Sognando Barbara

Scritto da , il 2016-10-10, genere masturbazione

La prima volta che vidi le sue enormi tette, di quelle vere, una quarta naturale, non ci mise molto Lui a gonfiarsi dentro i boxer. Mi eccito facilmente, non posso farci nulla e lo sguardo di altre persone su di me, in piscina o per strada, non fa che aumentare il mio piacere. Ma anche vedere una bella donna in strada, tutta in "tiro", che mostra le sue forme senza problemi, me lo fa diventare duro. Ma in fondo non è per tutti cosí? Ammettiamolo. Anche con Mara è andata più o meno cosí, anche la prima volta, non la prima volta in assoluto, ma la prima volta che l'ho vista in foto e già immaginavo quando e come incontrarle per farci sesso. Ma andiamo per ordine, chi è Mara?
Mara, così mi ha detto di chiamarsi la prima volta che l'ho "conosciuta" e non penso che quando si presentò immaginasse che la nostra "relazione" potesse durare così a lungo, ed in un modo cosí "aperto", è una donna che ho conosciuto tramite la Rete quando un giorno, lei, leggendo il mio ennesimo racconto decise di scrivermi.
Dicevo... mi eccito facilmente e la presenza di una persona in stanza, in un luogo, non sempre mi ferma dal soddisfare le mie voglie. Mi masturbo anche senza che l'altra persona se ne accorga e la cosa non fa che aumentare il mio piacere finale. Come quella volta in bici, d'estate... maglietta semplice e leggera a maniche corte, pantaloncini tipo boxer ed ovviamente la mia Mountain Bike. Dimenticavo un particolare, sotto i boxer non ho mai... mi correggo, non indosso mai gli slip, mi piace sentire il mio uccello libero nell'aria, muoversi liberamente tra una pedalata e l'altra, ed ovviamente gonfiarsi. Non ci avete mai provato? Grande errore, è una piacevole masturbazione... una lenta e piacevole masturbazione! Inizia la pedalata e dopo, pedalando, pedalando, sentirete il vostro pisello lentamente gonfiarsi e spuntare dritto in tutta la sua maestosità su un lato della gamba. La cappella spunterà fuori e qualche volta, quando vi fermerete al semaforo, l'eccitazione dei passeggeri sull'autobus alla vostra destra, che dall'alto osserveranno il vostro cazzo dritto, aumenterà il vostro piacere. Un piacere che continuerà durante la vostra corsa in bici, quando dopo l'ennesima pedalata, lo strusciare della coscia contro la vostra cappella culminerà in diverse sborrate che schizzeranno sperma davanti a voi sull'asfalto... ad ogni pedalata, uno schizzo, ad ogni schizzo una macchia che vi lascerete dietro le vostre spalle sull'asfalto. Perdonatemi, stavo uscendo dal seminato, volevo raccontarvi della mia amica Mara.
Come vi dicevo, mi eccito facilmente, anche in presenza di persone sconosciute e quando Mara mi inviò quella foto, quel primo piano delle sue immense tette, l'inquilino del piano di sotto inizió a gonfiarsi. Accadeva spesso... che lui si gonfiasse anche per una folata di vento, come quella volta che quella mia amica mi invitò a dormire da lei perchè la sua coinquilina era tornata dai suoi in Umbria per il fine settimana e lei non voleva restare sola. Ve la racconto velocemente.
Sapevo che alla mia amica Barbara gli piaceva la mia compagnia, ma sapevo anche che di fronte ad un corpo femminile, non avrei resistito molto. Quella volta, quella sera, prima di dormire indossammo il pigiama. Io cercavo di cambiarmi velocemente senza mostrare molto, lei al contrario mi passava davanti senza indossare né la maglietta del pigiama, né il reggiseno. Mi considerava un amico, ma gli sfuggiva anche il concetto che fossi comunque un uomo. Ho ancora l'immagine delle sue tette in mente. Piccole, sode e con dei bei capezzoli. Cercai di non farci caso, finendo di cambiarmi rapidamente per mettermi sotto le coperte del letto della sua coinquilina. Quella notte, spente le luci, parlammo del lavoro, dei colleghi, degli amici ed ovviamente, come in ogni discussione che si rispetti, del sesso! Bastò questo per eccitarmi e fortunatamente le luci erano spente già da un pò. Mentre parlavamo, portai una mano all'interno dei miei pantaloni e poi dentro i boxer, iniziai a toccarmi il pisello già gonfio ma non ancora in erezione. Barbara parlava delle sue esperienze sessuali e io mi masturbavo ascoltandola. Più mi raccontava di come le piaceva quando gliela leccavano e più mi eccitavo. Volevo sentirla parlare, perché stavo davvero godendo. Ero talmente eccitato che ormai i pantaloni del pigiama ed i boxer non contenevano più l'erezione. Così mentre lei parlava e raccontava a ruota libera le sue scopate, io mi abbassai tutto, lasciando che il mio periscopio puntasse verso l'altro senza impedimenti. Il buio era mio alleato, ed il movimento lento della mia mano su e giù lungo l'asta, fecero si che la mia amica non si accorgesse di nulla mentre mi masturbavo. Affinché non mi scoprisse, trattenevo come potevo il respiro pesante ed intanto continuavo a segarmi sotto le coperte. Almeno se avessi sborrato, gli schizzi non sarebbero arrivati su di lei o comunque da qualche parte nella stanza.
Quando mi faceva una domanda rispondevo con dei mugugni, ma a lei non importava molto, le piace parlare ed a volte credo che le servisse più sfogarsi che ricevere reali risposte o consigli sulla sua vita privata. Ma in quel momento era lei ad essere utile a me. Immaginai di essere io a leccargliela. Di alzarmi dal letto, avvicinarmi a lei e baciarla. La mia lingua nella sua bocca. In lei l'iniziale sorpresa diventava voglia e io la soddisfavo. La facevo distendere e le leccavo quei capezzoli che mi aveva mostrato prima, quasi provocandomi. Prima uno, stuzzicando nel frattempo l'altro con le dita e poi facendo cambio. Le piaceva e incurvava la schiena, ne voleva ancora. Leccavo e le accarezzavo il corpo. Poi le abbassavo i pantaloni e le mutandine. Le aprivo le gambe, avvicinavo il viso e iniziavo a leccarla come avrei voluto fare dall'inizio. Lei gemeva e si muoveva, io continuavo senza fermarmi. Si bagnava sempre di più e senza fermarmi le mettevo due dita dentro e cominciavo a muoverle. Mi concentravo sul clitoride. Lo leccavo e muovevo le dita, leccavo e muovevo, ancora e ancora. Infine avrei sentito i suoi muscoli tendersi e lei arrivare a un potente orgasmo che mi avrebbe completame te bagnato le mani.
Ma in quel letto non mio, non fu lei a godere, bensì io ad avere un grande orgasmo. Dopo l'ennesimo racconto del suo ennesimo ragazzo che l'aveva lasciata, le mie palle ormai gonfie chiedevano pietà, così mentre lei continuava con i suoi "bla bla bla", abbassai velocemente le coperte mettendomi su un fianco e dando le spalle a lei, feci ancora per qualche secondo su e giù lungo il mio cazzo dritto ed esausto, fino a quando una lunga ed intensa sborrata si fece strada lungo l'asta. Tremavo tutto per l'imminente orgasmo, ma cercai di contenermi con i rumori di piacere che potevano uscire dalla mia bocca. La prima schizzata non sono riuscito a controllarla e non feci in tempo a spostare la coperta che soffocava l'imminente orgasmo, così un fiume di sperma uscì dalla mia cappella fermandosi sulla coperta, ma sapevo che altre ne sarebbero arrivate altre e dormire tutta la notte sotto delle lenzuala bagnate, non mi attirava proprio. Così prima che altre spruzzate inondassero il mio letto, scansai subito la coperta scoprendomi completamente, lei non si accorse di nulla, continuava a parlare e parlare ancora, non sentì nemmeno il tonfo delle sborrate che arrivarono a terra tanto era presa dalle sue storie. Sono venuto diverse volte, ed ero sicuro, anche se non potevo vedere al buio, che stavo "innaffiando" per bene quella stanza e poco mi importava dove fossero finite quelle spruzzate, forse in terra, forse sul comodino su qualche libro, ero troppo eccitato per preoccuparmi del casino che stavo combinando e pensavo solo a svuotarmi le palle fino all'utima goccia di sperma.
Da quella sera, ogni tanto mi "autoinvito" a casa sua, quel gioco erotico iniziava a piacermi. Ogni tanto penso che potrei "provarci" con Barbara, scoparmela davvero, invece di masturbarmi vicino a lei, ma... toccarmi l'uccello a sua insaputa, sotto il suo tetto, ancora mi piace. Ma tutto alla fine stanca e magari tra qualche tempo, quando mi saró stancato di "sognare" vicino a lei, di segarmi vicino a lei, lo farò!
Ma... non ci credo! Mi sono dilungato ancora con il mio passato, avrei dovuto parlarvi di come ho conosciuto Mara ed invece mi sono soffermato sulla mia amica Barbara.
Ma come si dice, domani è un altro giorno e presto vi racconterò (racconteremo) la nostra storia, quella mia e di Mara e forse... anche quella di Barbara.



E-Mail: chasedessler@katamail.com
Sito: http://chase90.altervista.org/

Chase90 © Copyright All Rights Reserved - Considerate le precedenti copie non autorizzate e violazione dei diritti dei racconti dell'Autore, si specifica quanto segue: Tutti i diritti sono riservati e sono protetti dalla normativa sul diritto d'Autore. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, della storia e dei suoi contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la riscrittura, la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta dell'autore Chase90. Sono esclusi da tali divieti eventuali raccolte digitali e non, promosse dal sito ospitante "Erotici Racconti", purchè venga citato il nome dell'Autore. Ogni violazione verrá segnalata e perseguita.

Questo racconto di è stato letto 4 5 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.