Una donna con le palle

Scritto da , il 2020-04-26, genere trans

Lui la chiamó la “grande scopata”, io gli dissi che la definizione giusta era la “la grande inculata”. Maurizio raccontava che quando la prese da dietro, a pecora sul letto, stringendo le sue tette (a detta sua naturali) non molto grandi della sua “amica” e spingeva come uno stantuffo il suo cazzo nel culo di lei, sembrava che si stesse scopando la donna piú bella del mondo! La definí proprio così: La donna piú belle del mondo.
Peccato che avesse dimenticato che mentre se la inculava con vigore, le sue palle sbattevano contro quelle della sua amica e mentre lui stava per schizzare dentro il suo culo, “lei” iniziava già a far colare sperma dalla sua cappella. Morale, in quell’amplesso per i miei gusti, c’era un cazzo di troppo!
«Maurizio… sono contento per te che ti sei svuotato le palle, ma chiamarla grande scopata ce ne vuole, insomma, io la definirei una grande inculata…» gli dico afferrando il boccale di birra.
«Quante storie Chase… scopata, inculata, che differenza fa?» mi risponde quasi serio afferrando anche lui la sua birra.
«Sai cosa ti avrebbe risposto Tomas Milian? Quell’attore Cubano? Che sei come Mustapha, o Mustafà come dicono i Romani, lo prendeva al culo e diceva che stava a scopà» gli rispondo scoppiando in una grossa risata.
«Divertente… sei veramente un antico e “razzista” sessuale…» aggiunge lui questa volta visibilmente offeso.
«E dai Maurizio… addirittura sarei un “razzista sessuale”? Per me uno sotto le coperte puó fare quello che vuole e con chi vuole, lo sai… stavo scherzando, mi diverte farti arabbiare…» concludo sorridendo mentre allungo lo sguardo sul culo di una bionda che mi passa davanti.
«Secondo me eri serio… e comunque visto che stai fissando da un po’ il culo di quella bionda là, io dico che se quella ti si avvicina e ti dice di andare nello sgabuzzino qui dietro perché vuole farti una pompa, tu accetteresti subito senza esitare!» continua stavolta provocandomi.
«E vorrei vedere che gli dicessi di no… hai visto come é gonfia sopra? Gli metterei il cazzo tra le tette, lo struscerei per bene fino a quando gli schizzi non gli arrivano sul viso…» gli rispondo fissando ancora la bionda.
«Pensavo che le donne con il cazzo non ti piacessero? Non lo vedi che la bionda ha il pacco?» mi domanda insistendo dopo aver bevuto un altro sorso di birra.
«Ma quale cazzo Maurizio… quella tra le gambe ha una fica che gli brucia… guarda come da confidenza a tutti…» gli rispondo fissandolo negli occhi.
«A parte che da confidenza perché il suo lavoro essere solare… e poi che ne sai? Mica gli hai chiesto la carta d’identità, magari si chiama Armando…» continua lui.
«Senti Maurizio, dove vuoi andare a parare? Ognuno a casa sua nel letto fa quello che gli pare, te l’ho detto, ma io una donna con il cazzo non me la scoperei, come dici tu… saprei riconoscerla lontano un Km dall’aspetto e se sospettassi che ha l’uccello non ci proverei nemmeno, non é razzismo sessuale usando di nuovo i tuoi termini, ma semplicemente una questione di gusti… a me piacciono le bionde, ad un altro le more, ed a te quelle con l’uccello!» provo a concludere.
«Ne sei sicuro? Mi prendi per il culo perché mi sono scopato una bella ragazza con il cazzo tra le gambe e dai per scontato che non solo non ti scoperesti una con l’uccello, ma addirittura che la “riconosceresti” in mezzo ad altre venti ragazze con la fica?» mi domanda ancora.
«Esatto!» gli rispondo cercando poi di cambiare argomento.
La conversazione quel giorno continuó per un po’, entrambi cercavamo di tirare l’acqua al nostro mulino, ma la realtà dei fatti era ed é, che nel sesso non ci sono limiti se maggiorenni e consezienti, ma solo una questione di gusti: a qualcuno piace la montagna, ad altri il mare, come a qualcuno piacciono le bionde e ad altri le more come dissi al mio amico, punto!
La realtà dei fatti invece, per quanto mi riguardava, era che quel discorso mi aveva un po’ incuriosito e fatto riflettere, ed in effetti nonostante quella sera feci il saputello, Maurizio non aveva tutti i torti, spesso per strada, in giro per centri commerciali per qualche secondo mi capitava di osservare donne tutto sommato scopabili ma poi rivelatesi uomini, donne che in lontananza (complice come il trucco) sembravano appunto donne, ma poi dopo uno sguardo piú attento, quando le vedevi da vicino, molto vicino, erano palesemente uomini: spalle larghe, alti, robusti nella corporatura, ed il viso palesemente mascolino!
Quindi per qualche giorno mi domandai: e se ci fosse davvero una persona in tutto e per tutto nell’aspetto una donna “classica”, quindi esile, minuta e delicata nelle forme, quando invece tra le gambe, in modo subdolo, nascosto, lei celasse una Sorpresa?
Dopo qualche giorno, alla fine, lasciai cadere tutto nel dimenticatoio, non avevo tempo di andare in fondo all’argomento, ma l’argomento aveva deciso di andare “in fondo” a me, o almeno ci stava provando! Andiamo al sodo, in tutti i sensi. Continuate a leggere.


8 MESI DOPO QUELLA SERATA

Finalmente é arrivato il bel tempo, non é caldissimo, ma si puó andare già al mare e dopo un inverno “vestito”, non vedo l’ora di mettermi nudo, girare cazzo al vento per tutto il giorno, nuotare, abbronzarmi… e perché no? Farmi una bella sega in tutta libertà dopo un lungo inverno. Così arrivo in spiaggia, lungo il mio cammino in cerca di un bel posto dove fermarmi, non incontro nessuno, OK che é una spiaggia naturista, ma già qualcuno si dovrebbe vedere. Meglio cosí, penso, zero persone, piú libertà di fare un po’ di tutto. Trovato il posto, lancio l’asciugamano sulla sabbia e poggio le mie cose su di esse. Quindi mi spoglio e finalmente palle all’aria inizio a passeggiare questa volta nudo. L’ aria non é eccezionale, un po’ di vento che passa attraverso i peli del mio cazzo é piacevole, dopo qualche minuto lo sento anche gonfiarsi, che bella sensazione! Me lo accarezzo un po’ mentre cammino, mi viene subito voglia di masturbarmi ed inaugurare la nuova stagione estiva con una bella prima spruzzata di sborra. Cammino e contemporaneamente la mia mano fa su e giú lungo l’asta del mio cazzo ormai bello duro, quando in lontananza vedo due persone, sembrano due donne, allora smetto di masturbarmi ma continuando a passeggiare. Dopo circa cinque minuti incontro quelle che appunto sono due donne senza la parte alta del costume, una piú esile, sulla ventina, peserà poco piú di cinquanta Kg ed a occhio e croce sarà sul metro e settanta, l’altra un po’ piú bassa, sui trentacinque, piú in carne e due belle tette gonfie. Quella piú magra e giovane é coperta nella zona intima da un pareo, l’altra da un micro costume che modella la forma della fica lasciando vedere lo spacco.




...per il resto della storia, ed una maggiore esperienza erotica del racconto con foto allegate, "vieni" sul mio sito qui: http://chase90.altervista.org/

E-Mail Autore: chasedessler@katamail.com

Copyright © Chase90 - Aprile 2020

Questo racconto di è stato letto 5 8 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.