Erotici Racconti

Natura, ancora

Scritto da , il 2017-08-12, genere masturbazione

Terra e olivi, luce ed ombra, un rosso tramonto e la solitudine che mi circonda. Sul fianco sud della collina, la vista del paesaggio quasi mi culla e sola, nella vallata, mi lascio cadere sull’erba fresca.
Non lontano, poco più giù, l’autostrada spezza quella natura e le auto che corrono minuscole sull’asfalto quasi mi privano della libertà che i campi coltivati mi donano. All’ombra delle colture, un leggero venticello mi solletica il viso mentre il silenzio regna sovrano e solo il suono del mio respiro osa contrastarlo. Non sono estranea a questo luogo, sono solita trascorrere diverso tempo nei campi, spesso in abiti da lavoro e altre volte priva di ogni velo. Oggi, ho lasciato i miei vestiti poco più in alto proprio accanto all’ultimo filare del vigneto. Casa, seppur non molto lontana, è nascosta al di là dei campi d’orzo e di grano. Io invece mi trovo qui, invisibile ad ogni sguardo, nuda ed in perfetta simbiosi con l’ambiente che mi circonda; mi libero di ogni catena e mi immergo nei pensieri più profondi. Spesso mi trovo a camminare tra gli alberi e altrettanto spesso ad arrampicarmi sui rami. Il mio corpo è libero di unirsi al legno e alla terra, ai prati e all’acqua; ed io, con esso, sono finalmente libera di sentirmi parte del mondo. I miei modi, i miei istinti e la mia natura mi colmano di piacere infinito e così primitiva, godo di tali sensazioni. Quasi primordiali, i miei desideri e la mia fame di libertà mi portano a donare il mio essere all’infinito più profondo. Come la mia carne e la mia mente, anche il mio sesso mi accompagna in questi lunghi momenti; ed è vero che in questo contesto sono io che dono piacere a me stessa ma le carezze del vento accompagnano le mie mani ed ogni tocco, ogni sospiro e ogni gemito è amplificato dal vuoto in cui mi trovo immersa. Un letto o una doccia sono solo restrizioni, e mascherate dalla lussuria appaiono come accoglienti ed intimi mentre noi ci lasciamo cogliere dai più caldi desideri. Inutile è lo spreco che compio godendo di me dietro simili barriere. E fredde, in verità, mi privano della mia totale espressione; ed io debole davanti al richiamo della carne, da sola, mi lego le mani. Per questo dunque corro via dal cemento e dai mattoni; un fondamentale riparo che però ostacola il mio essere.
Priva di ogni inibizione, assecondo il mio corpo; è lui a guidare le mie dita mentre la mente si libera di ogni lucchetto. La natura mi avvolge e mi invade mentre un coccinella esplora il mio seno, si muove curiosa sulla pelle; sale e scende dalle quelle colline di carne e poi di nuovo su, verso le cime rosee rese turgide dal quella fresca brezza serale. I miei occhi socchiusi sono fissi sulle foglie in movimento mentre il piacere lentamente mi assale; e le mie mani ancora attendono sotto il capo intanto che l’emozione mi trasporta sempre più avanti. Assimilo ogni istante ed ogni brivido.
Quel piccolo insetto rosso e nero si muove come fosse un esploratore, saggia ogni centimetro del mio corpo ma non sembra essere certo del percorso da intraprendere e vaga, quasi sperduto, alla ricerca di qualcosa. Mi chiedo cosa possa incuriosire un così minuscolo essere ma è facile rendersi conto che si è tutti parte dello stesso mondo; e come io ammiro l’ignoto anche tutte le altre forme di vita si cibano di conoscenza.
Intanto quelle zampette si spostano sul mio ventre e quasi danzano attorno all’ombelico; poi ancora più giù verso il monte di venere, una lieve salita verso la più splendida discesa. Lascio, con piacere, che il mio corpo venga esplorato, conosciuto ed amato e mi abbandono ad un fuoco, sempre più vivo, che ha ormai incendiato la mia libido. Le mie mani si liberano da sotto i capelli e iniziano a correre sul petto ed una stretta leggera avvolge il seno fresco ed i capezzoli irti come spilli. Le ginocchia piegate e le caviglie una sull’altra, lasciano spazio al vento di accarezzare il mio sesso e le sue labbra. Scendo con le dita sulla pancia e un brivido risale la schiena mentre accarezzo il mio corpo sempre più caldo.
Per l’orizzonte, la coccinella mi abbandona lasciandomi sola nei miei intenti e raggiungendo le cosce, sfiorandole dolcemente, mi spingo al loro interno. Morbidi sono i tessuti come lisci e vogliosi; inarrestabile giungo alla meta dove le dita solcano quei soffici petali aprendosi come un fiore che sboccia al mattino, dove il nettare, al suo interno, è ormai libero di essere colto. Come dolce miele è raccolto dalle mie mani che lo trascinano sulla mia pelle fin sul ventre e poi ancor più su, sul mio seno fino alla bocca. Golosa, mi delizio del frutto della passione e ingorda ne cerco una seconda portata, poi una terza, una quarta e così via. Fintanto che quella dolce fonte è in piena, solo il mio clitoride è preda del mio istinto, i miei tocchi e le carezze sono solo per quel piccolo interruttore del piacere. Ma poi, come nelle più caldi estati dove le sorgenti si ritirano, l’uomo deve trovare sostentamento nei più profondi pozzi; e così io a mio modo, affondo le mie dita nell’infinito vortice di sensazioni e penetrando il mio corpo le ginocchia cedono sotto il peso del piacere. Colma di voglia e umida di me stessa vuoto la mente mentre il respiro perde quel lento ritmo lasciando spazio a gemiti scoordinati.
Entrambe le mani occupate sul mio sesso e mentre una esplora il suo interno, l’altra, ne accarezza la superficie.
Il piacere aumenta, tocco dopo tocco, affondo dopo affondo, goccia dopo goccia. E anche l’erba, sfiorando la mia intimità, si intinge anch’essa dei miei succhi e come uno scambio con quel manto verde, che mi dona un soffice appoggio, io lo ripago con il piacere che mi procura.
Il limite è ormai raggiunto e l’orgasmo, come una furia, galoppa fuori ed io godo; vengo contorcendomi sul terreno, gemendo ed urlando fuori tutta la mia soddisfazione mentre il mio sesso si contrae pulsando attorno alle mie dita. Lentamente, quell’esplosione di piacere, mi abbandona lasciandomi ancora distesa e quasi priva di ogni voglia di abbandonare quel posto. Trascorrono diversi minuti prima che io trovi la forza di rialzarmi e intanto vivo ogni dettaglio, ogni elemento ogni odore.
Alla fine mi incammino di nuovo verso il vigneto, una lieve salita prima di poter recuperare i vestiti. Sotto la terza pianta raccolgo gli slip, poi poco più avanti il reggiseno ed ancora più su il mio vestitino blu. Mi rivesto nel campo di grano e dirigendomi verso casa, mi lascio alle spalle il sole che ormai è quasi del tutto sceso dietro la collina.

Questo racconto di è stato letto 6 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.