Erotici Racconti

Nora, la mia ragazza - parte 2: il passaggio a casa

Scritto da , il 2016-08-23, genere pissing

In auto io e Nora continuammo a parlare del più e del meno, conoscendoci meglio. Scoprimmo diversi lati interessanti l’uno dell’altra e molti interessi in comune. Ma, soprattutto, non tememmo di rivelarci qualche segretuccio intimo, svelandoci qualche pulsione nascosta.
Curiosamente, non mi vergognavo a parlarle apertamente delle mie fantasie più perverse, ad ognuna delle quali lei rideva incuriosita ma dentro di sé prendeva certosinamente nota.
“Sai – mi disse – sono certa che ogni nostra pulsione vada assecondata. Tu hai molte fantasie, possiamo fare in modo di soddisfarle tutte”.
Si infilò allora un dito nella figa e me lo mise in bocca. Lo succhiai voglioso, tornando a sentire quel sapore che fino ad una mezzora prima avevo gustato direttamente alla fonte.
“Hai casa libera?”
“Vivo da solo.”
“Fantastico!”
Andammo dunque a casa mia, un appartamento al terzo piano. Le chiesi se desiderasse qualcosa da bere e stappammo una bottiglia di vino.
Ci mettemmo dunque vicini sul divano, accarezzandoci da sopra i vestiti. Più la toccavo, più mi rendevo conto che non sarei mai riuscito a staccarle le mani da dosso. Le mie dita avevano cominciato ad indugiare ancora sul suo seno, da sopra la maglietta, disegnando piccoli cerchi attorno ai capezzoli, senza tuttavia sfiorarli.
Mi schiaffeggiò la mano.
“Sei proprio un porco – mi fece – dov’è il bagno?”
Le indicai il bagno e, mentre andava, si calò i pantaloni della tuta scoprendosi tutto il sedere e, a differenza di quando eravamo in piscina, lo lasciò in bella vista.
La seguii dunque in bagno, voglioso di farmi una nuova scopata con lei.
“Spogliati – mi disse – e siediti sul water. Non potrai toccarti fino a quando non te lo dirò io, né potrai toccare me.”
Trovai intrigante quel giochetto e obbedii.
Cominciò a toccarsi da sopra i vestiti, regalandomi uno striptease privato. Si tolse la maglietta, lasciando che i suoi seni tentassero di esplodere, costretti dal reggiseno. Si tolse dunque anche scarpe e pantaloni, rimanendo dunque vestita del solo intimo.
Il suo sedere era uno spettacolo: senza togliersi gli slip, se lo palpava, aprendosi le natiche e passandosi le dita tra di esse.
Il mio cazzo era in tiro, durissimo, avevo voglia di afferrarlo e masturbarmi, ma me lo aveva proibito. Stavo esplodendo.
Mi venne in braccio, ricordandomi di tenere le mani a posto, e mi baciò. Mi diede dunque una rapida leccata a partire dalle labbra fino alla base del mio pene, facendomi rabbrividire di piacere.
Si alzò e, dritta di fronte a me, mi disse di guardarle la figa. Vidi le sue mutandine scurirsi mentre si bagnavano rapidamente e, dopo un attimo, se le tolse e me le infilò rapidamente in bocca.
“Assaporami”, disse.
Mi accorsi allora che si era portata dietro il bicchiere del vino, vuoto. Mentre continuavo a succhiare quegli slip bagnati, dunque, mise il bicchiere sotto il suo buchino e cominciò a riempirlo della sua pipì.
Ne bevette un sorso e poi me lo porse, dicendomi: “È ottima. Finiscilo tutto”.
Così feci, sorbendo il suo liquido salato, mentre lei si inginocchiò all’altezza del mio cazzo, facendomi un pompino con le sue labbra ancora umide d’urina.
Quando finii di bere, mi fece dunque entrare nella vasca da bagno, alzandosi in piedi sopra di me e facendomi godere la sua pioggia dorata. La pipì spruzzava brillante dalla sua fighetta, inondandomi tutto.
Le chiesi di poter bere direttamente da lei e, col suo permesso, la afferrai per le natiche e posi le mie labbra alla fonte dello scroscio, non perdendomi nemmeno una goccia del suo nettare giallo. Non appena finì di pisciarmi addosso, continuai a stare attaccato alla sua figa, leccandola e ripulendola.
Mi rialzai e lei cominciò allora a leccare il mio corpo bagnato della sua pipì, mordicchiandomi i capezzoli e baciandomi il torso, mentre io continuavo a tenerle le mani sulle natiche.
Posai dunque il soffione in alto, aprendo il rubinetto dell’acqua e facendo partire il getto della doccia.
Vederla tutta bagnata mi eccitava tantissimo e, sollevandola per il culetto, le misi dentro il mio membro duro.
La scopai con forza tenendola in braccio, sentendola gemere dal piacere, fino a liberarsi in un meraviglioso orgasmo. Dunque chiuse l’acqua della doccia e, inginocchiatasi, mi condusse alla sborrata alternando la bocca e le mani. Il mio sperma le arrivò dritto sugli occhi.
“Mi hai sporcata – mi disse – ora ho bisogno di essere lavata”
Afferrai il mio cazzo ancora duro e cominciai a pisciarle in faccia, ripulendola dal mio sperma e, prima che finissi, la mia troietta era di nuovo attaccata a succhiare.

Questo racconto di è stato letto 6 3 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.