Erotici Racconti

La Coinquilina Cap. 3

Scritto da , il 2018-01-25, genere esibizionismo

Gustavo tornò a casa ancora sudato. Appena entrò in cucina vide Sara affaccendata.
Stava preparando dei panini con quello che aveva trovato nel frigorifero.
“Hey vieni E’ quasi pronto! Ho preparato anche per te, sarai famelico!!”
Gustavo la guardò, aveva indossato il suo grembiule giallo.
Subito rifuggì tutti i pensieri fatti durante la corsa.
“Certo che ho fame, mi faccio una doccia veloce ed arrivo”
Mangiarono in totale serenità, entrambi si sentivano comodi e a proprio agio. Preso il caffè decisero insieme di andare a fare la spesa. Subito dopo pranzo c’è meno gente e si gira più tranquilli.
“Aspetta che mi cambio, facendo i panini mi sono macchiata con la maionese, ci metto un attimo!”
Disse Sara, scomparendo velocemente dentro la sua camera.
Dopo pochi minuti uscì, vestita in maniera sportiva e Gus si fermò ad osservarla per pochi attimi:
aveva messo quella longuette di jeans con i bottoni davanti che poco prima aveva scorto sulla scrivania. Grazie alle sue lunghe leve, la longuette sembrava più una minigonna lunga: terminava ad una decina di cm dal ginocchio, ed aveva 2 ,dei 5 bottoni che la tenevano chiusa, sbottonati.
Sopra, una felpa blu con il cappuccio su cui capeggiava la scritta GAP, interrotta dalla zip verticale della felpa, aperta fino all'attaccatura del seno.
Sotto la felpa, si intravedeva una specie di canottiera bianca a costine.
Ai piedi, un paio di scarpe da tennis ed un paio di calzettoni che assomigliavano a degli scaldamuscoli.
“Andiamo, sono pronta”
“Che velocità, brava, andiamo!”
Appena salirono in macchina, Sara esclamò:
“Oh noo, lo sapevo!!!”
Subito Gustavo non diede peso al suo disappunto, era impegnato ad uscire con la sua auto da un posteggio piuttosto stretto.
Appena messosi in marcia, vide che Sara era china sulle sue gambe, armeggiando con i bottoni della sua gonna. Incuriosito le chiese:
“C'è qualcosa che non va?”
“Eh questa gonna è un po' vecchia, ed appena salita in macchina mi è saltato un bottone..”
“Ah quale?” disse con fare interrogativo Gustavo
“Eh questo qui”
disse Sara indicando il terzo bottone partendo dall'orlo inferiore.
Gustavo, approfittando di un semaforo rosso, osservò meglio: il terzo bottone era oltre la metà della coscia ed il suo cedimento lasciava la longuette di Sara appesa solo a due bottoni, uno in vita ed uno appena sopra la zona pubica.
“Cavolo Sara, mi dispiace, aspetta che appena riesco a fare inversione torno a casa così ti puoi cambiare..tanto siamo partiti da poco”
“Non preoccuparti Gus, è già tardi e sei stato così gentile ad accompagnarmi..ci starò attenta, basta tirarla un po' giù in vita ed il gioco è fatto”
Mentre diceva questa frase, Sara prima si inarcò per abbassare di pochi centimetri la gonna, poi risedendosi, abbandonò i due lembi della longuette ed accavallò sensualmente le gambe, lasciandoli penzolare lungo le sue cosce affusolate. La spaccatura della gonna, tenuta insieme solo da quei due miseri bottoni risalì vertiginosamente verso quelle gambe infinite, unendosi solamente all’altezza del cavallo di Sara.
Gustavo, diede un’ultima occhiata prima di ingranare la prima e ripartire al semaforo.
“Ma Sara, non puoi andare in giro così, sei praticamente in mutande!”
Sara a quel punto diede di nuovo una di quelle occhiate profonde a Gustavo, un misto tra il divertito e l’interrogativo:
“Perché dici così? Si vede qualcosa?”
Gustavo subito non seppe cosa rispondere: da una parte, non voleva fare la figura del maniaco guardone, educato com’era a rispettare la privacy altrui. Dall’altra, avrebbe voluto dare un’occhiata approfondita a quelle lunghe cosce ed alla loro naturale congiunzione.
“Ehm, Sara, n-no, cioè sto guidando e di certo non mi metto a sbirciare in mezzo alle tue gambe..però ecco, mi pare che lo spacco della tua gonna sia decisamente alto, adesso.”
Sara scoppiò a ridere, in maniera piuttosto fragorosa ed un po’ insolente. Gustavo si chiese cosa avesse detto di così tanto divertente da suscitare tutta questa ilarità.
“Gus, Gus…” disse Sara “Non fare il fratello maggiore con me, ti prego. Ho 32 anni, ormai, sono grande e so badare a me stessa. Non sarà certo un po’ di pelle nuda che ci impedirà di fare la nostra spesuccia, no?”
Gustavo, dopo questa frase si vergognò un pochino. Certo, non era suo fratello maggiore e comunque conosceva Sara da poco, anche se da quel poco, aveva potuto appurare che fosse una ragazza libera e scevra da preconcetti. Mentre pensò questo vide il cartello che portava al posteggio del supermercato. Erano arrivati.
“Si hai ragione. È che sei la prima ragazza che conosco che sa essere così disinvolta e libera con il suo corpo..devo abituarmi un po', scusami. Comunque siamo arrivati” disse mentre mentalmente cercava di posizionare la sua auto in uno degli stalli vicino all’entrata.
Appena scesero dall’auto, si resero conto che il tempo era peggiorato, un vento teso e denso di umidità li aveva colpiti, presagendo una possibile burrasca.
“Presto, dai, prendiamo un carrello prima che inizi a piovere” esclamò Sara, dirigendosi verso la fila dei carrelli posteggiati nel piazzale.
“Si dai, muoviamoci, ce l’hai un euro per il carrello?” disse Gustavo mentre chiudeva la macchina.
“Uhh mi sa di no, tu?” Gustavo allora prese il portafoglio, ed aprendolo scosse la testa. “Forse in macchina” Riaprì allora la macchina e si mise a cercare nel portaoggetti dove di solito metteva le monete.
“No, purtroppo da quando ho il telepass ho smesso di mettere monete di resto in macchina..” disse Gustavo tra il preoccupato ed il dispiaciuto
Sara allora fece un sorriso che lo rassicurò: “non ti preoccupare, vado dentro e me li faccio cambiare alle casse”
“Va bene, ti aspetto qui ai carrelli” replicò Gustavo.
Sara allora iniziò a trotterellare verso l’ingresso del supermercato. Ma non fece in tempo ad uscire di nuovo con il suo piccolo bottino di monete che inziò a venir giù dal cielo un intenso scroscio d’acqua. Gustavo, sorpreso, non sapeva se battere in ritirata in macchina o rifugiarsi sotto la piccola tettoia che riparava i carelli. Sara, comprendendo la difficoltà si tirò su il cappuccio della sua felpa e prese a correre verso Gustavo, gridandogli “Guus sono qui, sto arrivando”
Gustavo la guardò correre sotto la pioggia e di nuovo si soffermò inesorabilmente ad osservare le sue forme generose muoversi in maniera disordinata ed evidente. Sara, in un gesto inconsapevole aveva preso con una mano un lembo della sua gonna di jeans, sollevandolo da un lato come per agevolare la corsa. Gustavo non potè fare a meno di osservare, tra la nebulosa di gocce scroscianti, che la gonna le era di nuovo risalita in vita, mostrando una macchia nera in corrispondenza del suo sesso che Gustavo interpretò come un paio di mutandine scure.
In pochi interminabili attimi, Sara lo raggiunse sotto la tettoia.
“Cavolo, proprio adesso si doveva mettere a piovere, in pochi metri mi sono infradiciata” disse Sara un po’ corrucciata.
Gustavo fece fatica ad uscire da quella immagine che lo aveva pervaso, ma la frase di Sara lo riportò alla realtà: “Eh cavolo, mi spiace sei tutta bagnata” disse osservando un ciuffo di capelli rossi gocciolanti che usciva dal cappuccio”
“ No vabbè sembra peggio di com’è in realtà. Si è bagnata solo la felpa, superficialmente. Ecco l’euro, dai andiamo. Prima facciamo prima arriviamo a casa a cambiarci”
“Ok, andiamo” al mio tre corriamo verso l’ingresso: uno..” non fece in tempo a dire il primo numero che Sara gli prese la mano e lo trascinò, con carrello e tutto in una nuova corsa disordinata verso l’ingresso.
Appena arrivati a riparo dalla pioggia, si diressero verso l’entrata: Sara, allora si tolse il cappuccio ed aprì la zip della felpa, rivelando una canottiera a costine bianca che abbracciava le sue forme generose come una seconda pelle.
Gustavo subito fu come ipnotizzato da questo suo gesto..i seni morbidi di Sara emersero ben visibili nella loro forma, sottolineati dall’evidenza delle aureole e dei capezzoli prominenti. Ma come al solito la preoccupazione ebbe la meglio e disse: “Sara, ma non avrai freddo senza la felpa?”
Sara, di tutta risposta, iniziò a rovistare nella borsa e tirò fuori una pashmina che prontamente avvolse larga intorno al collo e sulle spalle. “Non preoccuparti Gus, con questa avrò tutto il calore di cui ho bisogno, odio sentirmi i vestiti umidi addosso”

Sara sembrava ignara dell’inevitabile provocazione del suo stato, o meglio, si comportava come se nulla fosse fuori dalla norma. Gustavo pensò che quella ragazza fosse un po’ strana ed anche un po’ fuori di testa.
Entrarono dentro, in mezzo agli scaffali.

Sara portava il carrello e ogni tanto ci infilava qualcosa, Gustavo le camminava accanto. Cercò di non guardarla per almeno una decina di minuti. Arrivarono al reparto frigo, per prendere latticini e pasta fresca. Gustavo sorpassò il carrello per andare a prendere degli yogurt. Tornò indietro con le mani piene e buttò tutto nel carrello.
Ancora prono su di esso alzò lo sguardo: Sara aveva il bacino girato verso il carrello, con un piede sollevato una delle barre metalliche che delimitano la parte dedicata ai contenitori imgombranti, quelli che non stanno nel cestello più piccolo. Era assorta a guardare il prezzo di qualcosa. Gustavo ne approfittò per riposare i suoi occhi tra l’insenatura delle sue cosce, che quella posizione aveva di nuovo aperto oscenamente. Quella vista più nitida, ravvicinata lo fece trasalire: di nuovo, la macchia nera era comparsa, ma questa volta a Gustavo parve che non si trattasse di un paio di mutande nere ma piuttosto di pelo. Pelo nero. Non porta le mutande.
Di nuovo, al suono della sua voce, ebbe un piccolo sussulto:
“Dove sono i formaggi molli?”
“P..più avanti” rispose Gustavo con la salivazione che iniziava a scarseggiare.

Sara andò più avanti lasciando il carrello a lui. Riusciva a muovere il culo con estrema sensualità pur indossando le scarpe da tennis. La vide tornare indietro con un fagottino di stracchino. La sua andatura un po’ rapida faceva ballare i suoi seni mentre si riavvicinava verso di lui.
Per un millesimo di secondo Gustavo pensò a quanto avesse voluto sbatterla contro le porte frigo, alzare quella canottiera e massaggiarla, voleva toccare quei capezzoli, renderli ancora più duri e sentire la sua voce ansimante chiedendo cosa le stesse facendo.
Si vergognò subito per quel pensiero e abbassò d’istinto lo sguardo. Non avrebbe dovuto.
Gli occhi scivolarono più giù e si concentrarono sul sesso di Sara, che continuava a far capolino ad ogni passo.
Fra quella visione e il pensiero impuro che aveva precedentemente fatto, sentì una forte eccitazione crescergli nei pantaloni. Diventò improvvisamente serio continuando a camminare con il carrello.
“C’è qualcosa che non va?” chiese Sara
“No no, solo che fa così freddo in questo reparto” mentì Gustavo.
Lasciarono il reparto frigo e si diressero verso i dolciumi. Presero biscotti e merendine per fare colazione. Il supermercato si era riempito e Gustavo si rese conto che i suoi occhi su Sara non erano più gli unici. Qualche sguardo indiscreto aveva indugiato senza troppa vergogna su quei seni che ballonzolavano. Gustavo si chiedeva se lei se ne rendesse conto, se non provasse vergogna o pudore. Sicuramente sapeva che dava nell’occhio con quelle misure troppo generose.
Sara cercò a lungo i biscotti all’uvetta, finalmente li trovò in fondo allo scaffale dei prodotti dietetici. Si accucciò per prenderli, appoggiando le natiche sui talloni. Questo movimento fece di nuovo aprire i lembi della gonna di jeans, portando di nuovo lo spacco ad altezze vertiginose. L’attenzione di Gustavo stavolta non fu richiamata solo da quel movimento ma dall’uomo che passando vicino si era fermato ad osservare il panorama.
Faceva finta di leggere gli ingredienti dietro delle barrette energetiche ma i suoi occhi erano fissi su Sara. Quando lei si rialzò vide l’uomo, che poteva essere suo padre, sistemarsi il cavallo dei pantaloni.
Gustavo rimase innervosito da quella scena, avrebbe voluto prendere a schiaffi quell’uomo ma allo stesso tempo la sua erezione era cresciuta a dismisura. Sentiva il suo sesso pulsare sempre più forte proprio come quel primo giorno in cui l’aveva conosciuta. Quell’episodio lo aveva turbato ed eccitato allo stesso tempo.
Alla cassa, avevano una coppia davanti, marito e moglie sulla cinquantina. Lui metteva gli oggetti nelle buste, lei sgombrava il carrello. Gustavo vide l’uomo fermarsi un secondo e guardare verso di loro. Gustavo si girò verso Sara: assorta nella lettura di un buono sconto che aveva tirato fuori dal portafoglio, si stava istintivamente e quasi distrattamente accarezzando il seno destro. La sua mano appoggiata lo massaggiava delicatamente quasi a volerlo sistemare in quella canottiera.
“Dai...che ti sei imbambolato??” Disse la moglie guardando l’uomo fermo immobile.
L’uomo riprese ad imbustare e si dimenticò di Sara. Non lo fece Gustavo. Quel gesto quasi innocuo lo portò al punto di doversi accarezzare attraverso i pantaloni. Stava esplodendo e non sarebbe arrivato fino a casa. In macchina per di più, Sara avrebbe potuto accorgersene e lui sarebbe morto dalla vergogna.
“Devo fare pipì” disse Gustavo mentre Sara smistava la roba nelle buste.
“Va bene tranquillo, vai pure, pago io poi a casa facciamo i conti e dividiamo”
“Grazie, ci vediamo all’uscita”
Gustavo si diresse verso il bagno del supermercato. Si chiuse dentro e si slacciò i pantaloni frettolosamente. Il suo sesso schizzò fuori immediatamente. Con la sua mano destra iniziò a masturbarsi con foga, sentendolo crescere e indurirsi sempre di più.
Rivide quell’uomo assorto tra le cosce di Sara e lei che distrattamente si toccava il seno. Pensò a quanto avrebbe voluto vederla godere, era curioso di sapere come lo facesse, di sentire i suoi mugolii di piacere. Pensò al suo sesso bagnato e agli umori che colavano sulle sue cosce nude. Al momento dell’orgasmo non riuscì ad evitare di ansimare ad un volume più alto.
Ma aveva quasi la certezza matematica di essere solo.
Si ripulì velocemente e si lavò le mani.
Sara era vicino all’uscita, con la felpa sempre aperta. Era chinata a giocherellare con il cagnolino di una signora anziana.
“Tutto a posto? Possiamo andare?” chiese Sara
“Sì sì” rispose Gustavo con il volto scuro e basso.
In macchina ci fu il silenzio totale. Gustavo non riuscì ad emettere mezzo suono. Si sentiva in colpa ma era anche arrabbiato con Sara, con quell’atteggiamento esibizionista che gli aveva di nuovo fatto perdere il controllo. Lui odiava perdere il controllo. Pensò che si sarebbe abituato prima o poi. Quello che ti sorprende oggi, domani è già routine. “Comunque, mai più in giro insieme” pensò.
Sara lo guardò con aria un po’ preoccupata, quasi malinconica. Si vedeva che non capiva il perché di questo suo cambio di umore improvviso.
Gustavo allora si intenerì di nuovo, non riusciva ad esserle insensibile.
Posò i suoi occhi in quelli di Sara.

“Stasera cucino io, ti piacciono le penne al salmone?”

Continua.........

Questo racconto di è stato letto 3 0 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.