Erotici Racconti

Kiss of Life

Scritto da , il 2018-01-13, genere sentimentali

-Please... again-.
Un'altra richiesta, altra banconota.
La quarta volta... ormai.
Canta ancora dai, canta per me, canta la mia canzone, cantala all'infinito.
Quando il cameriere glielo dice lei mi rivolge lo sguardo, fa un cenno e sorride.
Si volta verso la piccola band che ad un suo cenno attacca la musica, lei prende a cantare.
E' bella, nera, la pelle lucida riflette la luce dei riflettori di scena.
Bella.
Alta e grossa, non grassa, grossa tutta, un seno grosso e sostenuto, senza aiuti sotto il vestito di satin rosso scollatissimo, un grosso culo, non si vede segno di intimo sotto il vestito, due gambe lunghissime, le grosse cosce, le caviglie snelle.
Bella.
Il torrente di sudore che scorre fra le colline del suo seno.
I capelli suddivisi e legati da perline, tanti capelli.
Il viso da femmina senza limiti. Le labbra piene, i denti candidi.
E la voce...
Come canta la canzone.
Ci mette l'anima, no, lei ci mette la voce... l'anima ce la metto io.

KISS OF LIFE

There must have been an angel by my side
Something heavenly led me to you
Look at the sky
It's the color of love
There must have been an angel by my side
Something heavenly came down from above
He led me to you...

Quando termina lo spettacolo, lascia il palco, si avvicina al banco del bar, prende un vassoio, una bottiglia dallo scaffale dei liquori, due ballons, una caraffa d'acqua, ghiaccio, altri due bicchieri e mi raggiunge.
-Hei...-
-Ciao...-.
-Minimo devo offrirti da bere... direi...-.
Ha una bottiglia di Hennessy Private Riserva 1865.
-Non fare sacrilegio... non vorrai berlo con il ghiaccio!-
-Baby... guarda e stupisci... impara come si beve sul serio...-.
Versa il cognac nei ballons, una bella dose poi ghiaccio negli altri bicchieri e acqua.
-Sei pronto? Un bel sorso e poi un sorso di acqua ghiacciata...-.
-Pronti via-
Beviamo in silenzio, una, due... tre volte, una altra volta ancora.
Ci guardiamo.
-Deve averti ben graffiato il cuore... quella-.
-Quella...?-
-Quella della canzone...-
-Dai... beviamo... alla tua...-.
-Alla tua...-.
-Dammi la mano un attimo...-.
Mi porge la mano, lunghe dita affusolate, il dorso scuro, il palmo chiaro, lo esamino.
-Hai una linea del piacere, lunga... infinita...-.
-Quale è...?-
-Questa... la vedi...?-.
Avvicino la mano alla bocca e le bacio il palmo, le mie labbra stringono il rigonfio sotto il pollice e la mordo piano, mentre la guardo... gli occhi nei suoi.
-Che fai? Accidenti a te...-

Sudore!
I nostri corpi avvinti in una lotta senza vincitori ne vinti, le mie mani fra i suoi capelli, mentre le mangio la bocca, mentre le mordo le labbra, mentre le succhio la lingua, mentre mescolo la mia saliva alla sua.
Poi... giù sul suo seno, con le mani manipolo le grosse tette, piene, pesanti e con la bocca, con i denti, tormento i grossi capezzoli neri, li mordo forte fino a farla gemere, li sento diventare ancora più turgidi, ancora più consistenti, due fragole nere che si staccano dalle larghe areole.
-Ancora... dai... mordimi... fammi male... dai...-.
-Si... che te li mordo... te li stacco a morsi...-.
Le mani che scorrono sul suo corpo, la pelle, liscia, calda sudata, i fianchi larghi, le grosse cosce.
Bella sei... e tanta!
E che afrore!
Che sentore scaturisce dalla tua magnifica natura, un profumo di savana, un odore di splendida fiera, di selvatico!
E quanto sei bella lì! Una grossa prugna nera!
Fammela adorare dai, fammela baciare, fammi leccare, lasciatela aprire.
Che gran donna sei!
E... è vero questo clitoride?
Ora... ti faccio impazzire, te lo lecco, te lo mangio, te lo mordo per ore, voglio farti morire, dai... Inarcati! Vuoi che ti apra con la mia mano? Si... vero? Senti le mie dita entrare? Le senti strofinare? Sforzare? Ti senti allargare tutta? Dai... voglio sentirti godere, dai urla! Urla... più forte... cazzo... urla più forte!
E il grosso culo?
Che capolavoro della natura! Sodo! Le natiche divise da uno spacco profondo come un canyon, e in fondo alla valle... una rosa nera, appena aperta, appena sfiorita.
E che sapore hai! Che profumo, fattelo leccare, fammi succhiare!
Ora ti voglio prendere, voglio sprofondare dentro di te, sentire il tuo umido, sentire la tua fica diventare una guaina, la voglio sentire stringermi, voglio godere di te!
Lo senti?
Senti come ti lavoro?
Dai... voglio farti venire così, mentre ti tengo sollevata, dai... poi... ti voglio prendere da dietro, voglio sentirmi sbattere contro il tuo grosso culo sodo, voglio tenerti per i fianchi e venirti dentro, riempirti!

Ancora più tardi, la sua bocca...
Lei... in ginocchio di fianco a me, impegnata e io che con le dita la tocco.
La sua bocca, la sua bocca che resuscita, che sa donare il paradiso.
No... non farmi venire così, dai cavalcami! Dai... dai... impalati... e cavalcami, dai... alzati... e lasciati cadere... più forte... più forte... più veloce dai!-
-Voglio il tuo culo... ora... così...-.
Ansima...
-Così? Lo vuoi così? Sei un porco... un gran porco...-.
-Dai...-.
Si alza... lo lascia uscire, lo prende in mano, accarezza l'asta bagnata, fradicia dei suoi umori e si abbassa nuovamente ma stavolta lo appoggia sulla sua rosa nera... si abbassa ancora...
"Dai... dai... spingi... voglio che lo prendi tutto... ma tutto... nel tuo meraviglioso culo...-.
Uhm... quel dolore... sentirlo aprirsi... piano piano... a forza... la cappella che lo allarga... quel dolore che diventa piacere...
E... infine... sentire il suo culo appoggiarsi al mio ventre e sapere che sono dentro completamente fino al pelo, i movimenti sentirli diventare man mano più fluidi... più veloci... sentirsi nel suo corpo!
Dai... ora ti voglio in ginocchio, ti voglio montare come un toro, voglio questo magnifico culo, lo voglio tutto...!

Stiamo fumando i suoi cigarillos, meglio non chiedere cosa contengono oltre il tabacco, sento la mente alleggerirsi.
Beviamo ancora, niente piu cognac nobile da gran signori ora solo della proletaria tequila in una bottiglia senza etichetta.
-Allora... chi era...?-
-Chi era... chi?-.
-Lei... quella della canzone...-.
-Lascia perdere... vieni dai... ho voglia ancora-.

-Sei triste uomo... sei a pezzi... lo sento...-.

Non ne voglio parlare, neanche con te, sento che il tuo cuore è gonfio di compassione, ma non ne voglio parlare e neanche ricordarla, voglio riviverla come era ma solo per gli attimi della canzone e basta, rivederla felice... viva e basta.
Nulla di più e cercare l'oblio.

Dai... apri le gambe, fammi sprofondare in te, donami te stessa, donami il tuo piacere, donami i tuoi gemiti mentre ti possiedo, donati... dammi corpo e anima... dai... come se fossimo l'unico uomo e la sola donna in questo schifo di mondo...
Gli unici rimasti...

Poi... la mattina...

-Uomo... ti rivedo staserà? Vieni... canterò solo per te...-.

.
You wrapped me up in the color of love
Must have been an angel come down from above
Giving me love yeah
Giving me love yeah
You gave me the kiss of life
Kiss of Life
You gave me the kiss of life
The kiss of life

https://www.youtube.com/watch?v=lgwkXpgiYuE

No.
Non me la farai rivivere.
Tu canti la canzone ma non puoi dare il bacio della vita... no... è solo una canzone... nessuno può.

Tibet

Questo racconto di è stato letto 6 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.