo l'ombra del tuo pube, vedo persino il tuo ombelico... e sono convinto che riuscirei a distinguere chiaramente le tue natiche, se ti guardassi da dietro”
Sara fece un sorriso malizioso:
“e ti piace?” disse indicando il gonfiore dei pantaloni di Gustavo
“Saretta, sono un uomo. Volente o nolente sono ancora sensibile a questo genere di cose..”
“ E allora qual'è il problema? A me piace vestirmi così. Te l'ho detto, mi piace essere guardata e mi piace sentirmi libera. Faccio del male a qualcuno? Il corpo femminile è bello, è naturale, è pacifista!”
Gustavo a quel punto non sapeva proprio più cosa replicare. Sara era riuscita a smontarlo totalmente, a farlo sentire morboso, un guardone morboso perbenista.
Guardone….morboso….No, lui non era così, non lo era mai stato. Era lei che faceva di tutto per farsi guardare. I suoi outfit erano a dir poco osceni e il suo comportamento assolutamente dissoluto. Che bello che era però guardare il suo sesso, sicuramente era umido. Avrebbe voluto passarci un dito in mezzo per sentirlo e ruotarlo per stimolare le labbra. La sua erezione crebbe a dismisura.
Sara a quel punto volle umiliarlo:
“Vedi…..guarda, lo vedi che sei un guardone represso? ti è diventato di marmo!” E stavolta scoppiò in una risata a pancia piena.
Gustavo si alzò di scatto, inferocito e lasciò il salotto.
“Dai scherzoooooo, buonanotte!!” gli urlò dietro Sara.
Nel suo letto, Gustavo perse immediatamente l’eccitazione. Fu pervaso dalla vergogna. Ripensò alle parole di Sara. Morboso-Guardone riecheggiava nella sua testa. Forse era davvero così? Forse era una parte di lui che non conosceva e che quella donna aveva tirato fuori? Si addormentò con quel dubbio.
L’eccitazione di Gustavo si era assopita in lui ma non nel ricordo di Sara.
Seduta sul divano rivide quel pene eretto sotto quei pantaloni. Sembrava perfetto là sotto. Si era eccitato guardandola e forse non era la prima volta. Si sentì protagonista delle sue fantasie erotiche e iniziò a bagnarsi pensando ai suoi desideri nascosti. Probabilmente avrebbe voluto sbatterla forte contro una parete o magari avrebbe voluto possederla sul tavolo della cucina. In quel preciso momento l’unica cosa che avrebbe voluto erano le sue mani su di lei. Ma in mancanza, fu lei stessa ad accarezzarsi.
Iniziò ad accarezzare le sue labbra con l’indice della mano destra. Sentì subito l’umidità che si era formata e sentì il suo corpo rabbrividire, come se fosse appena entrata una corrente di aria fredda.
Aprì gli occhi e attraverso il tessuto di quel misero vestito vide crescere i suoi capezzoli che si apprestò a stimolare con l’altra mano. Intanto con la mano destra riusciva a sentire il suo clitoride eccitato e gonfio e non poté fare a meno di iniziare a masturbarlo. Nella sua testa sperava che Gus uscisse di nuovo da camera sua. Voleva essere spiata mentre si toccava. Immaginò che lui fosse là dietro e che a sua volta si masturbasse. Immaginò il suo sesso duro e pulsante e il suo sguardo su di lei. Lo vide nella sua testa toccarsi con foga e a quel pensiero iniziò a sentire avvicinarsi l’orgasmo. Indugiò più velocemente sul suo clitoride mentre si strizzava con forza il capezzolo sinistro. Sentiva la sua mano bagnata e piena di umori. Pensò che a quell’immagine, Gustavo sarebbe venuto subito e si figurò il suo sesso mentre schizzava con violenza. Ansimò con discrezione mentre si sentì pervadere da quel sublime piacere. Il suo orgasmo fu intenso e lungo. Si guardò la mano sporca della sua lussuria e leccò le dita. Non sapeva definire il suo sapore ma le piaceva. Era talmente soddisfatta che avrebbe proseguito tutta la notte. Provò dopo qualche minuto ad eccitarsi di nuovo. Con la sua mano appiccicosa si massaggiò il seno destro, sentì inumidirsi di nuovo il sesso ma il sonno poté con lei. Si stese in posizione fetale alle 5.30 del mattino.
Alle 6 Gustavo sentì l’impellente desiderio di andare in bagno. La vide lì sul divano. Le sembrò innocua, nonostante quel vestito. In quel momento era una bambina, probabilmente infreddolita. La sua rabbia che ancora non aveva ingoiato, svanì in quell’istante.
Prese una coperta di pile per non farle prendere freddo e senza pensarci, senza una ragione concreta, le accarezzò la testa.
“Mi farai diventare matto” pensò.
La sirena di un’ambulanza in strada fece mugolare Sara che si rigirò sul divano.
La osservò per altri due minuti e in quel momento non si sentì affatto morboso.

Continua…...

Questo racconto di è stato letto 6 3 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.